Post in evidenza

Elenchi dei Vescovi (e non solo) pro e contro Fiducia Supplicans #fiduciasupplicans #fernández

Pubblichiamo due importanti elenchi. QUI  un elenco coi vescovi contrari, quelli favorevoli e quelli con riserve. QUI  un elenco su  WIKIPED...

venerdì 12 gennaio 2024

Il cardinale di Madrid promette di 'applicare pienamente' la Fiducia Supplicans e reprime l'opposizione sacerdotale #fernández #francesco #fiduciasupplicans


I sacerdoti spagnoli coinvolti in una petizione che chiede a Papa Francesco di revocare Fiducia Supplicans "sono stati seriamente ammoniti, è stato loro chiesto se hanno qualcosa contro il Papa", ha detto il cardinale José Cobo.
E ora sono 300 (QUI MiL e QUI la Dichiarazione con i firmatari).
La misericordia del card. Cobo, arcivescovo di Madrid.
InfoVaticana – Sacerdote portavoce dei 150, don Antonio Diufaín Mora: “Non si tratta di una petizione "contro il Papa", ma di un umile tentativo di far conoscere al Pontefice la reazione di chi, in pratica, non ha altro modo efficace per esprimere il proprio rifiuto di affermazioni che considera, come minimo, confuse e diverse da quanto gli è sempre stato insegnato. (...) Trasparenza, sinodalità, ascolto di "tutti", corresponsabilità? Quale sarebbe il "canale interno" appropriato per la grande maggioranza dei fedeli per far conoscere la loro opinione ai pastori?
Ad oggi molti vescovi hanno già dichiarato che non applicheranno il documento vaticano, lo vietano ai loro sacerdoti e rifiutano di impartire le benedizioni indicate dalla Fiducia Supplicans:
QUI l'elenco e QUI.

Luigi C.

Michael Haynes, LifeSiteNews, 10-1-24

MADRID ( LifeSiteNews ) — Il cardinale José Cobo di Madrid si è mosso per reprimere l'opposizione alla Fiducia Supplicans , avvertendo i suoi sacerdoti che "applicheremo pienamente la dottrina del Papa" sulle "benedizioni" dello stesso sesso.
Parlando a Religión Digital l’8 gennaio, Cobo ha espresso il suo pieno sostegno al testo Fiducia Supplicans del 18 dicembre, che pretende di aprire la porta alla “benedizione” delle “ coppie ” dello stesso sesso . “A Madrid applicheremo pienamente la dottrina del Papa, e per questo applicheremo ' Fiducia supplicans ' con l'intensità che il documento merita e chiede, e chi non è d'accordo, lo invito a leggerlo, "ha affermato.
Il testo vaticano, scritto dal cardinale Víctor Manuel Fernández e firmato da papa Francesco, ha scatenato polemiche internazionali, con un numero sempre crescente di cardinali, vescovi e sacerdoti che esprimono la loro opposizione alla “benedizione” delle “coppie” dello stesso sesso. Ma Cobo ha affermato nella sua intervista a Religión Digital che il furore che circonda Fiducia Supplicans “ è una controversia artificiale, tutto è stato decontestualizzato”.

La resistenza alle “benedizioni” delle persone dello stesso sesso è stata guidata in gran parte dai vescovi africani, con altri prelati che hanno seguito l’esempio, ma anche gruppi di sacerdoti nel Regno Unito, negli Stati Uniti e in Australia hanno espresso la loro opposizione collettiva.

Guidata da sacerdoti di lingua spagnola provenienti dalla Spagna e dall’America Latina, è stata successivamente lanciata una petizione chiedendo a Papa Francesco di annullare il documento. La petizione, messa online il 31 dicembre, ha già oltre 10.500 firme.

Citando il canone 212, i promotori della petizione (un numero che ormai è cresciuto fino a superare i 300 tra chierici e laici) hanno scritto come i fedeli «hanno il diritto, e talvolta anche il dovere, in ragione della propria conoscenza, competenza e prestigio, manifestare ai sacri Pastori il loro parere su ciò che concerne il bene della Chiesa e manifestarlo agli altri fedeli, salvaguardando sempre l'integrità della fede e dei costumi, la riverenza verso i Pastori, e avendo riguardo al bene comune e alla dignità delle persone”.

Una precedente versione del testo della petizione affermava che “la benedizione delle coppie in situazione irregolare o in convivenza omosessuale, anche se extraliturgica, contraddice il disegno di Dio”. Da allora tale formulazione è stata rimossa.

I sacerdoti coinvolti nella petizione hanno dovuto affrontare la reazione dei rispettivi vescovi, compreso il cardinale Cobo. Ha dichiarato di aver ricordato al suo clero che “hanno giurato di fedeltà al Papa”.

Come hanno notato i nuovi leader laici della petizione, quattro dei primi sacerdoti firmatari e promotori hanno conseguentemente ritirato i loro nomi dalla petizione a seguito di un ordine dei loro superiori. La petizione è stata temporaneamente archiviata poiché i leader religiosi sono stati sostituiti da leader laici, ma dopo la ripresa delle operazioni le firme hanno continuato ad affluire.

Commentando questo, Cobo ha affermato che i suoi sacerdoti coinvolti “sono stati seriamente ammoniti, è stato chiesto loro se avevano qualcosa contro il Papa, ed è stato loro ricordato il giuramento di fedeltà al Santo Padre”.

Ha dichiarato che “un sacerdote non può far parte di un forum civile e pubblico in cui il Papa viene insultato”. Cobo ha anche denunciato gli sforzi di coloro che cercavano di sostenere il modo di essere della Chiesa conservatrice: “Siamo in una situazione di missione e alcuni continuano a reagire come se vivessimo una Chiesa conservatrice”.

Cobo ha sostenuto che tale opposizione alle “benedizioni” dello stesso sesso era la prova del fatto che i preti sono “più guidati dall’ideologia e rispondono maggiormente ai gruppi di pressione che non sono cattolici. Non si rendono conto nelle mani di chi si trovano”.

Fonti diocesane avrebbero riferito a Religión Digital che i sacerdoti “possono esprimere la loro opinione, ma mai in spazi civili, su pagine Internet, che non hanno nulla a che fare con le dinamiche ecclesiali, e che in definitiva si manifesta contraria alla dottrina ordinaria del Santo Padre”.

Cobo era stato ausiliare di Madrid per cinque anni e mezzo, prima di prendere possesso della sede nel luglio 2023. È stato creato cardinale da papa Francesco a settembre.