sabato 20 novembre 2010

Roma rifiuta di nominare un ausiliario al vescovo di Linz

La famigerata diocesi di Linz, Austria, teatro dell'incresciosa protesta del clero diocesano contro il già eletto vescovo ausiliario Wagner per via della sua ortodossia e 'romanità' (cosa che aveva costretto la S. Sede a chiedergli di rinunziare alla nomina), continua a non trovare pace.

La diocesi, oltre che pullulante di preti apertamente concubini, come ricorderete (a quello che rivendicò orgogliosamente di avere una compagna, fu lasciato tranquillamente l'incarico di parroco), è ostaggio di gruppi di pressione di 'laici impegnati', di lobby liberal, insomma di quanto v'è di peggio.

La novità che è trapelata è che il vescovo Schwarz, alla ricerca di un vescovo ausiliario dopo il 'dimissionamento' di Wagner, ha proposto a Roma un numero insolitamente grande di nomi, uno dopo l'altro, ricevendo continui dinieghi. Come noto, per la nomina di ausiliari l'opinione del vescovo residenziale è di particolare rilievo e viene di solito assecondata la sua volontà. Non in questo caso. A questo punto c'è da chiedersi se tutti i nomi fossero impresentabili, o se il Vaticano voglia semplicemente punire quella diocesi, oppure ancora se attenda il momento propizio per la nomina di un "Wagner 2 la vendetta".

Schwarz si è premurato di smentire categoricamente l'indiscrezione; così facendo, l'ha semplicemente confermata e avvalorata: proprio dopo aver detto che non c'era una parola di vero in tutto ciò e che egli non ha ricevuto nessun rifiuto da Roma, ha riconosciuto che il nuovo Prefetto per i vescovi, card. Ouellet, ha chiesto tempo per "affrontare la questione e orientarvisi".

Enrico

Fonte: Kath.net

27 commenti:

  1. Andrea Carradori20 novembre 2010 07:13

    E' tempo che si "cuocino con la loro stessa acqua" in quella sfortunata diocesi.
    Quando il "clero" non avrà più neppure i "clienti" ( dicasi di fedeli) incomincerà a riflettere e fare ammenda.
    Il troppo lusso, la sicurezza economica e l'ossequio al mondo , con le sue scellerate mode, ha prodotto una specie di religione lontana dal Vangelo di Cristo.

    RispondiElimina
  2. e. corrige:   
       si   cuociano

    RispondiElimina
  3. <span>e. corrige:     
       si   cuociano</span>
    (cortesia e rispetto verso la lingua italiana)

    RispondiElimina
  4. e una religione  "lontana dal Vangelo di Cristo", che specie di religione sarebbe ?

    RispondiElimina
  5. <p>sarebbe ora di usare le parole acconce a siffatti panorami ecclesiali:
    </p><p>    corruzione  -  apostasia  - desolazione
    </p><p>La corruzione della Fede e dei costumi non ha MAI prodotto una religione, ma solo degenerazione dell'uomo e della società in un NEO-PAGANESIMO, peggiore di quello anteriore alla venuta di Cristo: 
    </p><p>infatti allora quei pagani erano scusati perchè non l'avevano ancora conosciuto !
    </p><p>Ora osserviamo sgomenti un imbarbarimento (e anche spesso imbestiamento) volontario, COME SE Gesù Cristo non fosse mai venuto a rivelare il Volto del Padre, della sua Giustizia, del Suo Amore e della <span>Sua Santità infinita.</span>
    </p><p>Come se la Sua Passione e Morte sulla Croce di Redenzione fossero vanificate dagli uomini che con la loro infedeltà -a fatti o parole - lo rinnegano : ed ecco manifestarsi la tremenda realtà  del   PRO MULTIS .
    </p>

    RispondiElimina
  6. please:
    <span><span>   si   cuociano</span>  ...</span>

    RispondiElimina
  7. <span>E' tempo che si "cuociano con la loro stessa acqua" in quella sfortunata diocesi.  
    Quando il "clero" non avrà più neppure i "clienti" ( dicasi di fedeli) incomincerà a riflettere e fare ammenda.  
    </span>
    <span></span>
    <span>Direi proprio di no: il modello futuro, non illudetevi, è (in versione borghese) quello belga olandese oppoure quello popolare delle comunità di base (quello che io auspico) o delle parrocchie rivitalizzate da nuove esperienze di cammino spirituale di gruppo.</span>
    <span>Quanto alle parrocchie standard, seguirando l'evoluzione francese (Nourrichard) e tedesca.</span>
    <span>E' un po' come la questione delle traduzioni del Messale: la logica evoluzionistica instillata beneficamente dalla svolta conciliare  prima o poi produrrà quella trasmutazione di forme, che la destra curiale tenta inutilmente di frenare.</span>

    RispondiElimina
  8. modelli di moda20 novembre 2010 08:58

    il modello  belga  ? trendy  eh ?
         'nnamo bene  !
    *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  9. Infatti meglio le CdB (per capirci: a sinistra) o quelle stile CNC (a destra).

    RispondiElimina
  10. Grazie al cielo ci resta sempre la San Pio X. Voglio restare cattolico a tutti i costi, quando sara' impossibile frequentare chiese eretiche 'paracattoliche', allora faro' la mia scelta (anche se dolorosa) e andro' dove la Santa Dottrina e' ancora tramandata.

    RispondiElimina
  11. La San Pio X è una comunità scismatica e sedevacantista, che non è in comunione con la chiesa nè universale nè locale. Si oppone al Concilio e alle sue legittime riforme. Qua si applica il non prevarranno.

    RispondiElimina
  12. Questo sedicente pastor onniscente, perennemente in agguato per non perdere occasione di diffamare la FSSPX, con affermazioni già smentite miriadi di volte, ha francamente stufato!

    RispondiElimina
  13. e così non smentisce la sua provenienza e la sua de-formazione

    RispondiElimina
  14. Rafminimi13@libero.it20 novembre 2010 11:30

    secondo me, il signor Pastor di nome ed Ille di cognome, è più tradizionalista di me e scrive certe cose, con i toni che usa, proprio per ridicolizzarle

    RispondiElimina
  15. Rafminimi13@libero.it20 novembre 2010 11:31

    fortunatamente, con tali amici, i modernisti non hanno bisogno di nemici.

    RispondiElimina
  16. Rafminimi13@libero.it20 novembre 2010 11:43

    nè scismatica, nè sedevacantista. Anzi, che SI è GUADAGNATA i complimenti di GP2 per come, (secondo me, anche mancando di carità) ha emarginate le tendenze sedevacantiste. 

    RispondiElimina
  17. Bene Pastor ille o Inopportuno che dir si voglia, ma "i segni dei tempi", che il "concilio" e il suo spirito ci hanno insegnato a leggere, tu li tieni in considerazione o no? Proprio dalla Francia e da mons. Nourrichard, che tu citi come esempio, giungono segni chiari di come evolvono le parrocchie che tu vorresti instaurare, si potrebbero riassumere con un concetto: desertificazione. La controprova è che dove si porta avanti una pastorale fondata sui principi evangelici, apostolici e tradizionali, cresce la partecipazione dei fedeli e aumentano le vocazioni. Vorrà pur dire qualcosa o no? O tu sostieni una pastorale raffinata, d'elite, dove solo i Cristiani impegnati hanno posto, dove non si accetta una fede troppo semplice, ma si esige una scelta di campo, sociale in cui non c'è posto per il popolo, ma solo per i piccoli gruppi di iniziati?
    Io sono per la pastorale di popolo, dove c'è posto per tutti. L'elites le lascio ai movimenti e ai gruppi e allo spirito del concilio..

    RispondiElimina
  18. Wagner 2 la vendetta...mi piace!! :-D
    Quanto al "modello belga" prospettato e auspicato dal nostro amico (vedasi qui http://www.paolorodari.com/2010/11/18/nessuna-gerarchia-e-messe-senza-preti-cosi-il-belgio-si-ribella-al-vaticano/), direi che, alla fine, in certi Paesi come Germania, Francia, Belgio, Olanda, non cambia poi tanto se la Messa la dicono i preti o i laici...tanto, con le stramberie teologiche e liturgiche che circolano, sarebbe ugualmente invalida ed eretica...
    Io dico solo che è un immenso piacere guardare su internet le foto delle chiese e delle celebrazioni moderniste di questi Paesi...sono desolate, vuote, indecorose...i fedeli, e i sacerdoti, sono pochi, e assai in là con l'età (non parliamo poi di ciò che credono e, nel caso dei sacerdoti, celebrano e insegnano...)
    Invece, sempre su internet, è un piacere vedere le foto delle chiese, delle comunità e delle celebrazioni tradizionali (quindi, non solo la FSSPX, ma anche le realtà "regolari", come i Francescani dell'Immacolata, la FSSP, l'Istituto Cristo Re, le Monache Turchine, la Fraternità della Santissima Vergine Maria)...Messe meravigliose, fedeli e sacerdoti giovani e giovanissimi, e con una Fede cristallina...
    Chi ha orecchie per intendere, intenda...

    RispondiElimina
  19. Per forza Roma prende tempo........ Gira il nome di un religioso che ha meritato molto più di Mons.Wagner la nomina a vescovo ausiliare e che, trasferito a Linz, farebe un gran bene per la chiesa austriaca. Si chiama Schoenborn

    RispondiElimina
  20. Almeno e' cattolica, cosa che non si puo' dire di tanti vescovi teoricamente in comunione col Papa, e in realta ribelli a Lui. Il non prevalebunt si applica sempre appropriatamente ai nemici della verita' e a quelli della Dottrina (maniaci del concilio compresi).

    RispondiElimina
  21. Caro Pastor ille le tue previsioni lasciano il tempo che trovano......
    In verità manifestano una cosa sola, la tua paura e terrore per l'avanzata tradizionalista nella Chiesa.
    Non ci sono dubbi, la Tradizione vincerà, perchè non è frutto di una ideologia fatta a tavolino come le tue tesi moderniste. Tutte le ideologie affascinano all'inizio, ma dopo poco tempo come erbe flaccide, marciscono e muoiono.....
    La Tradizione non ha bisogno della propaganda, della grancassa massmediatica ecclesialese, la Tradizione essendo Verità e Bellezza si impone da sè, perchè gli uomini sono stati creati per dirla con Dante "per seguire virtute e conoscenza".
    Come cristiano e sacerdote ho compassione della tua anima così accecata che vomita cose false e stomachevoli come quelle che scrivi su questo blog..... Sinceramente mi dispiace per te..... ma non dispero perchè Dio ha il potere di illuminare e convertire anche gente come te...... per cui sappi che fin da ora sei nelle mie preghiere insieme a quei pochi (mercedaro, lollarda) tuoi compagni di sventura.....
    ti benedico
    don Bernardo

    RispondiElimina
  22. DANTE PASTORELLI20 novembre 2010 20:38

    Il povero Pastor Ille sperimenta sulla propria carne l'incompiuta logica evoluzionista.

    RispondiElimina
  23. DANTE PASTORELLI20 novembre 2010 20:42

    Don Gianluigi, ma non ha capito ancora che questi quattro in uno vogliono il riconoscimento da parte della Chiesa dei matrimoni gay? Non ha letto che per lui/lei-loro ci son cinque generi o sessi? Non li ha/nno elencati ma sono maschio, femmina, omosex-maschile (maschile si fa per dire), lesbica e trans.

    RispondiElimina
  24. DANTE PASTORELLI20 novembre 2010 20:43

    <span>Don Gianluigi, ma non ha capito ancora che questi quattro in uno vogliono il riconoscimento da parte della Chiesa dei matrimoni gay? Non ha letto che per lui/lei-loro ci son cinque generi o sessi? Non li ha/nno elencati ma sono maschio, femmina, omosex-maschile (maschile si fa per dire), lesbica e trans.</span>
    L'evoluzione è tutta qui.

    RispondiElimina
  25. DANTE PASTORELLI20 novembre 2010 20:44

    Io non nutro molte speranze sulla ri-nomina di Wagner. Naturalmente mi auguro d'esser smentito domani.

    RispondiElimina
  26. Scusa, Mic, questo "Pastor", "inopportuno", "lollarda", ecc, ecc, ecc,... sappiamo che è un troll. Meglio non rispondere alle sue provocazioni.

    RispondiElimina
  27. A Roma fanno politica semplicemente. Si studia a tavolino, mangiando krauti e wuerstel, chi inserire ed in quale posto per non scontentare nessuno così si tira avanti altrimenti lo scisma è in agguato e di questi tempi, meglio scivolar via senza carne nè pesce. ma scherziamo ? Il papa Benedetto16 che ha provato e sostenuto il Concilio con le innovazioni varie ha visto il disastro dopo ma non riesce ancora a denunciarlo per via dello scisma in agguato ed allora, via a zig-zag evitando fatti clamorosi.....ma dannando le anime semplici. Amen! 

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.