domenica 7 febbraio 2016

Il Giovedì Santo della Chiesa: aspettando il trionfo (annunciato) del Cuore Immacolato di Maria!

Il tempo che stiamo vivendo è il Giovedì Santo della fede.
StampaTv    ha postato, alcuni giorni fa, il video del Papa "rattristato per il calo delle vocazioni" che fra l'altro ha detto: “Vi confesso che a me costa tanto quando vedo il calo delle vocazioni. La comunità invecchia". 
Strano. Con Benedetto XVI c'era stata una fioritura di vocazioni: sarebbe il caso che ora il Papa a questo punto  si ponesse qualche domanda e che si desse qualche risposta?
I recenti attentati perpetrati contro il Santissimo Corpo e Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo indebitamente consegnato, come  un atto politicamente umano, agli eretici ( questa è la qualifica per chi si pone al di fuori della Dottrina e del Magistero)  sono il ripetersi del tradimento nei confronti di Nostro Signore.
La Chiesa ci insegna che il peccato (= la distribuzione del Santissimo Corpo di Cristo  a dei fratelli separati che non credono nella  Transustanziazione) indebolisce tutto il corpo ecclesiale.
Le vocazioni svanite non sono forse un segno con il quale il Signore vuole ammonire gli uomini di chiesa che è arrivato il tempo del ritorno alla retta dottrina incardinata in una sana disciplina che rifugga il lusso e il borghesismo ecclesiale?
Inutile fare finta di stracciarci le vesti a causa del recentissimo adeguamento delle "rubriche del Messale di Paolo VI" e del "Coeremoniale Episcoporum"quasi fosse un'(auto) giutisticazione per una serie  di "variazioni sul tema" del rito della lavanda dei piedi durante la Messa del Giovedì Santo (il "mandatum").  
E' lo spirito della "rivoluzione liturgica permanente"  di bugniniana impostazione (che riuscì persino a partorire le subito dimenticate "preghiere eucaristiche per la messa dei fanciulli", "capolavoro" di  sterile orizzontalismo  liturgico )  che gradatamente ha  permesso alle donne di amministrare la Santa Comunione durante la Messa  autorizzando pure la prassi delle chierichette.
Quanto giovano ad un'armonioso consolidamento vocazionale di un giovane  queste dissonanti note di razionalismo carismatico/protestantico che sembrano caratterizzare l'attuale pontificato? 
"Abyssus abyssum invocat": chi di populismo-razional-carismatico ferisce ( preferendo alla luce del Vangelo i filtri colorati costruiti dalle abili mani dell'uomo ) di populismo-razional-carismatico perisce.
L'opera dei demolitori della Chiesa si prefigge di equiparare i sacri ministri al solo "sacerdozio comune" dando ragione dopo 500 anni ai luterani attraverso  la distruzione del sacerdozio cattolico dissolvendo conseguentemente la radiosa civiltà cristiana.
Gli scandali, i terribili scandali di cui si sono macchiati negli ultimi decenni gli uomini di Chiesa sono stati generati unicamente dal dissolvimento della dottrina del Sacerdozio e della disciplina ecclesiastica .
Sappiamo a chi giova tutto questo ...
E' necessario che la purificazione della mistica sposa di Cristo avvenga secondo i piani del Suo Cuore Santissimo : non dobbiamo perciò angustiarci se l'immagine esterna della Chiesa sarà privata di quel "fasto trionfale" che per secoli le ha fatto da manto regale come si addice alla Sposa del Re.
Ieri (6 febbraio) dalla Basilica Vaticana dove sono esposti i corpi dei Santi Cappuccini Pio da Pietrelcina e Leopoldo da Castelnuovo il Papa ha esortato a perseverare nella preghiera che è «la più grande forza della Chiesa», che mai va lasciata. Altrimenti «si rischia di appoggiarsi altrove: sui mezzi, sui soldi, sul potere; poi l’evangelizzazione svanisce e la gioia si spegne». La preghiera, «come amava dire Padre Pio, è “la migliore arma che abbiamo, una chiave che apre il cuore di Dio”».
La preghiera consolida anche la certezza che quest' ondata progressista , modernista e iper razionalista che sta mortificando le vocazioni e tutto il corpo ecclesiale lascerà presto il posto al trionfo del Cuore Immacolato di Maria! 
AC

25 commenti:

  1. L'aria di Roma fa male al conservatore africano.
    Se riflettiamo il Cardinale Arinze era quello delle chierichette.
    Il Cardinale Sarah invece quello della lavanda dei piedi alle donne.
    Un Papa conservatore africano istituirà le diaconesse?
    Bisogna pensarci perchè il nostro amatissimo Pontefice Massimo non è eterno e verrà il triste pomeriggio in cui bisognerà rottamare la ford focus.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un Papa conservatore africano farà senz'altro bene.
      Già messe le mani avanti? Uff ! Che noia ...

      Elimina
  2. Le vocazioni fiorivano sotto il pontificato di Benedetto XVI? Ma dove? Ma quando? Le vocazioni nell'Occidente sono costantemente in calo ovunque (eccezion fatta per alcune "isole felici", in cui le vocazioni né diminuiscono più né aumentano: rimangono costanti nell'esiguo numero che già sono).
    Se le vocazioni fiorissero a seconda del Papa di turno, ci sarebbe da preoccuparsi sulla qualità di queste vocazioni! La Chiesa è di Cristo non del Papa! Chi chiama è Cristo, non il Papa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi è il futuro di ieri.
      Quali giovani dovrebbe vocare NSJC se sono stati abortiti a milioni e si trovano nel limbo?

      Elimina
    2. E' vero che la chiesa è solo di Cristo.
      E' pur vero che nel pontificato di BXVI , che ha cercato in tutti i modi di imprimere importanza alla liturgia, linfa vitale della comunità ecclesiale, le vocazioni erano fiorite.
      Non lo dico io ma le statistiche numeriche.

      Elimina
    3. Dal 2002 al 2012: in Italia: - 1700 sacerdoti diocesani circa; -2800 religiosi circa; -20000 religiose cifra. Stesso periodo in Francia: -4000 diocesani, -1000 religiosi, -12000 religiose (in alcune diocesi francesi la Chiesa cattolica è quasi completamente estinta: es., in Corsica); Irlanda: -500 diocesani, -200 religiosi, -2000 religiose, ecc ecc ecc. Le statistiche sono simili anche in riferimento a Spagna, Portogallo, Germania, Stati Uniti.
      Dov'è che sono fiorite le vocazioni sotto il pontificato di BXVI? A quali statistiche fa riferimento? In occidente il declino è costante da decenni ... Le vocazioni fiorivano in altro tempi! Oggi "fiorire" significa massimo "rattoppare le perdite" accogliendo giovani sacerdoti asiatici o africani.

      Elimina
    4. Le dirò di più. Nel seminario della mia diocesi ci sono 30 seminaristi di 3 diocesi e 2 ordini religiosi. Il numero è costante da qualche anno. Nessuna fioritura, solo un tamponamento delle perdite.

      Elimina
  3. La Riforma della Riforma liturgica ossia la vera implementazione della Sacrosanctum Concilium l'aveva cominciato a fare Benedetto XVI. Per strane e tenebrose (sic) circonstanze, Papa Ratzinger si e' dimesso e bloccato tutto. Non sara' Bergoglio ha inganarmi portando a Roma le venerate spoglie di san Pio e san Leopoldo. Lo conosco bene. Che si faccia pubblico lo informe del padre Kolvenbach allora Preposito Generale della Compagnia di Gesu' sconsigliando la domanda del card. Quarracino a Papa Giovanni Paolo II, di nominare Vescovo ausiliare di BB AA al gesuita Bergoglio , uomo intrigante e ipocrita. Talvolta, allora, interemo molte cose... Mentre ascoltiamo il Vescovo Atanasio Schneider: quello che Dio Padre ha stabilitito con la Sua Autorita', non toca a noi saperle. Il trionfo di Maria averra' nell giorno stabilito dalla Provvidenza, affretatto per le nostre preghiere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bergoglio vuole imporre alla Chiesa, la sua ideologia pastorale che nel suo paese conosce solo fallimenti, come vi potranno testimoniare, se volete, sacerdoti argentini.

      Elimina
  4. Un po' difficile sostenere che gli scandali siano solo negli ultimi decenni....sono venuti alla luce perché giustamente Benedetto XVI ha dato una svolta con le nuove norme sulla pedofilia....ma i pedofili c'erano anche prima eccome! E non dopo il Concilio...solo che erano ben coperti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel che ha scritto An.16:32 è perfettamente vero solo che gli ultra tradizionalisti attribuiscono solo la colpa alle vicende conciliari.
      Indubbiamente l'allentamento della disciplina ecclesiastica ha provocato tutto quel che purtroppo vediaamo in Tv ( le iene) e leggiamo nei giornali.
      Uno schifo chee deturpa il volto della sposa di Cristo.

      Elimina
  5. Gli scandali nella Chiesa hanno esistito da sempre. Da 2000 anni. Papa Giovanni Paolo sapeva bene che il peccato e' lo scandalo. Chi da noi e' senza peccato ? Il Cardinale Mindszenty diceva che la miglior difesa e' un buon attaco. Ma se tu non ti difendi... Papa Benedetto non ha voluto difendere la Chiesa ! Conosci il caso Wikileaks ? Sempre la stessa scusa per tacere le labbre. Il metodo usato da Hitler, Stalin e Obama.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nello sbandamento seguito al CVII, Ratzinger ha difeso la Chiesa da modernisti, sincretisti, ecumenisti senza verità, movimenti pseudo cattolici, teologi ed esegeti deviati col suo multiforme,alto magistero, contro lupi rapaci ed ignoranti, che rimmarrà patrimonio della Chiesa, come quello di grandi papi.

      Elimina
  6. Non ha voluto o non ha potuto perché glielo hanno impedito?

    RispondiElimina
  7. Se rispondo saro' chiaro: il Cardinal Daneels comincio' subito dopo il Conclave 2005 a manovrare contro Ratzinger. Percio' nella Messa Inaugurale papa Benedetto parlo de non fuggire per paura davanti ai lupi. Argomento ad hominem. Il Papa stesso -Sua Santita' non mi puo' smentire- afferma il giorno della Sua Intronizzazione che ha paura. E dopo viene Ratisbona, la liberalizzazione della Messa gregoriana ecc. Il Papa fa una grande cerimonia a San Pietro il 6 gennaio 2013 con tutto l'esplendore della Sacra Liturgia. E il colmo. Giorno 11 febraio rinuncia all ministero di Vescovo di Roma. Non all Papato. Certo, per me, glielo hanno impedito. Dallo Scisma d'Occidente la Chiesa non ha vedutto crisi di tanta gravita'. Ma sono sicuro che i traditori piu' presti che tardi saranno scoperti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La crisi è ben più grave di quella dello Scisma d'Occidente, perché allora i contrasti erano solo umani, personali e tra fazioni nazionalistiche, ma non intaccavano il depositum fidei della Chiesa, sulla quale, oggi, si sono infiltrati il relativismo e il modernismo di derivazione protestante. ( E.F.)

      Elimina
    2. Danneels è un rinnegato abortista, degno di far parte della squadra bergogliana, contro il Vangelo di Cristo. Dovrebbe essere bandito dalla Chiesa. Ma già! C'è la misericordia senza verità.

      Elimina
    3. «Le divisioni esistenti fra i cristiani sono uno scandalo per il mondo e un ostacolo per la proclamazione del Vangelo. Alla vigilia della propria passione e morte, il Signore, attorniato dai discepoli, pregò con fervore che essi fossero uno, così che il mondo possa credere (cf. Gv 17,21). È solo attraverso la comunione fraterna tra i cristiani e attraverso il reciproco amore che il messaggio dell’amore di Dio per ogni uomo e donna diverrà credibile. Chiunque getti uno sguardo realistico al mondo cristiano oggi scoprirà l’urgenza di tale testimonianza» (Benedetto XVI, 30.11.2006).

      Elimina
  8. Andad borradlo todo, a que esperais. Es inutil escribir en este blog. O es que os amenazan? O teneis miedo? Cobardes! Jamas volvere a escribir. Es perder el tiempo.

    RispondiElimina
  9. Ho notato che nella mia diocesi ci sono tanti preti giovani ma non seminaristi (eccetto molti nel maggiore entrati almeno 4 anni fa).

    RispondiElimina
  10. Il campo del Signore è infestato di zizzania cosa volete che si semini in quelle condizioni?
    Se per sbaglio cresce una pianta buona essa viene estirpata come se fosse un parassita.

    RispondiElimina
  11. Aggiornatevi un pò. Chiamare ancora eretici i protestanti non serve, almeno adesso. Sono pur nostri fratelli anche se separati. Almeno così dice il Concilio V. II

    RispondiElimina
    Risposte
    1. «Le divisioni esistenti fra i cristiani sono uno scandalo per il mondo e un ostacolo per la proclamazione del Vangelo. Alla vigilia della propria passione e morte, il Signore, attorniato dai discepoli, pregò con fervore che essi fossero uno, così che il mondo possa credere (cf. Gv 17,21). È solo attraverso la comunione fraterna tra i cristiani e attraverso il reciproco amore che il messaggio dell’amore di Dio per ogni uomo e donna diverrà credibile. Chiunque getti uno sguardo realistico al mondo cristiano oggi scoprirà l’urgenza di tale testimonianza» (Benedetto XVI, 30.11.2006).

      Elimina
    2. Non importa ciò che serve ma la verità, che i protestanti affermano essere dalla parte loro. Infatti, si sono guardati bene da un qualsiasi mea culpa, mentre la Chiesa lo ha fatto, magari in modo spesso farsesco.

      Elimina
  12. A la Redaccion de MiL y no quiero que lo publiquen:
    Por que han censurado hasta dos veces los comentarios ? Que es lo que decimos para que hagan esto ?
    Nos censura por decir la verdad ?
    Pero creen ustedes que estamos haciendo el esfuerzo de pensar y escribir solo por que si ?
    Es que ustedes no se han parado a pensar en su incoherencia ?
    Acaso no se deberian mas bien censurar las horribles fotos gay que aun estan en el blog para escandalo de todos ?
    O el hablar de la sodomia de los scouts ?
    O tantos posts indecentes que hemos tenido que aguantar ?
    Eso no es censurable ?
    Miren , no nos tomen el pelo mas. NO.
    Porque cada vez que pongan POSTA UN COMMENTO voy a poner lo que me de la real gana, aunque ustedes lo eliminen despues el mio y el de los demas.
    O es que no nos merecemos un respeto ?
    Pues miren, el que no respeta, NO ES DIGNO DE RESPETO.
    POR TANTO, HAGAN EL FAVOR DE NO ESCRIBIR POSTA UN COMMENTO.
    POR RESPETO, POR DIGNIDAD, DE LA QUE USTEDES CARECEN EN ABSOLUTO.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.