venerdì 30 ottobre 2015

Qualcosa nel Sinodo non è "cattolico"? Ecco i punti "sconcertanti"

Esprime fortemente le ragioni dello sconcerto e della confusione sentiti da molte persone alla lettura della relazione finale del Sinodo don Petrucci, superiore del distretto d'Italia della FSSPX (chiamati dall'autore con forte tono polemico "scismatici ultra-tradizionalisti", definizione che MiL non condivide affatto), sottolienando alcuni punti sconcertanti considerati quasi proximi haeresi.
Roberto 

 I Lefebvriani bocciano il Sinodo
da Vatican Insider del 28.102015

Pierpaolo Petrucci, superiore del distretto d'Italia della Fraternità San Pio X: scandalo inaudito, risposarsi è adulterio

«Questo testo sotto certi aspetti costituisce uno scandalo senza precedenti. In esso infatti si chiamano “membra vive della Chiesa” coloro che vivono pubblicamente nell'adulterio affermando che occorre valutare nella pratica la possibilità per essi di accostarsi alla S. Eucaristia “caso per caso”».  I Lefebvriani bocciano duramente la relazione finale del Sinodo sulla famiglia, in particolare per i punti approvati riguardanti i divorziati risposati.

«Si mina così la dottrina sull'indissolubilità del matrimonio come se questa potesse variare in ragione delle circostanze. Lo stesso 6/o comandamento: “Non commettere adulterio” sarebbe così valido  in generale, ma poi occorrerebbe considerare ogni caso particolare, ammettendo in questo modo eccezioni», afferma don Pierpaolo Petrucci, superiore del distretto d'Italia della Fraternità San Pio X.

«Siamo in presenza di una tecnica rivoluzionaria, già utilizzata al Concilio Vaticano II, per sconvolgere la dottrina, introducendo una morale a geometria variabile, non più riferita a principi immutabili ma che si adatta alle circostanze - prosegue - Tutto ciò in perfetta continuità con i dei due Motu proprio di papa Francesco sull'abbreviazione della procedura per l'annullamento dei matrimoni che hanno aperto la via a quello che è già stato chiamato il “divorzio cattolico”».

Secondo don Petrucci, «è questa la nuova, falsa misericordia, non per il peccatore, ma per il peccato. La vera misericordia infatti non consiste nel modificare la morale per giustificare una condotta disordinata ma nel mostrare la gravità del male e spingere il peccatore alla conversione». «Come già affermò il nostro fondatore, monsignor Marcel Lefebvre - aggiunge il superiore italiano degli scismatici ultra-tradizionalisti - stiamo vivendo la Passione della Chiesa che si manifesta sempre più con il tradimento della gerarchia: è il bacio di Giuda; è Caifa che fa liberare Barabba e condanna Gesù a morte. Tacere di fronte a questo scandalo significa acconsentire».

La Fraternità San Pio X diffonde anche una lunga nota del superiore generale Bernard Fellay che «ribadisce la dottrina cattolica di fronte a questi errori diffusi dalle stesse autorità ecclesiastiche», sottolineando tra l'altro che «coloro che deliberatamente vivono insieme in un'unione concubinaria o anche adultera, contro le leggi di Dio e della Chiesa, dando un cattivo esempio di mancanza di giustizia e carità, non possono essere ammessi all'eucarestia e sono considerati come pubblici peccatori».

*
Si veda anche qui: Stiamo vivendo la passione della Chiesa (da Una Fides, 29.10.2015)

7 commenti:

  1. Il tornelliano Vatican Insider non si smentisce mai " gli scismatici ultratradizionalisti"...

    RispondiElimina
  2. Penso che si deve attuare presto. Papa Francesco e' prossimo al'eresia. Vuol distruggere la Chiesa. Si deve attuare come ci insegna San Roberto Bellarmino (De Controversiis). E' opinione personale, ma non si deve perdere tempo. E' in gioco la gloria di Dio e la salvezza delle Anime, come diceva San Bernardo.

    RispondiElimina
  3. Scismatica la FSSPX o piuttosto scismatici coloro che hanno partorito la relazione finale?

    RispondiElimina
  4. No. Quelli che hanno partorito la relazione finale non sono scismatici. Tecnicamente sono prossimi all'eresia.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. Prossimi all'eresia?
    Eretici già lo sono. Prossimi a essere dichiarati tali

    RispondiElimina
  7. Ho letto i due commenti di MiL. Gi ultimi. Mi pare che la Relatio finale del Sinodo e ambigua e lontana della chiarezza della Veritatis Splendor verbigratia. E la Chiesa oggi piu che mai ha bisogno di parole distincte et aperte. Dall'altra parte nella Relatio che ha, certamente, paragrafi di tanta bellezza, si sono clamorose omissione. Per esempio tutto il Magistero preconcilare (capitolo II). D'altra parte, i due Motu Proprio dello scorso settembre, sono , a mio giudizio, di una debolezza teologica, canonica e storica tale che mi vergogno come studioso del Ius Canonicum. Non si hanno consultato tutti i Vescovi che con il Papa a Capo formano il Corpo Episcopale. Questo e' un atacco senza precedenti alla Costituzione Divina della Chiesa. Nemmeno il beato Pio IX per la Ineffabilis Deus, ne il Venerabile Pio XII per la Munificentissimus Deus, ne San Pio X per il Codex 1917, ne San Giovanni Paolo II per il Codex 1983 e il CEC hanno lasciato l'uso di consultare tutto l'episcopato e le Facolta Teologiche, prima di prendere la decisione finale. Non voglio dire di piu'. Siamo di fronte a un Papa che pur richiamando il Concilio Vaticano II, opera contro la Dottrina della Lumen Gentium, contro tutta la Tradizione della Chiesa e attua di forma arbitraria. Esempio, questo Sinodo da Lui manipulato. Questa e' a mio umile parere, la triste verita' che ci ritrae ai periodi piu tenebrosi della bimillenaria Storia della Chiesa.
    Grazie.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.