lunedì 11 settembre 2017

Nostre Informazioni del 09.09.2017: motu proprio "Magnum Guazzabuglium"

 Su segnalazione di S. E. Mons. Eleuterio Favella, dobbiamo fare un' ERRATA CORRIGE della notizia riportata stamane circa il motu proprio sulla traduzione dal latino alle lingue vernacole. Ecco di seguito la esatta nomenclatura, come riportata dalla Sezione affati generali della Segreteria di Stato in funzione di Cancelleria Apostolica.
Ringraziamo il prelato che ci tiene aggiornato ex aedibus vaticanis.


Con il Motu proprio "Magnum guazzabuglium" il S. Padre, derogando alle disposizioni del S. Concilio e alle previsioni del Codex Juris Canonici, ha delegato alle Conferenze Episcopali territoriali la traduzione dei libri liturgici.

6 commenti:

  1. Parlare senza inibizioni non deve significare (etimo) offendere

    RispondiElimina
  2. E' la descrizione di tutto l'attuale estemporaneo e velleitario pontificato!

    RispondiElimina
  3. Ringrazio monsignore per la capacità di sintesi

    RispondiElimina
  4. E dove starebbe l'offesa? E chi sarebbe l'offeso?

    RispondiElimina
  5. Da quando scoprire le magagne e chiamarle come meritano costituirebbe un'offesa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I modernisti hanno sempre la coda di paglia :D

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.