lunedì 27 luglio 2015

Chierichetto: un servizio all'altare molto importante.

Decalogo del chierichetto.
perchè servire all'altare è  più importante di quanto si pensi.

Pubblichiamo qui un decalogo per chierichetti scritto dallo statunitense padre Dwight Lonecker, pastore anglicano convertitosi nel 1995 al cattolicesimo e oggi sacerdote cattolico.

1) Ricordati che… non sei necessario. Lo so, non sembra un grande punto di partenza… ma è vero: il sacerdote può fare da solo tutto quello che fai durante la Messa. Ciò significa che il tuo ruolo nella liturgia è più che un semplice “essere utile”. Leggi gli altri nove punti per capire bene cosa intendo.

2) Sei un testimone silenzioso. Arrivando in chiesa venti minuti prima dell'inizio della Messa, vestendo la tua piccola talare e preparando la celebrazione, stai dicendo a tutti: “È importante arrivare presto. È importante prepararsi per la Messa. È importante prendersi il tempo necessario”. Ricorda, qualsiasi cosa che fai è vista dagli altri, usa quindi grande attenzione e riverenza.

3) Le azioni dicono più delle parole. Devi presentarti vestito bene per la Messa. Non devi sfoggiare abiti eleganti, perché tanto la veste li coprirà, ma quello che la gente vede deve essere dignitoso. Indossa scarpe nere. Scarpe da ginnastica? Scarponcini da montagna? Calzature da spiaggia? Andiamo… vali molto di più! Nessun dettaglio del tuo aspetto deve attirare l’attenzione su di sé. Qualsiasi cosa che fai deve portare l'attenzione all’altare, non sul ministro dell'altare. Pettinati come si deve e pulisciti da quel che ti resta addosso della colazione…

4) Anche il linguaggio del corpo parla chiaro. Mentre ti prepari per la Messa muoviti un po' più lentamente. Nella processione avanza in modo cadenzato. Viviamo in una vita sempre di corsa: per ascoltare Dio dobbiamo fare silenzio e per camminare al suo passo dobbiamo rallentare. Dio procede lentamente e tranquillamente, il suo è un cammino lungo. Mantieni quindi una postura distinta e muoviti con tranquillità. Non correre. Che tu lo creda o no, ciò aiuta le persone a mettersi nella giusta disposizione per l'adorazione.

5) La processione è più che un semplice entrare in chiesa. La processione è un'antica cerimonia religiosa in sé. Mentre entri in chiesa in processione guidi ognuno alla presenza di Dio. Questo richiama l'Antico Testamento, quando gli ebrei salivano in processione a Gerusalemme e al tempio di Dio. La processione è il tuo guidare il popolo di Dio attraverso la desolazione nella terra promessa. La processione è il trionfo del re che arriva nella sua città. La processione dovrebbe quindi essere fatta con dignità e solennità. Non affrettarti per raggiungere la tua postazione. Sii orgoglioso di essere un servo dell'altare del re! Quando porti la croce in testa alla processione, stai dicendo ai fedeli: “Guardate, siamo chiamati a portare la nostra croce e a seguire Cristo. Questo è lo stendardo della battaglia”. Porta quindi la croce solennemente come un soldato in parata.

6) Portare un libro o un cero ha un significato più profondo di quanto pensi. Porti le candele? Stai dicendo: “Tutti portiamo nei nostri cuori la luce di Cristo che abbiamo ricevuto nel Battesimo.  Siamo la luce nell'oscurità, le stelle luminose dell'universo”. Le candele accompagnano la croce e il Vangelo perché il Vangelo e la croce portano la luce al mondo. Porti il libro del Vangelo? Rappresenti gli apostoli che hanno portato la Parola di Dio al mondo. Ricordi anche a ognuno di noi che siamo chiamati a portare la buona novella dell'amore di Dio al mondo intero.

7) I chierichetti sono come gli angeli davanti al trono. Al “Santo, Santo, Santo” devi inginocchiarti per la preghiera di consacrazione. A questo punto sei come uno degli angeli in adorazione di fronte al trono di Dio. Inchinati profondamente. Suona il campanello con cura e bellezza. Il modo con cui adori in questo momento della Messa parla ai cuori di tutti.

8) Servi all'altare con azioni rituali. Fai un inchino di fronte all'altare. Fai un piccolo inchino di fronte sacerdote e al diacono nei momenti richiesti. Questi piccoli gesti trasmettono ai fedeli una forma mentis rituale. Il rito trascende le nostre persone e ci rende più grandi delle nostre piccole vite quotidiane. Quando servi in questo modo aiuti le menti e i cuori di tutti a levarsi verso l’alto. Le tue azioni siano piene di dignità. Questo linguaggio visivo funziona anche se le persone non ne sono coscienti.

9) Sii orgoglioso di quello che fai. Sii fedele ai tuoi doveri perché Dio è fedele a te. Fai attenzione ai dettagli, perché Dio è nei dettagli. Trasforma le tue azioni in preghiere perché tutto può portare a Dio se lo permettiamo. Quello che stai facendo è un servizio a Dio e aprirà il tuo cuore e lo porterà vicino a lui anche se non te ne rendi conto. Se sei orgoglioso del tuo servizio ti sorprenderai nel renderti conto, man mano, come questa autostima si riflette in tutta la tua vita: dal tuo lavoro a scuola, al tuo impegno nello sport, alle tue amicizie.

10) Sei necessario. Avevo detto che non lo eri? In realtà volevo dire che tu sei molto più che necessario. Sei vitale, perché il tuo non è solamente un ruolo funzionale ma un ruolo simbolico e quello dei simboli è il linguaggio dell'adorazione. Le tue azioni a Messa sono simboliche molto più di quanto tu pensi e il modo in cui si svolge il tuo servizio può avvicinare gli altri Dio. Sei più che necessario, perché la bellezza è più che necessaria e quello che stai facendo è… bellissimo. C'è troppa poca bellezza del nostro mondo. Non sottovalutare la tua importanza!

19 commenti:

  1. e da bravo chierichetto, si diventAVA bravo prete .

    RispondiElimina
  2. Non vorrei sembrare disfattista, ma qua da 'ste parti, chierichetti non se ne vedono più da decine e decine di anni, il sacerdote fa tutto da solo o è aiutato da signore anziane e da casuali diacono adulti.....sottolineo che ho meno di 60 anni, quindi.....

    RispondiElimina
  3. Che bella abitudine i VERI chierichetti e non ministranti colorati o "pretesse" affaccendate. Eh sì da bravi chierichetti si diventava bravi preti, per la devozione ed il rispetto verso il Sacro. Io ho bellissimo ricordi di quando servivo Messa e parlo dei primi anni 80 quindi già nel Novus Ordo ovviamente. Però all'epoca sussisteva sempre un certo decoro.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lonecker, troll ignorante e maleducato! Non sei degno nemmeno di pronunziare il suo nome di bravo Prete!

      Elimina
  5. Ed è anche vero che tu sei satana in persona. Ma un povero quanto pericoloso satanasso che approfitti dei limiti della moderazione. Anche i cretini son pericolosi.

    RispondiElimina
  6. Per favore Moderatori, fate qualcosa per la maleducazione volgarissima dell'Anonimo delle 15,39! Premesso ciò, vorrei testimoniare che il "servizio all'altare" sta rifiorendo nella Forma Straordinaria e non solo: sempre più ragazzi, dai 9 ai 17 anni, partecipano ai campi estivi in tutto il mondo, curati sia dall'ICRSS che dalla FSSP...per non parlare poi della FSSPX.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato tutto segnalato. I "volontari" ( perchè si tratta di volontariato puro) stanno lavorando . Non appena si libereranno dal lavoro tutto sarà ripulito. Scusate.

      Elimina
  7. Scusate l'off topic, ma volevo comunicare sul mio blog preferito quanto segue: sono tributarista e in questi tempi mi sto occupando, fra l'altro, di 730, CU e Unico PF. Ebbene, la maggioranza dei miei clienti che fino al 2014 devolveva l'8 per mille alla Chiesa Cattolica, dopo la falce e martello di Francesco e le figuracce di Galantino, sapete cosa fa? Firma si (anche perché conosce il meccanismo perverso delle preferenze non espresse) ma per GLI ORTODOSSI D'ITALIA!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E l'assistenza spirituale ai preti che consacrano, assolvono e guidano spiritualmente chi ce la fornisce coloro che canonicamente non lo possono fare? E la manutenzione delle chiese antiche e moderne per il culto divino chi fa senza l'8/1000? E la mense per i poveri ( sempre più affollate) chi le allestisce senza l'8/1000 ?

      Elimina
    2. LA FSSPX fa tutto, comprese scuole ed assistenza ai poveri, senza 8 pro mille..

      Elimina
    3. Non sono d'accordo, primo la Chiesa è quella di Roma, secondo perché penalizzare i molti ottimi sacerdoti che ancora operano in maniera ineccepibile? Per me l'8 per 1000 non può che andare alla Chiesa Cattolica.

      Elimina
    4. Certo, tutto ha un limite e l'esasperazione può portare anche a questo. Ma relativizziamo tutto: come detto dall'anonimo delle 17.44 la FSSPX fa tutto senza l'8 per mille. La Chiesa primitiva, iniziando dal gruppo degli apostoli, non è che fosse messa meglio in quanto a gestione delle finanze: il primo amministratore economico era Giuda...
      E anche la solita storia dei costi relativi alla manutenzione delle chiese sarebbe stata importante in periodi storici "normali", ma ora con chiese date agli islamici, altre adibite a sale di concerto e altre ancora ridotte a mere strutture turistiche e con una gerarchia che si contraddice due giorni si e altri due pure su aspetti dottrinali, forse sarebbe il caso di concentrarsi sull'aspetto più in crisi di tutti: quello della fede!!

      Elimina
    5. Così si danneggiano i buoni sacerdoti che pure ci sono, oltre alle attività caritative su cui pure bisognerebbe render più attenta la vigilanza.

      Elimina
    6. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    7. Perdonatemi, sono il tributarista delle 16,27 e non volevo creare un casus belli, volevo solo far presente una realtà...magari locale (sono in Friuli V.G.). Certo, quando faccio notare che da Cattolici dovremmo tutti sostenere la Chiesa Cattolica, mi si risponde che la pubblicità televisiva (costosissima...) non aiuta, parla solo di Terzo Mondo o di immigrati, magari musulmani!!!

      Elimina
    8. Torna l'anonimo (19,09) uscito dalle fogne sataniche.

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il satanico troll non s'accorge del ridicolo. Per lui non c'è bisogno d'acqua santa, ma solo una pernacchia.
      E parla sempre di frox: il subcosciente si esprime.

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.