Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

venerdì 12 gennaio 2024

Il sorprendente profilo dei seminaristi francesi

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 996 pubblicata da Paix Liturgique il 10 gennaio, in cui si analizzano i risultati di un sondaggio condotto dal quotidiano cattolico La Croix sui 673 seminaristi francesi.
In un contesto ecclesiale tutt’altro che tradizionale, questi giovani – che «provengono dal popolo delle Parrocchie e rappresentano la parte più motivata e devota dei giovani francesi che frequentano la chiesa» – hanno dato risposte apparentemente sorprendenti.
QUI su MiL i risultati dello studio condotto tra i giovani sacerdoti negli Stati Uniti (negli anni 2022 e 2023), che giunge a conclusioni simili.

L.V.


In due occasioni, nella nostra Lettre aux veilleurs parigini (QUI la Lettera numero 111), Christian Marquant ha parlato del profilo sorprendente degli attuali seminaristi francesi. Vorremmo far conoscere a tutti i lettori di Paix Liturgique com’è.

Incontro dei seminaristi francesi a Parigi

Da venerdì 1 dicembre a domenica 3 dicembre si è tenuto a Parigi un incontro dei seminaristi diocesani francesi, organizzato dall’Episcopato francese, apparentemente con l’obiettivo di risollevare il morale. Quasi 600 dei 673 seminaristi iscritti dalla Conférence des évêques de France si sono riuniti nella capitale, ospitati da famiglie cattoliche che avevano risposto all’appello delle loro Parrocchie.

I momenti salienti dell’incontro sono stati: venerdì 1 dicembre, una giornata di adorazione in diverse chiese di Parigi; sabato 2 dicembre, al mattino, una Messa nella Église Saint-Eustache presieduta da mons. Éric Marie de Moulins d’Amieu de Beaufort, Arcivescovo metropolita di Reims e Presidente della Conférence des évêques de France, che ha poi risposto alle loro domande; domenica 3 dicembre, una Messa nella Église Saint-Sulpice presieduta dal card. Jean-Marc Noël Aveline, Arcivescovo metropolita di Marsiglia, unico Cardinale francese a capo di una Diocesi.

A Parigi abbiamo così potuto abbracciare tutti coloro che si preparano a essere i sacerdoti francesi di domani. Questo sguardo esaustivo ha confermato ciò che già sapevamo di loro. Innanzitutto, che sono solo una piccola parte. Le foto del loro gruppo scattate davanti alla Cathédrale Notre-Dame o alla Église Saint-Sulpice, che in realtà non era una folla, erano quasi spaventose. Erano solo 673, e quanti di loro sarebbero diventati sacerdoti?

Abbiamo anche notato che questo piccolo resto era molto diverso dalle generazioni formatesi negli anni bui dopo il Concilio Vaticano II. Come seminaristi molto classici, sono persino diversi dai «classici» prodotti dalle case parigine degli anni del card. Jean-Marie Lustiger [Arcivescovo metropolita di Parigi dal 1981 al 2005: N.d.T.]. Quelli di oggi sembrano timidi e un po’ vaghi. Un buon numero di loro si poteva vedere mescolato ai giovani cattolici delle parrocchie che ogni anno si uniscono ai giovani Tradi nel Pèlerinage de Pentecôte da Parigi a Chartres.

L’altra sorpresa è che sono stati trattati come tali. Solo tre anni fa, gli studenti propedeutici di Parigi che si preparavano a entrare nel primo ciclo del Séminaire Notre-Dame erano stati trattati duramente perché chiedevano di ricevere la comunione sulle labbra e non sulla mano. Al contrario, gli organizzatori del raduno di Parigi si erano adattati alla sensibilità di questi giovani.

Il sabato, sono stati fatti cantare la Missa de Angelis, Kyrie, Sanctus, Agnus Dei, Chez nous, soyez Reine come canto di uscita, e per finire sono stati condotti sulla piazza di Notre-Dame per cantare un Magnificat in latino (Rassemblement des séminaristes: la messe présidée par Mgr de Moulins-Beaufort).

Durante la Messa domenicale nella Église Saint-Sulpice, che può essere vista sul canale televisivo KTO (Messe du rassemblement des séminaristes de France 2023), si sono verificati una serie di dettagli sintomatici: quasi tutti erano vestiti con un’alba bianca legata con un cordone, anziché con un’alba pendente, e alcuni dei diaconi entrati nel clero indossavano la tonaca e la cotta; quasi tutti tenevano le mani unite alla vecchia maniera; quasi tutti si inginocchiavano alla consacrazione. La comunione era particolarmente interessante: la maggior parte di loro si genufletteva prima; la metà di loro riceveva la comunione sulle labbra e almeno un quarto, forse un terzo, la riceveva in ginocchio sulle labbra. I sacerdoti che hanno dato la comunione devono aver ricevuto istruzioni: nessuno di loro ha mostrato alcuna esitazione nell’inchinarsi e nel darla.

In effetti, questi giovani non sono molto diversi, a volte per nulla, da quelli che popolano i Seminari tradizionali. E sono come i giovani cattolici di oggi, i cui Vescovi notano con orrore che preferiscono la Santa Messa tradizionale. Questo è molto incoraggiante, ma anche triste, se si pensa alla repressione che spesso subiscono, che li fa fuggire verso la Communauté Saint-Martin o entrare nei Seminari tradizionali.

Christian Marquant ha ammesso che gli sarebbe piaciuto condurre un sondaggio tra di loro, con domande come: «Sei favorevole alla libertà di celebrare la liturgia tradizionale?»; «Quando diventerai sacerdote, celebrerai la Santa Messa tradizionale?»; «Spesso?». Ha detto di non avere dubbi: i risultati sarebbero stati una bomba.

I responsabili hanno letto questa Lettre aux veilleurs, oppure hanno avuto la stessa idea e hanno voluto mettere in pratica le loro impressioni? In ogni caso, il quotidiano La Croix ha realizzato il sondaggio.

Un sondaggio pubblicato dal quotidiano La Croix

Naturalmente, gli autori del sondaggio non hanno posto domande così chiare su argomenti delicati. Tuttavia, hanno condotto uno studio dettagliato utilizzando un questionario che, con l’aiuto della Conférence des évêques de France, è stato inviato ai 673 seminaristi francesi. I risultati sono stati pubblicati dal quotidiano La Croix il 22 dicembre con il titolo Qui sont les prêtres de demain? [Chi sono i sacerdoti di domani?: N.d.T.].

Hanno risposto in 430, una cifra che sembrerà enorme a chi conosce l’ambiente dei seminaristi, costretti a una cautela serpeggiante quando professano idee anticonformiste, tanto temono di subire un ritardo nel prendere gli Ordini sacri. È probabile, tuttavia, che molte delle risposte siano state fortemente indebolite da coloro che hanno risposto.

I risultati, che riempiono tre intere pagine del quotidiano, vanno letti con attenzione. Il blog Le Salon Beige (47% des séminaristes diocésains ont fréquenté régulièrement ou occasionnellement une paroisse ou communauté traditionaliste) li ha condensati:
  • il 72 per cento proviene da una famiglia cattolica praticante che va a Messa tutte le domeniche e per il 62 per cento i genitori sono stati le prime figure determinanti nel loro cammino spirituale;
  • il 36 per cento degli intervistati ha dichiarato di aver preso in considerazione il sacerdozio prima dei dieci anni;
  • il 61 per cento cita la trasmissione familiare come il modo migliore per condividere la fede;
  • il 59 per cento ha servito all’altare per molti anni;
  • il 56 per cento è stato scout, di cui il 34 per cento nella Fédération du scoutisme européen;
  • tre quarti hanno partecipato alla Giornata mondiale della Gioventù;
  • più di un terzo ha frequentato regolarmente una nuova comunità;
  • Papa Benedetto XVI è il Papa che ha avuto il maggiore impatto sul 39 per cento di loro;
  • il 17 per cento ha poca o nessuna affinità con papa Francesco; il 65 per cento dice di avere vari gradi di affinità. Va sottolineato che il sondaggio ha preceduto la pubblicazione della dichiarazione «Fiducia supplicans» sul senso pastorale delle benedizioni. Commentando quest’ultimo risultato, mons. Jean-Marc Micas P.S.S., Vescovo di Tarbes e Lourdes ed ex Superiore del Séminaire Saint-Cyprien di Tolosa, ha confidato francamente al quotidiano La Croix che non si aspettava tanto;
  • per il 70 per cento, il cuore della loro missione sarà la celebrazione dei Sacramenti, molto prima della predicazione o della trasmissione delle Scritture;
  • va aggiunto che il 29 per cento ritiene che gli uomini sposati dovrebbero poter essere ordinati, mentre solo l’1 per cento è favorevole all’ordinazione di donne.

Le seguenti risposte sono particolarmente degne di nota. Esse mostrano la vicinanza di una parte significativa di questi seminaristi al mondo tradizionalista:
  • il 47 per cento dei seminaristi ha frequentato regolarmente o occasionalmente una Parrocchia o una comunità tradizionale;
  • quasi la metà prevede di indossare la talare regolarmente e un quarto occasionalmente;
  • il 34 per cento dice di non avere nulla contro la Santa Messa tradizionale;
  • il 14 per cento vorrebbe celebrare entrambe le forme;
  • il 7 per cento preferisce la Santa Messa tradizionale e spera di celebrarla regolarmente.

I risultati sono ancora più sorprendenti se si considera che le risposte sono probabilmente molto caute su questi argomenti. Anche la formulazione delle domande non sembra essere stata chiara, visto che per il 60 per cento «la Santa Messa tradizionale non è un vero problema», il che può essere interpretato in tutte le direzioni. Infine, il quotidiano La Croix non ha tradotto questi risultati in un diagramma esplicativo come ha fatto per tutti gli altri punti, ma ha riportato le risposte dei seminaristi nell’articolo di commento. Tenendo conto di queste riserve, se al 21 per cento che è disposto a celebrare la Santa Messa tradizionale insieme alla nuova Messa aggiungiamo il 34 per cento che non ha nulla in contrario, i risultati sono in linea con quelli ottenuti dalle indagini dell’associazione Paix Liturgique sui parrocchiani in Francia.

Soppesiamo bene le cifre, così come sono state date, anche se andrebbero indubbiamente aumentate: oggi, il 21 per cento dei seminaristi diocesani in Francia, e non i seminaristi delle comunità tradizionali, si dice chiaramente pronto a celebrare entrambe le Messe, con il 7 per cento di loro che preferisce la Santa Messa tradizionale e spera di celebrarla regolarmente. Questi giovani saranno presto sacerdoti nelle Parrocchie francesi.

Inoltre, i seminaristi provengono dal popolo delle Parrocchie e rappresentano la parte più motivata e devota dei giovani francesi che frequentano la chiesa. La preoccupazione che ci attanaglia deriva dal loro numero esiguo. È ancora più preoccupante se si pensa che i loro pastori, i nostri pastori, i Vescovi di Francia, non sono, per la maggior parte di loro, in sintonia né con loro né con i laici di quella che è conosciuta come «la linfa vitale» della Chiesa, in altre parole ciò che rimarrà della Chiesa nei decenni a venire. Eppure ai Vescovi francesi sono rimasti solo 673 seminaristi classici. Faranno di tutto per «interpretare» questi risultati. Ma ci sono: il 14 per cento di questi futuri sacerdoti è disposto a celebrare la Santa Messa tradizionale; il 7 per cento preferirebbe farlo.

1 commento:

  1. Il 7% preferisce la messa tradizionale…insomma, una goccia nel mare. Meglio così, soprattutto in congiunzione con la schiacciante maggioranza che approva Papa Francesco.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione