Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

mercoledì 21 aprile 2010

I figli dei fiori sono ancora tra noi. Nelle parrocchie

Rorate caeli ha pubblicato insieme queste due immagini: uno splendido ed evocativo 'montaggio analogico'. Confrontate la pubblicità della Pepsi del 1969, contenente una silloge dei temi e dell'estetica di moda in quegli anni, con la fotografia di una messa (?), purtroppo recente. Come dire: in molte parrocchie il tempo si è davvero fermato. Al 1969.



34 commenti:

  1. Andrea Carradori21 aprile 2010 17:25

    Guardino questi sterili "figli dei fiori" come si adorava il Sacramento nelle nostre Città : intere generazioni che hanno proclamato fieramente la fede cattolica anche in situazioni difficili !

    http://www.youtube.com/watch?v=zLy_XiWMNeM

    RispondiElimina
  2. Alla Consacrazione tutti abracciati in cerchio, al Padre Nostro si danno la manina allo scambio della pace il prete scende dal presbiterio e fa mezza navata a stringere mani sudaticce...posso dire cari fratelli di rito modernista che oramai siete prevedibili e banali.
    Volete essere veramente anticonformisti e glamour...provate una bellissima Messa Tridentina.

    RispondiElimina
  3. Politicamente Scorretto21 aprile 2010 17:52

    ah che bella la riforma liturgica...

    RispondiElimina
  4. La cosa bella è che non si rendono conto, questi pretuccoli, che hanno perso la battaglia e, per ragioni anagrafiche stanno perdendo la guerra....

    Siete FINITI!!!! Il prossimo passo per voi è la tomba...sessantottini rovina liturgia!!!

    RispondiElimina
  5. Ormai questi modernisti sessantottini hanno fallito ed hanno fatto il loro tempo; presto grazie a Dio verranno pensionati e rimpiazzati da giovani Sacerdoti, che come sappiamo hanno una visione ben diversa.
    Finiranno queste avvilenti scenette teatrali zuccherose, condite da veline, canzonette da Festivalbar ed altre amenita', buone per uno show del sabato sera alla tv ma non per la Messa...
    Sediamoci quindi in riva al fiume ed attendiamo...

    RispondiElimina
  6. Per un nuovo prete consapevole e legato alla Tradizione, quanti altri novelli sacerdoti de-formati alla maniera di cui sopra nei tanti seminari che restano le fabbriche dell'eterodossia?
    Andrei cauto con un facile ottimismo. Finché la formazione è affidata a mani, se non colpevoli, di sicuro non ortodosse, perché a loro volta formate nel quarantennio di oblio che sta tramontando, la strada sarà in salita.

    RispondiElimina
  7. Guardi i due dati:
    - il totale delle vocazioni è in calo
    - il numero di vocazioni "tradizionali" è in aumento

    Almeno dal punto di vista percentuale non abbiamo che da sperare bene...anche perchè peggio di così!

    RispondiElimina
  8. Ma senza dubbio questa non e' una messa, dev'essere la cerimonia della santificazione di Pippo Baudo da Sanremo.

    RispondiElimina
  9. Guarda che sbagli! All'Ariston non puoi entrare in pantaloncini, invece ...

    RispondiElimina
  10. @carradori: Grazie per le splendide immagini. Anche nella mia città c'era un Monsignore, di venerata memoria, il quale allestiva i ''sepolcri''  e le 40 ore con particolare sfarzo in varie chiese della città. Da quando è morto  i ''sepolcri'' e le 40 ore non si fanno più, anche perché il Vescovo della diocesi li ha proibiti. :'(

    RispondiElimina
  11. Gossip! Comunque anche il blog a volte si riduce a fare del gossip!
    Mah! Lasciamo i morti seppellire i morti ed i vivi vivere!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  12. Il nostro parroco di v.m. ( grande amicone dell'allora PCI) regalò ai suoi "compagni" un prezioso crocifisso in legno ottocentesco, che i compagni( in cuor sempre cattolici) misero accanto al Togliatti e a Lenin.Peccato che quei due sono finiti e consegnati alla storia , mentre nella sede dell'ex PCI esiste ancora quel bl crocifisso, impolverato e dimenticato, ma Lenin e Togliatti sarei curioso dove sono andati a finire.
    Questoi nostro parroco (Dio lo abbia in paradiso) portava come esmpio da buon prete post concilioe progressista, ( cantava sempre il card Lercaro e aveva un antipatia per il card Siri)diceva che il mio altare della reposizione era.
    1 rosa da una parte e un lumino acceso dall'altra per cui ogni giovedì santo era una battaglia  far un "sepolcro" secondo la migliore tradizione siciliana: Ci provò in tutti i modi per distruggere l'altare della reposizione. Alla fine in una famosa omelia disse:
    VOI SIETE ABITUATI AD ADORARE L'OSTIA.
    a distanza di tanti anni non riesco a capire cosa volesse dire ........e comunque sarà in cielo con tanti catto progressisti a ragionar ancora  sulla nuova Chiesa nata dal concilio vaticano ii. 

    RispondiElimina
  13. meno male che c'è ancora molta gente che ama il Signore.
    Deo Gratias

    RispondiElimina
  14. Qualcuno sa dirmi se è vera la notizia giuntami da fonte non certa, ma normalmente attendibile, secondo cui la "Pepsi" apparterrebbe ai Testimoni di Geova?

    Grazie.

    P.S. Che noia i "moralizzatori" e i censori del Web....

    RispondiElimina
  15. Qualcuno sa dirmi se è vera la notizia giuntami da fonte non certa, ma perlomeno attendibile, secondo cui la "Pepsi" apparterrebbe ai Testimoni di Geova?

    Grazie.

    P.S. Che noia i cesnsori del Blog...

    RispondiElimina
  16. OT: leggete sul blog di maranatha i risultati del sondaggio di paix liturgique in Germania.

    RispondiElimina
  17. Veramente Gesù a santa Teresa d'Avila le fece capire che ne aveva pochi di seguaci....perchè seguire Lui non era seguire le mode dei tempi,....anzi, la dove la moda del momento prende piede, spiega poi santa Teresa d'Avila, l'esteriorità sembra esplodere in ardore, ma al momento della prova, il Signore viene lasciato solo....

    Considerando L'AUMENTO  di questi gruppi del VOLEMOSE BENE... e considerando che esteriormente ci sarebbe più esplosione di religiosità che non prima del Concilio, non si capisce allora perchè i divorzi aumentano, gli aborti fra minorenni aumentano, i suicidi sono in aumento....

    RispondiElimina
  18. ...la Pepsi non so, ma so per certo che qui la catena IDL supermercati si, appartiene a loro....

    RispondiElimina
  19. Filippo Burighel22 aprile 2010 00:40

    Anche se certe volte sarebbe bello riavere certi morti al posto di certi vivi...
    E qualcuno aggiungerebbe un bel "e viceversa", ma preferisco glissare.

    RispondiElimina
  20. Filippo Burighel22 aprile 2010 00:48

    SEMPRE PIU' CAZZOLICI!!!

    Mi sovviene una riflessione: nei templi di Astarte si praticava la prostituzione sacra, che pur essendo abominevole era comunque un atto di culto... Però non mi risulta che tale atto di culto sia mai stato introdotto in una Messa, quindi CHE STRACASPITA CI FANNO QUELLE BELLE DI NOTTE IN TENUTA DA LAVORO ABBRACCIATE ATTORNO ALL'ALTARE DEL SIGNORE (anche se mi sembra che il mio tavolo da giardino sia più degno di quel così detto altare).

    RispondiElimina
  21. presto rimpiazzati, lei dice ? magari....
    non credo affatto che accadrà tanto presto, considerando la folta generazione dei loro allievi e successori, che continuano l'opera di devastazione: l'apostasia che distrugge la Chiesa dall'interno è ancora agli inizi, e non basterà che tramonti quella generazione, perchè la Chiesa di Cristo risorga nel suo splendore.
    Deve prima giungere al colmo la grande tribolazione annunciata nelle Scritture, e temo che non saremo noi nè i nostri figli a stare seduti in riva al fiume per vedere il lieto scioglimento dei travagli ormai cinquantennali......

    RispondiElimina
  22. <span><span>o forse passando "di là" avrà incontrato Cristo Giudice Misericordioso e avrà scoperto che esiste anche un Purgatorio, più o meno lungo, in proporzione alle opere ed intenzioni seguite nella vita terrena....necessaria purificazione prima di entrare in Paradiso, dove sta scritto in Ap. che "....<span>nulla di impuro, </span>né chi commetta abominazioni o falsità, <span>vi entrerà</span>; ma soltanto quelli che sono scritti nel libro della vita dell'Agnello."; così come Gesù spiega nella parabola del banchetto dal quale viene cacciato via il convitato con la veste macchiata (che non ha mai lavato in vita....)  
    E chissà se quel prete, come tanti di queste 2 generazioni, ha mai ricordato ai suoi parrocchiani i Novissimi: Morte Giudizio Inferno Paradiso, la bussola essenziale per la vita dei cattolici, fino al 1962-65, dopo non più, purtroppo; e anche di questo il clero dovrà rendere conto a Dio, di aver offuscato le coscienze, alterando la Verità eterna e il Vangelo di Nostro Signore, togliendo molto più che uno iota, per fare omaggio alle dottrine sciocche e superbe di un secolo frivolo e apostata, che ha rinnegato Gesù Unico Salvatore  (un po' alla volta, occultando il Sacrificio dell'altare, facendo prevalere l'allegria, il banchetto e la mensa conviviale, la festa chiassosa tra amici....), procedendo in una deriva inarrestabile in 45 anni, rifiutando essenzialmente, sottilmente, pervicacemente, il vero e unico motivo della nostra Salvezza,    
    la CROCE DI REDENZIONE, Santa Croce con cui Gesù ha redento  il mondo !    
    E' evidentissimo l'occultamento del Mistero della Croce e del Sacrificio dell'Agnello Divino proprio nell'immagine di quella Croce esile, quasi un simbolo etereo, (superato, da dimenticare), su cui campeggia con potenza la figura di Gesù risorto.
    Quella immagine è la sintesi esatta e completa dello stravolgimento della Liturgia e Dottrina bimillenaria cattolica, operato e favorito dal NOM, con tutte le sue derive e degenerazioni, a monte di tutte le innovazioni post-conciliari, che già dentro il Concilio si trovarono la porta aperta per manifestarsi!</span></span>

    RispondiElimina
  23. <span>e perchè nessun Papa e nessun vescovo mai, in 45 anni, si è messo d'impegno a stroncare questi abusi ?  
    perchè nessuno ha mai voluto correggere con un atto di sacrosanta autorità ognuno di quei mille e mille obbrobri che hanno lavorato allo sfacelo della Santa Chiesa, come previde a ragione Pio XII ?  
    Se Pio XII ben <span>prima del 1958</span> (da cardinale....) già vedeva intorno a sè i novatores pronti a distruggere la "sacra Cappella", è evidente come il sole (per chi non vuol esser cieco per partito preso) che tutti gli obbrobri che vediamo si potevano PREVENIRE a monte, cioè già nel 1960: dopo di quella data DI FATTO nessuno ha nè voluto nè potuto REPRIMERLI !  
    Fu aperta la gabbia, scatenata la tigre, e nessuno da allora riesce più a cavacarla!  
    (e i ciechi volontari si moltiplicano: occhio non vede, cuore non duole....)</span>

    RispondiElimina
  24. Quella immagine: una     
    Croce esile, quasi un simbolo etereo, (superato, da dimenticare), su cui -nascondendola- campeggia con potenza la figura di Gesù risorto,  è la sintesi eloquente, esatta e completa, dello stravolgimento della Liturgia e Dottrina bimillenaria cattolica, operato e favorito dal NOM, con tutte le sue derive e degenerazioni, a monte di tutte le innovazioni post-conciliari, che già dentro il Concilio si trovarono la porta aperta per manifestarsi! 
    ..............     
    ...e intanto la maggior parte del clero continua ad opporre ostinato rifiuto, (frutto di superbia) al Papa Benedetto che ha     
    indicato l'urgente necessità di rimettere la <span>Croce al centro dell'altare </span>e del Sacrificio della S. Messa, per l'evidente e irrinunciabile fine di restaurare e riportare alla luce -al centro!- la sua vera essenza, dimenticata lungo la deriva di 42 anni: Gesù Cristo, Agnello senza macchia, si offre al Padre, mediante il Sacerdote (alter Christus, NON presidente d'assemblea e di festival-banchetto!...) nell'Unico e Perfetto Sacrificio di espiazione del peccato del mondo ("....Qui tollis peccata mundi"), Unico Sacrificio gradito al Padre Celeste, per salvare l'umanità dalla dannazione, e che annulla e rende inutili tutti gli altri culti sacrificali, e mostra prive di alcun valore salvifico tutte le religioni, compresa quella giudaica !       
    In una messa-festival abominevole come quella in foto è chiara la tendenza (slatentizzata solo col NOM) a voler solo esultare per la Resurrezione, senza prima aver vissuto e meditato interiormente, partecipando col cuore e la vita, la dolorosa PASSIONE E MORTE DI NOSTRO SIGNORE.       
    Sempre la Chiesa, fino al Concilio, attraverso il Magistero perenne, ininterrotto e inalterato, e la vita luminosa dei Santi e Martiri, seguaci di Gesù nella Via Crucis, aveva insegnato questa Verità di Vita:       
                                                              PER CRUCEM AD LUCEM !       
    OVVERO:       
    non si può essere con Cristo Risorto, se prima non si è percorsa  -in Lui, con Lui e per Lui- tutta la Via della Croce, salendo fino al Calvario, e morendo con Lui, trafitti sulla Sua Croce, donata per la Salvezza del mondo!       
    Dopo (e soltanto dopo) potrà venire donata la Resurrezione: questo, la Chiesa, fino al Concilio, lo sapeva bene, lo diceva bene, lo celebrava perfettamente con la Messa di sempre, che è il Sacrificio del Calvario, attraverso il quale Gesù salva il mondo, morendo vince la morte, e RISORGE ! Nell'allontanamento progressivo seguìto al Concilio e all'annacquamento di questa Verità, causato dal NOM, con l'offuscamento della sua consapevolezza in 2 generazioni di cattolici, sempre più si è messo l'accento sull'allegria di essere risorti, anzichè sul Sacrificio di espiazione offerto da Nostro Signore PER NOI, caricato dei nostri peccati:       
    si è dimenticata la necessità di morire su quella CROCE, dove l'uomo vecchio (Adamo) è stato inchiodato e redento dai peccati !       
    Si è dimenticato che nella Messa adoriamo il Signore che si offre come Agnello Divino condotto al macello per le nostre colpe: il<span> Mistero culminante della nostra Fede, di Amore e Dolore divino e umano,</span> in cui ci si dovrebbe sprofondare in contemplazione, ammirazione compartecipe al dolore della Morte di Gesù per noi, e GRATITUDINE  immensa ed eterna verso di Lui (se potessimo...);       
    e nel quale invece vediamo e subiamo l' obbrobrio (questo e altri cento simili) di allestire un palcoscenico: ed è solo un fotogramma del lungo abominio [...]

    RispondiElimina
  25. se non fossi stato hippye, non sarei qua. E lasciatevi direi che queste immagini fanno pena anche a  me

    RispondiElimina
  26. Trinacria, dicci da quale diocesi scrivi

    RispondiElimina
  27. <span>quando un Vescovo ha il "coraggio" di proibire la devozione dei <span>''sepolcri'' e soprattutto le 40 ore di adorazione del SS.mo, Gesù nascosto nei mistici veli dell'Ostia Santa, perennemente Presente lì per effondere i raggi del Suo Amore Infinito ed Eterno, Fonte di Vita, Grazia e Salute per noi (salute totale, dell'uomo anima-psiche-corpo) con una Potenza risanatrice e vivificante inesauribile ed eterna, essendo Egli Luce ed Amore Eterno effuso per noi e racchiuso in quell'Ostia Immacolata, chiedendoci solo di fermarci a contemplarLo, senza parole, aprendo il nostro cuore, perchè Lui vi possa riversare tale incommensurabile Ricchezza di Grazia, infinita ed eterna che gli Angeli e i Santi e la Madre Santissima in eterno adorano....</span>  
     
    .....PROIBIRE dunque che ciò si faccia come per 2000 anni si era fatto nella Sua Santa Chiesa....  
    proibire una santa devozione come quella che ha nutrito la spiritualità di tutti i Santi della storia ....! ! !....  
    beh, cari amici, come chiamare questa proibizione se non ABOMINIO DELLA DESOLAZIONE, (predetto da Gesù stesso) che avanza ormai senza freni (nè rimproveri e correzioni dall'alto....) ? ?</span>

    RispondiElimina
  28. <span>e....aspetta un attimo: non avevo ancora letto bene il finale.....ha detto proprio "non c'è niente" ?  
    cioè....secondo lui -il Vescovo!- in quelle chiese dove si ripone il SS.mo il Giovedì Santo....  
    ........NON C'E' NIENTE ??? e quindi....non c'è <span>nessuno da visitare ??</span>  
    Allora non mi resta che confermare ciò che ho già detto....e dire "<span>Miserere nostri, Domine!"</span>  
    Tu sapevi bene, Signore, quando hai detto quella frase :  
    "Quando il Figlio dell'uomo tornerà, troverà la Fede sulla Terra?....",  
    Tu sapevi di riferirti a questo tempo, il nostro tempo, questo momento terribile di buio e di apostasia, che avvolge per prime le Gerarchie, gli alti esponenti del clero che dovrebbero portare a Te i tuoi figli, coltivando la Fede anche con l'adorazione e l'assiduità ai sacramenti, che non sono rituali folkloristici o "memorie popolari", che si possono tagliare, sfrondare, eliminando  qualche ridondanza....(per il rischio che adorare troppo il Signore impedisca di amare gli uomini, forse questa sarebbe la loro "buona intenzione", chissà...., ma che indica solo il tramonto della Fede e nient'altro; la lucerna che si spegne, e la vergine stolta che dorme e non aspetta più vigilante lo Sposo!....)  
    :'( </span>

    RispondiElimina
  29. non c'è che dire22 aprile 2010 20:14

    le ragazze hanno belle gambe

    RispondiElimina
  30. mi sembra che una in fondo sia pure scalza. Si vede che ha preso come target di riferimento i feticisti

    RispondiElimina
  31. A proposito di '68:
    ----- Original Message -----
    From: "DrZap" <

    Sent: Sunday, April 25, 2010 5:54 PM
    Subject: Contro il sistema


    Io è dal sessantotto che mi batto con tutte le mie forze contro il
    sistema. Fino ad oggi però non ho mai realizzato più di qualche ambo!
    (Bilbo Baggins)

    RispondiElimina
  32. domanda tecnica alla redazione29 aprile 2010 11:51

    Dopo quanto tempo smettete d monitorare e voci?

    RispondiElimina
  33. Redazione di Messainlatino.it29 aprile 2010 16:22

    Mai

    RispondiElimina
  34. @redazione@messailatino.it
    Sono stati di nuovo disattivati i commenti ai testi più recenti?
    Grazie dell'eventuale risposta

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.