mercoledì 10 luglio 2019

La blasfema venerazione della "simia Dei" all'interno di una chiesa: l'abominio della desolazione!


Un turista ha pubblicato su un social la foto della statua "simia Dei" collocata nell'interno
della chiesa (consacrata e officiata) di San Pietro d'Arena a Nizza. ( * nota sotto)
Oramai dovremmo essere preparati ad ogni tipo di irreverenza e di dissacrazione del Tempio Santo di Dio:  "segno dei tempi" che svela il drammatico vuoto della propria identità religiosa che affligge i Consacrati e conseguentemente è motivo di turbamento e di sbandamento dei fedeli. 
La storia della Chiesa insegna che i peggiori danni contro la fede e contro l'unità dei credenti furono inflitti dai consacrati , membri del Clero, che si tramutarono in pericolosissimi eretici.
L' incredibile atto sacrilego che si sta consumando all'interno di una chiesa cattolica "col permesso delli Superiori" e con l'assordante silenzio colpevole  dei fedeli è l'ennesima dimostrazione che dei gruppi  e delle organizzazioni nemiche del Vangelo e del Magistero della Chiesa cercano in tutti i modi di imporre una "nuova" religione utilizzando furbescamente gli spazi e la gerarchia cattolica.
Secondo qualcuno quest' opera dovrebbe rappresentare purtroppo Adamo, raffigurato come una scimmia per accreditare la ipotesi evoluzionista per la quale discendiamo dalle scimmie.
 

Nella rappresentazione "a tutto tondo" del bassorilievo che c'è sulla porta della chiesa si vede anche Eva con le stesse sembianze scimmiottesche (v.foto 2 a sinistra)
.

La  pagina Facebook della chiesa di San Pietro  d'Arena (San Pier d'Arena) nel cuore della vecchia Nizza  (arena nell'espressione nizzarda significa "spiaggia") ci mostra che sede di una comunità iper attiva sia per le iniziative benefiche, che intraprende in modo encombiabile, che per quelle culturali che hanno luogo in ogni mese dell'anno.
Molto qualificati sono i Concerti che hanno luogo nell'Église Saint Pierre d'Arène: Musica Sacra; Organo; Cantanti lirici;  Orchestra sinfonica e  importanti Corali . 
Frequentissime sono anche le mostre di arte moderna e le conferenze di ogni tipo. 
Fra le cerimonie liturgiche e quelle culturali si contano ogni anno settemila visitatori :  una bella, nobilissima realtà di volontariato, un collante per tenere insieme tante persone di ogni età dentro il perimetro parrocchiale .
La storia della chiesa di San Pietro d'Arena ci racconta che  essa fu il rifugio spirituale delle famiglie aristocratiche francesi che durante la rivoluzione francese riuscirono a fuggire in Italia .
Nel 1914 la chiesa venne  ampliata e fu consacrata nel 1938  riuscendo a mantenere quella particolare connotazione storica di chiesa dei "monarchici aristocratici dell'ancien régime". 

Dal 2012 al 2017 sono state realizzate alcune importanti opere nel seminterrato dell'edificio per creare uno "spazio di solidarietà" intitolato a Papa Francesco che comprende vari servizi tra cui un ristorante di solidarietà per i meno abbienti, una galleria d'arte e un teatro. 
Una "chiesa in uscita" secondo l'insegnamento del regnante Pontefice.

La pagina Facebook di quella Parrocchia ci fa comprendere  lo "spirito" altamente e solamente umanitario che pervade la comunità di Saint Pierre d'Arène: c'è di tutto  purchè il devoto senso del sacro , del raccoglimento e dell'adorazione.

Quello che stiamo ora lamentando non è tuttavia imputabile solo agli attuali gestori (consacrati) della Chiesa ma ai loro "educatori" in seminario poichè stiamo toccando con mano i frutti avvelenati dell'iter più fallimentare della Storia della Chiesa: l'inquinamento dottrinale , la sovversione che è sovrana nei seminari e nelle facoltà teologiche,  la distruzione dall'interno del Sacerdozio cattolico.

Qualcuno, illudendosi, pensa  che quanto sta accadendo a Nizza sia solo una questione tutta "francese" ma si sbaglia perchè anche nella tranquilla penisola italica  dentro inviolabili sacri spazi , hanno luogo delle  pubbliche  adorazioni di Baal  ( QUI e QUI ) nel nome   di un adulterato concetto umanistico e umanitario  che conduce al sincretismo religioso combattuto da San Giovanni Paolo II e da Benedetto XVI.



Alcune immagini "parlanti" delle attività pastorali nell' Église Saint-Pierre-d'Arène de Nice.

1) Questo è un "pastore" del presepe


2) Perchè a Nizza il 4 ottobre non  viene festeggiato
il Serafico Padre San Francesco di Assisi?
( Qualcuno ce lo spieghi per favore) 


3) Questo è l'altare della reposizione del Giovedì Santo 


4) La Messa "in coena Domini"  come  spettacolo
 

***
per non dimenticare

A.D. MMXV 
quando la Gerarchia autorizzò la profanazione degli spazi sacri:
nella Festa dell'Immacolata Concezione



AC 

( * ) Exposition organisée par le père Gil Florini, curé de Saint-Ambroise, et l’aumônier des artistes frère Yves-Marie Lequin, o.p. en l’église Saint-Pierre d’Arène à Nice. Exposition organisée par le père Gil Florini, curé de Saint-Ambroise, et l’aumônier des artistes frère Yves-Marie Lequin, o.p., jusqu’au 15 septembre dans l’église Saint-Pierre-d’Arène (52, rue de la Buffa). Ouverte tous les jours de 8h à 20h. 14 artistes exposent chacun une œuvre imposante, à la fois par son format et par le questionnement qu’elle adresse au public. 
Il s’agit de l’interrogation actuelle sur l’humanité dans la diversité de ses expressions culturelles, religieuses, dans son rapport à la nature et surtout dans la compréhension nouvelle qu’elle a d’elle-même. 
Plus que jamais la définition de l’humain est insaisissable et demande à être comprise de manière plurielle. 
Les artistes : Laurent Bosio, Sébastien Dubois, Caroll Rosso Cicogna, Louis Dollé, DomiH, Jean Marie Fondacaro, Jean-François Gaulthier, Steve Morphèe, Patrick Moya, Nivèse, Hervé Nys, Marc Piano, Svetà Marlier et Patrick Schumacher.  

Fonte: Diocesi di Nizza QUI

9 commenti:

  1. Concilio Vaticano II e novus ordo: non si scappa, viene tutto da lì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene, Primula rossa. Il Concilio Vaticano II è stato il '68 della Chiesa. E la cosa curiosa è che in ambito laico il '68 è stato messo in discussione e ridimensionato, è stato contestualizzato e smitizzato, mentre invece il CVII è ancora considerato un dogma dalla Chiesa Cattolica, un punto di non ritorno.

      Elimina
  2. Si sarebbe tentati di affermare che ormai, a partire dal papa, cardinali, vescovi e preti sono in maggioranza fuori di testa, ma sarebbe un'ingenuità. Essere fuori di testa implica una patologia psichica, cosa di cui i suddetti non soffrono minimamente. Qui, diciamocelo con tutta franchezza, siamo in presenza di una palese ispirazione diabolica grazie alla quale gli addetti ai lavori abbacinano il popolo.

    RispondiElimina
  3. Giovanni Paolo II? Benedetto XVI? Gli incontri ecumenici di Assisi, condannati a più riprese dai Pontefici precedenti, in particolare Pio XI, non li dimentichiamo. Peraltro, difficilmente in una chiesa ortodossa vedremo quel che ormai vediamo in quasi tutte le chiese UN TEMPO cattoliche, in quelle non ancora vendute, sconsacrate, distrutte, profanate dai (falsi) pastori che in teoria dovrebbero custodirle e amarle... Do mine, dilexi decorum domus Tuae,et locum habitationis gloriae Tuae. (Lavabo). Cor Iesu, miserere nobis.

    RispondiElimina
  4. https://www.radiospada.org/2019/07/il-video-vergognoso-della-suora-di-monza-che-scaccia-dal-sagrato-il-gruppo-che-prega-in-riparazione-al-pride/
    E' tutto un decadimento, uno sfascio, una degenerazione a 360 gradi.

    RispondiElimina
  5. Purtroppo, o per fortuna, l'"abominio della desolazione" è stato previsto da NSGC e deve compiere il suo corso.
    La masnada di traditori che ha invaso la Chiesa Cattolica, e che ha ancora un seguito tra i beoni, è utile in ogni caso alla Divina Provvidenza.

    RispondiElimina
  6. La"scimmia di Dio"=satana...

    RispondiElimina
  7. Gli "educatori" in seminario sono stati a loro volta "educati" da "educatori" vaticano-secondisti. Inutile aggiungere altro.

    RispondiElimina
  8. che desolazione, che svilimento

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.