giovedì 13 giugno 2013

Nuovo Priorato della FSSPX in Italia

A distanza di trent'anni dall'ultima fondazione italiana la Fraternità Sacerdotale San Pio X riprende il suo processo di espansione nel nostro paese. In questo lungo lasso di tempo essa ha patito divisioni e defezioni ma, sui tempi lunghi, ha dimostrato una notevole vitalità   

Venerdì 28 giugno infatti il Distretto Italiano della FSSPX potrà festeggiare l'ordinazione di due novelli sacerdoti: don  Enrico Doria e don Gabriele Davino. L'ordinazione avverrà al Seminario di Ecône in Svizzera. Entrambi potranno inoltre iniziare il loro apostolato restando nel nostro paese: don Enrico è stato assegnato al Priorato di Rimini, don Gabriele ad Albano Laziale.

Queste nuove e giovani forze consentiranno quindi l'apertura di un quarto priorato in Veneto. A tale scopo il Distretto ha già provveduto ad acquistare un ampio  immobile adiacente all'attuale cappella di N.S. di Lourdes a Lanzago di Silea. La nuova casa, che sarà probabilmente inaugurata in autunno, sarà guidata, come Superiore, da don Luigi Moncalero e consentirà di potenziare notevolmente l'Apostolato nel nord-ovest.

Nei prossimi mesi è infine attesa anche l'apertura di una chiesa a Seregno.
"Dobbiamo davvero essere grati alla Divina Provvidenza ed alla generosità dei fedeli" - afferma don Pier Paolo Petrucci, Superiore del Distretto d'Italia della FSSPX - "Preghiamo sempre affinché Dio ci doni ancora numerose nuove vocazioni. L'esperienza del pre-seminario si sta rivelando, in tal senso, molto positiva".

Marco Bongi

5 commenti:

  1. Le vocazioni italiane aumentano nella FSSPX e diminuiscono vertiginosamente nella chiesa romana, ormai i nuovi preti cattolici sono quasi tutti stranieri provenienti da Africa o America Latina

    RispondiElimina
  2. speriamo che riescano a prendere anche una chiesa nel veronese cosi da uscire dal turbine dei conciliari che ostacolano la messa antica in Santa TOSCANA sede storica del rito antico in verona

    RispondiElimina
  3. Non sapevo che questo fosse un sito di uomini non in comunione con il Papa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Evitiamo di spacciare la papolatria come segno di comunione con il Papa

      Elimina
  4. noi siamo sempre in comunione con il Papa Vicario di Cristo la domanda sorge spontanea Papa Francesco è in comunione con la Fede di sempre? E col Magistero di tutti i suoi predecessori?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.