giovedì 22 luglio 2010

La furbizia dei belgi


I vescovi belgi hanno cambiato il loro portavoce, ruolo finora svolto dal reverendo de Beukelaer. Si ignora il motivo di questa sostituzione, che comunque ha sicuramente a che vedere con l'enorme pressione mediatica cui sono attualmente sottoposti i vescovi belgi. Di de Beukelaer, possiamo solo attestare che, nelle interviste televisive successive alla famosa perquisizione alla conferenza episcopale e alle tombe in cattedrale, se l'era cavata piuttosto bene. Anche se aveva dovuto riconoscere, giocoforza, che il cardinale Bertone era incorso in una bella gaffe, quando aveva lamentato che i vescovi fossero stati segregati per un giorno intero senz'acqua né cibo: in realtà, essi pranzarono a pollo arrosto e vino. L'invettiva di Bertone aveva ulteriormente rivelato la tipica efficienza informativa e comunicativa del Vaticano.

Il nuovo portavoce dell'episcopato è un laico, Jürgen Mettepenningen, storico della Chiesa all'Università Cattolica di Lovanio (quella fiamminga).

Quanto la scelta sia stata oculata, lo si può immaginare, tra l'altro, dal fatto che il nuovo portavoce è autore di un saggio dal titolo (impronunciabile, come ogni cosa in fiammingo): De Kerk bloost. Pleidooi voor een gedurfder beleid. Che significa: La Chiesa arrossisce. Perorare per una politica più audace. Se già il titolo, da solo, non vi ha ancora fatto venire l'urticaria, sappiate che il contenuto è anche peggio, e di molto. La politica più audace propugnata dal tizio comprende, manco a dirlo, l'ordinazione femminile e il matrimonio omosessuale, con il contorno di accuse alla Chiesa sessista e discriminatoria.

Non solo: il Nostro si attacca anche alla liturgia e afferma che le frasi utilizzate durante la celebrazione dell'Eucarestia (la parola Messa è troppo tradizionale) devono essere 'rinfrescate', ringiovanite, sulla base di questo slogan: "non si può annunciare un messaggio di vita in una lingua morta". E per lingua morta non intende solo il latino, ma anche la lingua corrente, che a suo avviso non è ancora abbastanza... corrente, ossia colloquiale, familiare, corriva.

Infine, il nuovo portavoce auspica la separazione della conferenza episcopale belga in tre: francofona, fiamminga e bruxellese. In una nazioncina in cui ci sono in totale 9 vescovi appena (ordinario militare compreso), davvero una bella pensata!

Scegliersi come portavoce qualcuno che dissente pubblicamente dal messaggio che si vuole (o che si dovrebbe) trasmettere, è davvero una scelta intelligente!

Fonte: Osservatore vaticano

91 commenti:

  1. E quando mai è venuto qualcosa di buono e di intelligente dalla Chiesa Belga del dopo Concilio? Comunque, se è così, la fossa che si sono autoscavati, diventerà ancora più profonda...
    Naturalmente, sarò, saremo tutti felici di smentite e di notizie positive...

    RispondiElimina
  2. quos vult perdere Deus amentat

    RispondiElimina
  3. Isidro de Sevilla22 luglio 2010 08:31

    Non solo, ma il dr. Mettepenningen ha pure una torva espressione da picchiatore... Un'operazione poco rassicurante pure dal punto di vista dell'immagine.

    RispondiElimina
  4. "Infine, il nuovo portavoce auspica la separazione della conferenza episcopale belga in tre: francofona, fiamminga e bruxellese"

    Ma quanti vescovi ci sono a Bruxelles? :(

    RispondiElimina
  5. Se mons. Leonard ha accettato la nomina di tale figuro vuol dire che anche lui tanto meglio non è. Probabilmente ci eravamo fatti false illusioni sul nuovo primate. E' evidente che l'autolesionismo è la caratteristica più eclatante dell'episcopato belga. Vedo con dispiacere che non hanno proprio capito niente. E le due recenti nomine episcopali di Namur e Bruges fanno capire che non ci sono speranze neanche per il futuro. Grazie, Paolo VI, per averci regalato il dono più grande che avremmo mai potuto meritare: la distruzione della Santa Chiesa. Iddio te ne renda merito.

    RispondiElimina
  6. Purtroppo è cosi, al di là del giudizio alle persone, ma il pontificato di Paolo VI più passa il tempo e più si rivela per quello che è: UN TRADIMENTO della Verità, della Liturgia, della Bellezza della Chiesa. Ha condotto la riforma liturgica in modo disastroso, ha riformato la Curia romana ancora peggio...... l'unica nota positiva l'Humanae Vitae e la Professione di fede del 1969 quando ormai i buoi erano scappati dalla stalla.
    Recentemente ho pregato sulla tomba di questo Papa nelle grotte Vaticane: Dio abbia pietà della sua anima.

    RispondiElimina
  7. caro Areki se Paolo VI ha le sue responsabilità Giovanni Paolo II non ne ha meno; durante il dsuo lungo pontificato  avrebbe potuto e dovuto "comandare di più"  e non lo ha fatto (parole sue testuali contenute in un suo libro di cui non ricordo il titolo.

    unicuique suum

    RispondiElimina
  8. leggero OT:
    ieri sera, poco prima di mezzanotte, ho fatto un giro su internet....ebbene, messainlatino.it registrava, ieri, più di 2500 visite, mentre altri blog di sponda opposta ieri, alla medesima ora, non arrivavano neppure a 60 visite!

    che dire?

    vivamessainlatino!

    RispondiElimina
  9. vivamessainlatino!

    mi associo

    RispondiElimina
  10. Christus Spes Mea22 luglio 2010 09:55

    Ad multos annos!

    RispondiElimina
  11. si dice in Francia22 luglio 2010 10:02

    per dire che uno non è molto sveglio "E' PIU' CHE UN BELGA"

    RispondiElimina
  12. Areki, hai letto "Lo hanno detronizzato"? Tradimento è proprio la parola che usa Mons. Lefèbvre, se non ricordo male. 

    RispondiElimina
  13. Areki, hai letto "Lo hanno detronizzato"? Tradimento è proprio la parola che usa Mons. Lefèbvre, se non ricordo male. 

    RispondiElimina
  14. Areki, hai letto "Lo hanno detronizzato"? Tradimento è proprio la parola che usa Mons. Lefèbvre, se non ricordo male. 

    RispondiElimina
  15. Beh, mica c'è da stupirsi, mi pare che tra Belgio ed Olanda si faccia la gara a chi sforna più schifezze possibili. Divorzio, aborto, eutanasia, matrimoni gay, pedofilia (ci sono persino partiti pedofili dichiarati), vengono tutti da li, poi l'Italia si adegua ed imita, solo le schifezze però, perchè le leggi invece che aiutano le famiglie numerose non le captano mai, chissà perchè! Se poi da 40 e più anni la Chiesa, che da faro, si è fatta lumicino flebile per scendere a compromessi con il mondo, segue a ruota, il problema sta sempre lì: nessun pastore vigila, tutti fanno gli gnorri, per non esporsi o compromettersi, per evitare di ferire i miscredenti, fregandosene di atterrire i credenti. Prima o poi tutto questo marciume verrà spazzato via, ma temo non con un venticello a mò di vento del Concilio, ma con un tornado vero e proprio.

    RispondiElimina
  16. I vescovi belgi hanno fatto il loro gioco: hanno chiamato un difensore non dlla Chiesa ufficiale, ma della loro pastorale ultraprogressista. E' chiaro il messaggio: guardate chi ci difende; lui e noi ci stiamo battendo per una chiesa meno vaticana e più alla moda.
    Devo dire che i miei nervi non ce fanno più: anche il più lobotomizzato degli esseri umani, se fosse in Vaticano e si professasse cattolico-e non massone- capirebbe che il tempo della ricreazione è finita. Più passa il tempo e più, mio malgrado, mi trovo a pensarla come Mons. Lefebvre.

    RispondiElimina
  17. Per forza Teofilo, mons. Lefebvre pensava cattolico! Io non so  come molti  cattolici riescano ancora ad andare ad una messa moderna e ad obbedire a certi prelati, ci vuole fegato o forse la lobotomizzazione è ben riuscita, se non si capisce che non si può obbedire all'errore. O forse hanno talmente perso la Fede, che non vedono più la differenza tra l'onorare Dio e andare al circo. Io grazie al cielo non avendo più bile da rovesciare, ho preso l'unica via che mi pareva possibile per rimanere cattolica.

    RispondiElimina
  18. Ma in Belgio i cattolici, almeno a seguire i media e i blog, sono nella quasi totalità contro Roma, manco fossero davanti le legioni di Cesare. Ultimamente il cattolico van Rumuy ha equiparato le sette alla Chiesa cattolica presso l'Unione Europea, senza che nessuno osi protestare. Il povero Léonard,, non può più fare nulla contro lo strapotere dei fiamminghi anche perché dovrebbe denunciare alla giustizia Daneels e   suoi seguaci. E Léonard non è Zoellitsch o Marx. Eufemia

    RispondiElimina
  19. Beh, finchè il papa non comincia a lanciare anatemi, continueranno a farla da padroni, basterebbe qualche scomunica, qui e li, senza paura di scismi, tanto gli scismi ci sono già! Cacciare fuori dalla Chiesa certi elementi è un dovere di giustizia e di carità per le anime.

    RispondiElimina
  20. Le posizioni eterodosse di questo personaggio lasciano senza parole, ma io mi chiedo, sugli stessi temi come la pensano i nove vescovi?

    RispondiElimina
  21. DANTE PASTORELLI22 luglio 2010 12:18

    Non ti scordar l'infallibile Mysterium Fidei, che ribadisce con forza tutta la dottrina cattolica sull'Eucaristia e la Transustanziazione, con la condanna della transignificazione e la transfinalizzazione di Schillebeeckx e compagni. E se da altri fu sollecitata ed impostata, come l'Humanae vitae (ah, l'ombra protettrice di Ottaviani!), da lui fu firmata e promulgata.

    RispondiElimina
  22. DANTE PASTORELLI22 luglio 2010 12:21

    Domands retorica?

    RispondiElimina
  23. Teofilo non è il solo che, col passar del tempo, la pensa sempre più come mons. Lefebvre!

    RispondiElimina
  24. Pierino che cosa vuoi da grande? - "Il portavoce episcopale in Belgio, tanto, qualunque cosa dirò, andrà sempre meglio di come va ora". 

    RispondiElimina
  25. Scusate l'OT ma mi sembra parecchio interessante:

    Dall'INTERVISTA DEL MASSONE GIOELE MAGALDI PER 'VANITY FAIR'
    9. (tra i massoni) Ci sono anche uomini di Chiesa?

    Si, anche alti e altissimi prelati. Si tratta per lo più di persone che furono iniziate alcuni decenni fa e che adesso sono molto riservate e defilate rispetto alla loro appartenenza. Però ci tengono moltissimo ad essere considerati convinti massoni. Sono uomini dalla spiritualità aperta e complessa, insofferenti di ogni dogmatismo e angustia fideistica. Perciò vivono con disagio lo spirito anti-conciliare, conservatore e reazionario propugnato dall'attuale Papa, Benedetto XVI.

    http://www.grandeoriente-democratico.com/intervista_integrale_al_Venerabile_Gioele_Magaldi_leader_di_Gr

    RispondiElimina
  26. Il link non funziona.

    RispondiElimina
  27. Penso sarebbe tempo di toglier la menzione "cattolica "dall`università di Lovanio, che anche nei temi legati all`etica è eterodossa , vedi sperimenti sugli embrioni, con il silenzio vile e complice, se non il beneplacito, di Danneles e confratelli.

    RispondiElimina
  28. eccolo:
    http://www.grandeoriente-democratico.com/intervista_integrale_al_Venerabile_Gioele_Magaldi_leader_di_Grande_Oriente_Democratico.html

    RispondiElimina
  29. pepito sbazzeguti22 luglio 2010 12:45

    "La Chiesa arrossisce "di questi sporcaccioni che vogliono insudiciarla della loro lordura !! >:o

    RispondiElimina
  30. Scusate, qualcuno sa se gli oratoriani/filippini celebrano more antiquo? Ho visto delle fote che mi facevano ben sperare...

    RispondiElimina
  31. questo sarebbe l'optimum/s

    RispondiElimina
  32. Christus Spes Mea22 luglio 2010 13:11

    http://www.grandeoriente-democratico.com/intervista_integrale_al_Venerabile_Gioele_Magaldi_leader_di_Grande_Oriente_Democratico.html

    Dovrebbe funzionare.

    RispondiElimina
  33. DANTE PASTORELLI22 luglio 2010 13:17

    Don Camillo, un po' di contegno e, soprattutto, un po' di buon senso. Fai torto al tuo nick. Francamente coi tuoi eccessi cominci a stufare.

    RispondiElimina
  34. DANTE PASTORELLI22 luglio 2010 13:20

    Più che per curiosità, sarà per interesse, pavidità o stupidità.

    RispondiElimina
  35. Redazione di Messainlatino.it22 luglio 2010 13:25

    Questi commenti su un Papa stanno andando un attimo oltre il lecito, ricordate che il cattolico si ri
    conosce anche dall'amore che ha verso il Papa.

    Sebastiano P.

    RispondiElimina
  36. Christus Spes Mea22 luglio 2010 13:25

    Magrissimo palmares (tra l'altro nemmeno farina del suo sacco), il minimo per poter esser degni di fare il Papa.

    RispondiElimina
  37. Non l'ho letto, ma spero di poterlo fare qualto prima.

    RispondiElimina
  38. "...tra Belgio ed Olanda si faccia la gara a chi sforna più schifezze possibili. Divorzio, aborto, eutanasia, matrimoni gay, pedofilia (ci sono persino partiti pedofili dichiarati), vengono tutti da li, poi l'Italia si adegua ed imita, ..." Tra le schifezze che abbiamo imitato, il supporto ad Israele dopo il sanguinoso assalto alle navi turche dirette a Gaza. Solo noi, gli US (ovviamente) e gli Olandesi abbiamo democraticamente osservato che è sufficiente una inchiesta autoreferenziale israeliana per chiarire i contorni e le responsabilità dell'evento.

    RispondiElimina
  39. Io vado in una parrocchia di Oratoriani...anche se in Novus Ordo, la Messa è celebrata nella miglior maniera possibile, e il parroco e il diacono sono molto bendisposti verso la Tradizione e i suoi fedeli...anzi, il parroco si era offerto per primo di celebrare la Messa antica...
    Ottimi sono poi gli Oratoriani di Londra, che celebrano Novus Ordo mora traditionale e Vetus Ordo...la loro Messa antica è meravigliosa, ci sono stato l'anno scorso!!
    E a chi storcesse il naso di fronte a un Novus Ordo ben celebrato, faccio notare che è grazie al Novus Ordo ben celebrato se sono ritornato Cattolico, e se mi sono interessato e aperto verso la Liturgia e la Tradizione!

    RispondiElimina
  40. Ripeto...non so davvero se sia stata la società secolare a rovinare le Chiese belga e olandese, o le Chiese belga e olandese a rovinare la società dei loro Paesi...e, davvero, comincio a optare per la seconda risposta...

    RispondiElimina
  41. <p><span><span>
    <p><span><span>finchè il papa non comincia a lanciare anatemi, ....</span></span><span></span>
    </p><p><span>concordo su questa realtà incontestabile: i lupi continuano a farla da padroni perchè il Pastore non usa il bastone come dovrebbe (e come dice esser doveroso).</span>
    </p><p><span>D'accordo che bisogna parlare con rispetto verso i Papi, ma la situazione è quella che è da 45 anni e non possiamo fra finta di non vederla, ora, proprio ora che Benedetto XVI, per grazia di Dio, ha dato la sveglia a tutto il Gregge, e a tutti i pastori, se vogliono davvero seguire Cristo a fatti e in verità !</span><span></span>
    </p><p><span>Allora....amare il Papa, certo !</span><span></span>
    </p><p><span>ma amarlo non significa reprimersi dall'<span><span><span>invocare</span></span></span><span><span> </span></span></span><span>da lui ciò che da lui è un diritto attendersi. cioè la guida e la tutela costante del Gregge, che è oggi più che mai esposto ad esser preda di tanti lupi.</span>
    </p><p><span>....certo però che, pur sempre amando il Papa, è giusto ricordare che il Pastore supremo ha il dovere, per espresso incarico divino, di confermare nella Fede i credenti , continuamente, soprattutto in epoche tempestose come la nostra, dove<span> </span>tutti vacillano tra mille venti di dottrina;</span><span></span>
    </p><p><span>e se in certe occasioni i fedeli non sentono la voce chiara e forte del Pastore che li rassicuri dicendo<span><span>"Seguite me</span></span><span><span> </span></span>!" ed eventualmente ai falsi pastori, lupi in veste di agnelli, dica:<span> </span><span><span>"Smettetela di traviare il gregge</span></span><span> </span>! convertitevi dalla vostra via di menzogna e tornate sul retto sentiero, con me, al seguito di Cristo, Unico Buon Pastore" e se non riesce a castigare le disobbedienze recidive da anni,</span><span></span>
    </p><p><span>se non fa tutto questo con FERMEZZA, penso che le pecore abbiano tutto il diritto di lamentarsene, reclamando dal Pastore quella tutela forte che non sentono più, e che li lascia allo sbando dei pastori noncuranti o malfidati o dei  falsi maestri-predatori!</span><span></span>
    </p></span></span>
    </p>

    RispondiElimina
  42. Carissimo Bottazzi, le forze del male non prevarranno su di essa!

    RispondiElimina
  43. DANTE PASTORELLI22 luglio 2010 16:53

    Paolo VI ha, ovviamente, messo del suo in quell'enciclica. Ma anche se di sana pianta la Mysterium fidei fosse stata scritta da altri, resterebbe la sua approvazione e promulgazione con autorità apostolica che l'ha resa un documento fondamentale perché riasume tutta la dottrina cattolica sull'argomento e condanna nuove ed eretiche dottrine. Insieme ad altri documenti di Magistero infallibile, ti par poco in un periodo di esplosione novatrice e smarrimento? Credi forse che i documenti del Concilio Vaticano I li abbia scritti Pio IX? E che certe encicliche di Pio XI non portin l'impronta del card. Pacelli? Onestà vuole che i meriti imperituri vengan riconosciuti. In caso contrario si fa come Minos, si giudica e manda.

    RispondiElimina
  44. <span>è un'invocazione di soccorso che sale da ogni angolo del Gregge spaurito....  </span>
    <span><span><span>Abbiamo bisogno di CHIAREZZA, CERTEZZA E FERMEZZA, tutte qualità di una guida sicura e forte, non "ondivaga", non influenzabile dal mondo e dal politically correct, non incline ad eccessi di diplomazia che convincano - talvolta - a dialogare con Belial mettendo il silenziatore al Vangelo, rinunciando al SI' SI' NO NO, preferendo il linguaggio simil-politichese che pare cercare sempre un<span> </span>accomodamento<span> </span>tra Verità e menzogne varie derivanti dallo spirito del mondo, per tenerselo buono, per riscuoterne il consenso (quel consenso che mai Cristo ha cercato), tutte qualità  che nei Papi (ovvero nel Papato) fino al 1960 non mancavano, ma da allora.....dove sono  forti, costanti e inequivocabili, tali da non alimentare incertezze e paure?</span>  </span></span>
    <span>

    <span>Dunque: perchè pare che il Papa (questo come i 3 precedenti ) non può mai usare alcuna sanzione, nè leggera nè grave, anche laddove si mostri necessaria, per giustizia e per fini "pedagogici", nonchè per rassicurare e riconfermare tutti i fedeli, piccoli e grandi, deboli e forti, su quella che è la strada Maestra da non abbandonare ?</span>
    <span>Dobbiamo forse accettare che tutto debba andare alla deriva, perchè non ci dobbiamo lamentare col Pastore della situazione di sbando e confusione ?</span>
    <span>E se spesso  lo invochiamo dicendo a gran voce: "Santo Padre, proteggici! sii forte e incrollabile nell'usare il vincastro e anche il bastone, se necessario<span> </span>con i ribelli che trascinano al male i deboli<span> </span>! non cedere ai ricatti morali o alle pressioni dei poteri forti, mostraci che siamo in buone mani, perchè la tua mano forte non ci lascerà in balia di<span> </span>mille venti di dottrina, come tu hai detto 5 anni fa!  Non aver paura dei lupi, ammoniscili a fronte alta, come è tuo compito, e se il Signore è con te, di chi avrai timore ?<span> </span>Noi ti sosterremo con la preghiera e tu riconfermaci nella Fede !"....</span>
    <span>....bene, se diciamo tutto questo, <span>sollecitando il Pastore </span>a non tralasciare di dire chiaro e forte quel che va detto per amore del Gregge, nei frequenti momenti di oscurità e di minacciosi traviamenti ad opera di falsi pastori così numerosi, stiamo forse mancando di rispetto al Papa, visto che poi insorgono tanti a dire che non lo amiamo, se avanziamo spesso questa richiesta di soccorso e di tutela forte e sicura</span>  ?
    </span>

    RispondiElimina
  45. DANTE PASTORELLI22 luglio 2010 17:01

    D'accordo con la Redazione: gli eccessi verbali non giovano a nesuno. Esprimiamo le nostre posizioni (non mi son mai tirato indietro) ma senza abbandonarci ad un linguaggio oltraggioso. Anche il giudizio su Caterina, ch'è donna non solo preparata, ma anche di grande onestà intellettuale e sensibilità, è eccessivamente ingeneroso.

    RispondiElimina
  46. grazie mille...ci sto facendo un pensierino

    RispondiElimina
  47. DANTE PASTORELLI22 luglio 2010 17:08

    Le dichiarazioni dei capi massoni, senza possibilità di riscontro, lascian il tempo che trovano anche perché posson esser solo vanterie di chi vuol insinuar sospetti e divisioni. Un domani usciranno, come già son uscite quelle relative al 1700 e 1800, le liste dei prelati "alloggiati" del '900. E ci potrebbero esserci anche delle brutte sorprese. L'importante, e questo mons. Lefebvre lo aveva capito e lo sosteneva, è evidenziare e combattere lo spirito massonico infiltrato nella Chiesa, perché i nomi vanno e vengono e non son certi.

    RispondiElimina
  48. DANTE PASTORELLI22 luglio 2010 17:12

    E chi l'ha mai negato? Questo blog ne è la conferma. Parlar di "cricca", oggi di moda, e usar una violenza verbale che ripugna, nuoce alla nostra azione invece d'aiutarla. A volte dicendo il vero ci si mette dalla parte del torto per mancanza di controllo.

    RispondiElimina
  49. Christus Spes Mea22 luglio 2010 17:15

    No, non credo che tutti gli atti del Vat. I siano stati fatti da Pio IX (lo stesso Syllabus nasce da Donoso Cortes, se non erro).
    Però vogliam riprendere l'annosa questione su Paolo VI? Bene la Mysterium Fidei è un documento eccellente ma qual'è il merito se dopo pochi anni farà di tutto per svilire il Santo Sacrificio della Messa con la Riforma liturgica?
    Quindi gli concedo questi 2 meriti (ripeto, il minimo per esser Papa) ma poi basta perchè se partiamo con le ambiguità e i demeriti non basta un giorno.

    RispondiElimina
  50. Christus Spes Mea22 luglio 2010 17:22

    Pastorelli è vero che gli eccessi non giovano a nessuno, però se si deve descrivere la realtà che viviamo in maniera chiara essa è così tragica che il solo parlarne diventa un eccesso.

    RispondiElimina
  51. <span>la realtà stessa del disastro da cui la Chiesa è travolta da 45 anni (+ 3 di preparazione, mediante le "porte aperte" dell'<span>ambiguità</span>...) eccede di mille lunghezze tutte le realtà precedenti di confusione e smarrimento verificatesi nell'arco di 1977 anni, ed è imparagonabile con esse, per cause, contenuti e rapida evoluzione discendente, mi pare !</span>

    RispondiElimina
  52. E se scrivessimo una lettera al Papa? Santa Caterina da Siena assillava i Papi perchè facessero il loro dovere.
    Comunque sia ci si lamenta dell'operato del Papa, proprio perchè si ama il papato e si vuole che sia ripristinata la sua autorità in pieno.

    RispondiElimina
  53. Christus Spes Mea22 luglio 2010 17:57

    <span>Se mons. Leonard ha accettato la nomina di tale figuro vuol dire che anche lui tanto meglio non è. Probabilmente ci eravamo fatti false illusioni sul nuovo primate.</span>
    E' proprio vero: una Messa non fa primavera.

    RispondiElimina
  54. "<span>Sono uomini dalla spiritualità aperta e complessa, insofferenti di ogni dogmatismo e angustia fideistica" In una parola...non sono cattolici! Siccome immagino che questo mio commento verrà cancellato come il precedente, vorrei far notare che il modernismo, che sappia io, è ancora un'eresia...quindi chi lo professa è un eretico, fate voi </span> *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  55. DANTE PASTORELLI22 luglio 2010 18:53

    Tra il dissenso e l'insulto (la cricca di Ratzinger, il papa che ha smesso di far il papa così apodittico e generalizzato che, senza le opportune distinzioni, è proprio dei sedevacantisti, da cui si deve star lontani per non andar all'inferno, ce ne passa. Una cosa è ragionare un'altra berciare e agitar la clava.
    Non è vero Spes: si può parlare di una tragedia argomentando seriamente e pacatamente, anche se spesso chi più chi meno, tutti cadiamo in qualche eccesso verbale, certo per passione.

    RispondiElimina
  56. DANTE PASTORELLI22 luglio 2010 18:55

    Non vedo perché debba esser censurato. E' un'affermazione di principio condivisibile: non hai fatto imprudentemente nomi.

    RispondiElimina
  57. DANTE PASTORELLI22 luglio 2010 18:59

    Una cosa è l'invocazione, un'altra la volontà di chiarezza che tutti perseguiamo, un'altra e ben differente la violenza, sia pur verbale. Come ho detto ci si casca tutti, una regolatina ogni tanto diamocela.

    RispondiElimina
  58. ancora qualche passo ed si rischia di cadere nel sedevacantismo

    RispondiElimina
  59. Isidro de Sevilla22 luglio 2010 20:04

    No. Sono un sacerdote, e qui dico che preferisco sbagliare ma con la Gerarchia piuttosto che avere ragione per conto mio.

    RispondiElimina
  60. Isidro de Sevilla22 luglio 2010 20:05

    Dio permette ai suoi Santi cose che ai comuni mortali non sono permesse: P. Pio cacciava dai confessionali, Don Bosco litigava con i vescovi, etc.

    RispondiElimina
  61. Ho scritto mora anzichè more, per la fretta...chiedo venia...
    Lieto, comunque, di essere stato utile!

    RispondiElimina
  62. pepito sbazzeguti22 luglio 2010 21:11


     Pienamente d'accordo ! :)

    Volevo consigliare l'argomento del prossimo saggio del "portavoce"belga !  ;)

    RispondiElimina
  63. Ho capito: in Belgio bisogna rifondare la Chiesa. Chi conosce dei giovani e dei vecchi di sicura ed ortodossa fede disposti anche al martirio mediatico (e forse pure qualcosa di peggio) per andare ad annunciare nuovamente la Buona Novella lassù?

    RispondiElimina
  64. Isidro de Sevilla22 luglio 2010 22:46

    Il primato dell'annuncio del Vangelo sta passando al Sudamerica e all'Africa. Avremo presto missionari da quei continenti.

    RispondiElimina
  65. Filippo Burighel22 luglio 2010 22:59

    Ce l'abbiamo già un missionario in Occidente dall'Africa profonda: Emmanuel Milingo. Grazie, ma siamo apposto così... *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  66. Potresti fondare il movimento dei " Testimoni della Tradizione" e bussare alle porte dei belgi per riannunciare loro la fede cattolica.

    RispondiElimina
  67. Filippo Burighel22 luglio 2010 23:03

    Il portavoce della Chiesa belga vorrebbe la moltiplicazione deile Conferenze Episcopali? Pensate un po' che io invece vorrei le sfoltissero e che non avessero "presidenti", ma solo dei moderatori scelti dal Santo Padre.

    RispondiElimina
  68. Isidro de Sevilla22 luglio 2010 23:27

    Invece no, nella mia Diocesi oramai un terzo dei preti è sudamericano o africano. In subordine, non si può squalificare un'intera categoria per le male azioni di uno solo.

    Il gen. dei Carabinieri Ganzer è stato accusato di non so quanti reati, ma abbiamo perso la fiducia nell'Arma dei Carabinieri?

    RispondiElimina
  69. Isidro de Sevilla22 luglio 2010 23:31

    Del resto, a furia di scandali e obbrobri il Signore ci toglierà il primato dell'annuncio come fece con il Suo popolo prediletto, al quale permise la distruzione del tempio di Gerusalemme, che ancora ad oggi non è stato ricostruito.

    E quando questo avverrà saremo qui a discuterne animatamente...

    RispondiElimina
  70. DANTE PASTORELLI22 luglio 2010 23:35

    E questa è un'affermazione senza senso. Se Atanasio, Lucifero, Ilario e pochi altri avessero tenuto questo comportamento saremmo ancora in pieno arianesimo. Si sta con la Gerarchia quando questa, insieme al Papa capo della Chiesa e vicario di Cristo insegna dottrine infallibilmente definite. In altre circostanze non si deve aver paura d'esser soli ad aver ragione, se si ha ragione.

    RispondiElimina
  71. DANTE PASTORELLI22 luglio 2010 23:39

    S'è per questo i Santi Padri della Chiesa litigavan tra di loro e si definivano cucurbitacei e peggio.
    Noi dal confessionale non possiamo cacciar nessuno, ma possiamo alzarci quando il prete dice cose che si scontran con la nostra coscienza. A me è capitato di dover dir a un prete in confesione: scusi io vo via, interrompo questa confessione perché lei mi sta dicendo cose contrarie alla morale e gliele ho spiegate.

    RispondiElimina
  72. DANTE PASTORELLI22 luglio 2010 23:42

    Da Lille si spostano in Belgio bravi giovani preti che ben conosco, per anni ed anni di consuetudine, dell'Istituto di Cristo Re.

    RispondiElimina
  73. DANTE PASTORELLI22 luglio 2010 23:44

    Purtroppo e in Africa e in Sudamerica le sette mietono vittime.

    RispondiElimina
  74. Filippo Burighel23 luglio 2010 00:05

    Infatti le accuse a Ganzer sono semplicemente idiote e ridicole, frutto della cronica incapacità e desideri di protagonismo di magistrati al soldo di politici compiacenti. Basta leggere la lettera pubblicata oggi sul sito de Il Giornale da Roberto Longu, vice del celebre Comandante "Ultimo" che arrestò Riina, su quando bene lavorano i magistrati.

    Ma ovviamente mi verrà a dire che Il Giornale non è credibile perché venduto a Berlusconi, ai massoni, ai giudei, agli atei ecc. ecc.

    RispondiElimina
  75. Filippo Burighel23 luglio 2010 00:08

    In ogni caso, anche nella mia parrocchia il vice-parroco è africano ed è molto bravo. Anche se forse un po' "eterodosso" nella scelta delle camice "hawaiane" che suole indossare d'estate. :-D

    Ma, piccolo dettaglio, è stato formato nella mia diocesi e non è un "missionario" dall'Africa venuto a rievangelizzare l'Occidente, come qualche terzomondista sogna nei propri vaneggiamenti.

    RispondiElimina
  76. Filippo Burighel23 luglio 2010 00:10

    Bene, adesso posso anche andare a dormire tranquillo. Per oggi ho letto abbastanza minchiate! 

    NON SE NE PUO' PIU' DI QUESTI "TAFAZZI" TRADIZIONALISTI!!!

    RispondiElimina
  77. Caro don Camillo...è un intervento da incorniciare!

    RispondiElimina
  78. Redazione di Messainlatino.it23 luglio 2010 09:49

    Da incorniciare con sotto la scritta " NON IMITARE".

    Sebastiano P.

    RispondiElimina
  79. DANTE PASTORELLI23 luglio 2010 13:21

    Soltanto il pensare che il Papa odi un sacerdote è una colpa tale da render il prete indegno di celebrar la Messa. Recita un antico proverbio: ognun dal proprio cuor l'altrui misura.
    Cara Redazione, che censuri un "cicciobello", spero che ti renda conto che si sta qui creando una situazione di disagio.

    RispondiElimina
  80. DANTE PASTORELLI23 luglio 2010 13:23

    Se i nervi cedono, rivolgersi a un neurologo.

    RispondiElimina
  81. DANTE PASTORELLI23 luglio 2010 13:28

    Isidro, ma quanto pensi di campare? Sei peggio del Berlusca.

    RispondiElimina
  82. Giovanni Mandis23 luglio 2010 13:58

    Don Camillo torni in sè. pensare che il Papa la odi è follia.

    RispondiElimina
  83. :-D ...due giorni dal trasloco, leggo solo ora il commento dell'amico don Camillo che per altro mi ha avvisato telefonicamente del suo intervento  A MIO FAVORE.... :-D
    Ringrazio Dante per le sue parole di sostegno e soprattutto di fiducia!

    Caro don Camillo...interpreto le tue parole, proprio perchè ci siamo conosciuti di persona, con profonda saggezza ed anche un misto di verità...si è vero, faccio ogni tanto lo struzzo, mi PIEGO LETTERALMENTE in ginocchio davanti al Tabernacolo quando la situazione diventa drammatica, perchè non saprei dove altro sbattere la testa....
    Il che ci fa comprendere davvero la drammaticità della situazione, ma ancora una volta, come quando Pietro disse a Gesù: Signore, il tuo è linguaggio è duro  E MOLTI SE NE STANNO ANDANDO VIA!!! Gesù come allora ancora oggi ridomanda: "VOLETE ANDARVENE ANCHE VOI?"
    e come allora, attraverso Pietro oggi rispondiamo: "Signore, siamo incazzati neri e tu lo sai quante ingiustizie ci sono...MA DA CHI ANDREMO? DA CHI SENZA IL PAPA? ESISTE FORSE UN ALTRA CHIESA DOVE ANDARE?" ;)

    Caro don Camillo...tu non hai non una ma mille volte ragione, purtroppo è questa la situazione e ciò che possiamo lo stiamo facendo, forse i passi sono troppo piccoli, non lo so, forse dovremo osare di più, non lo so... e quando non lo so, si, preferisco piegarmi sotto un inginocchiatoio e attendere qualche risposta dall'alto perchè ANCHE DA LI DEVONO MUOVERSI!!!! Non possiamo pensare di fare tutto da soli, abbiamo bisogno di grazie e di miracoli!! abbiamo bisogno di quella fede che smuove le montagne....
    Non difendo il Papa quando sbaglia, dico solo che se lui fallisce, io non mi dannerò per questo, ma rischio la condanna  se userò i suoi errori per allontanare la gente dal Papa...e allora, quando il Papa sbaglia, lo dico, poi mi metto in ginocchio e la testa anche sotto l'inginocchiatoio... :-D  ed è da questa PROSTRAZIONE DAVANTI A CRISTO CROCEFISSO che grido: Viva il Papa, il Tuo Dolce Vicario in terra, il Babbo mio dolce...

    Ti abbraccio don Camì....e auguriamoci TEMPI MIGLIORI anche se, seguendo la Beata Emmerick, il peggio sembra che debba ancora venire....per questo lei stessa auspicava, in mezzo a queste tempeste, l'unità con il Pontefice...

    RispondiElimina
  84. Tra i meriti di Paolo VI vogliamo dimenticare il pensionamento dei vescovi a 75 anni?

    RispondiElimina
  85. DANTE PASTORELLI23 luglio 2010 20:24

    Questi documenti eccellenti ribadiscono la ottrin della Chiesa su temi fondamentali. Che poi certe riforme son da consierarsi, anche a mio giudizio, dannose non infician quei meriti.

    RispondiElimina
  86. DANTE PASTORELLI23 luglio 2010 20:25

    Inflazione di vescovi in pensione sfaccendati.

    RispondiElimina
  87. come qualche terzomondista sogna nei propri vaneggiamenti. Sei convinto che siano solo vaneggiamenti? Se fosse stato formato in Africa, forse non indosserebbe le camicie sgargianti. per non parlare che, oramai, est-europei e terzomondiali sono le provenienze più diffuse tra i seminaristi anche degli istituti tradizionali.

    RispondiElimina
  88. non dimenticare che, tra le mie esultanze, il Belgio è prossimo alla dissoluzione come stato. I Francofoni, NON li vogliono in Francia, ma, alla fine, li dovranno subire(magari con un vincolo di tipo federale); i Fiamminghi creeranno un loro stato, (capitale Burges) che si unirà in modo confederale all'Olanda. Sono le piccole comunità germanofone, con immensi privilegi, superiori perfino a quelli delle regioni a statuto speciale in Italia, che, di legarsi alla Germania, non ne vogliono sapere. Forse chiederanno l'annessione al Lussemburgo.

    RispondiElimina
  89. Pensate un po' che io invece vorrei le sfoltissero e che non avessero "presidenti", ma solo dei moderatori scelti dal Santo Padre. E che tornassero al loro ruolo originario, di puri e semplici organi di coordinamento e consultazione. SENZA ALCUN POTERE E MEN CHE MENO, SENZA Velleità psuedo-"collegialiste/concialiariste"

    RispondiElimina
  90. Pensate un po' che io invece vorrei le sfoltissero e che non avessero "presidenti", ma solo dei moderatori scelti dal Santo Padre. E che tornassero al loro ruolo originario, di puri e semplici organi di coordinamento e consultazione. SENZA ALCUN POTERE E MEN CHE MENO, SENZA Velleità psuedo-"collegialiste/concialiariste"

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.