martedì 25 gennaio 2011

Il Vescovo di Nizza visita la casa della FSSPX

Un cortese lettore ci segnala che il sito della diocesi di Nizza, (Provenza, Francia) ha pubblicato la notizia che durante la sua visita pastorale nella parrocchia centrale del Beato Giovanni XXIII, il vescovo di Nizza, Mons Louis Sankalé (in clergyman e non in borghese: per un vescovo francese è già molto) ha visitato oltre agli oratori, ai centri religiosi, alle confraternite dei Penitenti, del Semeuse, del Cimitero del Castello, oltre alla Legione Straniera, a molti tra abitanti e negozianti, anche la casa della Fraternità di San Pio X, accolto dal superiore p. Moulin (col quale si è intrattenuto per la prima volta, in amabile colloquio).
Sembra essere la prima volta di un vescovo francese entrato in una casa della Fraternità.
E comunque è un gesto significativo!

Roberto


si Veda anche il blog di Rorate Caeli

28 commenti:

  1. Il vescovo di Nizza, di origine senegalese, fu cresimato da Mons. Lefèbvre quando questi era vescovo di Dakar.

    RispondiElimina
  2. Per chi conosce la situazione della diocesi di Nizza....sa che il clero è in via di estinzione (i funerali vengono "celebrati" dai laici) e solo la San Pio X è numericametne sempre in crescita

    RispondiElimina
  3. Visita di cortesia, ma anche segno per fargli capire che nella Chiesa ci sono delle autorità...

    Bravo il Vescovo, cordiale e pronto a far capire che c'é un autorità da riconoscere anche se si é tradizionalisti

    RispondiElimina
  4. che queste AUTORITA' se ci sono , ne sia degne della DIGNITA' di cui sono investite ...... detto in chiare note  e senza polemica .........

    RispondiElimina
  5. Guido - Torino25 gennaio 2011 12:47

    Quindi ne avrà conosciuto la santità e l' amore per la Chiesa. 

    RispondiElimina
  6. Redazione di Messainlatino.it25 gennaio 2011 12:51

    Penso che nessuno intenda affermare il contrario.

    RispondiElimina
  7. il solito commento provocatore che a nulla può servire...

    RispondiElimina
  8. x dominicus

    il solito commento inutile e provocatorio che non si capisce a cosa possa servire..

    RispondiElimina
  9. Redazione di Messainlatino.it25 gennaio 2011 13:07

    @antonio. concordo!!!
    Ma non diamogli importanza, e ignoriamolo. Se apriamo una discussione, gli diamo soddisfazione e ammorbiamo lo spazio dei commenti. Altrettanto cerchiamo di fare con tutti gli altri commenti polemici e inopportuni. Che dite? cambiamo politica: ignoriamoli.
    Roberto.

    RispondiElimina
  10. :)  finalmente una bella notizia!! ogni tanto ce vol!!!
    e sono sicura che ce ne sono tante altre ma purtroppo sconosciute... è il sottobosco che crescendo non fa chiasso, confronto al rumore di una foresta che cade...

    RispondiElimina
  11. E se la politica fosse semplicemente di cancellarli?

    RispondiElimina
  12. Caterina carissima, mi chiedo se sia solo la foresta a crollare.

    RispondiElimina
  13. Caterina carissima, sei sicura di sentire solo il fruscio di fronde cadenti? Io ultimamento ho l'impressione di sentire il rumore di strutture ben più importanti che cadono in rovina.

    RispondiElimina
  14. Bisognerebbe che tutti i Vescovi andassero a visitare i priorati o le cappelle della FSPX.. :)  ne rimarrebbero edificati..!!

    RispondiElimina
  15. no  !!!!! ......... sono una testimonianza ........ e tutto diventerebbe  aserrico ..........

    ........ sai che noia ,  noi soli quattro gatti a far salotto .........

    RispondiElimina
  16. :-D  veramente non ho detto di sentire "solo".... ieri ci siamo depressi con l'albero dei festeggiamenti, oggi un Vescovo diocesano si comporta da Padre e va a visitare le pecorelle... sono due notizie opposte, la prima è per me della foresta che cade, poichè la vittoria sarà della Chiesa Cattolica... la seconda promette bene... già il Vescovo di Lourdes per due volte ha fatto ospitalità alla FSSPX, ora questa notizia... per me sono le belle notizie che però non fanno rumore...
    Per quanto possano scricchiolare le strutture "im-portanti" resta palese che l'edificio non crollerà... ;)

    RispondiElimina
  17. Ma se iin Italia i  Francescani dell'Immacolata  vengono a volte cacciati oppure non vengono nemmeno fatti entrare in una regione Ecclesiastica ( come la mia) per il semplice motivo che celebrano secondo il rito del messale del1962 ( di S. Pio V o del beato Giovanni XXIII).E chi patteggia per loro  deve fare a casa sua i conti con la Digos., inviata dall'Ordinario Diocesano del luogo. Pensate che Benedetto XVi, queste cose non le sappia? Eppure ....... a volte fioccano pure le promozioni.

    RispondiElimina
  18. è vero NATAN ... qui in ASSISI ancora non hanno una residenza ..........

    ..... l' AUTORITA' del  vescovo attuale , SORRENTNO , quello che ha spogliato la MADONNA DI POMPEI di tutti i suoi tesori e insediatosi ad  ASSISI con un seguito di sei suore che pensano solo ai suoi bisogni personali , non credo potranno venire  mai nella loro TERRA MADRE !!!!! ......

    RispondiElimina
  19. hai ragione Ros, magari abiurerebbero pure la loro falsa religione per farsi cattolici! ah!ah!ah! Era una battuta per chi non l'avesse capito. ;)

    RispondiElimina
  20. Hai ragione Natan, e spesso quando non vengono cacciati si devono sentir dire che devono adeguarsi alle idee progressiste dei fedeli della parrocchia, per non traumatizzarli, come se dovessero essere i fedeli a catechizzare i sacerdoti e non viceversa. Ma presto la sittuazione si ribalterà perchè i progressisti non hanno vocazioni, mentre i Francescani dell'Immacolata si.

    RispondiElimina
  21. Non disperiamo!

    RispondiElimina
  22. eppure ANNARITA i frutti ci sono .......... neocatecumenali , focolarini e chi piu' ne ha oiu' ne metta ........ allevati e tirati su come polli d' allevamento

    ........... non rispondermi fatti una bella risata piuttosto ..........

    RispondiElimina
  23. Quindi Papa Borgia non era Papa, perché persona indegna?

    RispondiElimina
  24. Musicus Philologus25 gennaio 2011 20:13

    Bella notizia!
    Quanto agli incontri tra Vescovi francesi e Sacerdoti della FSSPX, mi sembra di ricordare che anche l'Arcivescovo di Bordeaux, il Card. Ricard, una volta invitò a pranzo i preti della Fraternità insieme ai preti diocesani. Avanti così! L'unico modo per diminuire le distanze è quello di conoscersi a vicenda...

    Musicus Philologus

    RispondiElimina
  25. Coraggio Amici fa più rumore una foresta che brucia, piuttosto che un albero che cresce.
    per 40 anni la chiesa ha vidipendiato la bimillenaria tradizione hanno cercato di spaventarci, con scomuniche,mettendoci alla berlina aditandoci come nostalgici e scismatici, noi da nostro canto continuevamo ad andare alla messa di sempre, pregavamo è  preghiamo continuamente per il Sovrano Pontefice, anche quando lui si distanziava dalla continuità, ma soprattutto in quelle circostanze , oggi se un vesvovo và a visitare un priorato non fa altro che andare a trovare dei devoti figli fedeli all' unica vera Chiesa Cattolica Romana ben vengano questi pastori, in tutto il mondo che riallaccino relazioni con la fraternità sacerdotale San PioX.

    RispondiElimina
  26. Alcuni movimenti sorti dopo CVII, hanno visto si un proliferare di vocazioni ma ora iniziano a sentire l'inizio di una crisi vocazionale. Benedetto XVi ci ha invitato ad essere come degli alberi silenziosi che crescono nella foresta, sembra che non facciano niente ma crescono, crescono e contribuiscono a perpetuare  la foresta.

    RispondiElimina
  27. Simone da Varagine25 gennaio 2011 22:45

    Scusa Natan ti riferisci alla Digos spedita a palermo per togliere lo striscione famoso? o ad altro? nel caso sia un caso nuovo potresti essere più preciso e circostaziato? Dobbiamo iniziare a denunciare pubblicamente direi

    RispondiElimina
  28. Potresti dare degli esempi, l'argomento è interessante!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.