sabato 12 febbraio 2011

Pontificale "ordinario" a Malta

Per tramite di FaceBook (di cui anche il Santo Padre lo scorso 24 gennao 2011, in occasione del Messaggio per la Giornata Mondiale della Comunicazione sociale -qui- , ha riconosciuto le potenzialità e le possibili applicazioni cristianamente orientate) ci è giunta notizia di una solenne pontificale in Cattedrale.
Perchè ne riportiamo notizia? Guardando le foto, lo capirete.Ci dicono che per la chiesa diocesana maltese, sia una cosa consueta, ma si rimane ogni volta estasiati e stupiti. E un po' "invidiosi". La cosa mirabile è che si tratta di una celebrazione Novus Ordo.
L'occasione è stata la Festa della Conversione di San Paolo che, pur cadendo il 25 gennaio, è stata anticipata, per decisione del Capitolo Metropolitano della Cattedrale, al precedente domenica 23 gennaio alle ore 09:30. La festa e stata celebrara con I primi vespri e Messa alla vigilia (sabato 22 gennaio ore 17:45) e puoi con la Messa solenne nella mattina (il 23 gennaio ore 09:30).
Nelle due occasioni l'arcivescovo di Malta è entrato nella catedrale con la cappamagna. Il rito della messa e stato il rito nuovo.
La celebrazione è stata officiata da Mons. Paul Cremona O.P, con l'assistenza dei Canonici, in abito proprio corale, nella Cattedrale di Mdina, che ha per titolo proprio la Conversione di S. Paolo.
L'uso della Cappamagna, come ci comunicano i nostri "amici" di FaceBook maltesi, è regolarmente usata in questa occasione, il 29 giugno per la festa dei Ss. Pietro e Paolo, e anche il 9 e 10 febbraio nella parrocchia di Valletta (perche il co-catedrale di Valletta e dedicato a San Giovanni Battista), durante i festeggiamenti in occasione della memoria del naufragio di San Paolo sull'isola.
Un unico rammarico sostanziale, che offusca un po' lo smalto solenne degli aspetti, pur rilevanti, ma di secondo piano, degli addobbi della chiesa e dell'uso della cappamagna: notiamo che nella cattedrale son spariti gli inginocchiatoi! E che all'atto dell'adorazione del Santissimo Sacramento il Vescovo non toglie lo zucchetto.
Ci auguriamo che i fedeli restino comunque toccati dalla grazia di Dio e traggano i copiosi beneifici del Divino Sacrificio celebrato, bisogna ammetterlo, con grande fede, serietà, riverenza, devozione e ieraticità. Così come dovrebbero essere tutte le S. Messe ("antiche" o "moderne"che siano!).
Ringraziamo Mark Micallef per le foto e Antonio Margheriti Mastino e quanti altri ci hanno dato notizia sull'evento.
.
*

*


*


*


*


*


*

14 commenti:

  1. sono un esteta ed automaticamente ho una visione pessimistica della vita ....

    pur tuttavia sono allegrissimo dentro di me ............ chi mi conosce lo sa ...

    senza rendere OMAGGIO di ADORAZIONE al S.S.  tutto diventa CARNEVALE !!!!!!!! ...... e non ditemi che sono incontentabile !!!!!!!!

    ........ difficile potermi incantare !!!!!!!!! .........

    RispondiElimina
  2. Probabilmente in una Messa NO celebrata esemplarmente o quasi (quindi una buona notizia: da tempo sostengo che il MP Summorum Pontificum e in generale l'attenzione alla Tradizione liturgica può di riflesso far bene anche alle celebrazioni ordinarie) ci sarebbero stati molti altri aspetti da sottolineare più importanti della cappa magna.

    RispondiElimina
  3. :-D c'è ancora del buono fra.... i Domenicani.....

    RispondiElimina
  4. La cappa magna è troppo, troppo ridicola...Mi sembra veramente un paramento inutile e molto snob, come se si volessero riprendere i fasti di una Chiesa da Ancienne Regime...

    RispondiElimina
  5. ritengo questo giudizio molto fuori luogo ............
    è apparenza se non c' è sostanza .........

    i fasti sono e devono essere per DIO SOLO !!!!! ...... non per noi che non siamo un bel nulla ......

    ......... a me pare che qui si stia facendo festa in casa del PADRONE !!!! ........ il solito !!!!!!!! ......

    RispondiElimina
  6. invece le casule-poncho, le stole multicolore, i piviali completamente sganciati dai colori liturgici cosa sono di grazia?

    RispondiElimina
  7. terribile il tavolino di legno..

    RispondiElimina
  8. Andrea Carradori12 febbraio 2011 15:44

    Tutto bello : ci viene un poco di invidia pensando che anche nelle mie parti prima della riforma bugniniana si potevano vedere queste belle scene!
    Certamente se fosse celebrata la Santa Messa di sempre ... sarebbe meglio ...
    Accontentiamoci che il Martirano non abbia messo le mani sull'isola ...
    Durante una visita del Servo di Dio Giovanni Paolo II in una Diocesi italiana un mio amico, allora Canonico del Duomo, fu interrogato dal segretario del Papa : " Lei che ruolo ha in Diocesi" ?
    il mio amico rispose " Canonico della Basilica Cattedrale , Monsignore".
    Il Segretario del Papa gli chiese " Perchè allora non indossa le insegne di canonico"?
    Il mio amico subitaneamente replicò " Perchè voi ce le avete tolte, Monsignore".

    RispondiElimina
  9. A proposito di capa magna il sito dell' Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote ha pubblicato belissime foto delle ordinazioni diaconali presedute dal cardinale Burk in Gricigliano.
    http://www.icrsp.org/IMAGES-APOSTOLATS/IMAGES-2011/GRICIGLIANO/Ordinations-Diaconales/Initiale.htm

    RispondiElimina
  10. Sono ridicole anche quelle. Sobrietà decorosa e senso della misura è chiedere troppo? Questa cappa magna non serve assolutamente a niente, se non a dire "guardate come sono importante e potente".

    RispondiElimina
  11. si scrive "ANCIEN".....

    RispondiElimina
  12. gli inginocchiatoiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii..............

    RispondiElimina
  13. la cappa magna insieme ad altri paramenti simboleggiano la tradizione della chiesa ! il Concilio Vaticano II ha buttato tutto ciò nella spazzatura ? chiedo a voi

    RispondiElimina
  14. un filosofo ha detto : " se nel mondo si parlasse solo di ciò che veramente si conosce,  ci sarebbe un grande silenzio" questo vale per certi commenti,  è comunque buona che vedano queto blog, almeno possono imparare.
    In passato fui molto critico sulle foto di certe messe nella FS soprattutto liguri, lo fui solo per desiderio di correzione fraterna in quanto evidenziavano imprecisioni ,abusi, ecc, salva la buona fede e la buona volontà che comunque non giustifia l'errore. 
    Nel caso di questo servizio fotografico sul pontificale ordinaro a Malta, posso solo congratularmi , sobrietà , eleganza, precisone, ammirare queste immagini fa bene, non è un teatrino dell'oratorio, è un pontificale come Dio comanda. Complimenti

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.