giovedì 10 settembre 2009

Foto S. Messa cantata a San Remo del 6 settembre



Altar maggiore
(con statue dei Santi Giuseppe,
Gioacchino ed Anna)




Cupola del presbiterio: Assunta

Proponiamo qui di seguito alcune foto della S. Messa cantata che è stata celebrata a San Remo, la scorsa domenica 6 settembre 2009, al Santuario di N. S. Assunta della Costa, compatrona della città.

Sia le Consorelle sia i molti fedeli presenti hanno partecipato alla celebrazione sia con la preghiera (seguita sui messalini) sia coi canti, che erano noti a tutti trattandosi della "Missa de angelis".

La partecipazione devota, la sacralità del rito e la ieraticità del sacerdote sono state tali che hanno commosso ed emozionato molte persone, che non hanno esitato a comunicare i propri sentimenti al Rettore, ringraziandolo per la celebrazione secondo il rito antico.
C'erano parecchi giovani i quali hanno anche fatto la Comunione, in ginocchio alla balaustra e in bocca, senza imbarazzo alcuno.

Purtroppo, appena partita questa nuova Messa (solo mensile!), già i primi intoppi: poiché la prima domenica del mese di ottobre cade nella festa della Madonna del Rosario e, tenendosi una processione cittadina, tutte le Messe vespertine sono soppresse, lo stesso avverrà di questa. E non sono concessi "recuperi"...


Quadro della Madonna
sull'altar maggiore



Canto dell'Asperges

Introibo ad altare Dei




Canto del Credo


Suscipe, Sancte Pater



Deus, qui humanae
substantiae



Lavabo




Secreta



prefatio




Te igitur



Comunione



Comunione

18 commenti:

  1. speriamo che i nostri amici di sanremo possano proseguire. (ma il celebrante è proprio anziano! o sbaglio!! ad multos annos!)

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  3. Il sorriso è talvolta il migliore antiddoto, ma sorridiamo con la classe, la sensibilità e la poesia di Totò

    http://www.antoniodecurtis.com/poesia19f.htm

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Una cosa giusta aucellare ha detto e che cioè un messale ibrido (mischiando un pò del vecchio e del nuovo ordo) sia un'ipotesi fantasiosa. Ma sulla fantasia dei chierici il vaticano II ne ha molto da dire. Detto questo consiglierei aucellare di non continuare una sterile polemica che non porta a niente perchè ognuno alla fine rimane delle proprie idee. Solo vorrei dire che i tradizionalisti non vogliono imporre a nessuno il messale del 1962,ma , dato che il Papa ha ewmanato la Summorum pontificum desidereremmo che non venisse impedita la celebrazione secondo tale messale per chi ne faccia richiesta . Tutto qui, ma credo che lei o non ha capito o fa finta di non capire e siccome penso sia una persona intelligente, anche se si è proposto di contestare sino all'infinito, propongo per per la seconda ipotesi. Veda noi non diamo noia a nessuno e per quasi 40 anni abbiamo subito pressochè in silenzio ed anche ora che abbiamo la legge dalla nostra parte le nostre protese sono sempre nei limiti di una formale educazione, ma ci è venuto a noia di essere in continuazione offesi come fa costantemente lei e qualche altro invasato modernista. Peter

    RispondiElimina
  7. scusate ma che cosa c'entrano tutte ste parole, nel post delle foto della bella messa di sanremo???

    RispondiElimina
  8. quante parole vane! meno ciance e più solidarietà tra di noi!!!! e rallegriamoci con gli amici di Sanremo per la loro bella messa!!!

    RispondiElimina
  9. Non c`entrano nulla, sono solo l`appiglio per il nostro "pot de colle" neocatecumenale per far lezione dalla sua più che improbabile cattedra anche al Professor Dante Pastorelli.
    Ma c`è una speranza ha giurato (!?!) di non scrivere più, confidiamo che rispetterà il suo infantile giuramento.
    Suvvia, amico catechista ai molteplici nick ma con la stessa inconfondibile e ripetitiva prosa, lasci perdere e vada nelle sue comunità a diffondere la sua parola o meglio quella del suo maestro.

    Luisa
    Grazie.

    RispondiElimina
  10. luisa, non dirmi che è sempre lo stesso indefesso neocatecumenale, che da ultimo aveva usato il nick soft??? ma BASTA!!!!!!!!!! ma non voglio più leggerlo!!! se mi interessasse qualcosa su di loro e la loro setta, non sarei certo qui su blog della messa antica!!! ma ora sì,ha giurato che non scriverà più!!!!! e farà bene la redazione a censurarlo se oserà infrangere il suo giuramento!!!! dai che ce ne siamo liberati!!! spero!!!!

    RispondiElimina
  11. bravissimo l'anonimo delle 17.37!!!
    noi non diamo noia a nessuno (caso mai rischiamo di essere "scomodi" perchè siamo dalla parte della Verità). lasciateci quindi celebrare come meglio vogliamo! Aucellare: qui non sei gradito. avrai anche ragione tu, ma non sei gradito! anzi! lasciaci in pace e vivi sereno. e soprattutto lascia vivere sereni noi!

    RispondiElimina
  12. Facciamo fiducia alla redazione che fa quel che può per arginare il fiume in piena...
    Perchè anche se noi ci mettiamo in disparte, osserviamo senza reagire o al contrario ignoriamo completamente i commenti dell`"aguerrito" catechista neocat, resta pur vero che la sua logorreica presenza invade questo blog, obbliga la redazione a moderare, svia le discussioni, crea confusione, annacqua il discorso, scoraggia le persone serie ad intervenire, ne allontana altre, tecnica usata già altrove .
    Non penso che questo blog meriti di essere strumentalizzato da persone di cui conosciamo perfettamente la motivazione e gli intenti.

    Luisa

    RispondiElimina
  13. Carissimi amici rimaniamo nel tema delle bellissime foto di san Remo. Tutto il mio plauso per quanti hanno organizzato e sofferto per questa Messa, vedere tutti quei fedeli, sopratutto la foto della comunione alla balaustra mi ha riempito di gioia....
    E' impossibile fermare la Messa di sempre è come un lievito che cresce sempre di più... perchè è opera dello Spirito....
    Teneteci sempre aggiornati di queste splendide iniziative...
    don Bernardo

    RispondiElimina
  14. Splendida chiesa! Gradirei avere un sito deneocatecumenalizzato. Se i seguaci di Kiko vogliono polemizzare con l'ottimo Prof., scrivano sul loro blog invece di innondarci con commenti fuori tema.

    RispondiElimina
  15. Ad areki
    Tanta gente dopo la messa a chiedere: "Quando la prossima ?"
    "Se tutto va bene, visti i precedenti, a novembre :("
    Fermare la messa di sempre forse no ma si inventano tutte le strategie per bloccarla.

    RispondiElimina
  16. Ringrazio la Redazione per le foto.
    Bellissima chiesa e liturgia appropriata. Un vero ristoro per l'anima.

    FdS

    RispondiElimina
  17. @ Sanremasco
    Coraggio tenete duro, non arrendetevi mai.... col sacrificio, l'umiltà e la santa testardaggine alla fine si vince sempre

    RispondiElimina
  18. In merito al troll neokat da tempo suggerisco -e concordo pienamente con Luisa, di cui apprezzo sempre gli interventi- di fregarsene e dare un colpo di scroll e tirare innanzi perché è solo un elemento di disturbo che ha già dato prova di non contribuire minimamente -neppure come opinione contraria- alla discussione; per il semplice fatto che non esprime opinioni -né tantomeno argomentazioni- ma sempre la solita tiritèra condita in varie salse e varii nick... censurare no ma farlo stancare della propria nullità non dando seguito ai suoi disturbi.

    Tornando a Sanremo: bellissima la chiesa e le immagini, speriamo in una definizione stabile della Santa Messa: chi l'ha detto che il gruppo di fedeli deve essere stabile ma la S.Messa a singhiozzo?
    Anch'io in molti casi in cui si è celebrato eccezionalmente ho sentito chiedere: "...e ora quando ce ne sarà un'altra?"... questa cari miei è l'actuosa partecipatio: non il trascinarsi stanco in parrocchia a fare i proprii giochini (letture, preg. dei fed., questua, canti, balli, chiose...).
    AndreasHofer

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.