sabato 13 novembre 2010

La rivista lefebvriana esalta mons. Ranjith


C'informa l'attento blog Cordialiter che sull'ultimo numero della rivista “Fideliter”, periodico del distretto francese della Fraternità Sacerdotale San Pio X, è apparso un articolo molto positivo sull'arcivescovo di Colombo (Sri Lanka), il quasi-cardinale Albert Malcom Ranijt Patabendige Don, il quale sta conducendo una tenace e faticosa battaglia in difesa della Sacra Liturgia, che ovviamente non può prescindere dall'incoraggiamento ad una sempre maggior diffusione della Messa tradizionale.

Cordialiter ricorda l'intervista che mons. Ranjith rilasciò nel febbraio 2007 al mensile “Inside The Vatican”, allorché disse:
“la riforma liturgica post-conciliare non è stata in grado di realizzare le auspicate aspettative circa il rinnovamento spirituale e missionario della Chiesa, così che oggi ci si possa considerare giustamente contenti in proposito. Indubbiamente, ci sono stati anche risultati positivi, ma [..] le chiese si sono svuotate, la liturgia a ruota libera è all’ordine del giorno, mentre sono stati oscurati il vero scopo e il vero significato di ciò che si celebra. Ci si deve chiedere, quindi, se il processo di riforma, nei fatti, sia stato condotto correttamente. Occorre guardare attentamente a ciò che è accaduto, pregare e riflettere sulle cause e, con l’aiuto di Dio, apportare le necessarie correzioni.”
Aggiungiamo che il fatto che la rivista ufficiale della FSSPX francese tessa lodi ad un esponente di rilievo della Chiesa cosiddetta ufficiale è un segnale incoraggiante di quel processo di avvicinamento tra Roma e la Fraternità, che l'elezione di Benedetto XVI ha promosso ed incamminato.

Enrico

29 commenti:

  1. Da intendersi che Roma si avvicina alla fraternità.........
    io avrei auspicato il contrario.
    Certo, un cardinale non fa primavera...........

    RispondiElimina
  2. Trippartolo sarebbe da sperare che partendo da punti diversi di trovi un punto di mezzo in cui potersi accordare.  Se poi tu pensi che sia la fraternità ad andare verso Roma allora capisco che sei un conciliarista e quindi un non amante della Tradizione. E smettila con quelle rime orripilanti.

    RispondiElimina
  3. Approfitto dello spazio e del tema.
    Volevo complimentarmi con l'autore del blog Cordialiter, per i suoi bei blog e per il modo davvero edificante e molto vicino alla mia sensibilità con cui tratta gli argomenti.
    .
    Ho approfittato di dirlo qui, mancando i commenti sul suo blog.

    RispondiElimina
  4. tripparolo questa è veramente una gran bella sorpresa ...... e mi fa gran che piacere !!!!!!! ........ e dopo ???? ...... ehehehe  ......... 

    RispondiElimina
  5. Finalmente una cosa in cui posso andare daccordo con tripparolo......

    RispondiElimina
  6. Secondo me, entrambi dovrebbero andare l'uno incontro all'altro. La Chiesa deve riscoprire la Tradizione, non a livello ufficiale, ma nella pratica di tutti i giorni.
    Quelli di Econe devono imparare a non demonizzare a priori la parola 'cambiamento', correndo il rischio di scambiare la Tradizione col tradizionalismo.

    RispondiElimina
  7.  .......... '' QUELLI DI ECONE ,, non hanno bisogno alcuno per distinguere il bianco dal nero . !!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  8. Mmm, dunque chi ha conferito loro il carisma dell'infallibilità?

    RispondiElimina
  9.  ....... non essere ne provocante a vuoto ne noioso ........... non credo avrai soddisfazione !!!!!!!!! 

    RispondiElimina
  10. Infatti io non voglio essere nè provocatore, nè noioso. Ho solo notato che alcune parole, col maiuscolo, quindi tono strillato, usate per esprimere un giudizio che reputo esagerato (perchè può portare a credere che la Fraternità di San Pio X sia composta da esseri incapaci di sbagliare) meritasse una piccola domanda sarcastica.
    Se vuoi finirla qui, prego.
    E' pure ora di cena, tra l'altro.

    RispondiElimina
  11. Cambiamento per chi ha letto (almeno!!!) Fede, Verità e tolleranza, del Card J. Ratzinger ( oggi per chi non lo sapesse Benedetto XVI) non è in antinomia con conservazione e tradizione!
    Per quelli di Econe più pigri basterebbe leggere la nota 6 di pagina 76 e 77!
    Poi per quelli econiani meno pigri consiglio A.H. Maslow, motivazione e personalità, Armando; soprattutto la prima parte!
    Poi ci sarebbe la stessa Resurrezione che dice chiaramente che saremo cambiati ma identici a prima ( risorge anche la carne. O ricordo male?).
    un caro saluto agli econiani che fa molto rima con talebani!
    MD

    RispondiElimina
  12. Non andare d'accordo con er Trippa è impossibile!!!!
    Ciao trippa! Buona Domenica.
    MD

    RispondiElimina
  13. io non urlo mai quando dialogo . sussurro .......


      ma e' anche vero che ho l' abitudine pessima di scrivere tutti i sostantivi in maiuscolo ,, è un abitudine , viene spontaneo ......

     ed ho scritto '' QUELLI DI ECONE ,,  ....... sic  ........ perche' sostantivo ed etichetta per le bottiglie di vino ...............

    RispondiElimina
  14.  ...... bon appetit !!!!!!!! 

    RispondiElimina
  15. ..........  tripparolo in fondo sei geniale !!!!!!!! ....... magari avere dei ......  '' nemici ,,  ...... come te ........

    RispondiElimina
  16. Ottime le virgolette ... i "non econiani" non hanno nemici ma solo fratelli erranti ( letto Papa oggi?)! E quando uno erra si impegnano ad indicare la retta via ... hanno un'ottima bussola. Il VII!
    MD

    RispondiElimina
  17. AH .......  ho capito , grazie del consiglio !!!!!!!! 

    RispondiElimina
  18. Ma la smetta Bartimeo, gli econiani sbagliano coi loro toni per cui si credono infallibili, ma quando leggo quel che lei scrive ho voglia di farmi lefebvriano

    RispondiElimina
  19. Rafminimi13@libero.it13 novembre 2010 23:07

    <span> VII!  ?</span>

    Cosa è il SETTIMO"(=VII)?

    RispondiElimina
  20. DANTE PASTORELLI13 novembre 2010 23:42

    Ma un Martini fa inverno.

    RispondiElimina
  21. Pure a te buona Domenica, sor Bartimeo.
    Come pure a tutti.
    E mi raccomando, oggi a Messa.

    RispondiElimina
  22. Caro Aldo!
    perchè dovrei smettere? in fin dei conti ti sto salvando l'anima!
    Ringraziami piuttosto!
    Buona domenica.
    MD

    RispondiElimina
  23. DANTE PASTORELLI14 novembre 2010 12:11

    Io son tornato ora.

    RispondiElimina
  24. DANTE PASTORELLI14 novembre 2010 19:12

    La carne risorge, ma quell'"identici a prima" molto ambiguo. Può dire il vero e può dire il falso.

    RispondiElimina
  25. DANTE PASTORELLI14 novembre 2010 19:15

    I non econiani non hanno nemici? La Chiesa ha sempre sbagliato a pregare, nelle Litanie maggiori, affinché il Signore si degni di umiliare i nemici della santa Chiesa? O i non econiani non sono anch'essi Chiesa?

    RispondiElimina
  26. DANTE PASTORELLI14 novembre 2010 20:22

    <span>La carne risorge, ma quell'"identici a prima" è molto ambiguo. Può dire il vero e può dire il falso.</span>

    RispondiElimina
  27. Ma non sei tu... 8-)

    RispondiElimina
  28. Da non molto frequento con molta assiduità una piccola comunità cattolica (non incardinata) che celebra la S.Messa di sempre e aborrisce dal CV II.
    Frequentai nel 1994, per un anno, una comunità neocatecumenale e seppur contento inizialmente, notai da lì a poco, tanti aspetti che finii per non condividere.
    Sono passati tanti anni, mi sono fatto una discreta cultura teologica e storica e l'amore per la Santa Liturgia Tridentina é un qualcosa che non potrei spiegare a parole.
    Soprattutto le idee chiare di questo sacerdote e di queste suore; il loro parlare é SI SI, NO NO........senza tanti fronzoli politicamente corretti.
    Un saluto a tutti.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.