giovedì 10 novembre 2016

Statue nude (rappresentanti migranti) nella chiesa di Gesù e Maria di Siracusa

Un lettore di Siracusa, ci segnala questa notizia che ha davvero dell'incredibile.
Se la chiesa è ancora consacrata, è davvero scandaloso! Soprattutto che la Curia, tramite l'ufficio per i migranti,  abbia concesso il permesso e abbia dato notizia addirittura sul sito diocesano.

 
Comunicato dell'Arcidiocesi:  
"Elisabeth Atkinson del Regno Unito, Ramzi Harrabi della Tunisia, Salvatore Accolla dell'Italia, Francois Koltes della Francia sono i protagonisti della mostra collettiva che si è tenuta nella chiesa Gesù e Maria di via Capodieci nel centro storico di Ortigia a Siracusa. Tutti i giorni, dalle ore 10 a mezzanotte, è stato possibile visitare l'esposizione durante la quale si succederanno anche vari eventi interculturali promossi dall'ufficio diocesano per la pastorale Migrantes".
Perchè tutto questo entusiasmo da parte della Curia? Sembrerebbe inoltre che il signore mussulmano curatore della mostra abbia lo scorso anno permesso di riaprire la chiesa

Peccato che la mostra rappresenti davanti all'immagine della Madonna Addolorata tanti immigrati con enormi genitali: le foto prese da facebook 






Ma, secondo quanto disposto dalla CEI, non è proibito far tenere concerti di musica non sacra nelle chiese?  Invece le mostre profane con tanto di (inutili) nudità sono permesse?
Che clero ipocrita! Che sepolcri imbiancati. 

Roberto 

ADDENDA e PRECISAZIONI
Ci ha contattato il parroco nella cui parrocchia è la chiesa di Gesù e Maria, il quale conferma che negli anni 30 o 40 l'edificio sacro è stato sconsacrato e adibito ad uso profano con decreto di mons. Baranzini. La premura del parroco, autorizzando la mostra, era incentrata sul delicato tema dei migranti che la popolazione di Siracusa vive di prima mano con accorata preoccupazione (tema che però non era messo in questione nè ne avevamo contestato l'opportunità: ci aveva fatto riflettere solo il fatto della nudità delle statue stilizzati, che era stato motivo di "scandalo" in alcuni lettori). 
Ringraziamo sia il lettore per la segnalazione sia il reverendo per le precisazioni. 
Ma, come un commentatore fa notare: se era sconsacrata dagli anni 30 e non si celebra più la Messa da 50 anni (come dice il parroco)... dagli anni 30 agli anni 60 si è detta la Messa in una chiesa sconsacrata?

8 commenti:

  1. Protestiamo alla Congregazione dei Sacramenti e del Culto Divino !!!!!

    e-mail: cultdiv@ccdds.va

    RispondiElimina
  2. Egregi Signori, mi basta dirvi che la Chiesa di Gesù e Maria è abbondantemente sconsacrata dagli anni trenta del secolo scorso, è stata magazzino e granaio durante la seconda guerra mondiale, teatrino parrocchiale, asilo, ecc... Oggi è un semplice salone parrocchiale restaurato, in cui non si celebra la S. Messa da una cinquantina d'anni... Mi preme inoltre sottolineare che non ci sono nudità nelle immagini, ma solo delle figure stilizzate di legno rappresentanti i migranti morti in mare: messe dinanzi all'Addolorata testimoniano la sofferenza della Madre perché suo Figlio é morto in croce per i peccati miei, vostri e di tutta l'umanità: la sofferenza umana (compresa quella dei migranti) é frutto di essi e lei continua a soffrire... Andate cortesemente a cercare le vostre polemiche da un'altra parte, grazie. Sac. Alfredo Andronico, parroco di San Martino (...e quindi anche di Gesù e Maria)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Reverendo,
      onorati che ci legga. che ci fossimo posti anche noi il quesito sulla sconsacrazione della chiesa, lo si evince dalla seconda riga del nostro post.
      Poi: se una chiesa è sconsacrata, è vero che è sufficiente togliere il Santissimo e rimuovere le formlle/croci unte durante la consacrazione, ma è anche prassi che se l'edificio è poi usato per usi del tutto profani (come mostre non religiose) siano rimoesse anche immagini sacre, supellettili ecc. LAsciare la via crucis, il crocefisso e la statua della Vergine in un luogo in cui vengono esposte immagini nude (stilizzate o non), è inopportuno e, come vede, scandalo tra i fedeli (prova ne è la segnalazione infastidita di diversi fedeli al nostro blog.
      Ora: se per evitare scandalo il sacerdote non deve negare la S. Comunione a chi sa non meritarla, perchè generare scandalo lasciando le sacre immagini, care alla devozione popolare, in un ambiente totalmente profano e adibito a manifestazioni di dubbio gusto?
      La Sua esegesi della mostra e sul perchè di certe scelte non convince proprio. Vuole forse conoscere meglio Lei i motivi per cui l'Addolorata piange?

      Elimina
  3. Egregio signor Roberto, non mi va di innescare un botta e risposta troppo lungo, che porterebbe più a cercare di distruggerci umanamente che ad edificarvi in Cristo. La situazione dei migranti é una questione che il nostro territorio e la nostra diocesi vive ormai da un paio d'anni in maniera drammatica... Da qui la decisione, da me presa come parroco, di darle risonanza anche dal punto di cristiano. Circa i motivi per cui l'Addolorata piange, chiudo facendovi dono di un testo magisteriale bellissimo e assai caro a noi siracusani, che sono certo apprezzerete: https://w2.vatican.va/content/pius-xii/it/speeches/1954/documents/hf_p-xii_spe_19541017_congr-mariano-sicilia.html
    Il Signore ci benedica e Maria ci accompagni.

    RispondiElimina
  4. Ricapitolando:
    la Chiesa è sconsacrata dagli anni trenta del secolo scorso visto che in questo secolo ancora non li abbiamo raggiunti. Ci dice che non si celebra la S. Messa da 50 anni quindi vuol dire che dagli anni trenta(Chiesa abbondantemente sconsacrata) al 1966, cinquanta anni fa si è sempre celebrata la S. Messa in una Chiesa sconsacrata.
    DI MALE IN PEGGIO!!!

    RispondiElimina
  5. Se la Chiesa è sconsacrata e per tanti anni è stata trasformata in teatro, perché ci avete ricollocato un altare, un Cristo, una Madonna?
    che senso ha esporre le statue con falli sproporzionati e evidenti in un luogo adibito a spazio sacro con tanto di altare e Crocifisso sopra l'altare, epperò sconsacrato?
    Se la situazione dei migranti è critica, quali risorse la diocesi state mettendo in campo? non mi pare che la diocesi la vive in modo così drammatico, avete un grande arcivescovovado vuoto, pochi seminaristi, riempite le stanze di profughi allora e fate la carità, invece di mettere falli davanti a Maria Santissima.

    RispondiElimina
  6. Povera Santa Madre addolorata e povero Santo Figlio! Che oltraggio e che obbrobrio! Vergogna!

    RispondiElimina
  7. VERGOGNA,QUESTO E' IL RISULTATO DI QUESTA FALSA CHIESA DI BERGOGLIO

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.