venerdì 15 febbraio 2013

Mons. Fellay: ho sperato in un ultimo gesto del Papa verso di noi

E' apparsa oggi l'intervista che segue a mons. Fellay, superiore della Fraternità San Pio X. Come noto, da tempo il nuovo prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede Mueller, noto antipatizzante dei tradizionalisti, ha inviato (a quanto pare forzando un po' la mano a mons. Di Noia in carica alla Commissione Ecclesia Dei) una sorta di ultimatum che scadrà il prossimo 22 febbraio, festa della Cattedra di S. Pietro, in cui si intima di accettare il Preambolo dottrinale con le ultime aggiunte invise alla FSSPX, altrimenti Roma procederà a contattare i singoli preti lefebvriani per proporre individualmente la sottomissione e la regolarizzazione. Di fronte ad un'intimazione di tal genere la risposta non potrà che essere negativa; e dall'intervista che segue (che sposta nel tempo futuro una riconciliazione) si capisce che quella è l'intenzione di mons. Fellay. Tuttavia, il gesto imprevisto del Papa ha sparigliato le carte e la mia personale lettura di questa intervista è che il Superiore dei lefebvriani provi a lanciare un messaggio che, se recepito dal Papa 'uscente', potrebbe portare ad un gesto unilaterale di benevolenza e magnanimità, che eviti le secche della difficile approvazione di preamboli e documenti vari; ad esempio, una revoca delle sanzioni canoniche e il riconoscimento del ministero della FSSPX, sia pure senza sancire ancora una soluzione giuridica precisa. Qualcosa del genere già avvenne con la revoca delle scomuniche, che seguì ad una semplice lettera in cui i quattro vescovi professavano la loro fedeltà al Papa. Non potrebbe avvenire adesso qualcosa di analogo, quale coronamento in extremis del noto desiderio di Benedetto XVI di risolvere una divisione per lui molto dolorosa? Così, se la risposta della FSSPX entro il 22, pur senza accettare il preambolo, fosse sufficientemente 'romana' da costituire un assist per il Papa... Il quale, dopo tutto, ora non ha più da temere gli strilli dei progressisti; e l'avvenuta espulsione di Williamson dalla Fraternità eviterebbe comunque buona parte della cagnara dell'altra volta.

Enrico

- Monsignore, apprezzerebbe il fatto che l'ultimo atto importante di Papa Benedetto XVI fosse la reintegrazione della FSSPX?
Per un momento, ho pensato che annunciando le sue dimissioni, Benedetto XVI avrebbe forse compiuto un gesto verso di noi come papa. Tuttavia, vedo difficilmente come questo possa essere possibile. Probabilmente si dovrà attendere il prossimo papa. Le dico anche, a rischio di sorprenderla, che ci sono problemi più importanti per la Chiesa che la Fraternità San Pio X, ed è, in un certo senso, risolvendo quelli, che il problema della Fraternità sarà risolto. 

- Alcuni dicono che voi vorreste che Roma dichiari illecito il rito ordinario: ci può illuminare su questo punto? 
Sappiamo bene che è molto difficile chiedere alle autorità una condanna della Messa nuova. In realtà, se quel che deve essere corretto lo fosse, sarebbe già un grande passo. 

- In che senso? 
Si potrebbe fare con una istruzione della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti. Non è così complicato, dopo tutto. Penso che ci siano cambiamenti significativi da fare a causa delle gravi e pericolose carenze che rendono questo rito condannabile. La Chiesa potrebbe benissimo fare queste correzioni importanti senza perdere la faccia o autorità. Ma ora noto l'opposizione di alcuni vescovi alle legittime richieste del Papa di correggere, nel canone della Messa, la traduzione di "pro multis" con "per molti" e non "per tutti", traduzione falsa che si trova in diverse lingue. 

- Desidera rivedere il Concilio Vaticano II? 
Per quanto riguarda il Vaticano II, come per la Messa, riteniamo che sia necessario chiarire e correggere una serie di punti che sono o errati o portano all'errore. Tuttavia, non ci aspettiamo che Roma condanni il Vaticano II prima di un bel pezzo. Roma può ribadire la Verità, discretamente correggere gli errori conservando la sua autorità [E' esattamente quello che ha fatto ieri Benedetto XVI, con la sua condanna del 'Concilio' virtuale]. Tuttavia, noi riteniamo che la Fraternità porti la sua pietra all'edificio del Signore segnalando alcuni punti controversi.

- Concretamente, Lei sa che le vostre richieste non saranno soddisfatte dalla sera alla mattina.
 Certo, ma progressivamente, lo saranno, credo. E arriverà un momento in cui la situazione diventerà accettabile e noi potremo essere d'accordo, anche se oggi non sembra essere il caso. 

- Lei ha incontrato Benedetto XVI fin dai primi mesi del suo pontificato, ci può dire qual era il suo sentimento verso di Lei in quel momento? 
Posso dire che ho incontrato un Papa che ha avuto un sincero desiderio di raggiungere l'unità della Chiesa, anche se non siamo stati in grado di accordarci. Ma, mi creda, io prego per lui ogni giorno.

- Qual è stato, secondo Lei, l'atto più importante del suo pontificato?

 Credo che senza ombra di dubbio, l'atto più importante sia stata la pubblicazione del Motu Proprio Summorum Pontificum, che dà ai sacerdoti di tutto il mondo la libertà di celebrare la Messa tradizionale. Lo ha fatto, va detto, con coraggio perché c'erano opposizioni. Penso anche che questo atto darà i suoi frutti molto positivi nel lungo periodo.


188 commenti:

  1. Grazie Monsignore per la vostra buona battaglia!
    Un prete amico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un prete? Come no, di Utrecht o Canterbury. O al massimo San Gottardo.

      Elimina
    2. Ma come si permette sig. Pierluigi?Vedere più sotto:epiteti come feccia,farisei, sedevacantisti...Tutti sanno che i c.d.lefebvriani(termine improprio)non sono nè eretici nè scismatici nè sedevacantisti.Non credo che lei sia,come afferma,unCattolico Tradizionalista,sarebbe se no più informato,più rispettoso verso un sacerdote e soprattutto meno livoroso

      Elimina
    3. Un prete "amico" che ringrazia gli altri per la "vostra" buona battaglia. Alla faccia dell'amico! Un amico se ne sta a guardare mentre gli altri combattono? Di amici del genere nessuno ha bisogno

      Elimina
    4. Sig murmex,
      Mons. Fellay ha usato frasi di circostanza e mediamente moderati nell'intervista.

      Lo stesso non si puo' dire dei suoi seguaci su quedto blog. Di questo lei non puo' non tenerne conto.

      La Fsspx ha perso una grande opportunita' durante il pontificato di Benedetto XVI per ricucire lo strappo con la Madre Chiesa.

      Mi dica lei, come si possono definire coloro i quali non si riconoscono nella Chiesa Una, Santa. Cattolica e Apostolica e io aggiungerei anche Romana?

      Mi creda pierluigi ha validi motivi per essere risentito.

      Molti si arrogano il diritto di definirsi tradizionalisti, fortunatamente non esiste solo la Fsspx, ne esistono altre molto piu' coerenti e in linea con la Chiesa Cattolica. Io penso che pierluigi appartenga a una di queste. E fa bene a dimostrare tutto il suo disappunto e prendere le distanze da chi mette in cattiva luce le vere fraternite tradizionaliste.
      Con il dovuto rispetto la saluto.

      Elimina
    5. E' venuto il momento di parlare in modo chiaro:si si, no no.Stigmatizzare le volgarità e le eresie di perdizione dei lefebvriano-sedevacantisti (sia manifesti che infiltrati nelle Diocesi sotto le mentite spoglie di falsi tradizionalisti) è un dovere di ogni Cattolico-Romano oltre che un atto di carità verso i gallicani in questione affinchè si convertano dalle loro vie malvage.Invito i Cattolici-Romani,che in quanto tali sono Tradizionalisti e fedeli al Papato romano,a trovare il coraggio di opporsi all'eresia gallicana come in passato avvenne con altre eresie perniciose e a non farsi affascinazre da certo "ecumenismo pan-tradizionalista" di moda.Siamo Cattolici Tradizionalisti,nessuno sconto agli scismatici antipapisti.

      Elimina
    6. Ancora con questo fatto dell'eresia.. cosa c'è di eretico negli insegnamenti della FSSPX? dire che la FSSPX è eretica equivale a dire che tutta la chisa prima del CVII era eretica! possibile che non riuscite a capire? se è così tenetevi i neocatecumali il ricordo dell'ultima cena di Paolo VI e le chiese vuote e dturpate, ve lo meritate.

      Elimina
    7. Ma cosa dici mai...15 febbraio 2013 22:43

      Quindi secondo Anonimo 15 febbraio 2013 22:17
      i lefebvriani rappresentano la Chiesa prima del Concilio?
      Ma quando la smetterete con questa "rottura"?

      Elimina
    8. Perche' la chiesa prima del concilio era afflitta da SUPERBIA e NON era UNA Santa Cattolica Apostolica Romana?
      Se la condizione fosse stata questa, allora si sarebbe stata eretica. Ma non lo e' stata.
      Quindi lo si puo' dire dei lefevbriani che lo sono. Anzi lo sono stati, ma ora con le loro posizioni separatiste lo stanno per ridiventare. Come lo saranno i neocatecumenali se anche loro non rivedranno le loro posizioni. Proprio come la Fsspx.

      Elimina
    9. Disonestà intellettuale definire la fraternità S. Pio X sedevacantista.Non c'è poi nessuna eresia nelle loro affermazioni(bisognerebbe,se c'e,tirarla fuori,lei è in grado di farlo?).Non c'è neanche volontà scismatica,e questo è dimostrato dai lunghissimi colloqui.C'è solo la volontà di preservare la retta dottrina incarnata dalla Tradizione e dal Magistero perenne della S. Chiesa Cattolica Apostolica Romana,purtroppo in questi terribili tempi oscurata a partire dai documenti conciliari(non dogmatici,in qualche punto criticati anche dal Papa regnante)e da tutto ciò che è successo dopo e che è sotto gli occhi di tutti.Liturgia e dottrina sono indissolubilmente connesse,non si è "tradizionalisti"solo perchè si capisce la maggiore bontà della Messa Romana,dobbiamo anche difendere la Verità

      Elimina
    10. Anche il patriarcato di Mosca,indurito nel suo antipapismo quasi peggio che ai tempi dell'URSS e delle persecuzioni zariste contro la Chiesa,ha iniziato a celebrare in Occidente le Messe Tradizionali NON una cum. Naturalmente i gallicani delle varie obedienze preferirebbero partecipare ad una di queste cerimonie che non a una Messa Cattolica Romana celebrata secondo il Nuovo Messale. Per gli eretici pizzi e merletti sono più importanti della Verità che viene dal Vangelo e da Pietro. Noi Cattolici Tradizionalisti se vogliamo che la Messa Tradizionale divenga la norma nelle parrocchie tramite l'Indulto dobbiamo imparare a non dare corda ai gallicani,a non fequentarli e soprattutto a non considerarli nostri fratelli di fede_ questo "ecumenismo pan-tradizionalista" è ridicolo allo stesso modo di quello irenista caldeggiato dai "catto"comunisti.

      Elimina
  2. Ci vorrà ancora tempo per la piena comunione e magari faranno pure Lefevre santo.
    Per adesso contentiamoci degli statuti per i neocatecumenali approvati a suon di mazzette a chi di dovere da parte di Kiko & co.
    Il Lefevraini non hanno tutti quei soldi che Kiko oppure i focolarini o l'opus dei possono mettere sulla scrivania del cardinale competente per regolarizzarsi.
    Spero che il prossimo Papa faccia almeno uno sconticino ,ma non credo perchè poi si potrebbe avere la ribellione dei kikiani e degli eretici che tanti soldi sonanti hanno sganciato per affrnacare i loro riti orgiastici.
    Ci vorrebbe una Vaticanopoli e cioè una specie di tangentopoli un Vaticano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    2. Non sono lefebvriani, ma i preferisco avere ome fratelli nella fede queste "anime sudice" che quelle candide che stanno in comunione con Roma ma seguono don Gallo, don Farinella, don Ciotti, padre Zanotelli, le esegesi di Ravasi, le stupidaggini di Mons. Paglia, le eresie di padre Maggi, il nulla di tanti preti e lo suqllore di tante parrocchie. Tutta gente in comunione con Roma che non dice mai una parola cattolica, nella migliore delle ipotesi. LABRONICUS

      Elimina
    3. Io preferisco i bigne' ripieni di crema al cioccolato

      Elimina
    4. Uffa ,pierluigi,ma vuole un po'ragionare?La fraternità S. Pio X non parla male della Chiesa,anzi proclama la propria assoluta fedeltà alla Roma eterna, cioè a colei(e solo Lei) che possiede il deposito infallibile della Verità da ben 2000 anni,insieme con tutti i mezzi di santificazione. E' proprio questo il problema:che ora sono entrate in Essa tanto per rifarsi al suo esempio,idee alla Lutero e Vendola ecc.ecc.che essa non può giustamente accettare.Si dà la zappa sui piedi se continua cosi'.Poi continuo a non capire il suo livore,se è legato alla Messa di sempre dovrebbe essere grato a chi si è messo come baluardo in tempi in cui ci hanno fatto addirittura credere che fosse stata soppressa

      Elimina
  3. non è giusto tirare in ballo solo i neocatecumenali, opus dei e chiaralubichiani... CL e i vari movimenti catto-pentecostali dove li lasciamo??? W il dio danaro! La Fraternità prenda esempio, altro che preamboli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giustissimo,ma se la Fraternità sgancia poi i progressiti eretici che fanno?
      In questi tempi di crisi buia è meglio una bella Messa in latino con confessione oppure una chitarrina elettrica o una fregnaccia ecumenica col buddista di turno?
      E se poi le pecorelle smarrite del Popolo di Dio si stufano delle kekke pazze ,delle sontuose prebende ai figli dei cardinali e dei tossici no global alla gallo o farinella?
      Tutti vogliono i posti negli ospedali,nelle scuole,nelle università e i tradizionalisti offrono solo beni spirituali.
      I tempi non sono ancora maturi per buttare al cassonetto il concilio vat II che nei suoi frutti spirituali si può sintetizzare così:magnemose tutto prima della tomba.

      Elimina
    2. si in effetti Fellay ha ragione, finché lo spirito (del Concilio) non smetterà di suscitare nuove sette e eresie simil-Kikiane o giussaniane o carnevalate ecclesia dei, la Chiesa avrà sempre problemi più grossi che la FSSPX... alla luce dei disastri conciliari e post-conciliari, nel mezzo di questa "meravigliosa primavera", gli accordi con Roma sono veramente "bagatelles"!

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  4. Però i lefebvriani hanno avuto molto, se non tutto, e Benedetto non ha avuto niente in cambio, anzi ha pagato un prezzo altissimo in termini di isolamento nella curia e nella Chiesa. E quelli che difendono un'idea diversa di Chiesa e di liturgia ora si sentono molto soli, né Fellay potrà andare in loro soccorso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma chi è chi si sente solo nella Chiesa? Quale isolamento vedi? Io non ne vedo nessuno!

      Elimina
    2. Hei, giovane anonimo 19:55
      hai ragione noi non ci sentiamo soli nella chiesa di Pietro. Siamo in tanti. Se hai problemi di cecita' mi dispiace per te e per i tuoi amici lefebvriani. Anche se non siamo SUPERBI come te e il tuo capo, noi modestamente combattiamo.
      Il fatto che non siamo arroganti come te non ci esime dal non mandarti nei tuoi appartamenti privati.

      Elimina
  5. Il Papa ha fatto tanto per la FSSPX peggio per loro che non hanno accettato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li capisco perchè non accetteranno mai che la tradizione millenaria della Chiesa sia
      messa sullo stesso piano delle eresie moderniste.
      Quando essi fanno la fila in Vaticano con la borsa dei soldi davanti all'ufficio del grasso cardinale simoniaco si trovano spesso in compagnia di Kiko con i suoi candelabri ebraici.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    3. ma agli anglicani non è stato chiesto di accettare il concilio, anzi è stata canonizzata la "tradizione" anglicana...

      Elimina
    4. Nessuno è obbligato a far parte della Chiesa Cattolica Apostolica Romana: i vetero"cattolici" rifiutano il Vaticano I, i sedevacantisti-lefebvriani il Vaticano II, gli eterortodossi orientali i Concilii precedenti e così scismaticando. I farisei di Econe invitati non sono entrati e non hanno lasciato che altri entrassero (se la vedranno a questo punto col Padre Eterno) mentre gli anglicani hanno addirittura sfidato l'isolamento sociale che colpisce nel Regno Unito chiunque riconosca il Papato romano.

      Elimina
    5. pierluigi sei proprio quel tipo di "tradizionalista" che ogni buon parroco desidererebbe mettere alla porta... saccente, superbo, fastidioso. Uno dei soliti laici un pò frustrati a cui piace magari mettersi una talare e una bella cotta in pizzo, giocare a fare i chierichetti facendo ridere un pò tutti, preti e fedeli, ma che in realtà non solo non conoscono una riga di teologia (che non son tenuti a conoscere ovviamente!) ma nemmeno di catechismo. Mi divertirei se fossi il tuo parroco!

      Elimina
    6. Anonimo delle 23.35 che Dio ti perdoni e non ti mandi all'inferno. Se la tua non è superbia, mancanza di Fede e di Carità...il Diavolo al tuo confronto è un agnellino. Dio ci scampi da falsi parroci come te, lupi travestiti da agnelli.

      Elimina
    7. Dio ci scampi da tradizionalisti come voi, anonimo delle 10.28, siete la piaga della Chiesa e della Tradizione, non avete nessun rispetto per il clero e i pastori, sapete tutto voi e pensate che il Papa difenda la vostra arroganza, ma per carità. Sbavate davanti a una pianeta e pretendete di poter riprendere e correggere tutti perché nessuno è cattolico quanto vuoi. Vi occupate di cose da preti, non confacenti al vostro stato. Ma in fin dei conti questo è l'inganno del Vaticano II, che voi ben incarnate: laicizzazione dei preti e clericalizzazione dei laici, potere al "popolo di Dio"! Prima del Concilio sareste incorsi in gravi sanzioni disciplinari.

      Elimina
    8. Quindi anonimo delle 11.46 tu sei tanto eretico da difendere preti immorali e non santi che si nascondono nella Chiesa Cattolica, infangandola e facendo fuggire le povere pecorelle scandalizzate? Peccato che Dio non la pensi come te. Gesù ha detto in migliaia di apparizioni nel corso dei secoli che moltissimi preti secolari indegni e immorali, per quanto celebrino i sacramenti lecitamente in vita, una volta morti sono destinati inesorabilmente all'inferno a causa dell'immenso dolore che provocano al suo Sacro cuore! Non a caso ogni volta che Satana porta un prete all'inferno, tutti i demoni insieme ai dannati esultano di gioia, come ha detto la beata Ildegarda! Bravo, anonimo, Gesù ha forse detto "andate e peccate pure come state facendo, andate avanti a peccare che andrete tutti in paradiso!"

      Elimina
    9. I preti che finiscono all'inferno per la loro condotta immorale è una realtà e chi la nega è ERETICO. Cito solo una delle rivelazioni più chiare in merito, fatta a Santa Veronica Giuliani: "Una volta il Signore mi fece comprendere quanto gli dispiacciono le offese che gli recano i religiosi ed, in particolare, quelli che si fanno padroni del suo Santissimo Corpo e Sangue, cioè i sacerdoti. «Questi tali - così mi disse il Signore - sono cagione di tirare al precipizio tutto il mondo, perché si servono di me, mi prendono, mi tengono nelle loro inani, non per magnificarrni, ma per farmi ogni ignominia ed oltraggio». Poi mi disse: «Mira». In un subito mi fece vedere, tutti quei tali divenuti più spaventevoli degli stessi demoni: «Non posso fare grazie a questi; no, no, no!». E, di nuovo, li scacciò da Sé, con la maledizione". Quindi i preti immorali non solo finiscono all'inferno ma sono pure MALEDETTI da Dio proprio perchè hanno straziato il corpo di Cristo!!! Che Dio ce ne liberi e liberi la Santa Chiesa da questi preti indegni!!!

      Elimina
    10. placet a mauro. E' risaputo che i preti immorali vadano all'inferno. A parte le sante già citate, anche San Pio X (che è stato parroco) ha affermato che "UN PRETE CHE NON E' SANTO NON SOLO E' INUTILE MA E' PERSINO DANNOSO ALLA CHIESA". Più chiaro di così! Lo ha detto un papa santo, non un anonimo laico qualunque. Tutti i santi, in ogni tempo, hanno sempre detto che i preti indegni finiranno all'inferno, perchè questo è quello che spetta loro dopo la morte secondo la volontà del Signore. La giustizia divina trionfa sempre!

      Elimina
    11. @miserere e mauro: placet, placet, placet

      Elimina
    12. Ho scritto io alle 14.46. Che ci siano preti porci e dediti alla sodomia, sia tra i tradizionalisti che tra i sessantottini non mi pare di averlo mai negato, che siano un problema è evidente. Non capisco però con quale sicurezza e autorità assurgete a giudici. Io provo vergogna e compassione per questi confratelli, che non meno di Giuda tradiscono Nostro Signore, almeno quanta ne provo per qualsiasi laico che, non trovando altro da fare, parla di rubriche, messali e quant'altro. Ma lasciate ai preti di parlare di liturgia, ecclesiologia, dogmatica, etc... Limitatevi al catechismo ed alle pratiche di pietà (questo perlomeno se siete coerenti col vostro essere "tradizionalisti"), e magari trovatevi una moglie, sfogatevi e impegnatevi a vivere bene il vostro stato. Io sono ormai prete da diversi anni, ne ho visti tanti laici insoddisfatti che desideravano nient'altro che fare i chierichettoni. Ma basta! su! Per voi c'è il catechismo, c'è la filotea, lasciate perdere ciò che compete ai preti, se veramente siete tradizionalisti, pensate a salvarvi l'anima!

      Elimina
    13. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
    14. Ammiro di più un sessantottino che vive santamente che non un prete apparentemente tradizionalista ma libertino e che non vive secondo Dio. Questo sia chiaro. Anonimo, tu mi sembri proprio uno di quei preti con la coda di paglia, se tanto insisti a voler difendere i preti immorali e a voler giustificare la loro immoralità invece di portarli sulla via della santità. Sono solo i preti che nascondono la propria immoralità che quando non sanno cosa dire dicono "trovatevi una moglie"! Quando mai un vero prete dice una frase del genere ai fedeli, se non è un prete libertino e avvezzo alle donne? Un vero prete invita sempre e solo a pregare, certamente non a trovarsi una moglie, come se fosse una donna a risolvere tutti i problemi e non Dio! Forse te l'hanno insegnato in seminario a dire ai tuoi fedeli di "trovarsi una moglie" quando non sai più cosa dire? Il mio parroco, una santa persona, invita sempre a pregare, tanto che tutti i mesi da oltre 16 anni, celebra una Messa appositamente per la conversione dei preti immorali, in modo che si ravvedano e si salvino dall'inferno e spesso ci parla di questa piaga che ha infettato la Chiesa. Anche numerose suore partecipano all'iniziativa del parroco in diocesi con la recita di numerosi rosari con la stessa intenzione. Fa differenza per te avere una moglie oppure non averla? Prete, sei uomo di Dio o uomo del mondo? Ebbene, io la moglie ce l'ho già, alla mia età ho anche 2 figli ormai sposati e 3 nipotini. Spero invece che tu anonimo delle 15:53, in quanto prete, non ne abbia già una o magari due, di "mogli" nell'ombra...o chissà quante altre. Evidentemente per te trovare una donna è più importante di pregare. Fatti un esame di coscienza e prega per la tua conversione perchè ne hai veramente bisogno, prete, tanto sei lontano dalle vie del Signore che non te ne accorgi neppure! Povero prete senza fede! Se metti sullo stesso piano un prete indegno che pensa solo a giustificare la propria immoralità invece di santificarsi, con un laico che si interessa di liturgia siamo messi bene! Pregherò che Dio abbia pietà di te prima che tu finisca di sotto!

      Elimina
    15. Beppe, P L A C E T! Un prete che invita i fedeli a trovarsi una moglie è una vera barzelletta! Anonimo 15:53, sei certo di essere un prete? Povero te e poveri i tuoi fedeli! Convertiti e credi al Vangelo finchè sei ancora in tempo! I preti vivono santamente, pregano e invitano i fedeli alla santità e a pregare. Un prete che incita un fedele a trovarsi una moglie a me sa tanto di prete con le amanti...un prete cornuto alla belzebù

      Elimina
    16. Un prete che non vive santamente: c'è il peggio del peggio e poi c'è questo!

      Elimina
    17. Monsignor Lefebvre, prega per la conversione dei preti non santi affinchè si pentano, smettano di servire il demonio e ritornino al Signore invece di continuare di imbrattare di lordume il Sacro Cuore del Cristo e il Cuore Immacolato di Maria.

      Elimina
    18. Ovviamente il suo discorso è deviante, anche perché non mi conosce, io cammino a testa alta, perchè mi sforzo giorno dopo giorno di essere fedele al mio sacerdozio. I suoi insulti e le sue insinuazioni pertanto non mi toccano. Lei fa finta di non capire e sposta il discorso ad altre problematiche. Non ho mai difeso, né sul web né tanto meno nel mondo reale, confratelli che vivono e praticano immoralità. Il mio discorso è un altro, ossia non sopporto la vostra incoerenza: a parole tradizionalisti, ma nei fatti vivete e incarnate alla perfezione la nuova ecclesiologia che ha stravolto quanto la Chiesa ha sempre insegnato. Lei è sposato? Sono contento, ma reputo che dovrebbe dedicare più tempo alla tua famiglia ed ai tuoi doveri di marito e padre (così come un prete al diritto-dovere di occuparsi di ciò per cui si è formato e da la vita, a costo anche di sacrifici), piuttosto che occuparsi di cose che proprio non sono affar suo. "Forse te l'hanno insegnato in seminario a dire ai tuoi fedeli di 'trovarsi una moglie' ", no al contrario, è la gente come lei che non sa cosa è un seminario e pensa che ci fabbrichino in serie e diciamo queste cose per imporre il silenzio. Chi, poi, ha mai detto di non pregare? Anzi, ho consigliato addiritturapratiche di pietà, la filotea, o anche lei da buon conciliarista pensa che siano cose passate? Allora si prenda in mano la "Lectio Divina" che va più di moda ed è più confacente alle bibbio-mania protestante del tempo presente. E' un dato di fatto che tanti sedicenti tradizionalisti siano una croce per i parroci. Ho in mente per esempio un avvocato che qualche anno fa in una cattedrale d'Italia, dopo la messa capitolare, andava puntualmente ad insultare i canonici perché non lo facevano stare in coro a cantare con loro le lodi in latino.
      Per chiarire meglio la mia posizione vi ripropongo di meditare un passo dell'Enciclica "Vehementer nos" che San Pio X (di cui ogni tradizional-feticista che si rispetti si dice devoto) indirizzò all'episcopato francese nel 1906: "La Chiesa è per essenza una società ineguale, cioè una società comprendente due categorie di persone: i pastori e il popolo. Queste categorie sono talmente distinte tra loro che, nel solo corpo pastorale risiedono il diritto e l'autorità necessarie per promuovere e dirigere tutti i membri verso il fine della società; quanto alla moltitudine, questa ha un solo dovere, quello di lasciarsi condurre e, popolo docile, seguire i suoi pastori": i tradizionalisti post-vaticano II fanno l'esatto contrario, in perfetto stile Lumen Gentium.

      Elimina
    19. P.S. comunque le vostre beffe circa il "trovati una moglie" non possono che confermarmi quanto penso: il tradizionalismo è malato. Il CVII ha creato dei mostri... Il prete ha l'obbligo sacrosanto del celibato, il laico, nella normalità, dovrebbe metter su famiglia (a meno che non sia single per scelta altrui), non avrete mica paura delle donne?! Ah già una bella pianeta o una cotta in tulle sono sempre più attraenti Ah ah ah che mondo

      Elimina
    20. Concordo col "prete": guai ai laici che giocano a fare i chirichettoni. E ai parroci che si baloccano tutto il giorno in asburgicherie e combriccole templari ma non trovano il tempo per andare a fare le benedizione natalizia casa per casa.

      Elimina
    21. la benedizione natalizia, caro pierluigi, lasciamola a voi ambrosiani... Per i latini-romani la benedizione delle case si fa a Pasqua...

      Elimina
    22. concordo: il prete deve rimanere celibe e quindi vivere santamente. Un prete non santo, non è un prete ma un impostore. Un prete che comunque invita a cercarsi una moglie x evitare di affrontare l'argomento anche a me sembra un prete con tanti scheletri nell'armadio. Non ho mai sentito in 69 anni, sono tanti lo so, un prete rivolgere delle parole tanto mondane ad un fedele. Fossi nel suo vescovo mi preoccuperei non poco e se fossi un suo parrocchiano certamente segnalerei tali parole ai suoi superiori, oltre che pregare per lei.

      Elimina
    23. un prete è obbligato al celibato e a vivere santamente. Mi fanno ridere i preti che si sono spretati per sposarsi e metter su famiglia, come i laici! Quanti di loro hanno poi scoperto di non poter neppure aver figli! La giusta punizione divina! Non dubitate, anche i preti non santi avranno la loro pena eterna. Per quanto questi preti possano farla franca col mondo, non sfuggeranno all'ira divina!

      Elimina
    24. San Pio X disse che "un sacerdote che non è santo non solo è inutile ma addirittura dannoso per la Chiesa". Non c'è altro da aggiungere.

      Elimina
    25. Va bé proprio non avete capito un piffero ah ah ah Io miei parrocchiani, né tanto meno i miei superiori mi hanno mai fatto osservazioni sul mio parlare o su eventuali scheletri che non ho. ehh la verità fa male cari miei

      Elimina
    26. buon per te, anonimo. Vuol dire che sei un prete che vive santamente. Qui stiamo parlando di preti immorali in generale, una categoria di persone da cui è meglio stare alla larga!

      Elimina
    27. Placet a Caterina e San Pio X!

      Elimina
    28. Un preye che non fa il prete e' meglio che smetta di essere prete e faccia quel che gli pare!

      Elimina
    29. Anonimo delle 22:31, un prete è prete per sempre. Doveva pensarci prima dell'ordinazione. Dopo è troppo tardi e non può tornare indietro. Se "smette di essere prete e fa quello che gli pare" diventa solo un prete che si ribella a Dio per mettersi al servizio di Satana. Dio non voglia che un prete si ribelli contro di Lui! Un prete rimane prete in eternità, per questo deve vivere sempre santamente e non può vivere come un laico. Come ha detto Anonimo delle 18:36 sui preti che si sono voluti spretare per farsi una famiglia, molti di questi ex-preti si sono sposati ma non possono aver figli quindi sono stati puniti da Dio in questa vita per la loro ribellione e la loro superbia, e saranno puniti con l'inferno dopo la loro morte per aver dato scandalo ai fedeli e alla Chiesa. State lontani dagli ex-preti affinchè la loro rovina non ricada anche su di voi! Un prete immorale per salvarsi dall'inferno può solo fare una cosa: smettere di peccare immediatamente, convertirsi e fare penitenza per il resto della vita. Non ha altro modo di salvarsi. Ogni peccato che commette in più altrimenti gli varrà come biglietto di sola andata per l'inferno.

      Elimina
    30. vorrei dire all'anonimo sacerdote che la stragrande maggioranza dei laici cosiddetti tradizionalisti non hanno nessuna brama di fare i "chierichettoni"e a maggior ragione noi donne che nella Messa romana(diversamente dal NOM,e le assicuro che alcune persone sono infastidite dall'invadenza abusiva che talvolta si verifica) non abbiamo alcun ruolo.Purtroppo è l'impostazione del motu proprio che costringe i laici a farsi parte diligente,spesso anche a cercare di convincere preti deformati nei seminari;il laico spesso ,in questi tempi calamitosi, se ha avuto una formazione di base buona ,conserva uno sguardo più semplice e umile privo di vuoto intellettualismo,quindi più pronto a cogliere l'essenziale.Quanto a consigliare il matrimonio come "sfogo"mi sembra un pò irriguardoso nei confronti del Sacramento e anche pastoralmente poco azzeccato

      Elimina
    31. murmex: placet. Io sono prete da ormai 24 anni e se sentissi un confratello che invita i fedeli che si interessano di liturgia, a cercar moglie "per sfogarsi" e smettere di parlare, certamente gli direi che dimostra di non comprendere i sacramenti perchè per la Chiesa anche e soprattutto il matrimonio è occasione di santità per gli sposi cristiani! Il cercar moglie solo per "sfogarsi" è quello che fanno invece i pagani che, non avendo Gesú nella loro vita, mettono i bassi istinti, la lussurria e quindi Satana al centro della propria vita. Posso testimoniare che è vero quanto detto sugli ex-preti che vengono castigati da Dio: conosco anche io un ex-confratello, qui a Roma, che ha ricevuto la dispensa e si è sposato con una donna giovane ed appariscente. Anche loro hanno scoperto che non possono aver figli. Apparentemente sembrano felici ma dopo alcuni anni il marito mi ha confidato di aver scoperto che lei ha iniziato a tradirlo con uomini molto piú giovani e lui non puó farci niente, non vuole chiaramente divorziare. Vorrebbe tornare a essere prete ma non puó farlo. Solo ora si è reso conto dell'errore madornale commesso. Lui stesso mi dice che è quello che si merita per aver osato abbandonare il sacerdozio e vive ogni giorno fingendo di essere felice con gli amici per non far vedere quanto invece sia amareggiato per aver abbandonato Dio. Ai confratelli che peccano di lussuria quindi dico di abbandonare ogni forma di peccato immediatamente. Smettete di farvi servi di Satana e convertitevi. Solo chi non vive in grazia di Dio non riesce a vivere santamente! Imparate ad amare il Gesú che predicate invece di amare il mondo come i pagani!

      Elimina
    32. Placet anonimo 09:11. Per gli ex-preti che si pentono ma sono costretti a far finta di essere felici per non ammettere agli amici, ai conoscenti e al mondo di aver sbagliato e che Dio aveva ragione quando sono stati ordinati "per sempre" ma loro hanno voluto ugualmente spretarsi...non ho alcuna compassione per loro. Hanno voltato le spalle a Dio peccando ripetutamente e commettendo sacrilegi a ripetizione, hanno chiesto la dispensa e poi? Sono più infelici di prima con l'unica differenza che ora sono anche costretti a fingere di essere felicissimi nella loro nuova condizione di uomini come gli altri, quando poi a fine giornata, tutti i giorni, fanno i conti con la propria coscienza sporca e con la vergogna che nascondono dentro e che non possono rivelare a nessuno. Ben gli sta. Cosa credevano di fare? Chi credevano di essere? Sono solo dei preti infedeli che si ribellano a Dio. Dei preti che hanno venduto l'anima a Satana con l'illusione di star bene tramite la lussurria. La lussuria, dico! Poveri illusi!

      Elimina
  6. Si fa fatica a leggere un commento intelligente e che sia inerente all'articolo.
    Fellay ha certamente più rispetto per Benedetto XVI che voi tutti messi insieme.
    Ma cosa pensate di ottenere con certe parole?Siamo in quaresima fatevi un esame di coscienza và...
    Ma almeno abbiate le palle di metterci il nome nei vostri penosi commenti!

    Giacomo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa Giacomo,ma Benedetto non era quello che diceva che nessuno è di troppo nella Chiesa?
      Non ha fatto entrare i lefreviani ed è stato lui stesso cacciato con il brillante risultato che adesso abbiamo due Papi ed immagino i giornalisti che massacro mediatico faranno mettendoli in concorrenza.

      Elimina
    2. 1) è vero: nessuno è di troppo nella Chiesa se rema per Cristo e con Pietro. Mi sembra che la FSSPX abbia tutte le carte in regola, certo i discorsi devono proseguire...

      2) l'ingresso non è ancora concluso, diciamo che siamo all'inizio...ci vorranno ancora anni, i tempi della Chiesa e di Dio non sono i tempi dei mass-media.

      3) non avremo 2 Papi semplicemente perchè il codice di diritto canonico prevede l'azione intrapresa dall'attuale regnante Benedetto XVI.

      4) del "massacro mediatico", da cattolico, me ne frega tipo lo 0,05% ... ci sono cose molto più importanti di cui preoccuparsi non dei mass media che tutto quello che stanno dicendo ora è già vecchio.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  7. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Suvvia, si tranquillizzi. E, se ne faccia una ragione, è perfettamente inutile che metta tra virgolette "don" e "mons": sono pienamente legittimaati a usare questi titoli. Anzi, a 3 di loro ci si dovrebbe rivolgere con "Sua Eccellenza", come ha rispettosamente fatto Mons. Di Noia nella sua lettera recente. Preciso che io non ho MAI partecipato a una celebrazione FSSPX (attendo una firma ufficiale per farlo), ma credo che quello che hanno dato e daranno alla Chiesa sia inestimabile.

      Elimina
    2. Dato cosa? Divisioni, Superbia, Mancanza di ripetto verso i papi conciliari.
      Ne avremmo fatto molto volentieri a meno.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  8. Chi è causa del suo mal si arangi.15 febbraio 2013 18:52

    I sogni son desideri.
    La Chiesa e il cattolicesimo però si fondano su una solida realtà!
    Basta con le apologie della FSSPX.
    Firmino il preambolo, altrimenti si accontentino di restar furi come sono, assumendosi le loro responsabilità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che il discorso sia chiuso.L'importante è consolidare la presenza "indultista" e per farlo bisogna rassicurare il prossimo Papa circa la buona fede della totalità dei membri dei gruppi organizzatori delle Messe Tradizionali nelle Diocesi epurandoli da chiunque vanti frequentazioni sedevacantiste o lefebvriane.

      Elimina
    2. Attenzione ai preamboli, perchè poi ne potrebbe venire uno con XX Concili da sottoscrivere e allora la Chiesa romana si svuoterebbe. LABRONICUS

      Elimina
    3. I gallicani sedevacantisti e lefebvriani hanno ridotto l'appartenenza alla Chiesa come una qualsiasi apprtenenza partitica o sindacale, della serie "aderisco se mi dai questo o quello". In verità l'apostasia non è altro che un segno dei tempi,quindi ne vedremo parecchi in futuro di apostati che "nel nome della tradizione" o con la scusa di "difendere la messa di sempre" aposteranno la Chiesa. Non prevarranno!

      Elimina
  9. ma che vi state fumando ? Veleno liofilizzato...Vergognatevi !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da decenni i settari lefebvriani e sedevacantisti fumano "roba buona",come si dice in gergo,che arriva direttamente da Utrecht.

      Elimina
    2. un po' di decenza16 febbraio 2013 09:24

      Pierluigi, poco sopra parla della buona fede dei gruppi che organizzano le Messe tradizionali in diocesi, mi dica però dove erano questi buoni tradizionalisti prima del summorum pontificum? No perchè mentre la FSSPX continuava a dire la Messa di sempre e a difenderla e a difendere il sacerdozio, voi andavate strimpellando chitarre, ben nascosti. Siete tipo i comunisti, che prima del 1945 erano tutti fascisti, poi dopo il '45 tutti tutti immacolati comunisti e a criticare il fascismo. Voi eravate tutti modernisti, ora fate i puri, ma siete solo degli approfittatori, che ben nascosti nelle tane, lasciano combattere gli altri, poi magari li denigrano pure, ma appena gli altri ottengono una vittoria i disertori escono allo scoperto e dicono che anche loro erano sempre stati tradizionalisti ed amanti della S.Maessa. Almeno un po' di vergogna, un po' di decenza l'abbiate.

      Elimina
    3. Sono d'accordo anche perchè poi potrebbe succedere che magari tra 50 anni gli scismatici levefriani sono la maggioranza della Chiesa Cattolica e poi come la mettiamo?
      Ricordiamoci che l'arianesimo in certi momenti rappresentava la quasi totalità della Chiesa e poi si è dissolto nel nulla per opera di pochi che però avevano dalla parte loro lo Spirito Santo.

      Elimina
    4. Rispondo a
      Un po 'di decenza

      Guarda che mentre voi stavate proteggendo pizzi e merletti e vi siete tirati fuori dalla chiesa con la vostra superbia, noi stavamo, e stiamo, contrastanto quelle chitarre elettriche e messe a ritmo di rock di
      cui parli tanto invitando e catechizzando i piu' a rivefere quelle posizioni. Proprio come facciamo con quelli come te.

      Chi e' di fede Cattolica Apostolica Romana interessa la conversione a Cristo; dei giudizi politici, delle loro forzature e degli esempi sopra esposti, stanno bene in bocca a te. Noi condanniamo i massacri di ogni colore politico senza nessuna distinzione. Arriviamo persino a chiedere perdono per eventuali errori commessi da uomini di chiesa qualche migliaio di anni fa'.
      Questa del perdono non e' farina del vostro sacco, voi siete presi da pizzi e merletti e la vostra superbia non ammette debolezze di questo tipo.

      Un'ultima considerazione.
      Disertore e' il termine che piu' si addice a te e a quelli come te, perche' e' quello che avete fatto.
      Io sono rimasto all' interno della Chiesa e la differenza e' sostanziale.

      Elimina
    5. Sconsiglio ai fratelli in Cristo di intavolare dibattiti con gli eretici sedevacantisti,lefebriani,gallicani in generale:è come cercare di cavare sangue da una rapa.
      Questi personaggi cercano il moscerino nell'occhio di noi Cattolici Tradizionalisti per poi ingoiare un cammello. Anime al momento perdute per la salvezza dei quali non faremo mancare la nostra preghiera.

      Elimina
    6. Un po' di decenza18 febbraio 2013 10:25

      Voi cattolici tradizionalisti? Ma da quando? vediamo se viene su un Papa ultramodernista, quanti di voi si diranno ancora tradizionalisti, andrete con cartelli a dire che siete sempre stati modernisti. Siete dei voltagabbana, o delle banderuole, oggi in un modo domani in un altro a seconda di come tira il vento.

      Elimina
  10. non ci aspettiamo che Roma condanni il Vaticano II prima di un bel pezzo

    Sottolineiamo "prima di un bel pezzo". Il tempo farà giustizia (e strame) degli aspetti più deleteri di questo concilio. E soprattutto della liturgia-patacca che ha generato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rassegnati.
      Pietro non combattera' mai contro se stesso cioe' contro la chiesa. Semmai vedete di rivedere le vostre posizioni se vi sta a cuore il farne parte.
      Amen!

      Elimina
    2. I lefebvriani-sedevacantisti sono liberi di rimanere fuori dalla Chiesa e sollazzarsi in dibattiti pseudo-teologici sul Concilio,sempre basati o sull'ignoranza o sulla cattiva fede,a margine delle loro "messe" o magari nelle logge che frequentano.L'importante è che nel nostro ambiente,quello dell'Indulto insomma,si comprenda la pericolosità di questi lupi travestiti da agnelli e si provveda a tenerli fuori dalle nostre comunità dove cercano continuamente di infiltrarsi per seminarvi volgarità antipapiste e pseudotradizionalismo paganeggiante.

      Elimina
    3. Un giorno il compagno pierluigi si svegliò e si accorse che la chiesa in cui era militante lui era solo una scenografia di cartongesso e si accorse che crollata questa dietro c'era una luminosa Chiesa troneggiata da un Papa e che la CEI era scomparsa, si accorse con stupore che dentro quella Chiesa, assieme a tutti i santi e agli angeli e a tutti i Papi del passato c'era mons Lefebvre e la sua Fraternità. Allora il compagno pierluigi bussò a questa Chiesa e chiese perdono per la sua cecità e cattiveria e si convertì.

      Elimina
    4. La liturgia patacca si squagliera'. Ci vorra' molto tempo. Decenni, forse un secoletto. Ma alla fine si squagliera', perche' non avra' piu' seguito. La vera liturgia, invece, quella antica e venerabile, continuera' a vivere, portata avanti da una minoranza illuminata. Nessun pseudotradizionalismo paganeggiante. Solo una facile previzione sulla tenuta dello pseudocattolicesimo giudaicoprotestantizzante che piace tanto alle vittime inconsapevoli delle loggette nere.

      Elimina
    5. Un giorno nuova profezia svegliandosi,
      si accorse che la chiesa in cui era militante eta uns scenografia di cartongesso con tanti pizzi e merletti, e si accorse che croolata questa, dietro c'era una luminosa Chiesa troneggiata da un Papa che era a capo della CEI e si accorse con stupore che, dentro quella Chiesa, assieme a tutti i Santi e agli Angeli e a tutti i Papi , nessuno escuso, non c'era un monsignore affetto da SUPERBIA , un certo Lefebvre, e nemmeno la fraternita. Allora nuova profezia, busso a questa Chiesa e chiese perdono (fu uno sforzo sovraumano ma ci riusci') per la sua cecita' e cattiveria. E si converti'.

      Elimina
    6. Gli eretici gallicani(sedevacantisti manifesti,lefebvriani,sedevacantisti cammuffati all'interno delle Diocesi) riducono la fede a una mera questione liturgica:fra una Messa Cattolica Romana celebrata secondo il Nuovo Messale e un rito satanico in latino opterebbero quasi certamente per la seconda ipotesi tanta è la loro prurigine estetizzante.Ho letto da qualche parte che in effetti le orride "messe nere" vengono dette in latino:chissà che vi sia qualche celebrante gallicano.Noi Cattolici Tradizionalisti proponiamo la diffusione su vasta scala della Messa Tradizionale nel rispetto del Papato romano e non saranno certo i tentativi gallicani di infiltrarsi nei nostri gruppi per gettare scompiglio a fermarci.Oggi come non mai è però venuto il momento di fare chiarezza fra noi:o con l'Indulto e con Pietro,o con l'eresia gallicana(nelle sue diverse forme e gradazioni).

      Elimina
    7. Nuova Profezia si convertì, ma gli apparve un angelo che gli disse, ma scherzi? Ti sei fatta ingannare dal demonio, quella è la chiesa di Anonimo e Pierluigi, nella Chiesa di Gesù il capo è Pietro e non la CEI e poi non vedi che hanno ancora la tavola del Mc Donald apparecchiata?
      Esci, vai dove ci sono ancora gli altari addobbati con cura per il tuo Re e sacerdoti che rinnovano ancora il Sacrificio della croce, non vedi che quelli vestiti arcobaleno sono dei macellai (come diceva Gesù a Padre Pio) e non dei sacerdoti? Esci dalla macelleria, vai in una chiesa. Allora Nuova Profezia, rimase stupita di come poteva essere stata ingannata e ringraziò il Buopn Dio di averla nuovamente rinsavita.

      Elimina
  11. La resistenza (+ o-)intransegente ha pagato. La FSSPX si è stancata di lottare? Vuole lasciare alla futura congreagazione "snella" di mons. Williamson il monopolio dell'opposizione non sedevantista al NuOVO CORSO? fACCIAno pure. Tra alcuni anni a Williamson (o ad un suo successore) toccherà il cardinalato. Oppure il martirio. In entrambi i casi si raccoglieranno i frutti del non cedimento. A parte ogni questione, ma il problema quale è la volontà di Dio, ve lo ponete?!? Ebbene, dato che penso che il Nuovo Corso, in se stesso, non dico che sia male, ma apre necessariamente le porte al male (si vedano le attitudini prese dai "migliori"-figuriamoci gli altri!-tra i"regolarizzati"/riallineati), per quel meno di zero che conta il mio parere, penso che il resistervi sia Volontà di Dio.

    RispondiElimina



  12. Patacca sarai tu!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello in tuo monologo autoreferenziato.

      Elimina
  13. "Mons. Fellay: ho sperato in un ultimo gesto del Papa verso di noi"

    Ma perchè non lo ha fatto lui [Fellay] il gesto verso il papa? Basta(va) dire si e accettare il preambolo.
    E invece rimanda, rimanda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già,anche Milingo nel periodo della sua adesione alla setta coreana mi pare invocasse un "gesto di apertura del Papa" nei suoi confronti.

      Elimina
    2. Ed il Papa glielo diede.

      Elimina
  14. Come al solito i soliti criptomassoni e criptomodernisti che fanno finta di essere tradizionalisti per infettare i blog e colpire la FSSPX...tradizionalisti voi...ne avete da dire per dimostrarlo!

    RispondiElimina
  15. Interessante...dove lo ha visto questo film di fantascienza? e lei sarebbe il Cattolicco Apostolico Romano? l'ho riconosciuto subito...sara' tutto meno che Cattolico.....ha detto il nostro ambiente? una setta quindi! si condanna da solo , vada a farsi una passeggiata !Calunnia, mormorazione, false accuse.....bella quella dell'infiltrazione....gia' son pochi quelli della fsspx in italia che vederli operanti in infiltrazioni parrocchiali mi fa' sbellicare...nelle parrocchie i fsspxini non ci vanno proprio , a far cosa? a vedere il novus horror?..a lei invece mi sa' che si infiltra qualcosa nella testa...forse umidita' invernale!

    RispondiElimina
  16. Questo pierluigi... eheh ha un bile verde nei confronti della san pio x!... chissà se ne voleva far parte e lo hanno rispedito a casa :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, poi ogni tre commenti due sono i suoi, si vede che Napoleone Bonaparte di cirene avendo scoperto che sono tornati attivi i commenti deve sfogare tutti gli arretrati

      Elimina
  17. Sarebbe bello se la REDAZIONE ogni tanto si facesse un giro da queste parti.
    Questo blog è assolutamente ridicolo. Qalunque sia il tema dell'articolo, la discussione è in mano al solito facinoroso che non sa far di meglio che versare veleno su Mons. Lefèbvre, Mons. Fellay, la Messa di sempre (che l'ultima volta che ho controllato era un sacramento della Chiesa...strano che chi si dice "cattolico" la odi!) e, in definitiva sul Papa che quella Messa ha, sebbene in maniera incompleta, difeso.
    Non so se vi siete accorti, ma dopo la triste riapertura dei commenti, tutti i commentatori seri che contribuivano a mantenere un minimo di dignità qui dentro se ne sono andati. Adesso solo insulti, spintoni e linguaggio da camionisti (basta vedere come è stato accolto il sacerdote del primo commento colpevole di non odiare la FSSPX con tutto il cuore).
    Senz'altro sarà molto edificato chi legge questi commenti, e potrà ben ringraziare voi della REDAZIONE che, oltre a non offrire nessun tipo di moderazione, non scrivete nemmeno un messaggio in cui vi dissociate da questo linguaggio e da queste volgarità.
    Bravi!

    Uno stufo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono perfettamente d'accordo con anonimo delle 07.37.
      Una volta si poteva leggere qualcosa di interessante, ma ormai non è più così.
      Potrei smettere di leggere, questo è chiaro, e lo farò, tuttavia bisogna rendersi conto che il livello penoso dei commenti danneggia non solo massainlatino, ma tutto il mondo tradizionalista.

      Elimina
    2. Io invece non sono d'accordo nel fare i sepolcri imbiancati del web.
      Magari è educazione usare un linguaggio edulcorato però il fetore che viene dai sepolcri non può essere evitato.
      E' meglio un linguaggio da camionista(che io uso spesso invero) piuttosto che discutere in termini aulici quando poi ti escono,nella realtà, i vari don seppia ,padre fedele ,maciel e compagnia brutta.

      Elimina
    3. Sono d'accordo con Anonimo delle 9.03! I fedeli devono stare attenti a quello che dicono e scrivono qui ma poi i parroci come don seppia e compagnia bella invece sono liberi di SFREGIARE la Chiesa con i loro comportamenti immorali, dediti al sesso omosessuale o con donne, come se non fossero preti? Ma che vadano tutti all'inferno questi finti parroci immorali e fateci commentare in santa pace! Dio li punirà tutti!

      Elimina
  18. un fratello in Cristo16 febbraio 2013 08:23

    Noto con gran rammarico che L'"antico avversario", ha molti adepti facinorosi, cattivi ed ignoranti.
    Prima di giudicare la FSSPX, andate a vedere cosa insegnavano i Papi, prima del concilio; per chi è nato antecedentemente, QUESTA é UN'ALTRA CHIESA!!!!
    Il maligno vi ha accecati. Siamo in Quaresima e pregherò particolarmente per voi.
    Ciò che maggiormente mi rattrista è il livore verso la Tradizione e la volgarità di certi che intervengono in questo blog. Prima del concilio ci si cispirava a NSGC e quindi si amava il prossimo, l'atteggiamento dei modernisti( certi preti e vescovi compresi) mi sembra sia più ispirato da mammona.
    Se come il mondo sta andando non è sufficiente per capire quanto la situazione sia gravissima andate a vedere i molteplici messaggi del cielo, ovunque, nel mondo.
    Certi blogger mutano il nome ma non il cuore.
    Invece di odiarvi e spargere malignità: PREGATE.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se nella chiesa ci sono problemi le colpe sono di due fazioni che si contrappongono all'interno della Chiesa Cattolica Romana. Queste due fazioni sono deleterie per la stessa. Farebbe bene la Chiesa Cattolica Romana a prendere le distanze da entrambe, per il bene della stessa e dei fedeli che non ne possono piu' della loro ignoranza e cattiveria.

      Elimina
  19. Hai ragione anche perchè il progressismo conciliare è confusione allo stato puro.
    I progresssisti che adesso gioiscono per le dimissioni di Benedetto sono gli stessi che sbarreranno la strada a Bertone come nuovo Papa il quale ,nel suo carrierismo,ha fatto di tutto per non farseli nemici.
    Sono gli stessi che sognano un Papa nero per scimmiottare obama quando non sanno che ,per esempio, Turkson o Arinze sono di idee molto poco progressiste.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I progressisti stanno attaccando pesantemente Bertone ed otterrano il brillante risultato che persino i cardinali americani (che lo disprezzano dal profondo)lo voteranno in Conclave per far vedere chi è che comanda.

      Elimina
  20. Ho sempre contestato i lefebvriani in quanto eretici ma come dice mio padre, cattolico fervente, sempre meglio un prete santo che un prete non santo. I preti non santi rovinano la Chiesa, scandalizzano i fedeli, vivono nel peccato, sono falsi, ipocriti, bugiardi e si lasciano guidare da Satana. I preti santi, per quanto possano avere i loro difetti, camminano sempre guidati dalla luce di Dio. Mi risulta che alla FSSPX i preti siano santi e la santità, come ha detto anche Benedetto XVI, è lo stile di vita di chi è guidato dallo Spirito Santo. Se nella Chiesa ci sono preti non santi, allora forse è meglio che apra le sue porte ala FSSPX: almeno avremo preti santi nelle nostre chiese d'ora in avanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La rovina della Chiesa Cattolica è proprio dovuta ai preti non santi. Basta vedere quanta gente ha smesso di andare in chiesa a causa dei loro scandali. Io stesso ho dovuto cambiare parrocchia, dove andavo prima c'era un prete dedito al libertinaggio invece che alla cura delle anime e so quindi cosa vuoi dire. I miei figli li porto già da alcuni anni in un'altra parrocchia. Ci troviamo benissimo e vorrei ringraziare anche Don Luigi che dedica tutto il suo poco tempo libero per mettersi a completa disposizione di chiunque sia in difficoltà. Chi glielo fa fare? Lo Spirito Santo, altrimenti che prete sarebbe? Ci sono tante chiese, perchè rimanere in quelle dove i preti sono dei satanassi travestiti?

      Elimina
    2. Placet Andrea! Io spero che gli eretici seguaci di Lefebvre non entrino mai in comunione con Roma, è sufficiente cacciare dalla Chiesa Cattolica solo le mele marce infedeli a Cristo che si nascondono nel clero. E non mi riferisco solo ai preti indegni e immorali ma pure ai vari Bagnasco, Bertone...

      Elimina
    3. Si ma se cacci via tutti i preti infedeli chi dirà Messa? Temo non rimanga più nessuno.
      Senza contare che abbiamo i preti che ci meritiamo...ci ritroveremo tutti al piano inferiore?

      Elimina
    4. Secondo me la rovina della Chiesa Cattolica è dovuta all' otto per mille.
      Senza lo stipendio,l'alloggio,le bollette pagate,la gestione dei beni ecclesiastici
      dove prendono i soldi certi preti per andare al muccassassina?
      E poi intendiamoci sono questi satanassi che cacciano noi dalla Chiesa e dovremmo essere noi a non farci cacciare.

      Elimina
    5. Concordo anch'io con Andrea. Mica tutti i preti cattolici sono infedeli, anonimo delle 11.49! Ce ne sono molti di santi, per grazia di Dio! Il mio vecchio parroco è un uomo tutto d'un pezzo e pure lui sacrifica tutto il suo tempo agli altri. Gli costa molta fatica ma lo fa sempre col sorriso sulle labbra. Se tu vuoi rimanere in una chiesa con un prete destinato all'inferno fai pure, anonimo delle 11.49, però poi non lamentarti se pure tu seguendolo in terra lo seguirai anche laggiù! Per me un prete che non segue Gesù non è un prete. Punto.

      Elimina
    6. @anonimo 11:49, guarda che nessuno ha bisogno di preti infedeli, tantomeno Dio! Pensi che a Dio faccia piacere che un prete indegno celebri messa sporcando l'altare con i suoi peccati? Chi dirà messa? Se anche tutti i preti fossero indegni, e non lo sono tutti, ci sono tanti frati e monaci che sono anche sacerdoti e che dicono messa ogni giorno nei monasteri, stai tranquillo che di uomini santi che seguono Dio ce ne sono ancora! Sono solo i preti bugiardi e libertini da sbattere fuori a pedate dalla Chiesa! Sono solo una parte, la parte marcia.

      Elimina
    7. Come fa a essere "santo" un gallicano? Chi è fuori dalla Chiesa non è nemmeno in Grazia di Dio. Questo "ecumenismo pan-tradizionalista" che dovrebbe accomunare noi Cattolici Tradizionalisti alle sette gallicane impedisce alle Messe dell'Indulto di diffondersi e di diventare la norma nelle parrocchie.

      Elimina
  21. Direi basta a parlare della spx, non ce ne siamo curati per anni sostenendo che andava tutto a meraviglia e lo spirito soffiava forte sulla chiesa, continuiamo almeno per coerenza. Se il papa, ormai su posizioni gherardiniane, vorrà smentire di noia sul cvii convergendo sulle posizioni di fellay peggio per lui, noi della chiesa vaticana nomineremo un altro papa ed ognuno per la sua strada: chiesa vaticana a roma e chiesa cattolica a econe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo hai colto il punto.Siccome cacciare migliaia di preti dionisiaci è quasi impossibile senza la mano dello Spirito Santo i lefevriani se ne vanno per fatti loro nei loro conventi come del resto Benedetto nel suo in Vaticano.

      Elimina
    2. E chi sarebbe eretico? Ti rendi conto di ciò che stai dicendo? Sei ancora cristiano?

      Elimina
    3. Mi pare che Qualcuno dicesse che se una mano ti da scandalo la devi tagliare.
      Se aspetti che guarisce da sola rischi di prenderti tutta la cancrena.

      Elimina
    4. Placet ad anonimo delle 12.22! I preti non santi vanno cacciati tutti dalla Chiesa, meglio per loro se si mettessero una macina al collo e si gettassero nel lago infernale in cui già sguazzano e che li attende in eterno.

      Elimina
  22. un fratello in Cristo16 febbraio 2013 12:03

    Dobbiamo pregare tanto per la Chiesa e per i sacerdoti, anche la Madonna ci invita a farlo da tanto tempo e la Chiesa ci insegna a farlo da sempre.
    Mai come oggi l'unica speranza è nella preghiera, che lo Spirito Santo guidi i cardinali affinché la loro scelta non sia dettata da guerra per il potere o per fini unicamente umani, bensì a maggior gloria di Dio ed amore per la loro missione che è la salvezza delle loro anime e di quelle loro affidate.
    Non spetta a noi decidere se i lefevriani abbiano fatto o no una scelta secondo Dio, certo è che in loro vedo la Chiesa della mia infanzia, quella del mio battesimo, dei miei genitori, dei miei nonni.
    Offriamo, in questo periodo liturgico quaresimale, la nostra preghiera, rendendola più fervida, accompagnandola con i nostri sacrifici.
    Non aiutiamo certo la Chiesa ed anzi siamo solo scandalo per i non credenti, se continuiamo a farci la guerra ed ad offenderci in questo modo.
    Che il Signore ci guidi e che la Chiesa possa ritornare ad essere ed a insegnare come ha fatto per secoli, prima della confusione nella quale è immersa in questo periodo storico attuale.
    Preghiamo affinché cessino gli scandali, affinché la liturgia abbia nuovamente al centro Dio e non l'uomo, affinché i cristiani che vivono nel mondo siano luce per esso e non siano suoi schiavi, vanificando l'insegnamento di NSGC Preghiamo affinché l'insegnamento dottrinale ritorni a brillare di purezza ed ortodossia,che l'Eucarestia non venga più banalizzata e profanata, allora i lefevriano non avranno più motivo per non rientrare in piena comunione e non sarà necessario alcun preambolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici cose sante,però quello che voglio dire in massima umiltà e che pure Sant'Ambrogio per cacciare gli ariani da Milano insomma ecco ,senza offesa,qui lo dico qui lo nego però mi pare che gli hanno cacciati insomma ecco qualche bastonata è venuta fuori.

      Elimina
    2. Ottimo paragone e aggiungo: basta tacere. Noi Cattolici Tradizionalisti veniamo guardati con sospetto nelle Diocesi quando proponiamo le Messe dell'Indulto proprio perchè nei nostri gruppi su 10 c'è sempre quello che preso da "ecumenismo pan-tradizionalista" prende a frequentare i gallicani (a seconda che sul territorio vi sia una "cappella" sedevacantista,vetero"cattolica" o lefebvriana) gettando discredito sul gruppo. Il malinteso ecumenismo verso i settari gallicani (gli ariani di oggi) è sbagliato tanto quello che certi parroci hanno verso protestanti e eterortodossi orientali.

      Elimina
    3. no venite guardati con sospetto perché solitamente avete problemi seri, quali misoginia (che nasconde ben altro), insoddisfazione, arroganza, atteggiamento di superiorità etc...

      Elimina
    4. Veramente anonimo 17:54
      Quelle che tu elenchi sono vostre qualita' che non sono nemmeno nascoste. Sono sotto gli occhi di tutti.
      Che fai, il bue che dice cornuto all'asino?

      Elimina
    5. Caro anonimo 22:46, in effetti nelle "cappelle" sedevacantiste,lefebvriane e in certi ambienti criptosedevacantisti che si sono infiltrati nelle Diocesi è molto meglio guardarsi le spalle..

      Elimina
  23. Ma non la smettono più questi individui di scagliare strali contro il Papa!! Nemmeno adesso che è dimissionario. Si vergognino. Per anni hanno vomitato addosso alle mani tese del Papa, che si attirava le accuse di tre quarti del mondo "cattolico" per le sue aperture. Sono loro che hanno contribuito al peso che il Papa ha dovuto portare sulle sue spalle: le spalle di un colosso, di un gigante; ma pur sempre le spalle di un uomo. Si vergognino questi individui. Sono la rovina della Tradizione. Si è cattolici solo dentro la Chiesa: ubi Petrus, ibi ecclesia. Questi sono la nostra rovina (e questo sito continua a ospitare le loro farneticazioni). Prendano esempio dall'encomiabile servizio della FSSP! E loro, nella loro sozza indegnità, tacciano per sempre.

    RispondiElimina
  24. Non comprendo il senso laconico di alcuni cattolici, solo perchè il papa abdica non significa che la chiesa non stia vivendo il suo momento storico migliore, certo il concilio non è ancora dogma, ma tanti movimenti acclesiali godono di ottima salute ognuno con i propri testi sacri ognuno con le proprie liturgie che arricchiscono il volto eterogeneo e collegiale della chiesa vaticana.
    Speriamo che cresca il numero delle donne chierichetto che sono un'ottima idea per attirare i giovani in assemblea, soprattutto se formose ed esperte, quanto prima che possano diventare pretesse come le antiche vestali di cui ha scritto il papa nella sua prima storica enciclica.
    Gli altri scelgano come gli pare tanto ognuno ha il suo cammino di salvezza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. Preferisco una sacerdotessa casta e santa al posto di un prete ipocrita ed immorale! MAGARI!!!

      Elimina
    2. E chi ti assicura che le sacerdotesse saranno caste e sante?

      Elimina
    3. Caro anonimo 13:38, devi entrare nella mentalità di questi "cattolici" (che in realtà sono gallicani sedevacantisti cammuffati da cattolici) per comprenderne lo sconforto. Aggiungi che le pretesse lefebvriane e sedevacantiste non hanno mai preso bene la diffusione rapida delle Messe dell'Indulto che ha tolto loro il 90% degli ex frequentatori delle loro "messe".

      Elimina
    4. A leggere i commenti di pierluigi mi domando chi sia questo difensor fidei cosi' velenoso , zelo amaro oppure masceramento?....conoscendo bene la Fraternita' posso solo confermare che non esiste ne' gallicanesimo, ne' sedevacantismo ...ne' nelle posizioni ufficiali, ne' nelle omelie, ne nelle conferenze...anzi , mi sono meravigliato dell'equilibrio che hanno nel giudicare i fatti separandoli da opinioni personali che si possono trovare ovunque.....il buon pierluigi invece mostra il suo astio tipico dei modernisti nei confronti della fsspx....visto che in ogni commento non perde occasione per dire...noi tradizionalisti....ed attaccare , insultare , calunniare come invece un vero Cattolico non farebbe mai.....anche perche' il buon tradizionalista come crede di essere, guarda caso non sembra attaccare mai i veri eretici, le vere blasfemie, i veri sacrilegi che si vedono in giro.....lascia perdere pierluigi....ti tengo sotto controllo !

      Elimina
    5. Lascia stare...lascia i ragli a chi competono.
      Siamo di fronte ad un mitomane che ci prova solo gusto a seminare veleno e discordia...tattica già vista su questo blog tra l'altro.
      Lascia che se la canti e se la suoni...magari è uno che in chiesa non ci mette nemmeno piede.

      Elimina
    6. E gia' la verita' fa male,
      meglio lasciar stare e far passare gli altri per mitomani.
      Che faccia tosta!!!!

      Elimina
    7. Caro anonimo 22:52, in effetti la verità fa male a questi signori che guarda caso attaccano i Cattolici Tradizionalisti che denunciando l'eresia gallicana seminerebbero zizzania:questo buonismo è tipico anche dei "catto"comunisti che nel loro irenismo pretenderebbero che non si annunciasse più il Vangelo ai non-battezzati "per non seminare zizzania" con chi comunque una "fede" ce l'ha. Stiamo alla larga da questo "ecumenismo pan-tradizionalista" che vorebbe unire noi Cattolici Tradizionalisti e sette eretico-gallicane in un pappone arcobaleno unito solo dalla liturgia in latino (che i sedevacantisti recitano anche non una cum). Gesù è venuto a portare la spada,a dividere il padre dal figlio:dobbiamo essere caritatevoli ma chiari con gli eretici gallicani,non assecondarli o peggio considerarli "fratelli in Cristo".Che si pentano e si convertano.

      Elimina
  25. QUESTO CHE SI FA CHIAMARE PIERLUIGI È PENOSO, PE-NO-SO!
    Ma veramente i redattori accettano che sul loro blog ci sia questo atteggiamento da postribolo? Mamma mia che frasario! E questo sarebbe il "vero tradizionalista"? Ho trovato più carità e decoro tra i non battezzati!
    Tra l'altro l'odio monodirezionale e maniacale ricorda mooolto da vicino un certo personaggio virulento che occupava manu militari ogni argomento per spargere il suo lezzo...sarà mica un parente?
    Redazione, sveglia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pierluigi ha diritto di dire la sua quanto tu la tua. Sei molto più penoso tu comunque. Lascia libertà agli altri di esprimersi e non fare la femminuccia che va a piangere dalla mamma redazione ogni volta che Pierluigi scrive cose diverse dal tuo pensiero. Sei davvero patetico.

      Elimina
    2. Caro anonimo 15:26, è tipico degli eretici perdere la testa quando vengono ripresi,Dio li ha abbandonati al proprio orgoglio. Non lasciamoci intimorire dalle loro minacce e preghiamo per la loro conversione, oltre che per la diffusione su vasta scala della Messa Tradizionale fino ad oggi resa difficile dai sospetti delle Diocesi dovuti alla connivenza di molti "indultisti" con questi gallicani.

      Elimina
    3. Accidenti, leggi nelle anime di tutti! Conosci cuori, peccati e dannazioni. Quanto chiedi all'ora per una seria direzione spirituale? E per il seminario di ora d'odio contro mons. Fellay? C'è un sovrapprezzo? Ne sono molto interessato.

      Elimina
    4. Non c'e' bisogno di leggere i cuori,
      basta leggere quello che scrivete.
      Tra l'altro la tua ironia non fa nemmeno il solletico.
      Anonimo principiante delle 22:20 che quando non sa che dire improvvisa sulla satira.
      Piena solidarieta' a pierluigi.

      Elimina
  26. l'anonimo 13.38 sta dando i numeri al lotto per caso ??

    ognuno con i propri testi sacri
    ? ! ? ! ? ! ? ! ? ! ?

    e che è 'sta Chiesa conciliarizzata, una confederazione variopinta di sette catto-eretiche, all'insegna del VA' DOVE TI PORTA IL TUO fanta-leader maximo del CATTO-FAI-DA-TE ?
    il trionfo del RELATIVISMO, of course: secondo volontà di Nostro Signore Gesù Cristo, vero?
    oh ma allora c'è da credere che, come ha detto Gesù ad una mistica anni fa,
    "SIATE pronti, poichè scuoterò tra poco la MIA Chiesa dalle fondamenta" !
    qui certa gente dice scemenze colossali credendo di annunciare il nuovo verbo che rifonda la Chiesa.....e le ossa di tutti i Santi di 2000 anni si rivoltano nelle tombe, iniziando dai SS. Apostoli Pietro e Paolo, che non hanno mica fondato una multi setta, "ognuna coi SUOI TESTI SACRI e la sua liturgia.... ma hanno TRASMESSO ciò che hanno ricevuto:
    il Depositum Fidei INALTERABILE ! ! ed UNICO: quello consegnato da NSGC a Pietro e ai dodici, che NON TOCCASSERO NEPPURE UNO IOTA.
    Ma a quanto pare siamo giunti all'osanna proclamato a gran voce all'arrivo della
    chiesa-calderone mondialista del NWO, PLURIcollegialista adunata di eretici, scismatici e pan-idolatri, di sè di kiko e di ogni falso profeta, in attesa dell'anticristo che li soggiogherà tutti....complimenti !
    IN NOME dell'et-et conciliare, tutto è permesso, mille credi e liturgie diverse, TRANNE quello cattolico considerato eretico e la S. Messa di S. PIO V che sarà di nuovo bandita, perchè rifiuta con forza il gran calderone masso-ecumenista figlio del cv2 .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo!!! Anonimo 18:47
      Peccato che tu difenda chi affetti da SUPERBIA pensano solo a tutelare pizzi e merletti, e che prendono le distanze dai successori di Pietro.
      Davvero peccato, perche' saresti un bravo cattolico romano della chiesa di Pietro nelle intenzioni. Poi nei fatti sei come lefebvre e i suoi seguaci.

      Elimina
    2. Ma il relativismo è ormai di casa. Giustificare le dimissioni affermando che i tempi sono mutati e che la realtà odierna richiede maggiore prestanza fisica e mentale che altro è se non RELATIVISMO. E che cosa sono queste dimissioni, al di là delle loro intenzioni, se non una RELATIVIZZAZIONE della figura del pontefice, di più, dell'istituto papale?

      Elimina
    3. L'unico relativismo è quello dei gallicani che scelgono a seconda dei gusti quale Papa seguire e quale no. Frai gallicani i più divertenti sono i sedevacantisti che ogni tanto radunano i loro "don" e "mons" e si eleggono un "papa" tutto loro...che mattacchioni

      Elimina
  27. Attenzione ai falsi tradizionalisti che girano sui blog....girano parecchi criptomasosni e criptomarrani....naturalmente ogni commento e' sempre antiFSSPX, pieni di astio e veleno....lanciano anatemi a destra ed a manca....ce l'hanno guarda caso sempre con la fsspx , solo con loro.....non fanno altro che rendere i blog insopportabili e litigiosi e sopratutto far fare brutta figura all'immagine della tradizione Cattolica....con una fava 2 piccione! furbetti! provocano, provocano e agitano i blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro sig. Si-si-No-no
      Che fai, quando non hai piu' argomenti punti tutto sulla rissa?
      E gia', verita' scomode difficili da argomentare non possono passare in silenzio.. Meglio buttarli sulla rissa e dire che la hanno provocata gli altri.

      Elimina
  28. scusate gli errori ortografici ma oggi le dita non scivolano sulla tastiera.....sara' pure il giallo del blog che mi disturba oltre al fatto che non ci scrivo da anni su questo ermeneuticainlatino.it!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse ai festeggiamenti dell'ultimo carnevale sedevacantista s'è alzato un po' troppo il gomito.
      Non siamo puritani,c'è di peggio a questo mondo,tipo dire una "messa" non una cum

      Elimina
  29. Il Santo Padre Benedetto XVI, stanco di sentir parlare preti, vescovi e cardinali con discorsi alla “pierluigi”…, ha pensato bene di sganciare una bella “atomica”…, per poi ritirarsi in clausura a pregare per le anime di quei poveri “sciagurati” che erano convinti di rappresentare la vera Chiesa di Dio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che fai, ti scanzi dalle accuse di Benedetto XVI e mistifichi le parole del papa?
      Guarda che il papa ha parlato proprio di te!!!!
      Ha solo evitato per decenza di fare il tuo nome e cognome, me il messaggio era rivolto a te.
      Non ho letto una sola parola di pierluigi contro il papa.

      Elimina
    2. Ma caro anonimo delle 23:06...
      Quando mai ho detto che i discorsi alla “pierluigi” sono contro il Papa?!?
      Semmai è proprio la “supponenza” come la sua ad essere oggetto di condanna!!!

      Elimina
    3. Vedi a senso unico.
      Levati i paraocchi.

      Elimina
    4. Andiamo avanti come i bambini dell’asilo?!?
      Per me il discorso finisce qui!!!

      Elimina
    5. Appare ormai chiaro che gianluigi non è affatto come sostiene un tradizionalista ma bensì una persona interessata a spargere zizzania e discredito su tutti coloro che con fatica (anche da posizioni diverse,ma come vederci chiaro se le tenebre si infittiscono sempre più?)cercano di sostenere ciò che solo può salvare la Chiesa,la retta dottrina e la sacra Liturgia.Fatte salve le intenzioni che non è lecito giudicare(come invece lui fa spietatamente con gli altri),bisogna dire che con queste persone è impossibile un discorso proficuo.Oltre tutto è impermeabile a qualsiasi argomentazione razionale.

      Elimina
    6. Da notarsi la doppiezza dei gallicani che ora infangano il Pontefice ora se ne fanno strenui difensori:ricordano molto la doppia morale massonica.Del resto non è un mistero che i pochi "fedeli" rimasti alle "cappelle" sedevacantiste e lefebvriane vengano da lì.

      Elimina
  30. Visti, letti e
    c o n s i d e r a t i TUTTI I s i n t o m i
    e i molteplici segni, discorsi e atteggiamenti ossessivo-compulsivi di ODIO viscerale contro tutti i veri seguaci della
    Tradizione autentica (non quella pilotata-falsata dai potenti), ossia i veri cattolici di sempre (che siano o non siano della FSSPX), considerando inoltre l'arte diabolica di MISTIFICARE fatti e parole di chicchessia (papa, clero, laici ecc.) e soprattutto di IMPUGNARE i discorsi dei dialoganti per CAPOVOLGERNE i contenuti, distorcendoli SEMPRE al fine UNICO di condannare l'interlocutore con l'arma-minaccia del "sedevacantismo-scismatismo-ribellismo ecc...." tutte accuse GRATUITE inventate dell'egregio accusatore ossessivo,

    s i p u o' r i t e n e r e
    con PROBABILITà vicina al 100% che l'ineffabile sig. PIERLUIGI sia il (PURTROPPO) ritornato qui tra noi S(imon)de(Cyrene), come sempre: IRRIDUCIBILE nelle sue menzogne e accuse perverse e GRATUITE scagliate contro tutti quelli che non si allineano alla SUA linea, che è quella medesima del regime vigente CONCILIAR-MODERNISTA . Bravissimo servitore della tirannide episcopale & movimentista che domina nelle parrocchie, e che opprime i fedeli della Messa di sempre e del vero Cattolicesimo: quello dei DOGMI, che non muteranno MAI.
    Purtroppo è lui. Che Dio ce ne scampi, sopportiamo pazientemente le sue persecuzioni mediatiche (per ora).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, avevo detto la sstessa cosa più velatamente, comunque sopportare le persone moleste è una opera di misericodia spirituale, non ricordo bene, ma in quaressima non guasta.

      Elimina
    2. Non credo che l'AUTOINCENSARSI risolvera' il problema.
      Non credo che il dire "Guarda come siamo perfettini noi" per quanto riguarda gli "Arredi" possa farvi stare tranquilli.
      Se questo autoreferenziarsi vi fa star bene, continuate pure.
      Se il vostro essere settari vi soddisfa, vi auguro di essere ancora piu' settari all'interno della stessa setta. Con sommo gaudio da parte vostra.

      Elimina
    3. Da notare l'ossessione con cui gli eretici gallicani parlano della "Tradizione" con la "T" maiuscola (come i massoni quando si riferiscono alla mitica tradizione primordiale che contrappongono alla tradizione della Chiesa).Per noi Cattolici Tradizionalisti è indubbiamente opera di somma carità sopportare gli insulti di stampo luterano-vendoliano che i gallicani di Econe,Verrua e San Gottardo scagliano periodicamente contro chi si alzi in piedi per metterne in luce la doppiezza e confutarne le ereie.

      Elimina
  31. Concordo con nb, l'ho pensato subito anch'io. Pregiamo per lui. Alcuni hanno scritto cose scandalose, per un cristiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pregare per cosa? Perche' diventi lefebvriano? Mah!! Provate pure, non credo accadra' mai. Lui crede nel Papato du Pietro e nell' Unica Chiesa Cattolica Apostolica Romana. Non penso diventi parte di una fazione (?) (forse meglio dire setta?) che combatte la sua Chiesa.
      Quando uno scopre Dio e' molto difficile poi vada dietro agli uomini, vedi lefebvre e &

      Elimina
    2. @anonimo 10.32
      Quindi rinneghi l'insegnamento conciliare
      anche tu con iseguaci di lefevre.

      Elimina
    3. Perche' tu ritieni che lefebvre sia Dio?
      Non ti e' stato mai detto che Cristo ha fondato la sua Chiesa su Pietro e che le porte degli inferi non prevarranno?
      Non mi risulta che l'abbia fondata sulla SUPERBIA di lefebvre.
      Quindi tieniti pure il tuo lefebvre che io mi tengo Cristo.

      Elimina
    4. E quindi rinneghi il concilio che ha posto nella collegialità il fondamento della chiesa: se non sei lefevriano e rinneghi il conciilio vuoi spiegarmi in cosa credi, solo per capire

      Elimina
    5. Cari Cattolici Romani, come vi ho detto è inutile perdere tempo a intavolare dibattiti con gli eretici, in particolare con i gallicani(che siano di obbedienza sedevacantista,lefebvrianaosiano criptosedevacantisti infiltrati nelle Diocesi poco cambia) dato che sono induriti contro la Chiesa di Cristo e il suo Vicario più di tanti eretici e scismatici "storici".

      Elimina
  32. La FSSPX ha certamente ragione su molte cose, e non vedo in essa scopi scismatici o utilitaristici. Però l'intervista di Fellay è di una ingenuità quasi commovente, e dimostra che ci si ostina a non voler capire a che punto, purtroppo, è arrivata la Chiesa attuale. Ma veramente Fellay pensa che un giorno si arriverà a condannare (addirittura condannare...) il Concilio Vaticano II? O che si condanni il nuovo rito ordinario? (Fellay infatti parla di correzioni come "primo passo", implicitamente assumendo che in futuro si pervenga a una vera e propria condanna...). Ma come si può pensare questo? Secondo me Fellay vive sulla luna, e non capisce la situazione attuale della Chiesa. Le possibilità sono due: o Fellay sa benissimo come stanno le cose, e allora la Fraternità avrebbe scopi egoistici, avrebbe come fine la creazione di una chiesa parallela, proprio perché i membri della Fraternità saprebbero che non c'è possibilità alcuna di una riunione con Roma, tenendo ferme determinate idee. Oppure Fellay è un ingenuo che ha cessato di osservare la realtà fattuale. Ed è questa, secondo me, l'ipotesi più probabile. In ogni caso noi tutti - lefebvriani e non - che abbiamo a cuore la cattolicità dovremmo essere più furbi, dovremmo fare come i modernisti. In particolare: la FSSPX doveva ri-entrare a pieno titolo in comunione con Roma, poi, in un secondo tempo, avrebbe fatto tutto quello che ritiene di fare, come d'altronde fanno i modernisti (tipo i neo-catecumenali). Insomma dovevano attuare una strategia più machiavellica e accorta. E anche noi che non siamo nella FSSPX, ma che siamo abbastanza in sintonia con essa, dovevamo fare qualcosa in più per questo ri-avvicinamento, anche se ovviamente il grosso lo doveva fare la Fraternità. Dispiace perchè un occasione come quella avuta con Ratzinger non si presenterà mai più. Peraltro le dinamiche ecclesiali saranno sempre più extra-europee, la Chiesa purtroppo sarà sempre più terzomondizzata, non ci sarà più molta attenzione per tematiche europee (e nello specifico: gallicane). Comunque invito tutti, lefebvriani e "romani vicini alla sensibilità lefebvriana", a non litigare in questo momento, ma a stare vicini, almeno idealmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo 14:17
      Non ho capito se sei ingenuo o altro.
      Fellay e' una voce all'interno del coro della fraternita, forse il piu' scaltro ed e' quello che lascia aperta una porticina per rientrare a pieno titolo all'interno della chiesa. Gli altri due suoi "colleghi" la pensano diversamente. Quindi, a meno di uno scisma all'interno della fraternita, non vedo alcuna possibilita' di reintegro.
      Considerando poi i toni e il linguaggio dei fedeli della fsspx si capisce chiaramente che il teintegro e' quasi impossibile.
      Quando il papa invita alla preghiera per l'unita dei Cristiani loro sembra che preghino per marcarne ulteriormente le distanze. Io credo nell'azione dello Spirito Santo non credo per niente nell'Azione della fraternita, per l'unita' dei Cristiani sotto il papato di Pietro.

      Elimina
    2. Caro anonimo 14:17, se è per quello anche i cosiddetti "testimoni di geova" hanno ragione su molte cose.
      Che sono sarebbero i "romani vicini alla sensibilità lefebvriana"? Ci mancano solo "romani vicini alla sensibilità luterana". Stiamo attenti all'uso delle parole.

      Elimina
  33. A Marco,presumo C.
    Per chiarezza, faresti cosa buona e giusta cambiare il tuo nickname,chi tardi arriva male alloggia.Grazie
    MARCO

    RispondiElimina
  34. De-lefebvrianizziamo il movimento tradizionale.
    Via i lefebvrian-simpatizzanti dai movimenti indultisti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando si sta con un piede da una parte e l'altro dall'altra, prima o poi si fa una spaccata vertiginosa caro Anonimo. Non basta avere la Messa di sempre per essere cattolici, bisogna anche avere la stessa dottrina di sempre e tutti gli altri sacramenti, gli ibridi sono delle mostruosità.

      Elimina
  35. Sì, peccato che è grazie alla FSSPX se la messa di San Pio V non è andata nel dimenticatoio! Prima dell'indulto e del motu proprio, solo grazie a loro si poteva assistere alla messa di San Pio V! e ora li trattate come i peggio eretici, ce la meritiamo proprio questa chiesa semiprotestante e spero che sprofondi nell'abisso, poi quando anche voi sarete costretti ad andare da un sacerdote lefebvriano per assistere alla messa di sempre voglio proprio vedere se continuerete a chiamarli "eretici".

    RispondiElimina
  36. Ma l'indulto è per prendere la comunione con le mani.

    RispondiElimina
  37. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pirluigi smettila!

      Elimina
    2. pierluigi alias simon il cireneo?18 febbraio 2013 10:48

      Caro Pierluigi, la S.Messa è ancora qui non grazie a te o a Benedetto XVI, ma grazie a Dio che sempre la difenderà, nonostante te e nonostante tanti ministri che hanno scelto di servire il demonio piuttosto che Dio. Mons. Lefebvrre e chi con lui hanno solo continuato ad essere nel campo di battaglia giusto, non hanno altri meriti che aver fatto ciò che dovevano fare e che sempre si è fatto.

      Elimina
  38. E` in arrivo la scomunica per la FSSPX ed anche per chi semplicementre continuera` nella frequentazione. Ricordate quanto vi dissi su Fellay, sull`impossibilita` dell`accordo con Roma e dell`espulsione di Williamson. Le fonti che mi hanno informato sono le stesse e sono molto addentro ai misteri vaticani: uno degli ultimi ostacoli era BXVI....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei uno che c'ha "amici" quindi eh? Scommetto che ti piace travestirti...

      Elimina
    2. E lo hanno eliminato, vedo. I soliti intrighi massonici, ma Gesù vince sempre.

      Elimina
    3. Speriamo, così dovranno scomunicare anche Benedetto XVI, e con lui tutta la Chiesa cattolica.
      Per altro Castel Gandolfo è molto vicina ad Albano.
      La verità è che delle pulse denura non ce ne cale un gran ché.

      Elimina
  39. Meglio scomunicati per la gloria di Dio, che essere dentro e lavorare per il demonio.

    RispondiElimina
  40. Va bene la libertà di espressione, ma sempre nel rispetto e con educazione.
    Alcuni commenti veramente nauseanti di Pierluigi sono stati cancellati.
    Invito alla moderazione dei toni
    Roberto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finalmente si leva una voce!
      Grazie Roberto, ma per quanti post di chi si fa chiamare Pierluigi hai cancellato, altrettanti ne rimangono pieni di odio e di offese per gli altri utenti che non la pensano come lui. Tra l'altro c'è sempre curiosamente un "anonimo" che è l'unico a dargli ragione...non è che è uno che si parla e si risponde da solo, per caso? Visto che l'anonimo in questione, anche lui in quando ad odio penso non sia secondo a nessuno.
      Comunque apprezzo che, finalmente, qualcuno della redazione si dissoci da questi toni osceni.
      Grazie ancora di cuore, ma temo che il lavoro sia solo agli inizi.

      Elimina
    2. Loro (tra cui un certo jp e il Nuovo) trovano gusto a postare perchè sanno che troveranno persone che per legittima difesa risponderanno,seppur giustamente e con tutte le ragioni, per le rime alle loro provocazioni offensive.E invece di vergognarsi continueranno a postare post offensivi perchè noi diamo a loro corda.
      Diceva Dante di gente del genere:
      "Fama di loro il mondo esser non lassa;
      misericordia e giustizia li sdegna:
      non ragioniam di lor, ma guarda e passa" (o meglio guarda e seganala alla redazione)

      Elimina
    3. Ma se non hai nemmeno la decenza di mettere uno pseudonimo! E rileggiti se cerchi qualcuno che offende. Ti brucia che anche stavolta avro` anticipato i fatti, fattene una ragione nel tuo essere miserabile.

      Elimina
  41. Io sarò anche ingenuo, ma mi pongo (e pongo) sempre la stessa domanda, che non trova mai risposta. Come è possibile dare tanto spazio su questo blog alla FSSPX? Sono scismatici, non sono in comunione con il Santo Padre; con quel Santo Padre che ha fatto di tutto, tirandosi addosso gli strali di due terzi della Chiesa, pur di "ripescarli" (e uso questo verbo evangelico non a caso). Perché i gestori di questo blog cattolico continuano a dare spazio alla superba, anzi alla proterva arroganza di chi, pretendendo di essere nel giuso, non è in comunione con il Papa e con la Chiesa? Perché? Lo dico non con polemica o con sdegno; semplicemente, non capisco. L'unica cosa che un cattolico (e ancor più un cattolico legato alla Tradizione) può fare è pregare per loro, perché tornino in comunione con Roma e facciano sentire DALL'INTERNO il loro benefico influsso nella Chiesa. Senza Pietro, non c'è Chiesa.
    Carolus

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cio` la dice lunga su alcuni tradizionalisti...

      Elimina
    2. senza Pietro non c'è Chiesa, già.....
      e allora come fecero i cattolici nel Medio Evo quando la Chiesa rimase senza Pietro ad es.
      - per la durata di 1 anno es. prima dell'elezione di Bonifacio III, anno 607
      - alla morte di Papa Niccolò IV, al secolo Girolamo Masci (Ascoli Piceno, 30 settembre 1227 – Roma, 4 aprile 1292) 191° papa, la Sede rimase vacante per DUE ANNI E 3 MESI;
      e allora? ponetevi la domanda: in tale circostanza ipotetica, la Chiesa secondo voi finirebbe di esistere ?

      Elimina
  42. uno dei miserabili19 febbraio 2013 13:57

    Il Nuovo che si vanta tanto di sapere le cose in anticipo (probabilmente ha amici massoni in Vaticano), sappia che solo Dio sa come andrà a finire, perchè siamo tutti nelle sue mani e non in quelle dei suoi informatori.

    RispondiElimina
  43. Per me parlano le anticipazioni fatte sul blog e puntualmente realizzatesi. Il resto sono chiacchiere e banalita`.

    RispondiElimina
  44. Ma con le dimissioni, caro Fellay, il papa un ultimo gesto verso di voi l'ha fatto: il gesto dell'ombrello. Che forse ha imparato proprio da voi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. aspetta a ridere...il prossimo papa potrebbe cambiare le carte in tavola!

      Elimina
  45. Lefevriani, neocatecumenali, vetterovattolici.... tutti vogliono essere nella Chiesa; UNA, SANTA CATTOLICA APOSTOLICA, ma nessuno vuole obbedire e vuole evere le sue idee, sue messe, sue....
    OBBEDIENZA, OBBEDIENZA e umilta ci porta alla pace e unione.

    Gesù Cristo era obbediente FINO ALLA MORTE, alla morte SULLA CROCE!! (Fil 2)

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.