mercoledì 25 dicembre 2013

Santo Natale a tutti (persino ai modernisti)


King's College Choir, Cambridge

50 commenti:

  1. Buon Natale a tutti (persino ai modernisti)... quanto siete stucchevoli, sciocchi e inappropriati, persino a Natale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dario si è visto allo specchio: stucchevole, sciocco ed inappropriato...persino a Natale. I modernisti (ai quali probabilmente egli appartiene) sono degli eretici, e come tali vanno trattati.

      Elimina
    2. Persino a Natale Lei vuole litigare? si capisce che era una battutta simpatica - serious Catholics want the salvation and good for everyone - persino i modernisti - che hanno devastato La Santa Chiesa Romana Cattolica - may Our Lord have mercy on us all...including them. We cannot outdo Our Lord in generosity....
      BUON NATALE A TUTTI!

      E.

      Elimina
    3. Dario, che PhkiAkhiuhjgLLjhdjshfdyugfE

      Elimina
    4. Già, le colpe sono di tutti tranne che vostre.. ma finitela!
      Buon Natale a tutti (anche ai tradizionalisti)

      Elimina
    5. Quando si dice la coda di paglia eh!
      Buon Natale a tutti.

      Elimina
  2. Un buon Natale, ma non ai modernisti. Sarebbe lo stesso che desiderarlo ai luterani. No! Santa Margaret Clitherow non lo farebbe!

    RispondiElimina
  3. Faccio mia questa saggia osservazione , a cui è difficile replicare tant'è fondata del comune buon senso civico e cristiano : " Buon Natale a tutti (persino ai modernisti)... quanto siete stucchevoli, sciocchi e inappropriati, persino a Natale! "
    Buon Natale a tutti i cari fratelli in Xsto Gesù !

    RispondiElimina
  4. In tutta onestà, trovo maggiormente stucchevoli, sciocchi e inappropriati quei tali che, persino a Natale!, antepongono il titolo "don" al nome di diaconi permanenti completi di moglie e prole. Comunque, dai, buon Natale anche a questi cialtroni.

    RispondiElimina
  5. Buon Natale a tutti!
    Anche a quelli che per tradizione o modernismo continuano a martellare i chiodi di Gesù crocifisso.
    Gesù, che ci vuole fratelli, che ci vuole UNO nella carità ...
    Buon Natale del Cuore!
    Ma per chi farà un natale come il mio...buon appetito ;-)
    Stefano

    RispondiElimina
  6. Buon Natale a tutti.

    RispondiElimina
  7. Gli auguri di un Natale santo e santificante a tutti debbon esser rivolti, a maggior ragione a coloro che dalla Chiesa si allontanano o ne son già lontani o che la combattono o che la stravolgono dall'interno. E per tutti, ma per costoro in particolare, si deve pregare. Perché ritornino nell'unico ovile.

    RispondiElimina
  8. Veramente beoti. Complimenti, come sempre, per l'idiozia di chi cura il sito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lucio, che cosa è che ti attrae nel visitare questo sito?
      l'opportunità di poter insultare qualcuno?
      Il tuo insulto ti torna come un boomerang.

      Elimina
    2. Un pfff anonimo!

      Elimina
  9. X Bebo: Tranquillo, è per preparare il terreno alle prossime mirabolanti riforme franceschiane (non francescane)...

    RispondiElimina
  10. Ma un commento al video? vero? Ascoltate e n avrete altro da dire. Fantastico...buon Natale.!!!!

    RispondiElimina
  11. dante pastorelli25 dicembre 2013 18:25

    Proprio la bellezza del video e la dolcezza sublime del canto invitano a pensieri ed auspici di conversione e ritorno all'unico ovile dove soltanto c'è salvezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, Dante, si tratta di anglicani, scimatici ed eretici.. i loro canti, per quanto umanamente gradevoli, non piacciono a Dio (in inglese poi che è una lingua da foresta!) e non possono piacere a un vero cattolico! Se A=B allora B=A, non si scappa, ce lo insegnate voi tradizoonalisti!

      Elimina
    2. Chiedi troppo ai TRISTIANI, come devono essere chiamati i sedicenti tradizionalisti. Del principio di non contraddizione conoscono solo il nome e pensano che sia una clava. Sono dei poveri trogloditi in malafede. Però hanno molte attenuanti.

      Elimina
  12. TROPPO BUFFO QUESTO SITO! E' VERAMENTE UNO SPASSO.

    RispondiElimina
  13. Al King's College non sono anglicani?
    In ogni caso, ogni volta che li ascolto mi vengono i brividi...

    RispondiElimina
  14. gia'!!! imparino da loro anche i Sistini.....

    RispondiElimina
  15. sembrano più cattolici dei cattolici

    RispondiElimina
  16. ho visto ed ascoltato il video ;me lo sono goduto senza se senza ma gioiosamente stupito della sua bellezza e dal cuore nasce un misericordioso BUON NATALE a TUTTI!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se non cattolici,con tale canto danno comunque un buon contributo al Natale.
      Buon Natale a tutti!

      Elimina
  17. Da Cattolico Integrale non me la sento di fare gli auguri di buon Natale a valdesi, sedevacantisti, anglicani, vetero-cattolici ed altri scismatici a cui certamente assicurerò le mie preghiere.

    Buon Natale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a Dio dei tuoi auguri i suddetti personaggi non se ne farebbero comunque un bel fico secco!

      Elimina
  18. dante pastorelli26 dicembre 2013 13:26

    No, Dario. Gli auguri li fo anche a te. Ho detto, mi sembra, sempre che non mi si voglia platealmente fraintendere, che gli auguri di un santo Natale - santo e santificante come io scrivo agli amici - che gli auguri van rivolti a tutti ed in particolar modo a chi , per motivi che non voglio qui rimestare e giudicare, non si trovano nel sicuro unico ovile.
    I canti anglicani? E' in parte ciò che conservano della Chiesa Cattolica Madre e Maestra. Ti dirò di più: l'organista che viene da noi, a S. Francesco Poverino, è anglicano, dell' High Church, che ha il nostro stesso messale. Non frequenta più la sua chiesa d'origine che riconosce eretica e scismatica, ma non si decide al passo definitivo perché teme che ci/gli venga tolta la nostra Messa, la sua Messa, da un altro Paolo VI.
    Da anni frequenta la nostra chiesa, per anni ha portato da noi, la notte di Natale, il coro da lui diretto, ora disperso per il ritorno a casa dei membri. Come vedi, sono "ecumenista".
    Uno dei giorni per me più felici di quest'ultimo scorcio di vita che mi resta sarà quello in cui lo vedrò aderire pienamente e non solo sentimentalmente e dottrinalmente alla Chiesa Cattolica. Ma gli anni incalzano, per me. Forse questa gioia non mi sarà data.

    RispondiElimina
  19. Ma che p.....e, ma come si fa' a non commuoversi di fronte a questo video....non capite nulla se vi fermate alla confessione anglicana o altro. LA MUSICA...L'esecuzione mirabile dovrebbe scaldare il cuore di tutti...ma se vi fermate al resto non capite nulla. Io faccio gli auguri a tutti...Cristo e' nato per tutti.....

    RispondiElimina
  20. Dite quel che vi pare, ma è un coro bellissimo, come la cappella universitaria, paro paro con quelle delle nostre università....ma fatemi il piacere, quando una cosa è bella bisogna riconoscerla, visto lo strazio dei canti natalizi delle nostre pseudochiese, veri e propri templi anonimi e privi di riferimenti non dico cattolici, ma religiosi i....se vi piace così...Auguri per tutti,anche per i dubbiosi e lontani come me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo pienamente. Purtroppo chi si allontana da Dio perde anche il senso del bello perché vive già l'anticipo dell'inferno.
      Per essi il Natale cristianamente inteso non è ancora arrivato.

      Elimina
  21. Gia' bravo anonimo precedente...proprio cosi...alla loro altezza pochi o nessuno per tutto.tecnica vocale, suono, partecipazione corale di un popolo "solo anglicano" ma che fa' vibrare e invidiare . Il canto assembleare nostro a nulla a che fare con il loro, per non parlare delle chitarre...sccc...zitti..ascoltiamo e IMPARIAMO. il solito piemontese.

    RispondiElimina
  22. Come al solito, quelli col dente avvelenato sono solo i provocatori modernisti, adulti ed adulterati. Vivono nell'odio e nella tristezza, che cui possiamo fare? Auguri, anche agli anglicani che, partendo dalla bellezza di alcuni loro riti, possano tornare all'ovile.

    RispondiElimina
  23. Dante Pastorelli26 dicembre 2013 20:58

    Di Ricciotti ne ho conosciuto un altro, grandissimo esegeta, professore di ebraico e storia del Cristianesimo presso l'Università di Bari, al mio primo anno di corso, prima del trasferimento definitivo a Firenze. La sua Vita di Gesù Cristo resta insuperata. Ma tutte le sue opere sono pietre miliari.

    RispondiElimina
  24. Auguri a tutti. Ma una domanda... la fanciulla o fanciullo dai capelli lunghi che porta la Croce, indossa una pianeta, o sbaglio? Davide

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dev'essere una tunicella.
      Come da noi c'è il suddiacono crocifero.

      Elimina
    2. Accidenti, avevo visto male!
      Parrebbe proprio una pianeta, non scorgo ombra mi maniche.
      Allora non saprei, lascio la parola a qualcuno più studiato :)

      Elimina
    3. Infatti: inizialmente avevo pensato anche io ad una Tunicella (come un suddiacono) ma poi guardando bene.... par proprio una pianeta. Ma nel rito anglicano (Book of common Prayer ed altri rituali in mio possesso) non ho trovato nulla che spieghi questo uso.... :-(( Davide

      Elimina
  25. Continuate a parlare di ovile, di ovile, di ovile... ma nel Vangelo di Giovanni Gesù parla solo di gregge, che è tutt'altra cosa!

    RispondiElimina
  26. Il clero cattolico dovrebbe imparare a prendere il meglio dai fratelli separati e non il peggio. Nel caso degli anglicani dovrebbe apprendere l'ars celebrandi. Le cattedrali anglicane (ma anche alcune cattedrali cattoliche inglesi) sono esemplari per la serietà e la bellezza del culto divino. In Italia le cattedrali sono perlopiù luoghi deprimenti, monumenti ad uso dei turisti dove l'ufficio divino non viene celebrato e dove la cura della liturgia (che dovrebbe essere la principale preoccupazione di una cattedrale) è completamente tralasciata.
    I vescovi italiani dovrebbero andare in Inghilterra ad imparare a celebrare la liturgia cattolica. E' paradossale ma è così.
    E dovrebbero sbarazzarsi dei vari centri liturgici italiani, che hanno propagato un'idea di liturgia sbagliata e mortificante, basata su un'ermeneutica falsa e tendenziosa del Concilio Vaticano II.

    RispondiElimina
  27. Dante Pastorelli27 dicembre 2013 12:09

    E il gregge dove si ripara?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello dei Tristiani nel porcile. Quello dei Cristiani nell'ovile.

      Elimina
    2. E il gregge mugghiante che si annida nell'anima dell'anonimo delle 12:31 dove va? Scacciato via da un esorcista bravo.

      Elimina
  28. Dante Pastorelli27 dicembre 2013 13:03

    DARIO. dopo la pausa pranzo, ti prego di rilegger Giovanni:
    1«In verità, in verità vi dico: chi non entra nel RECINTO DELLE PECORE per la porta, ma vi sale da un'altra parte, è un ladro e un brigante. 2Chi invece entra per la porta, è il pastore delle pecore. 3Il guardiano gli apre e le pecore ascoltano la sua voce: egli chiama le sue pecore una per una e le conduce fuori. 4E quando ha condotto fuori tutte le sue pecore, cammina innanzi a loro, e le pecore lo seguono, perché conoscono la sua voce. 5Un estraneo invece non lo seguiranno, ma fuggiranno via da lui, perché non conoscono la voce degli estranei». 6Questa similitudine disse loro Gesù; ma essi non capirono che cosa significava ciò che diceva loro.
    7Allora Gesù disse loro di nuovo: «In verità, in verità vi dico: IO SONO LA PORTA PER LE PECORE. 8Tutti coloro che sono venuti prima di me, sono ladri e briganti; ma le pecore non li hanno ascoltati. 9Io sono la porta: se uno entra attraverso di me, sarà salvo; entrerà e uscirà e troverà pascolo. 10Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l'abbiano in abbondanza.
    11Io sono il buon pastore. Il buon pastore offre la vita per le pecore. 12Il mercenario invece, che non è pastore e al quale le pecore non appartengono, vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge e il lupo le rapisce e le disperde; 13egli è un mercenario e non gli importa delle pecore. 14Io sono il buon pastore, conosco le mie pecore e le mie pecore conoscono me, 15come il Padre conosce me e io conosco il Padre; e offro la vita per le pecore. 16E ho altre pecore che non sono di QUESTìOVILE anche queste io devo condurre; ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge e un solo pastore. 17Per questo il Padre mi ama: perché io offro la mia vita, per poi riprenderla di nuovo. 18Nessuno me la toglie, ma la offro da me stesso, poiché ho il potere di offrirla e il potere di riprenderla di nuovo. Questo comando ho ricevuto dal Padre mio».

    QUINDI, PRIMA DI FAR IL SACCENTE, LEGGI E IMPARA.

    RispondiElimina
  29. Ascoltiamo la musica e godiamoci questo video....e facciamo nostre le parole di S. Filippo Neri..."regola unica...la carita'.....non perdetevi in parole...ascoltate questa meraviglia....il buon Dio non puo' che amare quel popolo che lo onora con il canto del cuore...inglese?latino? francese? italiano? nulla vale se non vi e'...la carita'...lo dice pure S. Paolo...meditatio gentes

    RispondiElimina
  30. Laudetur Iesus Christus ! Semper laudetur !

    Cari Ascoltatori, Cari Amici di Radio Vobiscum,

    In questo tempo dell'Ottava della Natività del Nostro Signore Gesù, auguriamo a tutti vuoi un tempo di Grazia e Benedizioni divini.

    Un sincero ringraziamento a tutti quelli che sostengono il nostro piccolo progetto di "una radio per la Tradizione".

    A mani giunte ! Preghiamo l'Immacolata !

    Viva Cristo Rey !

    Radio Vobiscum - [Germania]

    http://radio-vobiscum.tumblr.com/

    .

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.