lunedì 21 gennaio 2013

"I paramenti liturgici dell'abbazia benedettina di Farfa. La pianeta:storia e simbologia" di C. Mandosi

da IBS.
Il Dipartimento dei Beni Culturali della Chiesa della Pontificia Università Gregoriana ha realizzato nel 2009 un progetto di inventariazione dei paramenti sacri dell'Abbazia di Farfa (sita nel comune di Fara Sabina, in provincia di Rieti), ponendosi l'obiettivo di valorizzare, nell'ambito di uno studio scientifico, un importante patrimonio storico, culturale e religioso.Il volume illustra dunque i paramenti inventariati, facendo cenno all'arte tessile e al linguaggio dei colori liturgici, e fornisce anche una descrizione della Chiesa abbaziale e della storia farfense.Il testo è inoltre corredato dalle foto della Chiesa e di alcuni dei paramenti conservati nell'Abbazia. Uno studio di sicuro interesse per gli appassionati di storia della Chiesa.

Presentazione:
"I paramenti liturgici dell'abbazia benedettina di Farfa. La pianeta: storia e simbologia" edito dalla Libreria Editrice Vaticana. Prendendo spunto da una ricerca che l'autrice ha condotto sugli antichi paramenti liturgici conservati a Farfa con la direzione del Prof. HEINRICH PFEIFFER, uno dei più noti studiosi dell’arte cristiana, Cristina Mandosi ha realizzato un volume che contiene degli elementi utili per valorizzare i paramenti liturgici, spesso trascurati o dimenticati nelle sagrestie, e che invece possono costituire una importante risorsa per sviluppare iniziative culturali e religiose. Il testo propone anche notizie sui tessuti, manifatture, decori e colori tratte da antichi trattati e documenti ecclesiastici per una maggiore comprensione delle sacre vesti. In particolare l'autrice si è soffermata sulla pianeta, veste sacerdotale per eccellenza, proponendo la ricostruzione storica del suo sviluppo e simbologia analizzandone la forma e i decori. Il libro presenta inoltre un catalogo delle più interessanti pianete di Farfa dal seicento al Novecento.
Tutto questo lavoro è nato a seguito della Inventariazione dei Paramenti della abbazia di Farfa che è stata realizzata grazie da un Progetto dei Beni Culturali dell’Università Pontificia Gregoriana al quale Cristina Mandosi ha partecipato insieme ai suoi cari colleghi ed amici Simone Raponi e Giulia Colangeli. Un contributo importante lo ha dato anche don Antonio Campus della diocesi di Alghero-Bosa.

Cristina MANDOSI, nata a Perugia, specializzata in beni culturali della Chiesa e giornalista. Diplomata in Scienze Religiose, si è in seguito laureata in Scienze della Comunicazione all' Università Pontificia Salesiana e in Storia e Beni Culturali della Chiesa alla Pontificia Università Gregoriana, presso la quale è iscritta ad un dottorato di ricerca. Attualmente svolge attività di Direzione Artistica di eventi dedicati alla valorizzazione dell’arte sacra.
 
CRISTINA MANDOSI, I paramenti liturgici dell'abbazia di Farfa - La pianeta: storia e simbologia, Libreria Editrice Vaticana 2013, € 22,00


9 commenti:

  1. Tutto ciò è molto interessante, ma agli sventurati che non hanno vesti antiche nella sacrestia rimane l'amaro in bocca, considerando come coloro che sapevano riprodurre I paramenti antichi e crearne di eccellenti di nuova foggia e gusto tradizionale ormai non lavorano più. c'è qualcuno che può suggerire I nomi di chi può far ciò?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci sono molti negozi specializzati a Roma che propongono paramenti sacri, anche su richiesta, di foggia antica (anche utilizzando tessuti antichi).
      Inoltre ci sono anche molte suore di alcuni conventi che ancora oggi confezionano i paramenti sacri.

      Elimina
  2. su ebay si trovano quintali di paramenti antichi in ottimo stato che vengono venduti per due lire.... se le sacrestie si sono svuotate qualche parroco ci ha dato dentro con lo svendere...

    RispondiElimina
  3. Diciamo la verità: su ebay raramente si trova roba di qualità e, se qualcosa c'è, la fanno pagare bella cara!

    RispondiElimina
  4. Si può chiedere alle Benedettine del monastero di Trevi (PG), o anche a quelle di Santa Vittoria in Matenano (AP).

    RispondiElimina
  5. Chiedete alla ditta che ha confezionato quel famoso piviale multicolore di Giovanni Paolo II

    RispondiElimina
  6. Andate a farvi benedire nostalgigi del piffero

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciuco, mettiti a sedere prima di ragliare

      Elimina
  7. Ah grazie, anonimo delle 13:46! Questo sì che è un intervento intelligente! Scrivi in un blog che si chiama messainlatino e ti metti a dire che I paramenti antichi sono roba da nostalgici, complimenti! Hai molto tempo libero a tua disposizione. sicuramente una bella casula dei colori Dell'arcobaleno è più adatta ad una celebrazione liturgica, purché sia di poliestere.
    voglio ringraziare l'anonimo del 23 gennaio 8:37, non conoscevo quei monasteri.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.