giovedì 31 agosto 2017

Sacrilegio! L'adorazione di una divinità indù in una chiesa cattolica a Ceuta. Vescovo e fedeli scandalizzati!

L'articolo riporta la notizia della processione Indù in onore della loro divinità Ganesh "accolta" domenica 27 agosto 2017 nel Santuario di Nostra Signora d'Africa a Ceuta. ( v.sotto)
Nella foto a destra notiamo lo sguardo smarrito dei fedeli (che avrebbero dovuto ribellarsi e sbarrare subito le porte della chiesa!)  così come l'apparente imperturbalità del "chitarrista liturgico": "questa o quella per me pari sono..."  che all'arrivo del simulacro della "dea" ha intonato un canto mariano!
A seguito del grande scandalo il padre Juan José Mateos Castro, rettore del bel Santuario Mariano dov'è avvenuta la dissacrazione, si è dimesso dall'incarico di vicario generale della diocesi di Cádiz y Ceuta.  Dimissioni subito accettate dal Vescovo. (v.comunicato della Diocesi)


Da "apprezzare" il fatto che il Vescovo e la Diocesi si siano "vergognati" del sacrilegio. (In Italia avrebbero fatto altrettanto??? )

L'Apostolo Paolo nella prima lettera ai Corinzi ammonisce: "Che dico dunque? Che l'idolo sia qualche cosa? O che ciò che è sacrificato agli idoli sia qualche cosa?
No, ma dico che le cose che i gentili sacrificano, le sacrificano ai démoni e non a Dio; or io non voglio che voi abbiate parte con i démoni.
Voi non potete bere il calice del Signore e il calice dei démoni; voi non potete partecipare alla mensa del Signore e alla mensa dei démoni". (I Cor.10,19-21).

Ripensiamo sempre  agli orridi precedenti: dai riti pagani officiati da alcuni Vescovi dell'America Latina, per fortuna fuori della cattedrale; alle cerimonie sincretistiche di Rodez o all'unicum avvenuto nel 1986 ad Assisi quando venne messa una statua del Budda sull'altare...

Chiediamo ai Sacerdoti e ai Teologi: la chiesa di Nostra Signora d'Africa a Ceuta  dove è avvenuto il sacrilegio  andrebbe riconsacrata?  
AC

AVVERTENZA: SI SCONSIGLIA VIVAMENTE DI VEDERE IL VIDEO DELLA PROCESSIONE SACRILEGA DELL'IDOLO INDUISTA ALL'INTERNO DELLA CHIESA DI NOSTRA SIGNORA D'AFRICA A CEUTA : PUO' PROVOCARE MAL DI STOMACO!

Adorazione di divinità Indù in Chiesa: vescovo si scusa, vicario generale si dimette 

Domenica, padre Juan José Mateos Castro*, vicario generale della diocesi cattolica di Cádiz y Ceuta, ha accolto una processione Indù in onore della divinità Indù Ganesh nella Chiesa Cattolica di Nostra Signora d'Africa a Ceuta, un territorio spagnolo in Nordafrica. 


Ganesh è un ben noto idolo con testa d'elefante. 

Durante la processione Indù, i Cattolici hanno salutato Ganesh con l'inno mariano Salve rociera

Lunedì, il vescovo Rafael Zorzona Boy di Cádiz y Ceuta ha trasmesso delle scuse, chiamando l'evento "spiacevole" e dicendo che ha causato "dolore, confusione o scandalo nella comunità Cristiana". 

Il vescovo ha poi accettato le dimissioni del suo vicario generale.

Fonte: Gloria TV ( QUI ) con video (LEGGERE ATTENTAMENTE LE AVVERTENZE)


Il comunicato ufficiale della Diocesi ( QUI )

* L'ex vicario generale della diocesi cattolica di Cádiz y Ceuta Padre Juan José Mateos Castro  ( foto sopra) autore anche  della significativa intervista «Las relaciones con otras religiones son de convivencia, de respeto mutuo, de fraternidad...» ( QUI )

SI SCONSIGLIA VIVAMENTE DI VEDERE IL VIDEO DELLA PROCESSIONE SACRILEGA DELL'IDOLO INDUISTA ALL'INTERNO DELLA CHIESA DI NOSTRA SIGNORA D'AFRICA A CEUTA : PUO' PROVOCARE  MAL DI STOMACO!

Sfogliando il sito della Diocesi di Càdiz y Ceuta abbiamo notato questa "perla": la scelta della parte islamica di Gerusalemme nella locandina che invita al Pellegrinaggio diocesano in Terra Santa.
Senza bisogno di commento alcuno.

 

7 commenti:

  1. Un bell'esempio di incontro ecumenico d'Assisi del "santo" Giovanni Paolo II....nessuno ricorda le divinità indù sull'altare assieme all'eucarestia?
    I frutti (marci) del Concilio...

    RispondiElimina
  2. Un terribile sacrilegio! Il sacerdote che ha permesso l'ingresso di una divinità pagana nel luogo sacro deve essere punito duramente con la sospensione "a divinis", e, dopo un lungo periodo di penitenza, non ricevere mai più un incarico pastorale. Senza dubbio il vescovo deve riconsacrare la chiesa orribilmente profanata! Basta di queste pazzie!

    RispondiElimina
  3. Un terribile sacrilegio! Il sacerdote che ha permesso l'ingresso di una divinità pagana nel luogo sacro deve essere punito duramente con la sospensione "a divinis", e, dopo un lungo periodo di penitenza, non ricevere mai più un incarico pastorale. Senza dubbio il vescovo deve riconsacrare la chiesa orribilmente profanata! Basta di queste pazzie!

    RispondiElimina
  4. Non ricordo precisamente quale canone, ma il CJC del 1917 prevede (se non erro) che sono automaticamente sconsacrate le chiese in cui si celebrano riti eretici o pagani.

    RispondiElimina
  5. Frutto marcio ma prevedibile del dialogo con le religioni e dell'ecumenismo inventati dal CVII che, si dirà subdolamente, non prevedeva simili profanazioni, ma che ne era consapevole poiché non ha mai fissato chiari limiti alle 'aperture', permettendo ai distruttori di operare indisturbati perché " il papa era con noi". Rassegnatevi; la gerarchia' adeguata', ad iniziare da quella vaticana, tacerà come sempre, abbandonando il popolo di Dio agli assalti del paganesimo e dei nemici di Cristo.

    RispondiElimina
  6. Applicazione fedele dell'ideologia di un "papa", che potremmo molto volentieri regalare con ringraziamenti agli Indù, come a quelli di altre religioni, il quale afferma non esistere un Dio Cattolico!

    RispondiElimina
  7. "Colui che offre un sacrificio agli dèi, oltre al solo Signore, sarà votato allo sterminio" (Es. 22, 19

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.