martedì 25 luglio 2017

Processione di riparazione al gay pride di Rimini 29.07.2017

Segnaliamo e condividiamo il comunicato stampa dell'organizzatore Comitato Beata Guiovanna Scopelli di Reggio circa la processione di riparazione al gay pride che si terrà a Rimini sabato 29 luglio 2017.

Per la locandina e il programma, rimandiamo alla nostra pagina "CONFERENZE, PELLEGRINAGGI, CONVEGNI, ecc" (in altro, striscia azzurrina, sotto al titolo del blog)

65 commenti:

  1. Lasciamo Tolkien al Signore degli Anelli.

    RispondiElimina
  2. Il tutto sta assumendo toni abbastanza grotteschi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti! Questi lefebvriani continuano ad attaccare i Papi e poi vanno in processione presentando come ultimo Papa solo Pio XII!! E tutti gli altri che si sono succeduti negli ultimi 60 anni??

      Elimina
    2. Ma la faccia finita con "questi lefebvriani" e studi, s'informi, rifletta e si svegli!!!

      Elimina
    3. I lefebvriani non considerano valida la Messa Novus Ordo. Per loro Cristo non è presente nella Messa cattolica celebrata ogni giorno nelle parrocchie del mondo!

      Elimina
    4. Anonimo26 luglio 2017 11:49

      Lei ha molta confusione nella testa. Ma perché gli ignoranti devono pure parlare?

      Elimina
    5. Che i lefebvriani non considerino valida la Messa Novus ordo lo sanno tutti. Anzi, addirittura i preti lefebvriani sostengono (ereticamente) che se un fedele in giorno di precetto non potendo andare al Vetus Ordo evita pure di andare al Novus Ordo...non compie neppure peccato mortale. Questo è ERETICO. Il fedele DEVE andare al Novus Ordo in caso di precetto, se non ha la possibilità di andare al Vetus Ordo. I preti lefebvriani che dicono eresie del genere perché rinnegano la presenza di Cristo nel Novus Ordo, sono tutti da scomunica!

      Elimina
  3. Tolkien era profondamente cattolico e profondamente antimoderno, perciò sta benissimo in questo video. Di grottesco c'è solo quello che vedete: masse di invertiti e pervertiti

    RispondiElimina
  4. Diciamo soprattutto che dopo il naufragio della firma degli accordi con la fsspx si sono inventati una vetrina speciale, colorata che fa presa immediata sulla gente per rilanciare l'immagine di quella comunità e degli oblati. Alla processione di Rimoni parteciperanno anche i fedeli dei coetus Summorum?

    RispondiElimina
  5. Peccato che questa gente sia tutta sedevacantista e della FSSPX. Non fanno altro che attaccare il Summorum Pontificum, tutti i Papi, compreso Benedetto XVI e San Giovanni Paolo II. Non sono cattolici. I preti cattolici della diocesi di Rimini hanno infatti preso nettamente le distanze da questa processione fatta solo per vanagloria della FSSPX. Perché non viene detto agli ignari fedeli che è una processione i cui preti presenti sono quasi totalmente della FSSPX e sono preti che attaccano persino San Giovanni Paolo II? Perché viene taciuta la verità? Perché non è specificato che ci sono quasi tutti preti della FSSPX a capo della processione? Nessun prete della diocesi di Rimini sarà presente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quei preti che partecipano alle veglie anti-omofobia e parlano di diritti di coppie gay e citano come modelli Pannella e la Bonino?
      Proprio cattolici! Mi farei anche confessare da loro!!

      Elimina
    2. Proprio così, Anonimo 09.18! Quelli che vanno a questa processione sono tutti lefebvriani e sedevacantisti disadattati, emarginati nelle loro stesse parrocchie, tutte persone che sputano veleno su Benedetto XVI e il Summorum Pontificum e poi vengono a chiedere di andare alle loro processioni pur di far numero e fare in modo che i giornali parlino di loro!! I lefebvriani sarebbero capaci di vendere l'anima al diavolo pur di avere 15 minuti di notorietà. Che ipocrisia. E questa sarebbe una "riparazione"?! Meglio che si convertano e smettano di offendere il Pontefice e i Vescovi a cui i lefebvriani disobbediscono con superbia. La Diocesi si dissocia totalmente infatti da questa processione di sedevacantisti che non ritengono valida la Messa in italiano celebrata nelle chiese cattoliche. Sono solo degli eretici che negano la presenza di Gesù Cristo nell'eucarestia. Un abominio.

      Elimina
    3. Che brutta razza i modernisti....quando vedono la tradizione sbavano, sputano e ringhiano come Satana dopo una benedizione!

      Elimina
    4. Esatto Anonimo 19,12: sputano veleno come i lefebvriani sul Summorum Pontificum! Quanto gli rode il fegato a quelli della fsspx che quest'anno tutti i parroci tradizionalisti diocesani festeggiano i 10 anni del Summorum e ringraziano Benedetto XVI per aver riportato il Vetus Ordo nelle parrocchie, dove è sempre stata!

      Elimina
  6. Quasi tutti i preti nel video della processione qui sopra sono preti lefebvriani, non sono certamente preti della Chiesa Cattolica obbedienti al Papa! Andare in processione a Rimini con i lefebvriani? NO, GRAZIE. In processione con quelli che DISOBBEDISCONO A TUTTI I PAPI DEGLI ULTIMI 60 ANNI? Ma scherziamo?? Io sono cattolico, non un eretico! Sabato a Rimini...ma in spiaggia a prendere il sole, non certo in processione con poche centinaia di eretici sedevacantisti provenienti da tutta Italia che disobbediscono quotidianamente al Papa e che non ritengono valida la Messa Novus Ordo! I lefebvriani NEGANO LA PRESENZA DI CRISTO nella Messa cattolica celebrata in italiano, e i cattolici dovrebbero andare in processione con loro???? Scherziamo?? Preghiamo per la conversione di questi eretici lefebvriani disobbedienti a tutti i Papi dal secolo scorso fino ad oggi, affinché possano diventare cattolici ed obbedienti al Papa piuttosto! I parrocchiani diocesani di Rimini non vanno certo in processione con i lefebvriani che non fanno altro che offendere sia Papa Francesco che Ratzinger. Chi nega la presenza di Cristo nella Messa Novus Ordo non è cattolico. Punto. I preti lefebvriani negano la presenza di Cristo nella Messa cattolica celebrata in italiano: la peggiore delle eresie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Chi nega la presenza di Cristo nella Messa Novus Ordo non è cattolico. Punto. I preti lefebvriani negano la presenza di Cristo nella Messa cattolica celebrata in italiano: la peggiore delle eresie". Niente da ridire... però alla processione di riparazione possono andare tutti per pregare.

      Elimina
    2. Non si ripara proprio niente quando non si è in comunione con la Chiesa Cattolica. La Chiesa ha preso totalmente le distanze da questa processione in quanto gli organizzatori sono solo persone polemiche che arrivano addirittura da un'altra città e non sono neppure in comunione col Papa. Le preghiere di chi non è in comunione col Papa non vengono neppure prese in considerazione dal Signore. Prima ci si converte riparando ai propri peccati e tornando in comunione con la Chiesa Cattolica, poi si prega e si ripara ai peccati degli altri.

      Elimina
    3. Anonimo28 luglio 2017 21:47

      MA CHI E' LEI PER SINDACARE COSA IL SIGNORE PRENDA O NON PRENDA IN CONSIDERAZIONE?????
      SECONDO LEI IL SIGNORE PRENDE IN CONSIDERAZIONE UN PAPA CHE BACIA IL CORANO, PREGA IN MOSCHEA, AMMETTE ALLA COMUNIONE SODOMITI E CONCUBINI O UN GALANTINO CHE SI SCANDALIZZA DEI ROSARI DI RIPARAZIONE AGLI ABORTI E PRO-IMMIGRAZIONE SELVAGGIA O UN GESUITA CHE DICE CHE "DIO NON E' CATTOLICO", "I SANTI ERANO GAY" O "NON AVEVAMO IL REGISTRATORE SU QUELLO CHE DICEVA CRISTO"???

      MA STA SCHERZANDO O LE HANNO FATTO IL LAVAGGIO DEL CERVELLO? IL MODERNISTA 2.0

      Elimina
  7. TRADIDI QUOD ET ACCEPI.....il resto non conta. Sono sacerdoti al 1000 x 1000 altro che sedevacantisti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che razza di sacerdote sarebbe uno che NEGA la presenza di Nostro Signore Gesù Cristo nel Novus Ordo come fanno i preti della fsspx? Peggio dei luterani!

      Elimina
    2. Piano a parlare di sedevacantisti: i veri sedevacantisti hanno già annunciato che non parteciperanno a questa processione dei lefebvriani di Rimini. Pure i sedevacantisti (quelli veri, ripeto), come la Diocesi, si dissociano totalmente da questa processione. A Rimini andranno solo le solite poche centinaia di persone da tutta Italia già viste a Reggio Emilia, dato che a Rimini i lefebvriani non hanno praticamente alcun seguito in città. I parrocchiani riminesi non ci vanno e neppure nessun sacerdote della diocesi di Rimini. Questa "processione" è solo uno spot pubblicitario per la fsspx (basti leggere il loro comunicato ufficiale in merito), infatti subito dopo seguiranno i festeggiamenti, altro che riparazione e penitenza per uno scandalo pubblico...i fatti stanno dimostrando che don Ricossa aveva proprio ragione sui lefebvriani!

      Elimina
    3. Caro anonimo i sedevacantisti mettono in "dubbio" ordinazioni e messa Novus Ordo (con documentazioni alla mano), non hanno nessuna certezza visto che non hanno autorità, dubbi circa le nuove formule utilizzate di consacrazione (che hanno origini antiche, ma utilizzate nelle "benedizioni" pagane per il cibo o altro...) di Vescovi (canone di Ippolito) e Messa (presentazioni dei doni della Terra, invece che del Sacrificio di Cristo) e sono quelli più coerenti, visto che non "disubbidiscono" a nessuna autorità (protestantesimo).

      Prima di sparare a zero e inventare cavolate INFORMATI!

      Elimina
  8. Mi spiace ma io in processione con questi eretici non vado di certo. Cercano solo di mettersi in bella mostra per finire su tutti i giornali...VANITAS!! Scommetto che dopo la processione vanno tutti a divertirsi a pranzo insieme gogliardicamente e faranno pure la rassegna stampa pubblicando le foto più belle con l'elenco di tutti i giornali che hanno parlato di loro!!! Invece di digiunare e fare vera penitenza in riparazione al peccato di sodomia, in silenzio ed umiltà come insegna Nostro Signore Gesù Cristo. I lefebvriani vogliono apparire sui giornali come più cattolici del Papa stesso! La loro superbia non ha limiti. Tutto fumo negli occhi...non per nulla disobbediscono al Papa, ai Vescovi e ai Parroci diocesani. Che Dio abbia misericordia della loro superbia.

    RispondiElimina
  9. Scusate un secondo: ma nel video pubblicato sopra, in testa alla processione ci sono quelli di radio spada...quelli che attaccano, un giorno sì e l'altro pure, Ratzinger e l'attuale pontefice, Francesco! Ora è tutto chiaro! Dietro al sedicente "Comitato Beata Giovanna Scopelli di Reggio" si nascondono quindi in realtà Radio Spada e la FSSPX! Sedevacantisti e lefebvriani che guidano la processione! Questo è il colmo! Perché non è specificata la presenza dei preti lefebvriani alla processione di Rimini? Andare in processione con questi eretici che attaccano Ratzinger e Francesco, senza neppure venire informato? Per carità!! Voglio morire cattolico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto: sono proprio quelli di Radio Spada quelli che guidano la processione insieme i preti della fsspx. E ho già detto tutto!

      Elimina
  10. Questa processione non è organizzata dalla Chiesa Cattolica. E' bene chiarirlo e che i fedeli ne siano informati. Alcuni parroci di Rimini hanno già avvisato i fedeli di non parteciparvi per la presenza di sedevacantisti. Perché non è scritto che ci sono questi preti della fsspx, non in comunione con il Papa, alla processione di Rimini????? Chi vogliono ingannare quelli del "comitato" di Reggio? Ora capisco perché il vescovo Camisasca ha negato per la loro processione di Giugno persino l'uso dei sagrati delle chiese a Reggio Emilia: Camisasca sapeva che c'erano solo sedevacantisti e lefebvriani in processione, non certo i cattolici che frequentano le parrocchie! Perché non è indicata la presenza dei preti lefebvriani in processione? Non ci sono preti della diocesi di Rimini. I preti diocesani della città hanno preso le distanze. E' scandaloso che si cerchi di raggirare i fedeli in questo modo. Se non ci sono preti diocesani della città devono indicare chiaramente chi sono i preti presenti in processione, dato che i preti lefebvriani rifiutano il Concilio Vaticano II e negano totalmente la presenza di Nostro Signore nel Novus Ordo!

    RispondiElimina
  11. Per correttezza ed onestà di informazione basta leggere il comunicato emesso ieri dal priorato di Rimini a firma don Chad Kinney dove è specificato che l'atto riparatorio verrà celebrato nella cappella del priorato stesso, vero che tutti i sacerdoti ed il vescovo si sono dissociati, ma sono laici che la organizzano......chi scrive non ama la fraternità , quindi, però no fake news, please.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha fatto benissimo l'intera Diocesi a dissociarsi da questa processione. Non è cattolica. Ci sono solo preti lefebvriani, non quelli della diocesi riminese.

      Elimina
    2. Evidentemente sono tutti laici lefebvriani e sedevacantisti quelli che hanno organizzato questa processione, dato che saranno proprio i preti della fsspx a guidarla. Se fossero stati i parrocchiani di Rimini di certo non ci sarebbe nessun lefebvriano in processione e la Diocesi non si sarebbe dissociata.

      Elimina
    3. Non lo dicono pubblicamente ma sono loro che guidano la processione come la precedente (il rosario era in latino!), visto che i preti diocesani o si nascondono vestendosi in borghese, oppure si dissociano....

      Elimina
  12. Perché il "Comitato Beata Giovanna Scopelli di Reggio" (cioè radio spada, FSSPX e loro seguaci e simpatizzanti) si occupa solo del gay pride di Rimini e si è invece defilato da quello di tutte le altre città italiane?? Non sarà per caso perché solo a Rimini c'è la sede del Priorato della FSSPX e la processione serve in realtà solo per mettere in bella mostra la FSSPX? Scommettiamo che i preti alla processione di Rimini saranno al 99% preti lefebvriani?! Non è una presenza "interessata" quella del "comitato di Reggio Emilia" a questo punto? Perché non c'è un comitato di riminesi con i loro preti diocesani della città? Vedremo di nuovo Radio Spada e FSSPX in processione coi loro seguaci a Rimini? Una processione del genere è una farsa. Radio Spada e FSSPX attaccano Papa (emerito) Benedetto XVI e Papa Francesco, quotidianamente. Una processione-farsa da boicottare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' così anonimo 14,17: trovi anche il comunicato ufficiale della fsspx che annuncia che guiderà la processione, sul sito del priorato di Rimini.

      Elimina
    2. Un momento di notorietà piace a tutti....avrei preferito che si facessero preghiere di riparazioni e veglie nei priorati e non queste pagliacciate mediatiche...tanto il pensiero della casta diocesana modernista e di quello che considerano "Santo Padre" e citano nel canone della Messa rimane invariato....

      Elimina
    3. Condivido: perché non hanno fatto la riparazione in modo serio, rimanendo nel loro Priorato di Rimini o a vegliare seriamente nelle loro cappelle per tutto il giorno, magari davanti al Santissimo Sacramento, invece di andare per le strade di una Diocesi che ha ribadito che la Chiesa Cattolica non ne vuole sapere di loro????? Brutta cosa la vanità del volersi mettere in mostra a tutti i costi per far vedere quanto sono bravi a riparare ai peccati degli altri! Si spostano da Reggio fino a Rimini ma sia il Vescovo che i preti di Rimini li rinnegano e li boicottano. Fatta così la processione non è cattolica, non è in comunione col Papa e col Vescovo della Diocesi, quindi non ripara un bel niente.

      Elimina
    4. C'è da chiedersi se i lefebvriani in effetti stiano solo cercando notorietà con queste processioni sicuramente polemiche ma non riparatrici, dato che la Chiesa ha detto per bocca del Vescovo che ne prende totalmente le distanze.

      Elimina
  13. Come si può riparare a un peccato pubblico andando in processione con persone che disobbediscono al Papa e che pubblicamente denigrano tutti i Pontefici degli ultimi 50 anni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido, anonimo 14:49!

      Elimina
  14. Onore ai sedevacantisti puri che, a quanto mi hanno riferito, non parteciperanno a questa processione lefebvriana come non hanno partecipato neppure alla processione lefebvriana di Reggio del Giugno scorso. Non c'è nulla di cristiano nel volersi mettere in mostra come sta facendo questo "comitato di Reggio", ora persino in trasferta in un'altra città ma solo perché a Rimini c'è la sede della fsspx, da cui i lefebvriani di Reggio dipendono. Sarà solo una coincidenza? Ai sedevacantisti puri, persone serie anche se un po' testarde, va riconosciuto in tutta onestà che da decenni organizzano processioni e rosari di riparazione contro il peccato di sodomia senza gridarlo ai quattro venti, al contrario di questi che invece muoiono letteralmente dalla voglia di finire su giornali e tv a tutti i costi con le loro "processioni di riparazione". Processioni da cui però regolarmente i parrocchiani e vescovi diocesani prendono le distanze non appena si scopre la presenza dei soliti noti preti lefebvriani sedevacantisti che si celano dietro il "comitato" di turno.

    RispondiElimina
  15. Come dimostrano i commenti la conflittualità virulenta fra cattolici sta salendo di intensità e non è affatto un buon segno. Ognuno si arroga la liceità dell'essere cattolico e spara a zero sugli altri che ovviamente sono eretici. E'una situazione vergognosa e degradante che fa il gioco del nemico. E pensare che per i cattolici Cristo è finito sulla Croce! Cose dell'altro mondo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha scritto bene Fuoco "Come dimostrano i commenti la conflittualità virulenta fra cattolici sta salendo di intensità e non è affatto un buon segno. Ognuno si arroga la liceità dell'essere cattolico e spara a zero sugli altri che ovviamente sono eretici. E'una situazione vergognosa e degradante che fa il gioco del nemico". Onore però ai sedevacantisti puri che sono almeno coerenti.

      Elimina
    2. Veramente è la Chiesa Cattolica che, nella persona del Vescovo Lambiasi, ha preso totalmente le distanze da questa processione perché organizzata da persone polemiche non in comunione col Papa. Chi non è in comunione col Papa è eretico.

      Elimina
    3. Sicuramente i sedevacanisti puri sono più coerenti e seri degli organizzatori di questa processione, dato che i sedevacantisti non cercano spasmodicamente la visibilità sui media per le loro processioni come fanno questi di Reggio insieme alla fsspx di Rimini. I sedevacantisti, che organizzano da decenni queste riparazioni contro il peccato di sodomia, pensano solo a pregare e fanno digiuni e penitenze ad oltranza, anche dopo le processioni.

      Elimina
    4. Solo la Chiesa può dire chi non è in comunione con il Papa e quindi è eretico. La Chiesa Cattolica, nel comunicato ufficiale di Monsignor Lambiasi, ha detto chiaramente che gli organizzatori di questa processione non sono in comunione col Papa. Se la Chiesa Cattolica prende le distanze dal Comitato Scopelli vuol dire che questi sono degli eretici. Infatti ora salta fuori che ci saranno pure i preti lefebvriani in processione! Perché il Comitato Scopelli non ha scritto chiaramente in tutti i comunicati della presenza massiccia dei preti lefebvriani in processione? Non sono preti della Diocesi di Rimini, non sono preti della Chiesa Cattolica! Infatti questi preti non possono neppure celebrare una Messa in parrocchia se prima non ottengono l'autorizzazione del prete diocesano.

      Elimina
  16. Penitenza, penitenza, penitenza! Queste processioni se non sono precedute e seguite da giornate di intensa penitenza e veri digiuni non servono proprio a nulla. La preghiera da sola non basta. Se poi, come in questo caso, guidano la preghiera pure i preti lefebvriani che notoriamente disobbediscono al Santo Padre Francesco (e a tutti i suoi predecessori, incluso G.P.II) è oltremodo controproducente. La processione, se fosse veramente organizzata da semplici fedeli che frequentano le parrocchie, dovrebbe essere guidata da preti diocesani, senza la presenza dei lefebvriani. Invocare Dio quando si disobbedisce al Vicario di Cristo non è certamente un bel modo di fare "riparazione": si aggiunge offesa alle offese.

    RispondiElimina
  17. Sono allibito: una processione di riparazione per il peccato di sodomia organizzata e guidata dai lefebvriani, gli stessi lefebvriani che negano che avvenga la transustanziazione nella Messa Novus Ordo...negano quindi la presenza di Cristo nell'ostia consacrata! Neanche il demonio nega la presenza di Cristo! Il peccato di sodomia è mortale ma quello dei lefebvriani va direttamente contro lo Spirito Santo! I laici parrocchiani che organizzano processioni di riparazione dovrebbero come prima cosa allontanare i lefebvriani ed assicurarsi la sola presenza di preti diocesani regolari. Ha fatto benissimo allora la diocesi di Rimini ad avvisare i parrocchiani e a prendere le distanze da questa processione. Le vere processioni cattoliche di riparazione si fanno solo coi preti diocesani della Chiesa Cattolica e i fedeli che frequentano regolarmente le parrocchie.

    RispondiElimina
  18. Giusto per informazione corretta. I sedevacantisti sono estranei alla FSSPX che condanna il sedevacantismo, giustamente, come eresia. I sacerdoti della FSSPX non sono sedevacantisti né eretici, come ha affermato lo stesso Papa Francesco, non denigrano nessuno dei Papi postconciliari, riconoscono la validità della Messa Novus Ordo e la presenza reale di Nostro Signore Gesù Cristo nell'Eucarestia amministrata in detto rito (si vada a vedere il sito italiano della FSSPX). Semplicemente considerano formalmente ambiguo e scorretto il novus ordo, in quanto molto vicino al rituale protestante e, pertanto, non pienamente conforme alla teologia della Santa Messa e ad un'espressione piena e chiara della sua essenza e del suo significato. Per questo motivo sconsigliano la messa moderna e promuovono la celebrazione del rito tridentino. Del magistero dei papi postconciliari rifiutano solamente ciò che è in discontinuità ed in aperta contraddizione col Magistero di sempre della Chiesa, con la Tradizione apostolica e con la divina rivelazione, ciò che non è conforme al Credo, alla costante ed immutabile verità della fede cattolica, ma si discosta da essa. Per questo motivo rifiutano di obbedire ad ordini che a loro volta porterebbero a disobbedire alla volontà divina allontanandosi dalla dottrina cattolica, da cui purtroppo,e sottolineo purtroppo, negli ultimi sessant'anni gli uomini di chiesa, alcune volte anche papi di indubbio spessore, si sono discostati, fino ad arrivare allo stato di profonda crisi in cui oggi la Chiesa si trova. Sarebbe dovuto essere il Vescovo di Rimini, insieme ai parroci e ai parrocchiani, ad organizzare una processione di riparazione allo scandalo del Summer Pride, ma purtroppo, questo non è avvenuto. Dico ai cattolici di Rimini e dintorni: "Se siete cattolici, partecipate alla processione e riparate al grave peccato del Summer Pride. Se non volete, lasciate in pace i cattolici che vogliono pregare e riparare con spirito di vera pietà, per amore di Dio e delle anime dei peccatori."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel video della processione si vedono in prima fila coi preti della fsspx diversi membri di Radio Spada i cui fondatori sono noti sedevacantisti dichiarati pubblicamente. Radio spada pubblica continuamente articoli denigratori nei confronti di Benedetto XVI, per non parlare di Papa Francesco.

      Elimina
    2. I sedevacantisti (e sedeprivazionisti) che seguono il Magistero immutabile della Chiesa (Pastor aeternus e le encicliche di Leone XIII) sarebbero eretici?

      E chi disubbidisce abitualmente al proprio Pastore a cui riconosce autorità e giurisdizione come si dovrebbe definire?
      Non era Lutero che diceva che il Papa e la Chiesa emettono errori?

      Elimina
    3. Come sarebbe a dire che i preti lefebvriani rifiutano di obbedire???? Allora non sono cattolici. La disobbedienza è sempre stata propria dei nemici di Dio, a partire da Lucifero

      Elimina
    4. Ma quando mai i Papi si sarebbero discostati dalla dottrina cattolica? Queste sono tutte eresie. Nessun Papa ha mai fatto nulla del genere.

      Elimina
    5. Anonimo27 luglio 2017 11:30

      Quindi 50 anni di libertà religiosa, ecumenismo e collegialità, riforma liturgica che ha distrutto il rito cattolico della Messa (da Sacrificio a "dono" ebraico - Breve Esame Critico al NOM)...sono invezioni di pazzi malati mentali? Ma state bene?

      Elimina
    6. "Riforma liturgica che ha distrutto il rito cattolico della Messa?" Ma il pazzo sarà lei!! La Chiesa Cattolica non ha MAI distrutto la Messa!! Quindi pure lei come i lefebvriani nega la presenza di Cristo nelle ostie consacrate nel Novus Ordo? Il pazzo è lei a negare Cristo.

      Elimina
  19. Onore a tutti coloro che combattono l'abominio dell'omosessualità. Leggete le Sacre Scritture e vedete cosa facevano agi omosessuali, altro che "capirli".... Ma tanto tra un po' saremo tutti islamizzati, ci penseranno loro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci fossero solo i preti diocesani e i parrocchiani riminesi, allora sarebbe una vera processione cattolica di riparazione degna di tal nome. Ma qui mancheranno sia gli uni che gli altri. La Chiesa Cattolica prende le distanze. La Diocesi è stata molto chiara con comunicati ufficiali ribaditi dal Vescovo Lambiasi. Il Vescovo di Rimini non ha neppure voluto comunicare direttamente con gli organizzatori di questa processione ben sapendo che non sono fedeli cattolici che frequentano regolarmente le parrocchie diocesane ma si tratta di lefebvriani e sedevacantisti. Non si ripara nulla quando non si è in comunione col Papa.

      Elimina
  20. Il Vescovo di Rimini, oltre ai parroci, si è completamente dissociato dagli organizzatori di questa processione in quanto non è in comunione con il Papa, e invita i fedeli cattolici a non partecipare a quella che viene definita una sterile polemica sotto forma di processione. A questa processione guidata dai preti lefebvriani non parteciperà infatti NESSUN sacerdote cattolico dell'intera diocesi di Rimini!!!!! E' bene sottolinearlo visto che ci sono pure i comunicati ufficiali da parte della Diocesi in merito. I lefebvriani anti-Ratzinger che arriveranno a Rimini da tutta Italia non sono ben visti dai parrocchiani della città. Andranno in processione le stesse identiche persone che erano presenti a Reggio, quindi solo lefebvriani e sedevacantisti. I cattolici riminesi stanno coi parroci, il Vescovo e il Papa. Non si era dissociato persino il Vescovo di Reggio Emilia dalla loro precedente processione in quella città? Ovunque vanno questi, non fanno altro che creare divisioni e polemiche...e ovunque vanno, sempre la Chiesa Cattolica li rinnega! E' già il secondo Vescovo, in appena due mesi, che prende totalmente le distanze dalle loro iniziative perché non in comunione col Santo Padre! Il Vescovo Lambiasi di Rimini ha fatto bene a fare chiarezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La sua arroganza ignorante è senza limiti. i "preti lefebvriani" sono cattolici almeno se non più di lei. I sacerdoti "cattolici" dell'"intera diocesi di Rimini" se ne fottono se il mondo sta andando allo sbaraglio e sorridono misericordiosamente strizzando l'occhio ai sodomiti.

      Elimina
    2. Non mi pare proprio che la Chiesa Cattolica sia eretica come sostiene lei, Fuoco. Semmai sono i lefevriani ad essere eretici...tanto che sono persino stati scomunicati a suo tempo. Lefebvre è morto da scomunicato.

      Elimina
    3. Lambiasi è stato tempestivo, al contrario di quello che pensa lei Fuoco! Ha immediatamente preso le distanze dal Comitato Scopelli e dalla sua processione con preti della fsspx. Lo stesso hanno fatto subito anche tutti i parroci di Rimini e i loro parrocchiani: nessuno di loro andrà in processione con questa gente che non è in comunione con Papa Francesco e che, addirittura, non sono di Rimini ma arrivano in maggior parte da Reggio Emilia e altre città. Sono solo i "preti lefebvriani" che "se ne fottono", come dice lei, e portano a processioni non cattoliche le poche centinaia di sprovveduti che riescono faticosamente a racimolare da tutta Italia pur di avere 15 minuti di notorietà per la FSSPX!

      Elimina
  21. Non sarebbe meglio che queste processioni fossero veramente cattoliche, con la presenza dei parrocchiani della diocesi di Rimini e i loro parroci, senza i preti della fsspx che non vogliono neppure un accordo col Pontefice? Ha ragione Lambiasi: fatta così questa processione è solo polemica e crea zizzania. Il Vescovo ha serrato le fila e ha fatto bene ad informare i cattolici riminesi sulla vera natura di questa iniziativa che sembra a questo punto fatta solo per ottenere visibilità a favore della Fsspx. I cattolici riminesi prendono le distanze dalla Fsspx. Servono i preti diocesani in processione coi fedeli, non i preti lefebvriani. In una processione di riparazione deve essere presente la Chiesa Cattolica, non chi la contesta! Altrimenti, come dice giustamente Lambiasi, è tutto solo una scusa per fare sterile polemica. Devono esserci solo i preti diocesani in processione, gli unici che sono veramente cattolici e in piena comunione col Santo Padre.

    RispondiElimina
  22. "Non avrai con maschio relazioni che si hanno con una donna" (Levitico 18,22). "Per questo Dio li ha abbandonati a passioni infami; le loro donne hanno cambiato i rapporti naturali in rapporti contro natura. Egualmente anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono accesi di passione gli per gli altri, commettendo atti ignominiosi uomini con uomini, ricevendo così in se stessi la punizione che s'addiceva al loro tradimento" (Romani 1,24-27). "Dunque non sapete che gli ingiusti non erediteranno il regno di Dio? Non illudetevi: né immorali, né idolatri, né adulteri, né effeminati, né sodomiti, né ladri, né avari, né ubriaconi, né maldicenti, né rapaci erediteranno il regno di Dio" (1 Corinzi 6,9-10).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quoto, Anonimo 13.24! Peccato che non ci siano i parroci di Rimini a guidare la processione in città, altrimenti sarei andato anch'io. Coi preti della FSSPX non voglio avere nulla a che fare. Molto meglio riparare al peccato di sodomia facendo adorazione eucaristica in parrocchia a questo punto, almeno così sono certo di essere in comunione con la Chiesa.

      Elimina
  23. A me sembra evidente che quasi tutti gli articoli firmati da " anonimo " contro i lefevriani, sono scritti dalla stessa persona che si da botta e risposta da solo, ......consiglio un bravo psichiatra, il resto si commenta da sé.

    RispondiElimina
  24. Intanto i furbastri fanno gli affari loro dietro le processioni per la riparazione...
    http://traditiocatholica.blogspot.it/2017/07/super-eroi-sotto-casa-nostra-e.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Triste leggere che influenti ambienti catto-progressisti guardino con rabbia e paura al sano ecumenismo dei valori tradizionali e lo dipingano a fosche tinte, mentre contemporaneamente rilancino, come unica valida ricetta, il loro ecumenismo buonista ed insipido del cosiddetto Vangelo sociale..."

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.