lunedì 28 dicembre 2015

"Il Signore degli eserciti è con noi, nostro rifugio è il Signore di Giacobbe" (Sal. 40, 8). RIto antico: non è pizzi e merletti ma pia serietà, adorazione vera e fede ardente

Giusto così per ricordare agli ipocriti pauperistici conciliovaticanosecondisti che l'aspetto imporntate della S. Messa di San Pio V NON E' pizzi e merletti, non è altari maestosi, ma è essenzialmente rito sublime e comunione in ginocchio.

La S. Messa antica era ed è dignitosa e partecipata anche se tra macerie, chiese bombardate e su altari da campo (di ieri e di oggi), ai tempi di quando inginocchiarsi davanti all'Onnipotente non era un optional da "nostalgici reazionari".

(foto aggiornate 2015)

Di seguito foto tratte da blog Santa Iglesia militante (argentino) e da Populus Summorum Pontificum

?

Italia, Monte Cassino 1944



campo miliatre USA


probabilmente I Guerra Mondiale


probabilmente I Guerra Mondiale
.

.
Truppe Canadesi, celebra p. Dalton

. .
paese francese, 1944



Nagasaki, 1947



S. Messa alla vigilia dello sbarco di Normandia



Manila, 1945



Loiano, Italia, aprile 1945, celebra p. Crowley



Italia, 1945



II guerra mondiale



Germania, 1945



Cattedrale di Colonia, aprile 1945
.

altre foto al link

******************

Queste foto invece sono prese dalla pagina ufficiale del Pellegrinaggio straordinario a Roma del 2013
POPULUS SUMMORUM PONTIFICUM
Non è stato indicato il luogo e il periodo in cui sono state scattate

forse filippine


 ???


 ???


forse messa da Requiem (si veda anche la bandiera a mezz'asta)


???

48 commenti:

  1. Che profonda consolazione mi danno queste foto.

    RispondiElimina
  2. Che decoro la S. Messa a Nagasaky, nonostante la desolazione attorno ed immagino i mille problemi pratici.
    Sconvolgente se paragonato alla sciatteria odierna, ora che tutto è più facile, più confortevole, meno problematico.
    Quando si amava veramente il Sigore e Glielo si diceva anche con lo splendore del culto, e non solo con il servizio ai fratelli, che non è una riscoperta del Concilio, ma si è sempre fatto. 

    RispondiElimina
  3. le nostre celebrazioni...non hanno piu' quel gusto di sacro.....ma di un casino immenso!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Istriano sono pienamente daccordo con te , una volta Tantissimi ani fa andavo alla messa , ero contentissimo, visto che sono quasi cresciuta in un convento dove andavo a scuola dalle suore di Sacro cuore in Francia , era bellissimo con velo sui capeli, ,,, e ora niente di tuto questo sublime e sugestivo essere in chiesa...,,!!! Ma chi lo sa dove arriveremo, sono tristissima , ma non posso cambiare niente di niente ,,,,

      Elimina
  4. Solo noi abbiamo dimenticato come ci si inginocchia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche qualcun altro si è dimenticato come ci si inginocchi....

      Elimina
  5. Extra Ecclesiam nulla Salus14 ottobre 2010 14:31

    Veramente stupende queste foto.

    RispondiElimina
  6. La foto "Italia 1945" è il duomo di Livorno. Il Dio degli eserciti non c'è più, adesso ce quello dell'universo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero confermo che è il Duomo di Livorno. Attualmente nella Chiesina attigua di Santa Giulia ogni giorno e festa di precetto celebra la Messa di Sempre l'Istituto Cristo Re Sommo Sacerdote che svolge anche qui a Livorno un apostolato esemplare.

      Elimina
  7. Bellissime! E che paradosso: nemici ma fratelli. W Gesù W la Chiesa Cattolica

    RispondiElimina
  8. Luis Moscardò14 ottobre 2010 15:08

    Il problema è anche che non c'è più neppure quel Duomo di Livorno....
    Sanctus, Sanctus, Sanctus Dominus Deus exercituum!

    Aggiungo sotto un'immagine della I Guerra Mondiale (Pasubio)

    RispondiElimina
  9. non vorrei farmi interprete .......

    Nel terribile Settembre  1997 ,mi trovai ancora intontito in piazza S. CHIARA .
    Incontrando I pochissimi amici ci domandammo della BASILICA e delle CHIESE in ASSISI senza messa per quella PRIMA DOMENICA dopo terremoto .
    Comparve poco dopo PADRE DONATO e facemmo presente se non era il caso di improvvisare una messa per quella tragica DOMENICA  ....... si improvviso' un altare col tavolo di un bar e non c' era altro .
    Tutte le Suppellettili per la MESSA , furono portate dal Sacerdote ........ trovammo anche un fiore di geranio da mettere sull' altare ........


    .............. ma dopo furono solo lacrime ......... per tutti noi ........ 

    RispondiElimina
  10. Le nostre celebrazioni rasentano spesso la dimensione di un bordello.

    RispondiElimina
  11. <span>Che decoro la S. Messa a Nagasaky</span>

    Hiroshima e Nagasaki non avevano installazioni militari o fabbriche di armamenti. Solo abitanti quasi tutti, e questo forse le ha rese un obiettivo, cattolici, la maggior parte di quanti ce ne fossero in Giappone a quell'epoca.

    RispondiElimina
  12. Il momento più rischioso è quando viene dato l'ordine (da me temutissimo): "scambiatevi un segno di pace" specialmente in celebrazioni cui partecipano adepti di movimenti sedicenti 'carismatici'.

    RispondiElimina
  13. ritengo l' ultima foto del link , qui assente , la piu' significativa di tutte le altre .........

    RispondiElimina
  14. ... condicio e per dimostrare che non sono le trine e gli sbuffi d'incenso a far grande il V.O..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... forse anche loro ...
      Ele

      Elimina
  15. Sarebbero foto da far vedere a certi scout e a certi cappellani militari che troppo spesso celebrano come gli capita per via del particolare scenario in cui si trovano nonostante però non ci siano mai macerie e bombardamenti, questi infatti non si distinguono dai sacerdoti delle foto solo per una mancanza di volontà nel fare le cose per bene?

    RispondiElimina
  16. viva l'esercito e viva la guerra?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La locanda del Belli30 settembre 2013 18:04

      Ah Multinì, che azz' c'entra ?!?

      Elimina
  17. Luis Moscardò15 ottobre 2010 13:18

    ...l'esatto contrario....

    RispondiElimina
  18. Il mio caro nonno mi raccontava spesso questo episodio dell'ottobre 1944. Era la festa del Corpus Domini, il paese era occupato dalle truppe tedesche, (da noi c'era un intera batteria contraerea di militari austriaci ). Quando il S.S. Sacramento usci solennemente in processione per le vie bombardate del centro storico, incrociò una pattuglia di una decina di militi tedeschi che rientrava al loro comando, il sergente tedesco visto arrivare il Re dei Re, (così raccontava il mio caro nonno) urlò alcuni ordini rabbiosi ai suoi soldati, i quali saltarono in fretta giù dal camion e messa la baionetta al fucile...resero gli onori militari al Santissimo Sacramento,, mentre i due autieri un po in disparte, tolto l'elmetto si segnarono e inginocchiarono devotamente.
    E concludeva dicendo: " Serèm nemic,ma gavèem el stèss Signur".*
    *" Eravamo nemici,ma avevamo lo stesso signore".

    RispondiElimina
  19. Prova microfono
    Ruggero

    RispondiElimina
  20. E' la prima volta che scrivo su questo forum, per cui non trattatemi duramente anche se mi presento fuori tema. L'ultima volta mi è stato impossibile scrivere qualcosa perchè da un altro forum mi avevano sconsigliato di scrivere su questo col risultato che ogni commento non veniva pubblicato perchè giudicato troppo lungo anche se scrivevo solo ciao...diavolerie moderne.
    Comunque sia, per presentare me e il mio pensiero premetto che sono abbastanza convinto che ci stiamo per avvicinare alla fine dei tempi.
    Sono cattolico praticante abito a Torino e faccio il medico.
    Sono giunto a tale conclusione oltre che per la vasta mole di segni anticristiani che si vedono con chiarezza (per chi vede) nei media.
    L'abomino della desolazione è cominciato nel 1970 + 42 anni di cui parla l'Apocalisse di Giovanni fa 2012.
    Il 2012 è di derivazione bilica e non c'entra un tubo con i maya cosa inventata dalla propaganda massonica.
    Ero curioso di sapere se qualcuno qui ci aveva già pensato

    ciao, ruggero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ok, dopo questa io me la squaglio.

      Elimina
  21. Il 1970 infatti è stato l'anno dell'attuazione pratica della riforma liturgica "grazie" alla quale ora il sacerdote venera (guarda) il sole anzichè il Corpo di Cristo come aveva già profetizzato mi pare Ezechiele.
    A molti potrebbe sembrare solo un dettaglio il fatto che la messa non venga più celebrata il latino, ma a seguito di ciò (post hoc ergo propter hoc) si è diffusa l'apostasia come aveva profetizzato San Paolo.
    Non so se alcuni di voi come me hanno la sensazione di vivere in un mondo sbagliato (il cavallo verde si porta dietro l'inferno), ma personalmente mi sento molto deluso da questo anticristianesimo trito e ritrito e ancora di più dal falso cristianesimo dei terzomondisti e cattocomunisti di turno.
    Qundi visto che San Giovanni dice che il santuario sarà calpestato per 42 anni dai pagani (mesi=anni, come per Daniele) buon 2012 a tutti.....

    ciao, ruggero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo nel 2013....continui a frequentare la buona Messa di Sempre e vedrà che il mondo le sembrerà meno a tinte fosche mi creda!

      Elimina
  22. Vedo che l'ultimo post qui risale a 2 giorni fa...forse ho sbagliato sede.
    Se qualcuno mi "avvista" gli sarei grato di indicarmi la strada giusta.

    ciao e grazie, Ruggero.

    RispondiElimina
  23. Una risposta esemplare a chi taccia semplicisticamente la Messa di Sempre con "pizzi e merletti"! Queste foto sono la risposta forte del Vero Credente alla sciatteria imperante delle celebrazioni odierne! BRAVI!! FOTO BELLISSIME!!

    RispondiElimina
  24. Scusate ...mica per polemizzare ma...a me sembra che con l'interpretazione delle date e calcoli vari non è che ci avete indovinato molto...

    RispondiElimina
  25. Ogni volta che una persona diversa da Lefebvre usa l'espressione "messa di sempre", a turno uno degli apostoli scoppia a ridere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni volta invece che si usa il termine "messa moderna schitarrata" a turno uno degli apostoli si mette a piangere!!!

      Elimina
    2. E ogni volta che Hierro1973 scrive tutti gli apostoli si mettono a ridere...o a singhiozzare di disperazione!

      Elimina
    3. Brucia eh vedere che la Messa di Sempre era anche più forte delle bombe eh! Altro che chitarre e danze! Ah ah ah!!

      Elimina
    4. Brucia eh vedere che la Messa di Sempre era anche più forte delle bombe eh! Altro che chitarre e danze! Ah ah ah!!

      Elimina
    5. L'unica bomba che la messa di sempre non riesce a fermare è quella che quotidianamente fa collassare il criceto di sempre che gira la ruotina di sempre nella sua testa di rapa di sempre.

      Elimina
    6. Quando si finiscono gli argomenti iniziano le offese e viene a galla la pochezza mentale di taluni....

      Elimina
  26. Come si evince dalle bellissime foto possiamo vedere che la Santa Messa Antica non è stata fermata nemmeno dalle bombe atomiche.
    Cosa volete che nuoccia un modernista? ah ah ah

    RispondiElimina
  27. Le foto sono belle, ma oggi non si può nemmeno pensare a gente così, sono cambiati i tempi, le persone, i preti.......forse, e sto per dire un'eresia, per l'Europa stanca e atea d'oggidì ci vorrebbe una guerra, dolorosa e con strascichi, per far rinascere la speranza e la fede in Dio, è brutto, lo so, ma tutte queste invasioni pilotate, prima o poi sfoceranno in un conflitto.....

    RispondiElimina
  28. Se però sul cofano della macchina fosse stata celebrata una messa no: apritevi cieli! Blasfemia, scandalo e sacrilegio.
    Chi può spiegarmi dove sta la coerenza qui?

    RispondiElimina
  29. Se mi spieghi come si possa fare coram populo sul cofano di una macchina ti offro una birra.
    Se non fossi un poco ignorante ti spiegherei che il Sacerdote stava celebrando una pro defunctis,ma che te lo dico a fà.....

    RispondiElimina
  30. Concordo con la sostanza dei commenti. La quinta foto dall'alto - quella subito dopo le due a colori in cui un Sacerdote celebra sul cofano di una jeep, direi dallo stile delle uniformi che non è della I Guerra mondiale.

    RispondiElimina
  31. Concordo in pieno con il messaggio che queste foto vogliono trasmettere. Mi permetto di aggiungere che a volte, quando oggi vengono celebrate messe VO, vi è il rischio di un certo "eccesso di zelo". Desiderosi di riscattare il rito della messa da troppe celebrazioni improvvisate, sciatte e francamente brutte si "cade" in un fasto che non sempre cade a proposito. Ottimo mi pare l'esempio che viene da alcune celebrazioni monastiche in cui nulla è tralasciato, ma senza esagerazioni "barocche". Antiquario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero concordo con quello che dici, a volte si tende a "strafare" in senso buono s'intende. Ecco perché io personalmente preferisco la Messa letta: perché semplicemente ti lascia "solo" col Mistero di Dio.

      Elimina
    2. Totalmente d'accordo

      Elimina
  32. La vera Messa esalta la vera Chiesa e santifica le anime.

    RispondiElimina
  33. Le foto sono molto pittoresche! Amo viaggiare in Austria. C'è un ottimo albergo http://wellcum.at/it/ dove è possibile rilassarsi. Potete usufruire di una SPA o di una sauna, se sarà noioso - ci sono un sacco di ragazze.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.