venerdì 27 settembre 2013

Culto divino e Ufficio celebrazioni liturgiche: strani fenomeni e nomine minacciose...

 Sul bollettino della S. Sede di ieri 26.09.2013 è apparsa questa lista di nuovi consultori dell'Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice:

● NOMINA DI CONSULTORI DELL’UFFICIO DELLE CELEBRAZIONI LITURGICHE DEL SOMMO PONTEFICE 
Il Santo Padre Francesco ha nominato Consultori dell’Ufficio delle Celebrazioni Liturgiche del Sommo Pontefice i Reverendi:
- P. Silvano Maria Maggiani, O.S.M., Docente di Sacramentaria e di liturgia presso la Pontificia Facoltà Teologica "Marianum" e presso il Pontificio Istituto Liturgico Sant’Anselmo in Roma, Membro del Consiglio Accademico della Pontificia Accademia Mariana Internazionale;
- P. Corrado Maggioni, S.M.M., Capo Ufficio nella Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, Membro del Consiglio Accademico della Pontificia Accademia Mariana Internazionale; 
- P. Giuseppe Midili, O. Carm., Direttore dell’Ufficio Liturgico della Diocesi di Roma, Docente di Liturgia pastorale presso il Pontificio Istituto Liturgico Sant’Anselmo in Roma; 
- Mons. Angelo Lameri, del Clero della Diocesi di Crema, Docente di liturgia presso la Pontificia Università Lateranense in Roma; P. Archimandrita Manuel Nin, O.S.B., Rettore del Pontificio Collegio Greco in Roma.

 Nomine, a prima vista, non eccellenti, a nostro avviso, di cui due dal S. Anselmo... 
Ormai è certo: questi reverendi hanno sostituito quelli precedenti, come risulta dal sito della Santa Sede (http://www.vatican.va/news_services/liturgy/documents/ns_liturgy_20090924_officiali_it.html)

Comunque sia... una nomina, non ancora ufficiale, e speriamo presto smentita, è quella più temuta: da qualche tempo, forse anche solo per "intimorire" e "schernire" i tradizionalisti concordanti rumores (si, perchè il plurale di rumor -latino- non è rumors!) dei sacri palazzi e non, vorrebbero Sua Eccellenza Reverendissima Mons. Piero Marini in dirittura di arrivo alla prefettura del Culto Divino...
Dopo l'allontanamento clamoroso del Card. Piacenza dal Clero, questa sarebbe un'altra pessima nomina, clamorosamente in contrasto con il papa emerito, e dannosa per la Chiesa Universale.
PREGHIAMO!
Roberto

22 commenti:

  1. No ! Quale errore ! Gli attuali consultori sono decaduti e sostituiti da quelli di cui ieri.
    Domani alle ore 12 l'attesa nomina di Mons. Piero Marini a Prefetto della Congregazione del Culto Divino.

    RispondiElimina
  2. I danni alla Chiesa Universale si fanno non fidandosi delle nomine e facendo processi alle intenzioni basati su presunte dicerie di un probabile conto salato di una cena che non s'è neppure consumata!
    Ma dai.

    RispondiElimina
  3. No, non si aggiungono ai precedenti ma li sostituiscono. Al meno i precedenti non appaiono più sulla web dell'ufficcio.

    RispondiElimina
  4. i nuovi consultori non si sommano a quelli vecchi. nella pagina ufficiale dell'ufficio delle celebrazioni liturgiche i vecchi consultori non compaiono più, ci sono solo quelli nominati ieri..

    RispondiElimina
  5. Prendo spunto da queste nomine "sorprendenti" per fare la seguente riflessione.
    Io sto cominciando a pensare che il S. Padre Francesco sia in realtà molto diverso da come finora è stato dipinto (soprattutto dai media assatanati di "progressismo dottrinale").
    Pensiamoci bene: tutte o quasi le analisi fatte finora del suo pur breve pontificato si basano solo ed esclusivamene sui suoi "gesti", con i quali "rompe le consuetudini" come se il fatto che vada in giro su una macchina scassata significhi chissà quale pauperizzazione del papato, e via discorrendo. Ricordo a tutti che se c'è stato un papa che faceva cose simili, e cioé rifiutava i lussi e le ostentazioni, quello era proprio S. Pio X.
    Forse qualcuno non si ricorda che a Venezia S. Pio X impegnò la pietra preziosa del suo anello per dare ai poveri il ricavato, e la sostitui' con un fondo di bottiglia. Tanto per dirne una.
    Adesso, a me sembra che con i suoi "gesti" Papa Francsco abbia seminato un bel po' di confuzione soprattutto tra i "laici": questi credono che tali gesti significhino che il Papa vuole fare contro la tradizione, eccetera. Comincio a pensare che queste siano interpretazioni estremamente superficiali e che il Papa abbia in mente ben altro che questo.
    Forse Papa Francesco sa benissimo cosa sta facendo: si sta prendendo gioco della società dell'apparire, e in questo gioco sta dimostrando di essere più bravo di loro. Vedi la faccenda del digiuno e la preghiera per la Siria: ha fatto credere che sarebbe stata una veglia "buonista" e "ecumenica", poi dopo che ha attratto in questo modo l'attenzione di tutto il mondo, gli ha piazzato li' l'adorazione eucaristica, l'immagine della Madonna sempre in primo piano, le preghiere di Pio XII, e perfino i confessionali in piazza S Pietro...

    Insomma, andiamoci piano a giudicare superficialmente sulla base di "gesti". Fin'ora il Papa NEI FATTI si è dimostrato tutto meno uno che vuole scardinare la dottrina.

    Secondo me, c'è ancora molto da capire su Papa Francesco. Cerchiamo di farlo senza pregiudizi né prevenzioni di sorta.

    RispondiElimina
  6. PS faccio una profezia: scommettiamo che Piero Marini il Culto Divino lo vedrà al massimo da una cartolina?

    RispondiElimina
  7. Marini a prefetto del culto divino avrebbe mezzi più efficaci per portare avanti la riforma della riforma iniziata da Benedetto e mai smentita da Francesco. Piantiamola di vedere complotti anti-tradizione dappertutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. HAHAHAHAHAHAHAHAHA!!!!!!!!!!!!!!
      Anche Totò Riina alla Procura Nazionale Antimafia avrebbe i mezzi più efficaci per portare avanti la lotta contro la malavita^^

      Elimina
  8. Ahimè ! Mi sa tanto che le nuove nomine sostituiscono definitivamente le precedenti.
    http://www.vatican.va/news_services/liturgy/documents/ns_liturgy_20090924_officiali_it.html

    RispondiElimina
  9. Bene mons. Marini prefetto della Congregazione del Culto così non alle celebrazioni non si vedranno piu' apparati da museo, candele sulla mensa del banchetto Eucaristico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! Finalmente sulla mensa del banchetto ci saranno ballerine nude, posacenere e bicchieri di whiskey... era ora che riprendesse questo salutare dialogo col mondo!!

      Elimina
  10. ma come vi permettete di giudicare come " non eccellenti", le persone designate dal Santo Padre..." due poi del S.Anselmo..." come avessero la rogna. Siete i soliti superbi e ipocriti....Per essere bravi occorre essere usciti dalle scuole di Liturgia di biTonto come il vostro Bux?

    RispondiElimina
  11. Da Rorate risulterebbe che nessuno dei precedenti consultori, compreso don Bux, sia stato confermato.
    Qualcuno sa se la notizia corrisponde a verità?

    RispondiElimina
  12. Mi sfugge ... Dove sarebbe la "minaccia" nelle nomine? E con quale competenza si giudicano i reverendi (che non conosco) "non eccellenti"?

    RispondiElimina
  13. Noooo Marini il vecchio noooo con i suoi paramenti paura e liturgie da stadio...

    RispondiElimina
  14. Le nomine non sono in contrasto con il Papa precedente. Ogni Papa si sceglie chi vuole e i liturgisti elencati sono persone competenti. Sicuramente più di quelli che c'erano prima. Altro che nomine minacciose. La Chiesa non ruota attorno ai tradizionalisti o ai progressisti.
    Ad maiora

    RispondiElimina
  15. Antonio Peschechera da Barletta27 settembre 2013 20:10

    Forza con la nomina di colui che disse: dopo di me il diluvio! perdonatemi ma non conosco il francese, la nobile lingua della diplomazia. Forza che se ci mettiamo insieme ai vari governanti e funzionari stolti (tipo qualcuno dal governo francese) finiamo di abbattere e di livellare tutta la Santa Dottrina e così il Vescovo di Roma potrà cedere i luoghi santi della Città eterna per accogliere immigrati di ogni genere e così mentre lui bacia i bambini in una Piazza San Pietro blindata in Siria si continua indisturbati a massacrare i cristiani, cattolici!

    RispondiElimina
  16. Veramente quattro su cinque insegnano a S. Anselmo, anche se la docenza è dichiarata nel bollettino solo per due. L'unico non "anselmiano" è Lameri, che insegna al Laterano.

    RispondiElimina
  17. Giusto a complemento di quanto dicevo prima: il Papa scomunica per eresia sacerdote che ha celebrato nozze gay. http://www.articolotre.com/2013/09/papa-francesco-scomunica-per-eresia-un-sacerdote-favorevole-alle-nozze-gay/208913

    Fidiamoci di questo papa: è saldo nella dottrina e sulle questioni fondamentali della fede non scherza. Forse non gli piace la messa in latino: dobbiamo fargli cambiare idea, tutto lì.

    RispondiElimina
  18. Bene mons. Marini prefetto della Congregazione del Culto così non alle celebrazioni non si vedranno piu' apparati da museo, candele sulla mensa del banchetto Eucaristico
    -----------
    Perché nel NO con l'altare volto al popolo dove sono poggiate le candele? Inoltre ricordati che prima che mensa l'altare è il Golgota.
    Ma si sa, i neocat negano il Sacrificio.

    RispondiElimina
  19. Sappiate che al Sant' Anselmo c' e' il corso di licenza ed il dottorato in liturgia, essi sono specialisti della liturgia,sono famosi per il loro progressismo. Si sa e' una facolta' universale vi insegnano tedeschi, spagnolo e' il numero uno, e' lo studio dei monaci benedettin che spinsero per la riforma liturgica. Un nome noto e' l'abate Scicolone, quello che teneva una rubrica di liturgia su'radio Maria' ed e' stato criticatissimo . L' abate Wolf e' progressista e guida il s.Anselmo.

    RispondiElimina
  20. Posso confermare che nessuno dei cinque ormai ex-consultari, scaduto il quinquennio, è stato confermato.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.