Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

mercoledì 10 febbraio 2010

Il cattolicesimo? Una pagliacciata...

Avreste fede voi in una religione che inscena riti di questo genere? Seguireste una 'vocazione' per diventare un prete come questo?




Da Cathcon

100 commenti:

  1. Extra Ecclesiam nulla salus10 febbraio 2010 11:19

    E' incommentabile.

    RispondiElimina
  2. Une preuve de plus de la malédiction qui pèse NO, un rite inventé de toutes pièces et imposé par la violence par Paul VI en 1969 (chose qui ne s'était jamais vue dans l'histoire de l'Église, comme l'a rappelé Mgr Klaus Gamber).
    Un rite fabriqué de toutes pièces pour faire oublier aux catholiques la sainte liturgie de toujours et les rendre stupides.
    J'ajoute qu'il n'y a aucune obligation, d'aucune espèce, à "participer" à ce NO. Il est même préférable, pour sa santé spirituelle, de s'en abstenir.

    RispondiElimina
  3. ma come fa a non provare vergogna????

    RispondiElimina
  4. Busetti Maurizio10 febbraio 2010 11:25

    E da Roma non si prendono provvedimenti?

    RispondiElimina
  5. Une preuve de plus de la malédiction qui pèse sur le NO, un rite fabriqué de toutes pièces et imposé par la violence par Paul VI en 1969 (chose qui ne s'était jamais vue dans toute l'histoire de l'Église, comme l'a rappelé Mgr Klaus Gamber), un rite imposé par la violence pour faire oublier aux catholiques la Sainte Liturgie de toujours et les rendre stupides.
    J'ajoute qu'il n'y a aucune obligation à participer à un rite de ce genre, qui se prête, par définition, à toutes les dérives et à tous les délires. Il est même préférable de s'en abstenir, pour sa santé spirituelle et pour le salut de son âme.
    Ce NO est i<span>rréformable</span>.

    RispondiElimina
  6. Mi auguro una cosa: visto che da roma non preendon provvedimenti, spero vivamente che la prossima domenica questo spettacolo venga replicato in Vaticano, così per sancire in maniera definitiva la nascita della Santa Chiesa Carnevalesca Romana...

    RispondiElimina
  7. quanto alla evidente eresia ogni commento è superfluo, quanto a Roma e a chi la rappresenta a livello locale, il loro silenzio è inaccettabile

    RispondiElimina
  8. Rafminimi13@libero.it10 febbraio 2010 11:34

    Solo due osservazioni:
    a) non c'è arrampicata sugli specchi che possa assolvere il VatII ed il NO, dalla responsabilità di aver aperto la strada a tutto ciò;
     b)come si possono criticare coloro che si fanno TdG o islamici, quando il Cattolicesimo che conosco è solo questo?
    lello
    PS
    Sono amareggiato. Segue lettera

    RispondiElimina
  9. Rafminimi13@libero.it10 febbraio 2010 11:37

    Aggiungo: SIGNORE USQUE TANDEM? Fino a quando avrai ancora pazienza? Una volta dopo certe bestemmie intervenivi subito. Oggi forse intervieni lo stesso subito, dandoci la punizione peggiore, ovvero abbandonandoci a noi stessi?
    La lettera che segue NON è solo questa

    RispondiElimina
  10. Per spiegare questi "eventi" in Italia abbiamo il testo della teologa "dissidente" Maria Cristina Jacobelli "Il risus paschalis e il fondamento teologico del piacere sessuale". Secondo questa autrice nel Medioevo il rapporto tra la religione e il "comico" sarebbe stato molto più libero ( sul genere "festa dei folli" ): ad esempio in una data ricorrenza il prete dal pulpito avrebbe raccontato al popolo barzellette anche grassocce. Il seguito del discorso ( sul piacere sessuale da non coartare nè demonizzare ) si intuisce .

    A me sembra che nella vita del popolo cattolico non sia mancato l'elemento ludico ( vedasi la battuta "te se' brutt come el teater de l'uratori "): però SOLO IN PARROCCHIA, non in Chiesa ( vedasi l'attività di prestigiatore di don Bosco ). Certe distinzioni tra "fanti" e "santi" sono fondamentali: distinguere per unire.

    Del resto, come nota l'ex cattolico Umberto Eco ne "Il nome della rosa" le Sacre Scritture si distinguono per la mancanza pressochè totale dell'elemento comico. ( Si racconta mai di Gesù che esterna in battute e barzellette"? Il dire e l'agire di Gesù sono umili e sublimi, mai comici ).

    Se in Austria pensano di recuperare la gente in questo modo, vuol dire che sono alla frutta.E' questo che vuole "Noi siamo Chiesa"? La gente ha bisogno del SUBLIME che può venire solo dal SACRO, non dal profano.

    RispondiElimina
  11. Rafminimi13@libero.it10 febbraio 2010 11:45

    Extra Ecclesiam nulla salus
    Il bello è che, chi fa le cose di xui sopra, pensa, più o meno in buona fede, di stare INTRA. Secondo tanti, quelli che stanno EXTRA, saremmo noi, Almeno io.
    Comunque, sai dei gesuiti americano Finney e Kerry, che, negli ani '40 furono condannati dal Sant'Uffizio, perchè davano del dogma Extra Ecclesiam nulla salus, una lettura ultra-rigorista?
    Sarebbe i "sedevacantisti" degli anni '50, alle origini di un movimento scismatico americano. Oggi, le persone legate a tale movimento, sono riconoscibili anche perché, i maschietti solitamente sfoggiano delle azzimate giacca & cravatta, indistinguibili da quelle dei Mormoni e le donne, se non fosse per enormi Crocifissi e/o Medaglie Miracolose al collo, non sarebbero distinguibili dalle musulmane o dalle ebree osservanti.

    RispondiElimina
  12. Anselmo d'Aosta10 febbraio 2010 11:46

    VERGOGNA! SEMPLICEMENTE VERGOGNA......

    A QUANDO LA TOURNE' IN ITALIA?
    LUOGHI DELLO SPETTACOLO :
    MILANO : IL DUOMO
    ROMA: BASILICA SAN GIOVANNI
    NAPOLI: CATTEDRALE
    PALERMO: CATTEDRALE.

    I BIGLIETTI IN VENDITI PRESSO GLI UFFICI LITURGICI DIOCESANI. LE PRENOTAZIONI ON -LINE PRESSO IL C.A.L. . 

    RispondiElimina
  13. Rutilio Namaziano10 febbraio 2010 11:46

    A qualcuno di noi, ossuti tradizionalisti incapaci di deglutire le ossa i cui ci nutriamo forse appare preoccupante che la chiesa sia piena e che tutti sorridano: ma è "normale", siamo noi ad essere dei pazzi... La gioia non sarebbe forse più piena con una sfilata delle scuole di samba di Rio, nel noto succinto "costume"? Non sarebbe un modo per essere vicini alla gggente, ai suoi concreti problemi, al sano desiderio di far festa? Non è stato detto estote laeto animo? Basta con un devozionismo grigio e triste, che non prende in considerazione tutto l'uomo (e magari la donna!) e vuol farci tutti prigionieri di riti paurosi, sacrificali (ma capite "sacrificali"! roba da trogloditi del pensiero e dello spirito!) quando la vita, l'amore per il fratello pulsa, è evidente in ogni espressione. Amore, peace and love! Gesù? Ma è ovvio, Superstar!

    RispondiElimina
  14. Recentemente, durante un viaggio a Londra, ho partecipato alla S. Messa domenicale presso la Chiesa Italiana di S. Pietro a Clerkenwell. Dove, a dispetto della tradizione liturgica romana, e - se vogliamo - anche della gloriosa tradizione musicale anglicana, una giovane chitarrista italo-londinese (più bella lei che la voce) che cosa ti va a cantare? Ma ovviamente l'accoppiata canonica: Alleluia "delle lampadine" e "Osanna, eh"!!! Non è possibile, li hanno esportati anche fuori dall'Italia!!! E, come se ciò non bastasse, il padre pallottino celebrante, Ryszard Wrobel, alla fine della Messa, ha invitato tutti i giovani a creare un complesso liturgico-musicale, elencando, ridacchiando, i seguenti strumenti: chitarra, batteria e basso elettrico!!! Mai sentito parlare di organo a canne? Ah, già, quello è uno strumento usato dagli scismatici anglicani, meglio guardarsene... Ogni commento all'accaduto va da sé... pazzesco!

    RispondiElimina
  15. Dopo questa perla liturgica mi viene da pensare che se un cattolico ha la fede vacillante o la perde del tutto o sceglie di rimettersi in carreggiata e diventare tradizionalista...io a suo tempo feci cosi'.
    (Prima che qualcuno cominci con la solita tiritera che la fede non centra con la Messa, vi dico che certamente la fede non è data dalla Messa, ma è vero anche che la S. Messa è il nutrimento per chi ha fede ).

    RispondiElimina
  16. Che schifo di rito era? La messa di carnevale? La canonizzazione di san burlamacco? E quel falso sedicente prete ha consacrato (invalidamente) pane e vino o frappe e spumante? Che sia cacciato subito dalla Chiesa Cattolica, dopo riduzione allo stato laicale, e sia comminata una sana scomunica anche a tutti coloro che hanno partecipato a questa sudicia pagliacciata.

    RispondiElimina
  17. Sur les origines frauduleuses de la réforme liturgique de Paul VI (vulgo NO), il faut lire et relire le petit ouvrage fondamental de Mgr Klaus Gamber, La réforme liturgique en question, publié par les moines du Barroux en 1992, avec préface du cardinal Joseph Ratzinger.
    Tout y est dit. Bien entendu, la Nomenklatura révolutionnaire qui gouverne aujourd'hui l'Eglise a tout tenté pour étouffer ce cri de protestation (qui est aussi une extraordinaire démonstration). Elle n'a pas réussi.
    Lire ce livre essentiel. Le diffuser. On peut se le procurer sur Amazon.

    RispondiElimina
  18. <span>La cosa è assolutamente una pagliacciata...ma non è il N.O. in sè e trovo scorretto che si accusi il rito per evidenti abusi: pensate che non avrebbero potuto farlo con il V.O.? e perchè, in fondo si tratta della processione iniziale e della predica....non sono i libri il primo problema ma le persona e la loro educazione. 
    Io partecipo a messe N.O. che non sono assolutamente così.... Per contro ho partecipato ad una messa di un ex FSSPX che si è detto una messa V.O. praticamente da solo anche se erano presenti almeno 10 persone....come se non ci fossimo! 
    Cordialimente 
    Flavio</span>
    P.S. Il miglior modo di seguire papa Benedetto è il biritualismo...così si potrebbe VEDERE come si può celebrare N.O. in maniera rispettosa e decorosa. Finchè i tradizionalisti demonizzeranno il N.O. e sogneranno restaurazioni impossibili non aiuteranno fino in fondo la Chiesa a ritrovare la sua liturgia....

    RispondiElimina
  19. Mi piace la sua cravatta.

    RispondiElimina
  20. Non si potrebbe far avere a qualcuno dei componenti la Congregazione per la Dottrina della Fede il link con questa ignobile "pagliacciata"? Sono sgomento...

    RispondiElimina
  21. La riforma della messa ha aperto la strada alla "liturgia costruttiva": praticamente ogni prete può fare quello che vuole e "personalizzare" il rito. Il prete del filmato è un pagliaccio e ha trasformato la messa in una pagliacciata.
    Con il Vetus Ordo tutto ciò sarebbe stato semplicemente impossibile! La Messa VO deve essere sempre celebrata allo stesso modo. L'unica musica ammessa è quella dell'organo, gli unici canti quelli gregoriani.
    Il problema è che si è fatto della messa ciò che la Messa non è: spettacolo, conferenza, carnevalata. Si va a Messa per trovare Dio e il Sacro, non per ballare. E' come entrare in discoteca e trovarci frati e suore che ti fanno la predica: ti chiederesti "ma che discoteca è"?. Idem la Messa: si va per pregare, per "sentire" Dio. Se attacchi la chitarra elettrica diventa un concerto rock.
    Mi sono spiegato?
    PS: le maiuscole e le minuscole sono state poste non a caso!

    RispondiElimina
  22. Lo so anch'io che il V.O. è molto più stretto...ma gli abusi ci sono sempre stati...nell'ottocento usavano musiche prese dall'opera, che era la musica profana del tempo... Io volevo sottolineare che se si VEDESSE, si potesse fare esperienza di un travaso di riverenza tra l'antico ed il nuovo ciò sarebbe un bene per tutta la Chiesa. Ma non mi pare che nascano realtà biritualiste, quasi nessuno, da entrambe le parti vuole sporcarsi le mani o rischiare la "scomunica" dei suoi....
    Ciao
    Flavio

    RispondiElimina
  23. Questo accade quando la Sacra Liturgia NON è più un evento Divino MA UMANO... Non c'era nulla della Messa che portasse al Divino Sacrificio, ma più in modo protestante una "CENA" nella quale il protagonista è l'uomo che non vuole neppure attirare la presenza di Dio, bensì QUELLA DEGLI ALTRI su di se e sentirsi alfine APPAGATO...

    Lutero ce l'ha fatta...anzi più che Lutero Zwuingli ce l'ha fatta...e il bello è che mentre gruppi di Protestanti vogliono ritornare alla sacralità autentica della fede nel Mistero Eucaristico conservato dalla Chiesa, "noi" ce ne vogliamo dissociare, badate bene: NON andarcene, ma restando a modo nostro...

    Un prete in cravatta è quanto più di chiarificatore si possa pretendere, egli NON è un laico...

    RispondiElimina
  24. La messe du NO? Il est de plus en plus permis d'en douter, cher Godiensis.

    RispondiElimina
  25. sacerdote cattolico10 febbraio 2010 12:25

    Libera nos Domine! In queste parodie di NO si ha la percezione all'ennesima potenza di cosa intendeva dire l'allora Card. Ratzinger: l'assemblea celebra se stessa, Dio non c'entra, non serve, non c'è più qui.

    Così facendo, ovviamente, dopo alcune illusorie riuscite dello spettacolo, chiese e confessionali rimarranno sempre più vuoti. Occorre riparare e pregare che si torni alla disciplina nella Chiesa.

    RispondiElimina
  26. Le NO a été institué par Paul VI — avec l'aide de pasteurs protestants —  pour <span>détruire</span> le VO, cher Flavio. C'est son péché originel, sa malédiction, qui va le poursuivre jusqu'à la fin.

    RispondiElimina
  27. della serie: dopo di noi il diluvio..........
    ma per cortesia basta con le solite storielle ed i soliti luoghi comuni.

    E poi, a quelli che gridano vergogna: vorrei vedervi se il prete in confessionale vi dice "ma non ti vergogni" cosa fareste.

    RispondiElimina
  28. Il Dramma è che questo sacerdote crede di essere nel giusto e fare bene

    RispondiElimina
  29. un prete disgustato10 febbraio 2010 12:40

    Ma se volevano fare i pagliacci e i deficienti,  non potevano scegliere un luogo più adatto? Non avevano altri locali?

    RispondiElimina
  30. ed io dovrei versare il mio 8x1000 a questa CHIESA CATTOLICA che ha acconsentito ,  fin' ora , a tutto cio' ??????? .......... 

    RispondiElimina
  31. Questo implica dire che la riforma liturgica è da buttare... non sono d'accordo, Dio è onnipotente, il N.O. NON coincide solo con abusi e protestantizzazione. Dio non permette le cose a caso...ricordi che il predecessore di S. Pio V, per ignoranza, stava per pubblicare il V.O. con alcune parti eretiche! E' morto poco prima di farlo, così il nuovo papa li ha corretti.... Se Dio permette è per trarre un bene: sognare una realtà che non c'è non è il modo migliore di affrontare i problemi. "esù non ha perso tempo a lamentarsi sull'andamento dei tempi...ha fatto una cosa nuova, il cristianesimo" (Peguy). Non è vero che tutto ciò che di bello vi è nel V.O. non si trova nel nuovo, basterebbe scegliere alcune cose e celebrarlo in un certo modo...
    Mi spiace ma il vedere sempre la contrapposizione è il contrario del desiderio del nostro papa che cerca la continuità e non la rottura: in questo modo si fa il gioco di un certo progressismo, è lo stesso, solo al contrario.
    Ciao
    Flavio
    P.S. sarai mica convinta che Paolo VI fosse eretico!?!

    RispondiElimina
  32. Quale del due è il pagliaccio?
    Matteo Dellanoce
    PS l'8 per mille lo si versa lo stesso perchè c'è pieno di uomini di Dio che si smazzano per far andare avanti la baracca!

    RispondiElimina
  33. Buttare… Mais non! Il faut justement en finir avec les décrets, les interdictions, la dictature, le despotisme, le mépris des personnes, toutes choses qui abondent depuis Vatican II… Il faut laisser les gens vivre… Je crois personnellement que le NO est mauvais, j'ai déjà dit pourquoi — et ne serait-ce qu'à cause de la position du célébrant, qui tourne le dos à Dieu. Cela dit, si les gens aiment le NO, qu'ils continuent… Mais qu'on ne nous ostracise plus, nous, traditionnalistes, parce que nous préférons le rite millénaire de l'Église…
    Paul VI hérétique? Je n'en sais rien. Mais le plus mauvais Pape de l'histoire, à mon humble avis, certainement. S'il s'était contenté d'introduire un peu plus de langue vernaculaire, comme le demandait le Concile, il n'y aurait rien eu à redire. Le malheur est qu'il a tout foutu par terre. Par orgueil réformateur. Lisez Gamber…

    RispondiElimina
  34. Nobis quoque peccatoribus10 febbraio 2010 13:23

    Avrete notato la sciarpa arcobaleno e l'abito borghese.
    Queste sono le conseguenze quando si nega sotanzialmente che quella sia una Chiesa, lugo sacro, il S. Sacridficio della Messa, che vi sia la Presenza reale, che il sacerdozio distingua il nostro dagli altri parrocchiani e via elencando.
    Conoscendo un po' il tedesco mi ha colpito non poco una frase "Chiesa e humor" sono inseparabili! La commentatrice definisce il nostro "echter Faschingsnarr" "una vera maschera di Carnevale".
    Vorrei visitare quella chiesa il mercoledi' delle Ceneri e i venerdi' di Quaresima.
    Ho notato pero' che con qualche piccola modifica ci si potrebbe degnamente celebrare in Rito Tridentino.
    FdS

    RispondiElimina
  35. :( un vero pagliaccio

    RispondiElimina
  36. semplicemente...roba da teatro......fanno schifo!!!!!!!!!!!!!!!!!!! SCHIFO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  37. ho solo voglia di vomitare. Cristo è morto per sta' roba? certo che no. tutto ciò grida vendetta al cospetto di Dio.
    http://ritoambrosiano.blogspot.com/

    RispondiElimina
  38. ecco... io il nodo di quella bella "cravatta" lo stringerei un po' di più... ancora un pochino... ops...sta diventando viola... ahimé ahimé

    RispondiElimina
  39. a quando un richiamo pubblico e formale per quei vescovi che consentono simili pagliacciate nelle loro diocesi? questo sì che sarebbe il segnale di un vero cambiamentio 

    RispondiElimina
  40. P.S. il N.O. non coincide con la celebrazione versus popolum...questo è un errore da correggere, soprattutto per la preghiera eucaristica... Paolo Vi è stato un grande papa. la Chiesa era nella tempesta e nessuno ubbidiva...forse ha sottovalutato l'impatto della liturgia privilegiando la fede (credo del popolo di Dio, ecc.). Purtroppo il '68 c'è stato anche nella Chiesa....
    Ciao
    Flavio

    RispondiElimina
  41. che belloooo!!!


    che religione è?

    VIVA IL CONCILIO!

    RispondiElimina
  42. ammazz' aò
    oggi pretino co e patate ar forno.
    e i leoni ggià sò so magnato
    porello
    invece de prega ppè lui

    RispondiElimina
  43. ditemi che è un sogno... non è una vera Messa... è una parodia vero? aiutoooo!
    fate qualcosa ma fermateli!

    RispondiElimina
  44. Per chi non lo ha capito il filmato mostra come deve essere la partecipazione attiva. Secondo i progressisti.

    RispondiElimina
  45. Ti sta bene. Così impari a non andare alla  S. Messa seria, ovvero more antiquo. ;)

    RispondiElimina
  46. sarà forse per simili ludi circensi che il sito viva il concilio, tanto strombazzato e publicizzato, riscuote un misero interesse da parte dei cibernauti?

    Sappiamo certo che in quel sito non si parla né si esaltano simili pagliacciate, ma Urbe et orbe il concilio e la rifoma seguitane per decenni, e tuttora, vengono concretizzate in questo modo. E il cattolico medio vive la rifoma non sull'originale latino del messale di Paolo VI ma sulle traduzioni nazionali e sulle invenzioni estemporanee e coreografiche come quelle mostrate dal video.

    RispondiElimina
  47. Non è colpa mia: i conati di solito vengono involontariamente.

    RispondiElimina
  48. Ha venduto il colletto romano e la talare per comprarsi giacca e cravatta alla moda?

    RispondiElimina
  49. Basta vedere la faccia dei fedeli veri, non di quelli in frac rossastro!

    RispondiElimina
  50. Senti, ma hai visto il filmato? o vedi solo i tuoi pregiudizi antitradizionali? oppure anche tu partecipi ad una messa così, nella notte tra sabato e domenica?

    RispondiElimina
  51. partecipazione attivissima, pena grandissima

    RispondiElimina
  52. Ringrazio la redazione di Messainlatino per questo filmato che ci fa toccare con mano il degrado e il sacrilegio che ha raggiunto la liturgia in certe diocesi.  In queste pagliacciate possiamo riconoscere la zampa del Maligno che vuol dissacrare e sconsacrare le Chiese e le anime dei fedeli.
    Non è questa la vera gioia e la lezia cristiana. La Santa Sede faccia qualcosa altrimenti grideranno le pietre.
    E' vero che la Messa di Paolo VI può essere celebrata degnamente (io ci tengo a sottolineare che preferisco la Messa Tridentina)
    tuttavia è la riforma liturgica avvallata da Paolo Vi che ha aperto la strada a questi abusi cercando di eliminare ogni sacralità, mentre oggi più che mai si ha bisogno di sacro.....
    Concordo con i confratelli sacerdoti che hanno criticato questo scempio, condivido il pensiero di Atala che scrive in francese.
    Tra qualche giorno ci saranno nella mia Parrocchia le Sante Quarantore di adorazione a Gesù Sacramentato le farò con più impegno possibile anche in riparazione a questi fatti.
    Sia lodato e ringraziato ogni momento il SS.mo e Divinissimo Sacramento.
    don Bernardo

    RispondiElimina
  53. Basta con questa gente: slanciati calci nel tonacato deretano, e le liturgie torneranno ad essere serie! I fedeli sono capaci di opporsi e far valere le proprie ragioni : ormai tengono più alle partite di calcio che alla salvezza dell'anima ma una piccola speranza c'è ancora !
    Questo filmato e l''ennesima riprova che la Chiesa dopo il Concilio Vaticano II è clericale, clericocentrica, chiusa alla reale collaborazione con i laici e povera d'idee di santità e devozione.
    La strada verso la salvezza si fa sempre più difficile per quei poveri fedeli affidati alle cure "pastorali" di certi " presbiteri".

    RispondiElimina
  54. Andrea Carradori10 febbraio 2010 16:12

    "Quello" è un presbitero, un Consacrato, un mio Superiore, il Mediatore fra Dio e gli uomini ;  io, purtroppo, sono solo laico per di più peccatore.
    "Quello" è vero che ha rinunciato a tutto, dalla famiglia , all'affetto, per Cristo ...
    riceverà il quantuplo !
    Voglio fare un rapido confronto, umano, fra "quello" e le tante persone che ogni giorno si stanno dedicando a Dio ed al culto Cattolico.
    Noi, ecclesialmente, siamo inferiori ( ed è giusto perchè non siamo consacrati) "quello" sta più vicino a Dio in virtù della sua ordinazione.
    E' giusto così ma ...

    RispondiElimina
  55. Scenette simili io purtroppo le ho viste di persona e assicuro che fanno venire il mal di stomaco. Non andrei tanto lontano a scovare certe scenette pseudoliturgiche: cosa ne dite, di alcune "nostrane"parrocchie dove giovani preti in camice e stola "arcobaleno" intrattengono i nostri figlioli alla messa domenicale a loro dedicata tra canzoncine frou-frou, girotondi attorno all'altare, santa Eucarestia consegnata nelle mani sudate dei piccoli (che magari mezz'ora prima si sono mangiati le patatine o le merendine etc. etc.). Sì cari miei, scene simili le ho viste in Austria come in Germania e in Svizzera, ma da noi, dico da noi, ne troverete a palate! Non è questione di V.O. o N.O., è questione di FORMAZIONE. Cosa fa in seminario un giovane aspirante prete? Certo, c'è sempre il seminarista serio che poi diventerà un bravo e santo prete, ma gli altri? Che tipo di formazione si dà oggi in Italia ai nostri seminaristi? Solo accademica? Su quali testi studiano, chi controlla su eventuali docenti "eretici"? Cosa ha prodotto il post-concilio? Cosa ne è dell'Anno Sacerdotale? Appunto: dell'Anno Sacerdotale meglio non parlare, fa ridere persino i nostri parroci, certo non tutti, ma la maggioranza segue...l'andazzo generale. Girate un pò in rete, troverete scenette simili anche da noi!
    Roberto C.

    RispondiElimina
  56. Boh sarò ignorante in materia ma da quand'è che la Messa è diventata soggettiva?
    Ma in seminario hanno istituito il corso di creatività per aspiranti animatori turistici?

    RispondiElimina
  57. E questo se non oso chiamarla pagliacciata, perchè si tratta di un funerale, è a modo suo esemplare del modo soggettivo in cui i vari pastori applicano il Magistero :

    http://www.perepiscopus.org/ext/http://www.perepiscopus.org/article-la-diversion-du-cardinal-vingt-trois-44619610.html


    Comunione distribuita senza problema a tutti! Che poi siano promotori e favorevoli all `aborto, all`eutanasia, ai matrimoni omosessuali, alla promozione dell`omosessualità nell`insegnamento...è un dettaglio.
    Vero card. Vingt-Trois ?

    RispondiElimina
  58. <span>Poi il Signore mi dette e mi dà <span> </span>una così grande fede nei sacerdoti che vivono secondo la forma della santa Chiesa romana, a motivo del loro ordine, che se mi facessero persecuzione, voglio ricorrere proprio a loro. E se io avessi tanta sapienza, quanta ne ebbe Salomone, e trovassi dei sacerdoti poverelli (leggasi "peccatori") di questo mondo, nelle parrocchie in cui dimorano, non voglio predicare contro la loro volontà. E questi e tutti gli altri voglio temere, amare e onorare come miei signori</span>
    <span><span>E faccio questo perché, dello stesso altissimo Figlio di Dio
    nient'altro vedo corporalmente in questo mondo, se non il santissimo corpo e il santissimo sangue, che ESSI RICEVONO ED ESSI SOLI AMMINISTRANO AGLI ALTRI.</span></span>
    <span><span></span></span>
    <span><span></span></span>
    <span><span>Il Santo, conosceva l'eresia donatista.</span></span>
    <span><span></span></span>

    RispondiElimina
  59. imparate dai Santi10 febbraio 2010 17:22

    Se incontrassi insieme un santo che viene dal cielo e un sacerdote "poverello", saluterei prima questo prete e correrei a baciargli le mani.

    RispondiElimina
  60. Amici cari bisogna renderci conto che purtroppo indietro non si torna e che, continuamdo così, qulla messa da carnevale, fra qualche anno, sarà reputata tradizionalista. I "vescovi", si fa per dire se ne sbattono ed il papa non può fare niente perchè è contornato (o prigioniero), come il caso Boffo riesploso in questi giorni evidenzia,da persone infide e malfattori. Quindi mettiamoci l'animo in pace e speriamo nelSignore.

    RispondiElimina
  61. L'unica vocazione che può nascere da questo spettacolo deplorevole è quella di diventare pagliaccio!
    E io devo ammettere che, se frequento una Messa così, compio con il precetto domenicale? Devo accettare che loro sono in comunione con la Chiesa? Ma queste cose le sa pure il Papa oppure glielle censurano?

    RispondiElimina
  62. Rutilio Namaziano10 febbraio 2010 18:20

    Volevo parteciparvi una lettura interessante sull'attuale pontificato, "Il Papa regna ma non governa":

    http://blogs.periodistadigital.com/religion.php/2010/02/10/p263369#more263369

    è in spagnolo, ma non credo ci siano molte difficoltà - anche per chi non conosca questa bella lingua - di intendere l'assunto: Benedetto XVI, anche da Cardinale, è stato un anticuriale, troppo mite ed educato per vendicarsi o farsi valere in un ambiente difficile, al riparo (quando era Prefetto) solo in virtù del suo ascendente (e del rapporto diretto) su Giovanni Paolo II ed ora è interessato solo alle questioni importanti della fede, della liturgia, dell'ecumenismo, non potendo forzare il suo carattere o perdere gli anni che ha a disposizione con le beghe della Curia. Il suo è dunque un pontificato "verso l'esterno" più che "verso l'interno". Tutto molto sensato, ma speriamo che la Curia gli consenta di vivere la sua missione. I segnali di questi giorni non sono buoni.

    RispondiElimina
  63. La citazione pare chiami in causa San Francesco d'Assisi, scusate la mia ignoranza, ma mi pare proprio una sua frase. Imitiamo i Santi, è vero, cerchiamo di ascoltarli, giustissimo, ma se Francesco si fosse trovato, al suo tempo, dinanzi ad uno spettacolo quale è quello in questione.........., le mani al prete "poverello" non le avrebbe baciate. Capite? Non si può paragonare il nostro povero "oggi" con il tempo in cui visse Francesco, e ve n'erano di peccati, di abusi, di ricerca di potere etc. etc. Niente, il nostro tempo fa proprio vergogna: poveri santi.

    RispondiElimina
  64. ATTENZIONE!

    Pensate che il pretonzolo iridato amante del circo sia un abusivista liturgico di cui la propia diocesi ignora le pagliacciate?

    No, no, cari miei, andate a vedere la didascalia che compare sotto il prete incravattato: egli viene indicato come "jugendpfarrer der diozese Wurzburg" che, per chi non conosce il tedesco significa "responsabile della pastorale giovanile della diocesi di Wurzburg".

    La pagliacciata quindi non è frutto della fantasia estemporanea di un prete annoiato, ma è propio la diocesi che organizza simili ludi circensi.

    U

    RispondiElimina
  65. no: assolutamente inconcepibile che un tale scempio potesse mai accadere con la Messa antica;
    LEX ORANDI   >>   LEX CREDENDI   >>   LEX VIVENDI

    RispondiElimina
  66. volevo andare, mi ero anche informato, ma la chiesa di Brompton (VO) era fuori zona rispetto al mio itinerario... sic! ;)

    RispondiElimina
  67. come dicevamo altrove...
    Roma che farà?
    <span>Come sempre Roma...</span>
    <span>Roma "propone" soltanto
    </span>
    <span>propone tutto il meglio che può,</span>
    <span>ma non impone niente...</span>
    <span>Ancora una volta
    </span>
    <span>Roma starà a guardare</span>
    <span>(come le stelle di Cronin, lontane nel cielo muto….)</span>
    *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  68. <span>uno staff di premurosi curiali è sempre indaffarato intorno al Papa, pronto a dirgli,</span>
    <span>circa ogni notizia, e  su come vanno le cose, nell'orbe cattolico: 
    "Tutto bene, Santità! 
    stia tranquillo, Santità!"</span>

    RispondiElimina
  69. tutto CONTINUA all'insegna del
    NUOVO SEMPRE MIGLIORE
    (vino "novello" annata 68 DOC)

    RispondiElimina
  70. <span>"Il Papa regna ma non governa"</span>

    "El mismo Papa lo ha dicho de forma explícita a sus íntimos (poquísimos): él no tiene intención de consumir sus pocas fuerzas y años en cosas secundarias, sino que tiene intención de centrarse en lo fundamental, que es su magisterio."
    da
    http://blogs.periodistadigital.com/religion.php/2010/02/10/p263369#more263369
    -----------------

    deduzione:
    ciò che vediamo accadere ordinariamente in queste scene, sono cose "secondarie" ?

    RispondiElimina
  71. nell'alto mare delle derive, questa del filmato è una goccia....
    che si perde nel mare !

    RispondiElimina
  72. DANTE PASTORELLI10 febbraio 2010 19:26

    Se è stato amministrato validamente non si può togliere. Prega, piuttosto, per la loro conversione.

    RispondiElimina
  73. DANTE PASTORELLI10 febbraio 2010 19:30

    Si esibiscono in locali che la Chiesa mette a loro disposizione. Chi è più colpevole, il prete o i suoi superiori?

    RispondiElimina
  74. DANTE PASTORELLI10 febbraio 2010 19:31

    Basta un po' di maalox

    RispondiElimina
  75. al tempo di S. Francesco, il Carnevale era Carnevale, la Quaresima era Quaresima,
    la Passione era Passione, la Pasqua era Pasqua, il giorno del Signore era Domenica
    (non sabato...); la Messa era S. Messa e non circo....
    il giullare era giullare dedito ai lazzi, e il monaco era dedito alla preghiera...
    il peccato si chiamava peccato e si era chiamati a pentimento e se ne faceva  penitenza e conversione!

    RispondiElimina
  76. e il naufragar m'è amaro in questo mare..

    RispondiElimina
  77. bleah...bleah...puah >:o  perché inzozzare le sante e immacolate pagine di questo blog con simili schifezze???!!!

    RispondiElimina
  78. Mi viene da vomitare... arg lo stomaco.... dov'e' il maalox????

    RispondiElimina
  79. Andrea Carradori10 febbraio 2010 22:22

    Credo che "fedele indegno" abbia ragione : dobbiamo edificarci piuttosto che deprimerci ...

    RispondiElimina
  80. Anche noi conosciamo l'eresia donatista, ma non lo siamo, perché se ci sono gli estremi che la Chiesa ci ha insegnato, i Sacramenti sono validi. temo che lei non abbia capito il senso dei nostri interventi.

    RispondiElimina
  81. Se il predecessore avesse girato un po' meno il mondo, la cricca politicante che era già a Roma avrebbe fatto più fatica ad insinuarsi ovunque. Siri lo diceva. Tra poco vedremo la Casta curiale detronizzare il Santo Padre?

    RispondiElimina
  82. Sapessi cosa ho visto nella diocesi di Wurzburg! la pagliacciata non mi sorprende! ebbi una lunga discussione con un Pastoralreferent. mah!

    RispondiElimina
  83. Per quanto mi sia dissociata dal CAL non posso esimermi dal precisare che non ha mai avallato scempiaggini simili, nè va verso quella direzione. Per amor di Verità...
    (l'intervento sarcastico in sè è molto carino, però!)

    RispondiElimina
  84. ... ma per chi scandalizza uno di questi piccoli...

    RispondiElimina
  85. E come poteva ridere Gesù sapendo che la sua morte in Croce per molti sarebbe stata vana?

    RispondiElimina
  86. Suvvia, sarò pure controcorrente rispetto alle cose che dite, magari  lo faccio per non deprimermi troppo, forse sbaglierò, non sò, ma non mi sento di fare il processo alle intenzioni e giudicare troppo aspramente e quindi voglio pensare che almeno siano  in buona fede nel fare festa e che pensino   di compiere così un'azione gradita al Signore  (anche se sbagliano facendolo in tal maniera in Chiesa)... ma magari il Signore, che è Buono e Misericordioso, guardando i cuori apprezza comunque la loro buona intenzione, no? 

    RispondiElimina
  87. (Guardando quello scempio,una delle infinite varianti dell'abominevole Novus Ordus, che novus non é in quanto in gran parte fotocopia del rito luterano) corro a rileggere Trakl, che la fine dei tempi e dunque di un'intera civiltà aveva cantato in anticipo in versi sublimi. 

    <span>

    Grodek
    Am Abend tönen die herbstlichen Wälder
    Von tödlichen Waffen,die goldnen Ebenen
    Und blauen Seen,darüber die Sonne
    Düstrer hinrollt;umfängt die Nacht
    Sterbende Krieger, die wilde Klage
    Ihrer zerbrochenen Münder.
    Doch stille sammelt im Weidengrund
    Rotes Gewölk,darin ein zürnender Gott wohnt,
    Das vergossne Blut sich,mondne Kühle;
    Alle Straßen münden in schwarze Verwesung.
    Unter goldnem Gezweig der Nacht und Sternen
    Es schwankt der Schwester Schatten durch den schweigenden Hain,
    Zu grüssen die Geister der Helden,die blutenden Häupter;
    Und leise tönen im Rohr die dunkeln Flöten des Herbstes.
    O stolzere Trauer! ihr ehernen Altäre,
    Die heiße Flamme des Geistes nährt heute ein gewaltiger Schmerz,
    Die ungebornen Enkel.  
    </span>

    RispondiElimina
  88. Gesù non può essere celebrato così, questa celebrazione celebra la stoltezza degli uomini, il loro paganesimo; quando finirà tutto ciò ? IL papa che fa?

    RispondiElimina
  89. vedi inezie e gocce, più sopra...
    (<span><span>"Il Papa regna ma non governa"</span> , link cit.)
    </span>

    RispondiElimina
  90. Altra goccia....soliti Gesuiti!
    Matteo Dellanoce

    http://it.gloria.tv/?media=26720

    RispondiElimina
  91. più che maalox ci vorrebbe qualche sana scomunica... e magari anche qualche calcio in culo.

    RispondiElimina
  92. ahaha che sfortuna amico mio! :D

    RispondiElimina
  93. A Roma non prendono provvedimenti? Mah, forse fino a oggi si è reputato più urgente fare le giornate d'Assisi, i raduni oceanici come nei concerti rock o pop, imporre a tutti dialoghi con le false religioni e con i veri fratelli maggiori e minori e puntare su queste schifezze come dal video! Certamente non sono nessuno per giudicare e non voglio giudicare. Non mi addentro in temi che non conosco e non sono in grado d'affrontare. L'unica cosa che posso fare da cattolico è fedeltà alla Santa Chiesa e al Sommo Pontefice. Ma non posso non farmi delle domande tipo, perchè tutto fa brodo, tutto è lecito tranne dialogare con la FSSPX? Almeno quest'ultimi, detrattori permettendo, sono cattolici!
    Ribadisco tutta la mia fiducia in Benedetto XVI. In questo momento è l'unico che può cambiare le cose. Ne ha diritto, potere e sensibilità. Se glielo concederanno. Ma ne dubito!

    RispondiElimina
  94. Che amenità, che oltraggio...ma è valida una pagliacciata simile? e poi? chi è il pagliaccio e chi il celebrante??? sempre peggio..mala tempora currunt...Kyrie Eleison

    RispondiElimina
  95. Grazie del filmato!
    Ogni tanto c'è bisogno di vedere confermate le proprie ragioni da esempi del genere. Se non ci fossero bisognerebbe inventarli.

    RispondiElimina
  96. AHAHAHAHAH!!!!
    :) :) :) :) :)

    Questo video è meglio del circo! Quando il prete parla c'è dietro il pagliaccio che fa strane mosse :)

    E guardate la faccia del bambino sofferente!

    Tra l'altro il prete sembra il fratello di Schoenborn...

    RispondiElimina
  97. "Vi farò pescatori di uomini"21 febbraio 2010 02:23

    Finalmente un sacerdote che sorride, che non tiene la lucerna sotto il moggio e che irradia verso i suoi fedeli la gioia di essere tutti figli di Dio, anche nel momento del divertimento. Quello nel filmato non si svolge durante una S. Messa, come si lascia intendere, ma è un appuntamento che ha luogo da qualche anno a questa parte nell'imminenza del carnevale. Perchè ritenete che sia sbagliato che la Chiesa ponga la sua attenzione anche sui momenti di divertimento? Anche questi momenti, come tutte le cose, possono essere vissuti in modo sano oppure in modo sbagliato.
    Quanto alla vocazione di questo sacerdote, non è giusto dissacrarla definendola indegna. Un sacerdote è prima di tutto un pescatore di uomini. E questo sacerdote non è nuovo a iniziative per radunare fedeli e anche persone meno religiose e giovani per parlar loro di Gesù. Come quando, per scommessa, si è fatto 250 km a piedi dopo che è riuscito a mobilitare oltre 500 giovani della sua parrocchia per la Giornata mondiale della gioventù di Colonia nel 2005. Dov'è lo scandalo? Forse perchè questo prete vive con e per la sua gente? Non è stato forse Gesù il primo a dare certi tipi di scandalo a suo tempo? Per esempio entrando nelle case degli esattori delle tasse invisi al popolo? Oppure dialogando con le prostitute? O collocando al loro posto coloro (i farisei) che si ritenevano depositari di tutta la verità?

    RispondiElimina
  98. Ciao a tutti,
    vorrei dire che è uno scempio non agli occhi ma al cuore. Io vivo la Messa post-conciliare e non ho nulla contro il Motu Proprio (anzi, vi parteciperei volentieri e senza problemi e totale fiducia), ma quello che ho visto m'impone un assoluto: no comment! Per quel che vale sono d'accordo nel denunciare facendo vedere a che punto siamo arrivati.

    Saluti cari, Mattax

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.