domenica 4 gennaio 2015

Il Papa crea nuovi cardinali. Ecco i nomi

Card. Suárez Inda
Si noti come ancora una volta purtroppo non abbiano ricevuto la sacra Porpora il Patriarca di Venezia Moraglia, Mons. Léonard di Bruxelles, Mons. Fisher di Sidney, Mons. Cordileone di San Francisco, Mons. Chaput di Philadelphia, Mons. Tartaglia di Glasgow  e mons. Negri. di Ferrara.
Fortunatamente, almeno per ora restano delusi e rosicano mons. Forte e Mons. Marini (Pietro). 
Confermata la regola non scritta di non creare cardinali gli arcivescovi che hanno il predecessore porporato con meno di ottant'anni (Los Angeles, Philadelphia e Chicago, Madrid).
Due soli gli italiani e pochi europei. Privilegiati i vescovi diocesano del "Sud del Mondo" che rendono il concistoro più "catholicus" e internazionale.
Se uno solo è il prelato curiale a ricevere la berretta: Dominique Mamberti,  (Prefetto della Segnatura apostolica), altri curiali quondi saltano il turno (anche perché il loro ufficio non la prevede): i presidenti dei pontifici. Particolare assente, a cui spetterebbe, è però il Bibliotecario di Santa Romana Chiesa, il francese Jean-Louis Bruguès.

Se con Benedetto XVI erano saltate alcune diocesi così dette "Cardinalizie", altre sono state promosse (si veda Agrigento, Ancona per l'Italia, ed altre del mondo).

Due sono gli "amici" della Tradizione: il Card. Alberto Suárez Inda, arcivescovo di Morelia, (Mexico) è stato il primo vescovo messicano a celebrare una Messa nel vetus ordo. Lo ha fatto anche in un’occasione solenne come la notte di Natale del 2013, nella Cattedrale di Morelia (fonte IlTimone) e il Card. Luigi Demagistris, cagliaritano, Propenitenziere Apostolico e segretario del Card. Ottaviani, e collaboratore valente di mons. Perl all'Ecclesia Dei quando quest'ultimo ne era Segretario.

Roberto


Annuncio di Concistoro per la creazione di nuovi Cardinali, 04.01.2015

Annuncio di Concistoro per la creazione di nuovi Cardinali
Nel corso dell’Angelus di oggi, 4 gennaio 2015, il Santo Padre Francesco ha annunciato i nomi dei nuovi Cardinali che nominerà nel Concistoro del 14 febbraio prossimo:


Come è stato già annunciato, il prossimo 14 febbraio avrò la gioia di tenere un Concistoro, durante il quale nominerò 15 nuovi Cardinali, che, provenienti da 14 Nazioni di ogni Continente, manifestano l’inscindibile legame fra la Chiesa di Roma e le Chiese particolari presenti nel mondo.
Domenica 15 febbraio presiederò una solenne concelebrazione con i nuovi Cardinali, mentre il 12 e il 13 febbraio terrò un Concistoro con tutti i Cardinali per riflettere sugli orientamenti e le proposte per la riforma della Curia Romana.
I nuovi Cardinali sono:
1 – Mons. Dominique Mamberti, Arcivescovo titolare di Sagona, Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica.
2 – Mons. Manuel José Macário do Nascimento Clemente, Patriarca di Lisboa (Portogallo).
3 – Mons. Berhaneyesus Demerew Souraphiel, C.M., Arcivescovo di Addis Abeba (Etiopia).
4 – Mons. John Atcherley Dew, Arcivescovo di Wellington (Nuova Zelanda).
5 – Mons. Edoardo Menichelli, Arcivescovo di Ancona-Osimo (Italia).
6 – Mons. Pierre Nguyên Văn Nhon, Arcivescovo di Hà Nôi (Viêt Nam).
7 – Mons. Alberto Suárez Inda, Arcivescovo di Morelia (Messico).
8 – Mons. Charles Maung Bo, S.D.B., Arcivescovo di Yangon (Myanmar).
9 – Mons. Francis Xavier Kriengsak Kovithavanij, Arcivescovo di Bangkok (Thailandia).
10 – Mons. Francesco Montenegro, Arcivescovo di Agrigento (Italia).
11 – Mons. Daniel Fernando Sturla Berhouet, S.D.B., Arcivescovo di Montevideo (Uruguay).
12 – Mons. Ricardo Blázquez Pérez, Arcivescovo di Valladolid (Spagna).
13 – Mons. José Luis Lacunza Maestrojuán, O.A.R., Vescovo di David (Panamá).
14 – Mons. Arlindo Gomes Furtado, Vescovo di Santiago de Cabo Verde (Arcipelago di Capo Verde).
15 – Mons. Soane Patita Paini Mafi, Vescovo di Tonga (Isole di Tonga).
Unirò, inoltre, ai Membri del Collegio Cardinalizio 5 Arcivescovi e Vescovi Emeriti che si sono distinti per la loro carità pastorale nel servizio alla Santa Sede e alla Chiesa. Essi rappresentano tanti Vescovi che, con la stessa sollecitudine di pastori, hanno dato testimonianza di amore a Cristo e al Popolo di Dio sia nelle Chiese particolari, sia nella Curia Romana, sia nel Servizio Diplomatico della Santa Sede.
Essi sono:
1 – Mons. José de Jesús Pimiento Rodríguez, Arcivescovo emerito di Manizales.
2 – Mons. Luigi De Magistris, Arcivescovo titolare di Nova, Pro-Penitenziere Maggiore emerito.
3 – Mons. Karl-Joseph Rauber, Arcivescovo titolare di Giubalziana, Nunzio Apostolico.
4 – Mons. Luis Héctor Villalba, Arcivescovo emerito di Tucumán.
5 – Mons. Júlio Duarte Langa, Vescovo emerito di Xai-Xai.
Preghiamo per i nuovi Cardinali, affinché, rinnovando il loro amore a Cristo, siano testimoni del suo Vangelo nella Città di Roma e nel mondo e con la loro esperienza pastorale mi sostengano più intensamente nel mio servizio apostolico.

130 commenti:

  1. http://traditiocatholica.blogspot.it/2015/01/nuovo-cardinale-mons-edoardo-menichelli.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "E due di questi, il neozelandese Dew e l’italiano Menichelli, si sono schierati a sostegno della comunione ai divorziati risposati e del riconoscimento delle unioni omosessuali."

      http://magister.blogautore.espresso.repubblica.it/2015/01/04/i-nuovi-cardinali-tutto-come-francesco-comanda-lui-solo/

      Elimina
    2. Prima di riportare delle affermazioni onestà e rigorosità vogliono che si riportino le fonti di tali affermazioni altrimenti dobbiamo credere sulla parola di chi le riporta ovvero credere secondo un criterio fideistico. Ho consultato delle fonti attendibili (radio Vaticana) e sia mons. Dew che mons. Menichelli sono di altro parere.

      Elimina
  2. Per chi capisca lo spagnolo, ecco un succinto profilo del numero undici dell'elenco, mons. Sturla, arcivescovo di Montevideo, che pochi mesi fa fece pubblica una richiesta di perdono agli omosessuali "per le continue aggressioni verbali subite da loro dalla Chiesa". Sarà, ahinoi, l'ennesimo porporato della stirpe di Giuda, come già lo fu Bergoglio:

    http://in-exspectatione.blogspot.com.ar/2014/04/una-iglesia-que-mendiga-el-perdon-de.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, dovrebbero far cardinale qualcuno che li voglia al rogo. Possibilmente vivi.

      Elimina
    2. Non si pretende tanto. Basterebbero cardinali fedeli alla dottrina della Chiesa e alla legge naturale.

      Elimina
    3. Cesare Delfino4 gennaio 2015 18:18

      Quadro incredibile!

      Elimina
    4. Il "Nuovo"chi sara' mai? Forse mons . Ricca?

      Elimina
  3. Internazionalizzare ulteriormente il collegio cardinalizio non può che far bene alla CC

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'importante è che difendano la Fede per cui ancor oggi muoiono migliaia di cattolici. L'internazionalizzazione va bene, purché non si contamini la sana dottrina con elementi provenienti dalle false religioni dominanti o comunque presenti in molti dei paesi di provenienza dei nuovi porporati.

      Elimina
    2. Dante Pastorelli sei da ricoverare in TSO (trattamento sanitario obbligatorio)

      Elimina
    3. Tutti li boni Cattolici in TSO!

      Elimina
    4. il cardinale neocatecumenale BLAZQUEZ PEREZ difenderà solo kiko come ha sempre fatto da trent'anni a questa parte

      Elimina
  4. Eletti a difesa della chiesa loyolita, la Chiesa cattolica è un'altra cosa. Quando uno è senza cultura non sopporta le persone più colte e sceglie sempre persone del suo livello o inferiori. Spero solo che l'Italia occupi il Vaticano, tagli l'8 per mille e ci liberi da chi spadroneggia in casa nostra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro, dimentichi che tu non hai una casa tua, ma che semplicemente ti è stato concesso di abitarne temporaneamente - per brevissimo periodo -, una creata da Altri.

      Elimina
    2. Classico discrsetto da fascista. Ma in fondo ognuno è libero di fantasticare immerso nella propria impotenza...

      Elimina
    3. Veramente più che fascista il discorsetto ricorda l'ideologia comunista. Non sono i comunisti i detentori unici della cultura e della verità?

      Elimina
    4. Comunista bolscevico o nazi-fascista per me pari sono.

      Elimina
  5. Finalmente meno italiani. Non si sà come mai in passato SOLO i vescovi italiani erano degni di diventare Cardinali e si vedevano concistori con 40-50% italiani. Il Santo Padre ha sistemato per bene quei vescovi che aspettano la porpora come Moraglia, Nosiglia...e altri...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse vi era motivo.
      All'ultimo conclave solo tre cardinali su 119 sapevano il Veni Creator Spiritus.
      Che sconcio!
      Ma li sapranno almeno i Misteri del Rosario questi nuovi?

      Elimina
    2. credi che al momento di entrare in Paradiso ci sia un'interrogazione scolastica sui misteri del Santo Rosario e, se li sai, ciò basti ad entrare ?

      Elimina
    3. anonimo delle 16.19,
      in tre anni che leggo questo blog non ho mai visto un commento così insulso come il tuo.
      Complimenti!

      Elimina
    4. Perciò te pensi che una delle caratteristiche per diventare Cardinale è sapere il "Veni Creator Spiritus"?!? Mi sapresti dire chi erano i 3? Ridicolo pensare queste cose...SVEGLIATI!

      Elimina
    5. Ovviamente non basta conoscere l'inno menzionato ma abbisogna essere uomini sessuali o almeno gayfriendly!

      Elimina
    6. Oggi la maggior parte dei cattolici vive in America Latina, è normale quindi che da lì arrivino molti cardinali. Inoltre chi è meritevole deve essere cardinale, non c'entra nulla la provenienza se non in un malsano senso di intendere la tradizione. E' che i vari Socci e De Mattei non vogliono rinunciare a certi privilegi che nulla hanno a che vedere con la CC. Ma ripulire la Chiesa è uno dei compiti di Papa Francesco.

      Elimina
    7. Il punto non è quello della conoscenza nozionistica di una preghiera, ma il fatto che la in genere la non conoscenza è indice di cattiva dottrina, superficialità teologica e leggerezza liturgico. Chierici di tal genere non dovrebbero essere nominati neppure Vescovi (meglio ancora se non venissero ordinati sacerdoti) figurarsi Cardinali! Giorgio

      Elimina
    8. Italiani o stranieri, non è questo il problema. La pulizia che deve fare il Papa non ha nazionalità. Socci e de Mattei qui son chiamati in causa fuori luogo.

      Elimina
    9. Il "nuovo?" ignora che i cattolici non sono pi' la maggioranza in Latino America.....Ecche' siamo prima del '58?
      Consiglio: qualche viaggio in quelle lande ex-cattoliche....

      Elimina
    10. Impara a leggere goorka, magari poi scrivi meno stupidaggini.

      Elimina
    11. Caro nuovo prima di scrivere informati.Il latino america grazie a buffoni porporati e no non e ' piu' cattolico.In ottrmperanza alle direttive di Theodore Roosevelt. ..Torna alla tua fogna Gregoriana! Io Argentina,Messico e Brasile li conosco bene.

      Elimina
    12. Circa la pulizia borgogliana l'abbiam vista attuata con mons.Minnie Ricca....Dovrebbe egli infatti dimuire la Sua ansia pastorale verso i sodomiti.Che ne pensa di tal papale faziosita'?

      Elimina
    13. Goorka stai ancora a perdere tempo col Nuovo che riporta quello che troveresti scritto e anche meglio su Repubblica o l'Espresso?? Solo per il Nuovo in America Latina i cattolici sono ancora maggioranza!!!

      Elimina
  6. Sarà interessante vedere se al prossimo concistoro sarà presente anche l'ultimo Papa Ratzinger per un'estorta e finta ratifica materiale delle nomine abusive.

    RispondiElimina
  7. La Porpora deve andare solo ai più DEGNI! ridicolo la porpora in passato a Prelati come Dziwisz...o Sepe!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vogliamo parlare della porpora a don Bergoglio?

      Elimina
    2. La porpora al Card. Bergoglio, Arcivescovo Metropolita di Buenos Aires e la Sua elezione a Vicario di Cristo è il piano che il Signore ha deciso per il Santo Padre. Altre nomine vedono lo zampino di........

      Elimina
    3. Dobbiamo credere solo la Santa Chiesa cattolica non quella loyolitica molinista

      Elimina
    4. ehm che tu sappia ha deciso anche le dimissioni di Ratzinger...?

      Elimina
    5. Ma cosa mi chiedi? La rinuncia di Papa Benedetto?? ma fate domande senza senso proprio. Ogni tanto quando avete tempo..frequentatelo un corso Base di Teologia...non puntate subito al Dottorato in Teologia Dogmatica...

      Elimina
    6. Ci ho provato a frequentare il corso base ,ma sembrava l'arcigay !Parenti e amici mi hanno cominciato a guardare strano.
      Ho dovuto smettere di abbeverarmi alla fonte di rahner,-kasper-kung

      Elimina
    7. Non capisci proprio...corso base un cavolo...era per farti capire che state tralasciando le cose essenziali e assai semplici del Cattolicesimo...voi chi siete per sminuire la figura del Santo Padre? vi sentite sopra a Lui secondo cosa? con il termine "dottorato in teologia dogmatica" volevo riferire che partite da idee non chiare che ci fanno capire il vostro disordine mentale in questo campo ma pretendete di essere "esperti". Lo sanno TUTTI che il Signore ha un piano per TUTTI. niente è al caso.

      Elimina
    8. Sei stato chiarissimo,ma ciò non toglie che al corso base di teologia erano tutti culattoni!

      Elimina
    9. Tutti che?? Sei volgare. Il rispetto per i sacerdoti e i seminaristi?
      Ah è vero.. forse parli dei vostri sacerdoti italiani senza dottrina..

      Elimina
    10. Quanta carità cristiana nelle parole dell'an. delle 16:43! I danni che questa gente fa alla MiL sono enormi ma per alcuni tradizionalisti il problema è ballare il tango a Pz. San Pietro. Non lamentatevi se nessuno vuol avere a che fare con voi, l'aver infettato con certe teorie i FFI ne ha decretato la loro fine.

      Elimina
    11. I FFI non sono stati infettati da nessun volgare propalatore di teorie negative.
      Quanto ai piani di Dio, ci sono, ma la collaborazione degli uomini dove la mettiamo? Se il piano di Nostro Signore fosse quello di eleggere solo papi santi, quanti ne avremmo oggi? Tutti. Eppure non è così. Dio parla e illumina, ma gli uomini, anche in conclave, sono liberi di disobbedire alla Voce.

      Elimina
    12. Quo vadis, Ecclesia militantis ? Dubius papa habetur pro non papa. Sanctus Robertus Bellarminus, Doctor Sanctae Ecclesiae, verba sunt. Tenebras per tota militantis Ecclesia sunt extensas. Homines nulla vident. Basilica Sancti Petri obscurata est. Regnat inimicus homo. Teterrite !

      Elimina
  8. Sul Corriere della Sera giornale tutt'altro che clericale i commenti sarcastici sulla cultura di Bergoglio si sprecano: un papa simile che ripete cose banali e senza senso non l'avevamo mai sentito!
    Bergoglio è un povero frate che non affronta discorsi teologici perché non saprebbe cosa dire, non conosce la nostra cultura e storia, non conosce le lingue a parte il bignamino gesuitico. Pensa solo che L'Europa e Roma siano una delle solite Reduciones paraguaiane loyolite di qui l'equiparazione della nobilissima e grande Venezia con Tonga e Abeba. Un papa simile dovrebbe solo vergognarsi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vergognarsi di cosa scusa? Per averci fatto capire e vedere il Vangelo in una prospettiva più Cattolica? Qui siamo tutti amanti della Tradizione ma dobbiamo riconoscere che il Santo Padre (non chiamiamolo per nome o cognome) esprime con vitalità il VERO senso della dottrina Cattolica. Per il fatto delle grandi Diocesi con titoli Cardinalizi sono solo cavolate del passato. Era una malattia che provocava rivalità tra i Vescovi per farsi nominare in tali Arcidiocesi Metropolitane.

      Elimina
    2. Non ci lamentiamo.
      Con queste nomine Bergoglio ha dimostrato al mondo intero di saper contare fino a venti.
      Non è stato comunque facile spiegare a Sua Eresia che erano le dita di due piedi e due mani.

      Elimina
    3. ahahah ma che dice...povero frate?? ma prima di scrivere ci pensa almeno 2 volte? Tutti sanno la fervida preparazione teologica e spirituale dei Gesuiti...La più Prestigiosa Univeristà Pontificia a Roma è "gestita" dai Gesuiti.

      Elimina
    4. poverino, lei pensa che qui si parlli di aritmetica...

      Elimina
    5. Sua Eresia a chi??? a maleducato! Rispetta il Sommo Pontefice!! ignorante!

      Elimina
    6. Sono tutte cose già sentite con il buon Papa Luciani :
      <>
      Dai Fioretti di Papa Luciani

      Elimina
    7. "Luciani non aveva paura delle critiche che sentiva circolare sul suo stile e il suo modo di parlare. Era schietto e umile. "Io so che ci sono monsignori - dice - ed altri che criticano i discorsi che io faccio e i modi di essere e di fare il Papa ... Qualcuno ha poi definito l'attuale Papa "insignificante". Non è una scoperta. Io l'ho sempre saputo e nostro Signore prima di me. Posso essere una ciabatta rotta, ma è Dio che opera in me"."

      Elimina
    8. Bergoglio non è riuscito a prendere un dottorato in teologia... la cultura teologica di bergoglio è solidamente gesuitica, ma i gesuiti post concilio hanno abbandonato il loro elitismo culturale proprio in nome della opzione preferenziale per i poveri (molta politica e poca cultura)

      Elimina
  9. Povero Moraglia che gia' i venesiani lo facevano Papa....e Nosiglia türinéis...povero lui...niente rosso.. solo viola....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio così.
      Ai nostri tempi la porpora non significa più niente.
      Altro che il sangue rosso del Martire ,ormai il rosso dei cardinali è il famoso rosso vergogna!

      Elimina
    2. Moraglia paga la colpa di provenire dalla "scuola" dell'immenso Card. Siri, e Nosiglia da Asti, feudo del Card. Sodano: la sete di vendetta del Papa argentino non conosce limiti.

      Elimina
    3. Moraglia paga il giusto: la sua inadegiatezza pastorale (mai stato davvero in parrocchia) e la sua incapacità di relazione. Molta esteriorità rituale, ma inconsistenza culturale. Le sue omelie sono un contnuo copincolla. E anello di un cordata ormai finita.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    5. Guarda, Mauro, che neanche tu hai molto coraggio... Ma resta la realtà che Moraglia è stato un ottimo vescovo alla Spezia: un mio amico lì si è formato ed è diventato sacerdote ed è restato lì in una parrocchia. Come agisca a Venezia non so ed ogni giudizio da parte mia sarebbe azzardato. Certo è uomo di sana dottrina e di animo sensibile.

      Elimina
    6. La stragrande maggioranza dei veneziani lo vorrebbe ovunque purchè non a Venezia. Se lo prendano i suoi fans...

      Elimina
    7. Mauro invece è un leone, bollando il Papa con vdr ecc. MA VERGOGNATI!

      Elimina
    8. Molto strano. Un anonimo ...veneziano sa cosa davvero pensano i veneziani? Tra questi ho qualche amico - non legato alla Tradizione, purtroppo - che ne fa grande stima.
      Se vuoi esser credibile firmati.
      Purtroppo pasqualino si presenta in modo multiforme, persino come sedevacantista pur di parlar mal dei cattolici legati alla Tradizione. Ma la REDAZIONE non è riuscito a scovarlo, da anni. Eppure il suo stile è inconfondibile.

      Elimina
    9. Che c'è da stupirsi? Continua l'epurazione dei non allineati da parte del papa "democratco"

      Elimina
  10. Ricordate sempre: Amanti delle Tradizione e non Tradizionalisti!
    Il Santo Padre non deve essere attaccato ma difeso da quei Tradizionalisti che scordano una regola fondamentale della Tradizione: Can 331 " [il Sommo Pontefice] ha potestà ordinaria, SUPREMA, piena, immediata e UNIVERSALE sulla Chiesa, potestà che può sempre esercitare liberamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amante della tradizione è il semplice credente che rispetta e aprrende, anche con un approccio critico, la storia della CC. Quelli di cui parli sono dei poveri reazionari fascistoidi, passatisti depressi che vivono di rabbia e sofismi (sno più i loro blog che loro stessi!). Ma sono sempre meno, anche nelle gerarchie della Chiesa.

      Elimina
    2. papa, ciccio e io, la chiesa di bergoglio e dei suoi amici

      Elimina
    3. Come spesso gli accade, il Nuovo generalizza e la butta in caciara pseudo-politica e pseudo-psicologica.

      Elimina
    4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    5. 'amante dela Tradizione che dirá quando Bergoglio magnificherá a breve Sodomia ed Adulterio?
      Io seguiro ' il Vangelo , san Paolo e un certo Papa S.S. Pío IX que advirtió :¡ "Si un futuro Papa enseñare algo contrario a la Fe Católica, no le sigue!

      Elimina
    6. Bravissimo Anonimo 4 gennaio 2015 16:47 !!! Un po' di sana dottrina cattolica fa sempre bene !

      Elimina
    7. Anonimo4 gennaio 2015 16:47, e sostenitori vari.

      Voi non sapete nemmeno cosa sia la teologia cattolica!

      Il Papa è tutto fuorchè libero come lo intendete voi.
      Voi credete alla libertà liberale, quella di Lutero e della Rivoluzione Francese.

      Elimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una vergogna che il Papa non abbia seguito il tuo consiglio...

      Elimina
    2. No: l'ha seguito eccome! Insieme al suggerito studio del mio vecchio alfabetiere che ho inviatoGli.

      Elimina
    3. Quale sarebbe questo "consiglio"?

      Elimina
    4. E chi sarebbe, di grazia, questo nostro cardinale Giuseppe Ottaviani???

      Elimina
    5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    6. Una fusione tra Siri e Ottaviani (Alfredo).

      Elimina
    7. O forse perché perseguitato da Mani......che si chiama Giuseppe? ??

      Elimina
    8. O voleva dire che il neo Cardinale De Magistris (omonomia col sindaco di Napoli) era segretario del tanto compianto Card. Ottaviani?

      Elimina
  12. Meno male che non è stato nominsto il vescobo ciellino di Ferrara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male ! Infatti sarebbe stato fuoriposto in quanto Cattolico.

      Elimina
    2. Peccato, invece! Mi dispiace per lui e per Mons. Camisasca di Reggio Emilia, perfetto liturgista. Ma già, per Bergoglio la liturgia è un optional.

      Elimina
  13. Per lo meno ci siamo scampati la porpora di Enzo Bianchi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. DEO GRATIAS !!!!!

      Elimina
    2. Non vedo come uno che non crede nella Chiesa come Bianchi potrebbe accettare il cardinalato

      Elimina
  14. Da cattolica fedele alla Tradizione, sono profondamente delusa per la mancata porpora ai miei preferiti:
    Patriarca di Venezia Mons. Moraglia,
    Arcivescovo di Malines-Bruxelles Mons. Léonard,
    Arcivescovo di Sidney Mons. Fisher,
    Arcivescovo di San Francisco Mons. Cordileone,
    Arcivescovo di Philadelphia Mons. Chaput,
    Arcivescovo di Glasgow Mons. Tartaglia...
    E meno male che non è stato già premiato con la porpora il nuovo Arcivescovo di Chicago, Mons. Cupich, e il Vescovo Mons. Forte...
    Mi preoccupano inoltre le porpore agli Arcivescovi di Ancona e Wellington, che al recente Sinodo si sono espressi a favore della Comunione ai divorziati risposati e delle unioni omosessuali!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assai probabilmente, sono stati proprio gli interventi in favore delle unioni omosessuali e della Comunione ai divorziati a determinare le nomine cardinalizie degli Arcivescovi di Ancona e di Wellington; purtroppo, è proprio questo lo stile che connota la "nuova Chiesa".

      Elimina
    2. Glasgow non è sede cardinalizia e neppure S. Francisco. Moraglia, per quel che ha detto ultimamente, è forse meglio che non abbia preso nessuna berretta. Su Menichelli, quest'intervista non mi pare confermare le affermazioni di Magister: Per me il problema non è 'comunione sì, comunione no'. Ma, 'quel matrimonio c'è stato o non c'è stato?'. 'E' nato o non è nato?' ". "Nel mio intervento al Sinodo - prosegue Menichelli - mi sono soffermato sulla 'durezza del cuore' di cui Gesù parla nel Vangelo di Matteo rivolgendosi ai farisei. Anche oggi quanta 'sclerocardia' c'è nella comprensione di questo grande mistero tra l'uomo e la donna che dovrebbe essere il segno visibile dell'alleanza di Cristo con la Chiesa? Ridurre tutto a 'comunione sì e comunione no' mi sembra troppo poco. Per questi fratelli e sorelle serve un accompagnamento. Io lo faccio in diocesi da tre anni, svolgendo incontri mensili con un gruppo di 80-90 persone, divorziati e separati, che vengono, ascoltano, si sentono consolati, capiscono il problema, non sono arrabbiati con la Chiesa e sanno che il cammino della conversione non è né facile, né frettoloso". http://www.news.va/it/news/sinodo-famiglia-mons-menichelli-i-pastori-siano-pi

      Elimina
    3. Se per questo, neppure Ancona, Agrigento o ancor prima Perugia erano "sedi cardinalizie"!

      Elimina
    4. Il vero cammino di conversione è quello di non vivere in una condizione di peccato. Le vie per una sincera conversione la Chiesa le ha insegnate per 2000 anni.

      Elimina
    5. Non ho ancora capito però perché si invoca la porpora per Tartaglia, notoriamente ostile ai tradizionalisti scozzesi. Fa loro la guerra da anni e voi lo volete cardinale?

      Elimina
    6. ....forse non avete capito che si sta orchestrando per poter agire liberamente ad ottobre!!!
      SVEGLIAAAAAAAAAAAAAAA

      Elimina
    7. Le vie per una sincera conversione la Chiesa ortodossa (soprattutto quella greca) le ha insegnate per oltre 1000 anni.

      Elimina
    8. Anonimo ortodosso, parla ai tuoi. Non abbiamo bisogno di uno scismatico ed eretico per far rinsavire i matti cattolici. Ci possiamo pensare noi, oltre alla Provvidenza

      Elimina
  15. mah............insultate Mons PIERO MARIN???? tranquilli lo diventerà alla faccia dei tradizionalisti idioti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non Piero MARIN bensì MARINI

      Elimina
    2. Lo ammira talmente tanto da non sapere neanche come si chiama.

      Elimina
    3. Ragazzi, non rispondete a quelli che con tutta evidenza sono provocatori da quattro soldi, per giunta sgrammaticati

      Elimina
  16. attendo con amarezza il prossimo sinodo sulla famiglia,e se come purtroppo prevedo si troverà l l escamotage pastorale per far passare unioni omosessuali e Comunione ai divorziati, sarò costretto a dar ragione alla fsspx e a frequentare la S Messa da loro e con enorme gioia non dare più il mio otto per mille a preti indegni . Demetrio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa minaccia si legge da sempre soprattutto da gente che già non dà l'8/1000... Comunque siete quattro gatti, non se ne accorge nessuno.

      Elimina
    2. HAI PERFETTAMENTE RAGIONE !!! Ricordiamoci che il papa ha chiaramente detto che dove c'e' amore c'e' Dio quindi nell'essere omosessuale non c'e' niente di male (chi sono io per giudicare?), non vedo l'ora che arrivi ottobre voglio proprio vedere cosa direte e se avrete il coraggio di andare contro colui che governa la Chiesa e da cui derivano tutte le decisioni!!!
      Papa Francesco continua cosi e aggiorna questa Chiesa che non puo' essere solo di pochi ma di TUTTI !!1

      Elimina
    3. HAI PERFETTAMENTE RAGIONE la nuova chiesa aggiornata di Bergoglio è di TUTTI gli invasati come te.

      Elimina
    4. Essere omosessuali non è una colpa. La pratica omosessuale sì, come la fornicazione etero, in qualsiasi forma (adulterio, vizio solitario, rapporti prematrimoniali ecc.). Non credo che il Papa potrà mai dar il via ai rapporti sodomitici. In tal caso sarebbe ispirato da Satana e non dallo Spirito Santo. Un conto è l'accoglienza al peccatore, un altro farlo perseverare nel male.

      Elimina
    5. per il nuovo:saremo in pochi ,insignificanti,ma per quel che mi riguarda mi sentirò a posto con la mia coscienza per non aver contribuito alla distruzione della dottrina cattolica.Ne subirò le conseguenze non adeguandomi al clima ,ovvero irrisione,denigrazione,ostilità nelle attività parrocchiali ecc..ma tutto e stato previsto,perciò..pazienza.Per chiudererla con un sorriso,le comunico che quel mancato 8 per mille mi costerà il doppio perchè oltre a versarlo obbligaatoriamente, darò il mio obolo a quelle opere degne del nome cattolico.demetrio

      Elimina
  17. Non dimentichiamoci di ringraziare il neo Cardinale Luigi De Magistris http://traditiocatholica.blogspot.it/2015/01/un-grande-grazie-al-nuovo-cardinale.html

    RispondiElimina
  18. E qui c'è il ringraziamento a Mons. Menichelli di Ancona-Osimo:
    http://traditiocatholica.blogspot.it/2015/01/nuovo-cardinale-mons-edoardo-menichelli.html?m=1

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un post che cerca di "rendere testimonianza alla verità" (Gv 18,37)
      solo per quanto concerne il buon trattamento che i fedeli legati alla liturgia tradizionale hanno avuto da quel Vescovo.

      Elimina
  19. dopo aver letto tutti i commenti, incredibilmente divertenti; alcuni si salvano per il loro stile sincero, pero' quante fregnacce! Bisognerebbe avere il coraggio di abolire il cardinalato! eredita' lasciataci dal Medioevo egocentrico e affamato di terreni e titoli.
    Il Romano Pontefice e' prima di tutto Vescovo di Roma, quindi dovrebbe essere eletto dai fedeli della Diocesi di Roma, che potrebbe essere un cristiano battezzato di qualsiasi continente; cosi' si eviterebbero tante fregnacce che accompagnano immacabilmente questo blog. Comunque spero sia stata notata la mancanza al cardinalato del Monaco Enzo Bianchi che molti in questo blog temevano la nomina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tempo al tempo...,
      Raphael!...
      Purtroppo è solo questione di tempo!!!

      Elimina
    2. Il popolo romano di oggi eleggerebbe Renato Zero, ieri avrebbero eletto Sordi, Rascel o Claudio Villa.

      Elimina
    3. Il Sommo Pontefice eletto dai fedeli di Roma? ma qua siete 90% eretici? commenti inutili proprio. E poi navigate su un blog che predilige la Tradizione...l'idea che scrive è da vero ignorante ed eretico. poi Gianpaolo....ma quale tempo al tempo...state tutti fuori...

      Elimina
    4. Raphael Fodde, lei ha scritto per farci divertire o crede sul serio a quello che scrive ???

      Elimina
  20. Peccato fratello Fodde per Enzo Biagi!
    Lui si che meritava la porpora!

    Ma a quanto pare il tuo commento e` quello che contiene il massimo delle stronzate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rileggendo il mio post credo proprio che tu habbia ragione! infondo abolire il Cardinalato e' una stronzata.

      Elimina
    2. Caro Fodde, che delusione, lo sa che il cardinale laico, cme auspicato per il sig. Bianchi e' retaggio medioevale? Sempre che il Medioevo epoca sublime non le sia indigesto...

      Elimina
    3. Vedo che Fodde non sa scrivere in italiano che le parole volgarissime.

      Elimina
    4. Enzo Biagi o BIANCHI???

      Elimina
    5. Scusa,volevo dire Enzo Miccio.

      Elimina
  21. Comunque la si voglia vedere, le cose sono chiare,il vdr rompe tutte le tradizioni e straccia la chiesa in mille pezzetti insignificanti, come sta facendo con Roma, nel 2017 ci saranno 2 importanti date, il centenario di Fatima e il 500nario di Wittenberg, vedremo come va a finire....mala tempora currunt.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari corressero più velocemente!

      Elimina
    2. Ricordiamoci le profezie della Emmerich e della Neumann sul 2017

      Elimina
  22. Mi rivolgo pubblicamente alla redazione. Trovo opportuni e molto interessanti gli articoli che pubblicate. Molto meno “formativi” sono diversi commenti dei lettori, alcuni seri, alcuni piacevoli e arguti, altri troppo spiritosi, alcuni allusivi, alcuni volgari. Non sarebbe più utile chiedere ai lettori che intervengono di esprimere le proprie opinioni con termini lessicali più consoni, più intonati al nome del Blog? Un confronto responsabile e civile - con le altrui opinioni, condivisioni, osservazioni e critiche - favorirebbe meglio l’approfondimento degli argomenti da voi proposti al fine di stimolare reciprocamente il nostro arricchimento "spirituale" nella fede cristiana. Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciò che tu chiedi è impossibile perché è ammesso l'anonimato o l'uso di nick. Tolleranza che ho sempre combattuto in solitudine e
      tra attacchi di neocat e modernisti scatenati e sedevacantisti non da meno.

      Elimina
    2. Non è la certezza anagrafica di chi posta messaggi a garantire la verità delle sue affermazioni! Perchè è tanto ossessesionato dal "chi" e non dal "cosa"?

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.