sabato 20 aprile 2013

Grottammare ( Ascoli Piceno ) 25 aprile Santa Messa nell'antico rito romano

Grottammare, provincia di Ascoli Piceno - uscita casello Grottammare A 14 - la Città di Papa SISTO V 
Città Alta , Chiesa di San Giovanni Battista (Piazza Peretti ) 
Giovedi 25 Aprile 2013 - Festa di San Marco Evangelista - 
ore 11:00 Santa Messa Cantata 
nel rito romano antico
Celebrerà il Rev.do Padre Bernardino Maria Abate,   dei Francescani dell'Immacolata.  

Alcuni giovani di uno dei gruppi stabili abruzzesi hanno avuto la bella idea di organizzare la Santa Messa preceduta dalla preghiera  per la Chiesa,  il Papa ed i nostri gruppi liturgici .
Attraverso MiL l'invito viene esteso a tutti i  nostri fratelli e sorelle di buona volontà che si identificano con la Tradizione Liturgica disciplinata dal Motu Proprio " Summorum Pontificum " . 
La Santa Messa sarà celebrata  nella bella chiesa parrocchiale di San Giovanni Battista :   ringraziamo per questo squisito gesto di ospitalità   il  Parroco don Giorgio Carini .
Approfitteremo della giornata festiva e della bellezza della cittadina " sistina " per pranzare  in una locanda della Città Alta anche per avere modo di  confrontarci fraternamente sull'organizzazione dei nostri gruppi liturgici , per sostenere con l'affetto e la preghiera alcuni giovani che hanno in cuore di  intraprendere il percorso vocazionale e per proporre, con rinnovato e più incisivo spirito missionario, la celebrazione della Santa Messa nel rito antico soprattutto alle nuove generazioni.
Un'attenzione particolare sarà dedicata al Pellegrinaggio Internazionale di Roma a conclusione dell'Anno della Fede.
Vi aspettiamo !
A.C.
La chiesa di Santa Lucia, Città Alta,voluta dal Papa Sisto V nel luogo in cui si trovava la modesta casa della famiglia Peretti, dove il futuro Papa era nato, e fu dedicata alla patrona del suo giorno natale. Sull’architrave del portale d’ingresso, si legge la scritta : “DIVE LUCIE CAMILLA PIRIEETA DICAVIT”

2 commenti:

  1. I mantellati grigiazzurri faranno brutta fine se continuano a scimmiottare i tradizionalisti. Non è il loro carisma. Hanno creato divisione interna e confusione esterna con il modo con il quale hanno proposto la liturgia tridentina. Hanno fatto fallire tutto. Anziché creare la pax liturgica hanno scatenato la guerra civile.

    RispondiElimina
  2. Leggo dopo due anni codesto commento e sono indignata.Dico all'anonimo che le accuse rivolte ai mantellati grigiazzurri sono assurde e cattive e infondate.Definirli così e basta lo trovo di cattivo gusto tendente all'acido avanzato...
    Il fatto che abbiano scelto il silenzio e non il rumor mondano non significa che abbiano minato la pax liturgica e scatenato la guerra civile.Giudichiamo di meno,anzi,se siamo religiosi,o,comunque Cristiani di nome e di fatto,NON GIUDICHIAMO e NON SAREMO GIUDICATI.Mi chiedo una sola cosa : perchè fino al 2013 tutti i frati erano all'unisono sorridenti e felici? Erano conniventi?Certamente NO,io ho avuto la grazia di conoscerne tanti,erano SERENI,FELICI,UNITI,AMABILI,SODDISFATTI TUTTI PIENI DI SANTO ZELO E CONCORDI della loro scelta di vita. Significa che abbiano finto?Non credo assolutamente.PREGHIAMO e basta!!!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.