domenica 11 febbraio 2018

Mons.Marcelo Sanchez Sorondo "usato per imbarazzare la Chiesa...un Vaticano sempre più disfunzionale"

Ancora sui macroscopici travisamenti della verità  sulla situazione sociale e religiosa della Repubblica Popolare Cinese vaneggiati dal Prelato Vaticano  Mons.Marcelo Sanchez Sorondo. 
Una parola chiarificatrice sarebbe certamente più che necessaria, oltre che opportuna, ma... "...siamo arrivati a un livello di confusione, a un livello di stupidaggini , di eresie, di cretinate proclamate con una solennità come se fossero dogmi di fede e i pastori della chiesa a cominciare dai vescovi sono più colpevoli..." (Cfr. Omelia di Don Salvo Priola QUI
E' tutto detto ( o quasi).
AC 

 "USATO PER IMBARAZZARE LA CHIESA"
di George Weigel

Un giudizio netto (e duro) da parte dell’amico e biografo di Giovanni Paolo II, lo scrittore George Weigel, ripreso da National Review, il 7 febbraio scorso. 
È un giudizio che fa molto riflettere. 
Non perdetevelo. 
 Eccolo nella mia traduzione. 
« Nonostante l'attenzione ricevuta dai media e dalla blogosfera, il vescovo Marcelo Sanchez Sorondo, 75enne argentino, cancelliere di varie accademie pontificie, è un piccolo attore nel dramma attuale di ciò che amici e critici considerano un Vaticano sempre più disfunzionale. Eppure, quando qualcuno con la sua relativa insignificanza annuncia che "in questo momento, coloro che stanno attuando meglio la dottrina sociale della Chiesa sono i cinesi",
quella disfunzione entra in forte rilievo - e una correzione del caso è imperativa. 

La dottrina sociale cattolica si basa su quattro principi fondamentali: la dignità inviolabile e il valore di ogni persona umana, la responsabilità di tutti di esercitare i propri diritti in modi che contribuiscano al bene comune, l'importanza del pluralismo sociale e della società civile (e quindi il rifiuto del totalitarismo), e l'imperativo della solidarietà (la virtù dell'amicizia civica che lega le società libere insieme). 

Questi principi hanno contribuito a plasmare la rivoluzione di coscienza che ha preceduto e reso possibile la rivoluzione politica del 1989 nell'Europa centrale e orientale. 
Questi principi erano in gioco anche nelle trasformazioni democratiche dell'America latina e dell'Asia orientale negli ultimi decenni del XX secolo. 
Questi principi rimangono oggi il nucleo della dottrina sociale della Chiesa. 

E nel 2018, questi principi vengono sistematicamente negati, sia teoricamente che nella pratica, dalla Repubblica Popolare Cinese (RPC). 
Il vescovo Sánchez Sorondo sembra essere rimasto molto impressionato da un [suo] recente tour nella RPC, annotando in un'intervista che i cinesi "non hanno baraccopoli" e i giovani cinesi "non fanno uso di droghe", che [Sorondo] ha attribuito ad una "coscienza nazionale positiva". 

In quella stessa intervista, il prelato argentino è riuscito anche a scavare El Norte [film, ndr], sostenendo che, in Cina "l'economia non domina la politica, come accade negli Stati Uniti". Le cose che il vescovo evidentemente non ha visto, né evocato, durante il suo tour sono le seguenti: ci sono più di 1.000 campi laogai sparsi in tutta la Cina, dove il lavoro da schiavi è la regola e i prigionieri politici sono spesso assassinati, in modo che i loro organi trapiantabili possono essere raccolti a beneficio dei membri politicamente più affidabili della popolazione. 

In Cina, lo Stato, non un marito e una moglie, determina il numero di figli che una coppia può avere, e mentre la famigerata politica del figlio unico è stata sostituita da una politica a due figli, il regime continua a insistere affinché i quadri ufficiali, non i genitori, decidano sul numero di figli che una famiglia può accogliere. 

Per attuare le sue politiche interne in materia di popolazione, lo Stato cinese rivendica il diritto di far abortire obbligatoriamente quando le donne rimangono incinte in violazione delle quote di nascita stabilite dallo Stato - una crudeltà grottesca praticata regolarmente nella RPC oggi. 

Le draconiane politiche cinesi di controllo della popolazione hanno portato a quello che equivale a un genocidio di bambine non ancora nate, che ha portato al rapporto più squilibrato ragazzo-ragazza di qualsiasi altra nazione del pianeta. 
Il popolo cinese non ha alcun diritto alla libera circolazione all'interno del proprio paese, in quanto il ministero della pubblica sicurezza assegna ad ogni soggetto del regime una residenza ufficiale, un hukou, che di solito è la casa dei propri genitori; eppure molti cinesi si allontanano dal loro hukou, divenendo stranieri illegali nel proprio paese. 
Nicholas Eberstadt, uno degli studenti cinesi più accaniti d'America, mi ha detto in un promemoria: "I contadini che si trasferiscono per lavoro in una grande città. . . non hanno alcun diritto a servizi come l'assistenza sanitaria o l'istruzione; sono sistematicamente retribuiti meno per il lavoro svolto rispetto ai "nativi" con un'istruzione e competenze paragonabili; e sono praticamente certi di perdere in qualsiasi controversia con una persona locale. E' la Soweto con caratteristiche cinesi"
[Soweto è un quartiere di Johannesburg, in Sudafrica, abitato a suo tempo soprattutto da neri, senza diritti e sfruttati, in cui nel 1976 si verificò una rivolta finita nel sangue, ndr

La Cina è uno Stato ufficialmente ateo, secondo il Partito Comunista Cinese, e la persecuzione religiosa è un punto di partenza dell'apparato repressivo del regime. 
Questi sono i fatti. 
Cercare di metterli in relazione con la dottrina sociale della Chiesa cattolica richiede qualcosa che si avvicini ad un distacco psicotico dalla realtà - o, peggio, una deliberata ignoranza, chiudendo gli occhi di fronte alla repressione e alla persecuzione per indulgere alle fantasie di un paradiso socialista liberato dalla sgradevolezza della società liberale borghese. 
Lo stesso distacco dalla realtà ha anche permesso al vescovo Sánchez di elogiare l'adesione della Cina all'accordo sul clima di Parigi e la sua "leadership morale" nel campo del cambiamento climatico. 
Quale aria, uno si chiede, ha respirato il vescovo in Cina, uno dei paesi più inquinati del mondo? 
E Sua Eccellenza immagina forse che un regime totalitario, intenzionato ad affermarsi come potenza globale e irresponsabile nei confronti della sua popolazione, affronterà seriamente i suoi problemi di inquinamento dell'aria, dell'acqua e del suolo perché ha firmato un pezzo di carta nella Città della Luce? 
 L'"idiota utile" è stato un giocatore sulla scena mondiale fin dai tempi di Lenin (anche se ci si chiede se, in questo caso, l'idiozia è così estrema che l'utilità del colpevole per il regime comincia a declinare). 
L'assurdo travisamento da parte del vescovo Sánchez Sorondo delle realtà della Cina del XXI secolo lo mette in una galleria di ladri che comprende personaggi illustri come Walter Duranty, che deliberatamente non ha denunciato la carestia terroristica ucraina nel 1932-33 ai lettori del New York Times, e Herbert Matthews, la cui lode a Fidel Castro allo stesso modo ingannò i lettori di quello che una volta era un giornale nazionale di record. 

L'ulteriore problema nel caso di Sánchez è che le sue dichiarazioni, per quanto bizzarre, coinvolgono inevitabilmente il papa che egli serve e mettono in dubbio non solo la prudenza degli attuali tentativi del Vaticano di intraprendere un'azione con la Repubblica Popolare Cinese, ma anche l'integrità della Santa Sede. 
Se un funzionario vaticano, per quanto in basso sia nell' importanza, può, impunemente, declamare stupidaggini che coprono un regime malvagio, qualcosa di gravemente sbagliato esiste in uno dei pochi centri di potere del mondo il cui fine principale è dire la verità. 

Secondo l'Annuario Pontificio, il vescovo Marcelo Sánchez Sorondo ha compiuto l'8 settembre scorso 75 anni, la normale età pensionabile per i vescovi. 
Forse la sua scappatella cinese suggerirà ai suoi superiori che è passato il tempo di accettare le dimissioni che ha presentato a suo tempo, privandolo così del megafono che ha usato per imbarazzare la Chiesa, distorcere grossolanamente la dottrina sociale cattolica e tradire i cattolici perseguitati della Cina».

Fonte: Pagina Facebook di Sabino Paciolla (con il gentile permesso del Titolare) QUI 
http://www.nationalreview.com/…/catholic-church-china-bisho…

Foto: la distruzione della Croce di una chiesa (non sappiamo se anche questa chiesa è stata usata per diventare un night ... ) 

2 commenti:

  1. moriremo tutti comunisti ahimé....

    RispondiElimina
  2. Ormai la Chiesa fu cattolica è diventata una vastissima clinica psichiatrica che ha il suo centro in Vaticano, dove tutti delirano senza, come è caratteristico della patologia, accorgersene; quindi senza orrore di se stessi.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.