venerdì 17 giugno 2011

Campo estivo italiano dell'Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote


CAMPO ESTIVO MASCHILE "SAN DOMENICO SAVIO"
PER RAGAZZI DA 10 A 14 ANNI

Dal 12 al 23 luglio 2011
Montenero (Livorno) - Villa del Sacro Cuore


Presentazione

Scopo delle nostre gite è far conoscere ai ragazzi il loro patrimonio culturale e religioso, e sviluppare nelle loro facoltà il senso del bello attraverso le diverse attività.
Le giornate trascorreranno tra giochi, escursioni, visite, riposo e preghiera (di seguito il programma).
L’assistenza spirituale è curata da don Joseph Luzuy, sacerdote dell’Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote, il quale cura anche la direzione del campo, con la collaborazione del canonico Federico Pozza, novello sacerdote, e di tre seminaristi, in più dell’aiuto generoso di un giovane e di alcune signore.
Le attività e la vita di preghiera saranno adattate all’età dei partecipanti.
Il Campo sarà ospitato in una casa affidata all’Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote, presso Montenero (Livorno), di cui è responsabile don Joseph Luzuy, e se il numero dei iscritti è grande il Santuario della Madonna di Montenero, patrona della Toscana, ci aprirà le sue porte.


Quando si fa? – come si arriva?

Il campo inizierà proprio il 12 luglio sera (alle ore 18.00 nella Villa del Sacro Cuore, via Numa Campi 9, Livorno) all’arrivo dei partecipanti. Si concluderà il 22 luglio sera, con l’ultima veglia, per consentire a coloro che vengono da lontano di partire il 23 mattina.


Un riassunto del programma:

- Livorno: Giro in Battello dei Fossi, visita Fortezza vecchia, Visita al Porto, Visita dell’Accademia Navale.
- Visita di Lucca, la città delle cento chiese; Pisa: Piazza dei Miracoli, Cimitero Monumentale, Piazza dei Cavalieri; Volterra; Carrara e i suoi marmi…
- Escursioni: Parco di San Rossore, Giro in Battello del Lago di Massaciuccoli, visita alla Villa di Giacomo Puccini, Visita alla Miniera di S. Silvestro di Campiglia.
- Visita alla Certosa di Calci.
- Visita al Seminario di Gricigliano (Firenze)
- Pellegrinaggio: Santuario della Madonna delle Grazie di Montenero.
- Preghiere del mattino e della sera; S. Messa quotidiana; 20 min. al giorno di approfondimento su temi religiosi e sulla vita dei santi; una adorazione del SS. Sacramento durante il soggiorno.
Durante la permanenza, i ragazzi svolgeranno delle attività per imparare ad assumersi alcune responsabilità.


Costo

La quota di partecipazione al Campo estivo (11 giorni) è di € 160. La quota comprende l’alloggio, il vitto e le spese per le diverse attività (ad es., gli spostamenti, le visite guidate, ecc.). La quota non comprende il viaggio andata-ritorno. Nessuno deve però rinunciare ad iscriversi per ragioni economiche: in caso di difficoltà, contattare l’Assistente spirituale.


Iscrizione: entro il 30 giugno 2011

Affinché l’iscrizione sia valida, è necessario compilare con attenzione l'apposita scheda e inviarla entro il 30 giugno – unitamente alla quota di partecipazione e ad una foto formato tessera dell’iscritto – all’Assistente spirituale: Don Joseph Luzuy, Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote, Via Numa Campi 9, 57128 Livorno. Il pagamento si può effettuare anche tramite assegno o bonifico bancario (nella causale indicare: “Iscrizione Campo estivo San Domenico Savio”) all’ordine di:

Don JOSEPH LUZUY
Banca CR Firenze
Iban: IT45X0616038010000018068C00


Assicurazione

I partecipanti devono essere in possesso di un’assicurazione di responsabilità civile (contro eventuali danni causati a terzi) valida per il periodo di durata del Campo, la cui attestazione deve essere allegata alla scheda di iscrizione.


Norme di comportamento

Tutti i partecipanti al Campo estivo si impegnano a rispettarne il carattere specifico, a conformarsi allo spirito di amicizia e a osservare le elementari regole della vita in comune.


Per iscriversi o per informazioni:

Canonico don Joseph Luzuy
Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote
Via Numa Campi, 9 – 57128 Livorno.
Cell.: 335 345 163.
livorno@icrsp.org

30 commenti:

  1. 160 Euro per 11 giorni ??????????????

    Valori d'altri tempi.

    Complimenti vivissimi: questo si chiama "sostegno concreto alla famiglia"

    RispondiElimina
  2. Come da regolamento, i ragazzi dovranno imparare la lingua francese per partecipare al campo scuola, molto più importante del latino per la liturgia.

    Ai ragazzi verrà fatto indossare il pon-pon viola, e passeranno 10 degli 11 giorni a rimembrare cupamente l'esecuzione di Luigi XVI.

    RispondiElimina
  3. Che battute spente...

    RispondiElimina
  4. nonsolorapallo17 giugno 2011 20:12

    in diocesi di Chiavari i campeggi diocesani di azione cattolica, costano l'ira di Dio, in posti indecenti, sotto l'egida dell'anticonformismo alle minime regole di vita cristiana, dove alle preghiere del mattino e della sera si preferisce un sermone sul tema del giorno e la messa, quando si, quando no, stranamente comincia dall'offertorio, naturalmente non i chiesa, che c'è, ma in qualche luogo rabberciato all'ultimo, tutti buttati per terra.Fortunatamente si stanno esaurendo per mancanza di iscritti

    RispondiElimina
  5. Alpium Pastor Quidam17 giugno 2011 20:41

    CARO OSPITE SEI UN DEFICENTE, NEL SENSO ETIMOLOGICO. MANCHI CIOE' DI INTELLETTO E NON SAI APPREZZARE CHI CON FATICA CERCA DI SALVARE IL SALVABILE.
    UN TEMPO, QUANDI IO AVEVO 11 ANNI E CIOE' NEL 1958, OGNI CAMPEGGIO FATTO DA PRETI ERA FATTO COSì.
    OGGI AI CAMPI PARROCCHIALE TUTTO E' LECITO. CON LA BENEDIZIONE DEL VESCOVO!

    RispondiElimina
  6. È il caso di pubblicare le coordinate bancarie? Cosicché i nigeriani facciano i loro lavori? Potrebbe essere meglio dare solo un indirizzo di posta elettronica e comunicarle solo agli interessati...

    RispondiElimina
  7. Ospite, ma vai a fare queste battute su vivailconcilio.it.! E mi fermo qui per rispetto della pagina che mi ospita. 

    RispondiElimina
  8. Ospite (quale?) la sua greve ironia è prova immediata ed evidente di imbecillità.

    RispondiElimina
  9. A proposito:, una profonda meditazione sul martirio di S.M. Luigi XVI, Martire per la Fede e per la Francia, sarebbe comunque altamente meritoria.

    RispondiElimina
  10. Non condivido "nel senso etimologico". Io direi nel senso sostanziale, concreto, comune e reale del termine. Ma naturalmente è da apprezzare la sua delicatezza, ancorchè non meritata dal destinatario.

    RispondiElimina
  11. Danoi accade un'altra cosa. Da noi ci sono delle parrocchie (l più grosse) che hanno la grazia di aver la casa in montagna. Dopo averla fatta ristrutturare da cima a fondo le affittano al altri e mnadano i ragazzi a fare "campiscuola" in altre strutture prese a loro volta in affitto. Strutture, naturalemente, messe peggio. Le cifre sono esorbitanti e così il numero dei ragazzi sta scendendo in modo progressivo.
    Comunqu bella iniziativa. Ci penserò il prossim hanno per il mio.

    RispondiElimina
  12. Spedisco e poi rileggo. Brutto sistema. :-D :-D

    RispondiElimina
  13. =-O Complimenti all`ospite per l`acutezza, l`intelligenza, la profondità, la serietà del suo commento, la solidità dei suoi argomenti.   C`è chi crede di suppleire all`intelligenza con l`ironia, il problema è che anche l`ironia può essere non solo formalmente ma anche sostanzialmente priva di intelligenza.

    RispondiElimina
  14. E quando si dice che nei campi scuola parrocchiali è diventato tutto lecito, vogliamo intendere tutto, soprattutto quando gli interessati hanno dai 14/15 anni in su.
    Ma proprio tutto tutto!
    Non manca niente.

    RispondiElimina
  15. La Messa comincia all'offertorio? Questa non l'avevo mai sentita.
    Però può essere un vantaggio saltare la cosiddetta "liturgia della parola" O:-) , giacchè oggi la Messa è fatta da due sole parti, non più da cinque.

    RispondiElimina
  16. bravo ospite, ma per favore quelli di Gricigliano sono dei ridicoli narcisisti azzurrini con strascico, immagino faranno uso solo del lei, a cena in cravatta, e parleranno solo di pianete francesi e di ricami francesi e di superiorità francese, insomma una petite France d'estrema destra. Ma per favore!!!! Tornino nel settecento pre rivoluzionario, se ci riescono.

    RispondiElimina
  17. Quos vult perdere, Deus prius dementat.

    RispondiElimina
  18. Forse sarà così nella triste e deviata immagine mentale che lei ha ricavato da una maniacale frequentazione dei siti internet. Per fortuna, la realtà è ben diversa.

    RispondiElimina
  19. Come al solito le posizioni sono polarizzate.
    Ma è possibile una discussione serena e priva di pregiudizi?
    Riguardo a Gricigliano: sono abbonato da anni al loro periodico e ci sono già stato un paio di volte.
    Ho parlato con un seminarista milanese - molto gentile - che ha fatto fare a me - e a un amico che mi accompagnava - il giro della casa. Non dico che fossimo coetanei (con il seminarista), ma il divario di età era sicuramante in quel "range" che permette di darsi, secondo la mentalità di oggi, reciprocalmente del "tu". Ebbene lui ci dava insistentmente del "lei" e tutto ciò ha reso il contatto molto formale (anche se cortese). 
    Quando siamo approdati in un'aula con dei computer, i seminaristi che si stavano rilassando navigando in internet non hanno neanche alzato la testa per un sorriso o un cenno di saluto. Peccato!
    Riguardo al loro abito (che qualcuno qui sopra definisce "ridicolo azzurrino con strascico"): sono uno strenuo difensore dell'abito talare  (e mi piace pure il "saturno"). E mi piace  che venga indossata bene: è orribile vedere, a volte, 10 cm di pantaloni che scendono dalla talare. Ma il tutto deve essere sobrio.
    Non me ne vogliano gli amici di Gricigliano, apprezzabili per moltie cose: il loro abito azzurrino da cerimonia,azzurrino,  un pochino anacronistico e ridicolo lo è davvero.
        

    RispondiElimina
  20. Pizzi, merletti, strascichi di 8 metri, paggetti, Francia del '700 e inoltre catechismo vero della Chiesa cattolica, pellegrinaggi, processioni, rosario quotidiano, adorazioen quotidiana, santa Messa quotidiana,conferenze di formazione sul Credo, campi per bambini e ragazzi, benedizione delle famiglie, cellulari accesi 24 ore su 24, disponibilità totale, sempre vestiti da prete, mai una parola fuori luogo, buona educazione.
    Il sottoscritto riceve dal prete formalista di Gricigliano del tu, e non mette giacca e cravatta dal 1996 anno in cui  si è sposato. Per completare il mio pensiero oltre al cupo rimembrare dell'omicidio di Luigi XVI spero che ci sia spazio per ricordare anche il martirio di Rolando Rivi, dei martiri inglesi morti per difendere la liturgia (uno come te, ospite, si spensieratamente sarebbe accodato al nuovo rito), quello dei comandanti vandeani, e di tutti quei combattenti e martiri che hanno impegnato la loro esistenza sino a perderla per lasciare la possibilità di vivere meglio possibile la fede anche a gente come te.

    RispondiElimina
  21. Ospite: Tradizione è anche  (ovviamente non solo) decoro, cura dell'estetica, ricerca del Bello (che, se è veramente tale, è consustanziale al Bene e al Vero), disprezzo per lo sbracamento esistenziale e verbale, rispetto di sé e degli altri, buona educazione, buon gusto, sobrietà nei gesti e nei comportamenti. Dalle sue parole, sembrerebbe che tutto ciò le risulti alieno. Problemi suoi, si iscriva pure alla tribù del Grande Fratello o della Tamarreide (mi dicono che esista). Infine, tralascio la sua provocazione su "una petite France d'estrema destra" perchè non ho voglia di perdere tempo per parlare di politica con lei. Che lei fosse un simpatizzante di Pisapia e di Vendola era  evento probabile, date le sue parole. A proposito di buon gusto, e politica, le segnalo comunque il prossimo Gaypride a Milano, sponsorizzato da Pisapia con il silenzioso assenso del Cardinal Arcivescovo. Sono certo che  apprezzerà questa mia segnalazione e che non se lo perderà.

    RispondiElimina
  22. In cambio l'undicesimo giorno mediteranno su quanto sono imbecilli i modernisti.

    RispondiElimina
  23. <span>Ospite delle 18:06: Tradizione è anche  (ovviamente non solo) decoro, cura dell'estetica, ricerca del Bello (che, se è veramente tale, è consustanziale al Bene e al Vero), disprezzo per lo sbracamento esistenziale e verbale, rispetto di sé e degli altri, buona educazione, buon gusto, sobrietà nei gesti e nei comportamenti. Dalle sue parole, sembrerebbe che tutto ciò le risulti alieno. Problemi suoi, si iscriva pure alla tribù del Grande Fratello o della Tamarreide (mi dicono che esista). Infine, tralascio la sua provocazione su "una petite France d'estrema destra" perchè non ho voglia di perdere tempo discutendo di politica con lei. Che lei fosse un simpatizzante di Pisapia e di Vendola era  evento probabile, date le sue parole. A proposito di buon gusto, e politica, le segnalo comunque il prossimo Gaypride a Milano, sponsorizzato da Pisapia con il silenzioso assenso del Cardinal Arcivescovo. Sono certo che  apprezzerà questa mia segnalazione e che non se lo perderà.</span>

    RispondiElimina
  24. Sono stato anchio a Gricigliano e ho trovato attenzione per la forma (anchio sono abituato al tu, e talvolta il lei mi mette un po' in difficoltà) ma anche calore umano, e molta gioia e serenità. Il loro abito da cerimonia a me piace moltissimo. De gustibus ...

    RispondiElimina
  25. Inoltre, per schiarirsi le sue stereotipate idee sulla Francia "nel settecento pre rivoluzionario", le consiglio lettura del cattolicissimo Pierre Gaxotte (che, a proposito di Francia "d'estrema destra", fu simpatizzante dell'Action Française), La Rivoluzione Francese, Mondadori, 1989. E' una lettura facile e scorrevole, sicuramente adatta anche a lei.

    RispondiElimina
  26. Luis Moscardò19 giugno 2011 00:35

    ...e aggiungerei una bella "i" al deficiente!

    RispondiElimina
  27. Luis Moscardò19 giugno 2011 00:51

    Mah, posso dire d'essere in buona confidenza col sacerdote che organizza il campo e assicuro che parla italiano in modo assai fluente; pur essendo in confidenza ci diamo del lei, cosa che faccio normalmente anche con i miei suoceri che conosco da vent'anni e con i quali c'è estrema familiarità....
    I discorsi sull'abito sono come quelli del mons/nonmons: a che serve ragionare di questo? Non ci compete e non ci cambia niente nella vita; cosa cambia se recitiamo un S.Rosario con la guida di un canonico dell'ICRSP in abito corale piuttosto che una semplice talare?

    RispondiElimina
  28. Luis Moscardò19 giugno 2011 00:52

    <span>Mah, posso dire d'essere in buona confidenza col sacerdote che organizza il campo e assicuro che parla italiano in modo assai fluente; pur essendo in confidenza ci diamo del lei, cosa che faccio normalmente anche con i miei suoceri che conosco da vent'anni e con i quali c'è estrema familiarità....  
    I discorsi sull'abito sono come quelli del mons/nonmons: a che serve ragionare di questo? Non ci compete e non ci cambia niente nella vita; cosa cambia se recitiamo un S.Rosario con la guida di un canonico dell'ICRSP che indossa il suo abito corale piuttosto che una semplice talare?</span>

    RispondiElimina
  29. Una precisazione per Luisa: l'ironia in quanto espediente retorico  presuppone l'intelligenza, non è roba alla portata di tutti.Quando non se ne hanno i mezzi, quando deficit cerebrum, si ha soltanto il becerume dell'ignorante. 

    RispondiElimina
  30. Luis Moscardò27 giugno 2011 10:04

    "i seminaristi che si stavano rilassando navigando in internet non hanno neanche alzato la testa per un sorriso o un cenno di saluto. Peccato! "

    Nella sala informatica i seminaristi non hanno accesso se non a determinati siti selezionati per ragioni di studio o informazione, parimenti la posta elettronica personale è disabilitata, quindi non si stavano affatto rilassando. Quando m'è capitato di passare in quella sala e nella bella biblioteca adiacente ho trovato gente che studiava e che cordialmente accennava dei sorrisi di saluto ma non andava oltre perché dove si studia non ci si danno gli high-five né pacche sulle spalle. Forse sarà la mia faccia a essere più simpatica o più ridicola di altre? Può darsi. Quanto all'"abito da cerimonia" il giudizio su colore e "anacronismo" è basato su elementi estremamente soggettivi riferibili al gusto e alla "cultura" di chi tale giudizio esprime e -con buona pace del visitatore cui piae dare del tu ai coetanei- ce ne cale assai pochetto.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.