Post in evidenza

#rupnik: neanche nella quinta conferenza stampa del Papa si è parlato di questo scandalo

Peggio che in Corea del Nord. QUI Il Sismografo sulla ex comunità di Rupnik: " Comunità di Loyola: L'ex Superiora Generale Ivanka ...

martedì 19 settembre 2023

LifeSite. La diocesi di Roma minimizza le accuse contro l'ex gesuita padre Rupnik, contraddicendo la sentenza del Vaticano #rupnik

Utile e approfondita analisi di Michael Haynes sulle ultime vicende della mendace Nota del Vicariato di Roma.
Nostra traduzione. 
QUI e QUI i due post di Mil sulla vicenda di ieri.
Tutto sotto la regia di Francesco, come disse un altissimo esponente della curia romana?
"Come LifeSiteNews ha ampiamente riportato, Rupnik è stato accusato di aver abusato psicologicamente, spiritualmente e sessualmente di 20 delle 40 religiose della Comunità Loyola in Slovenia, di cui era cofondatore. Le rivelazioni e le accuse sono diventate pubbliche alla fine del 2022. Dopo che, nel dicembre 2022, l'Ordine dei Gesuiti ha lanciato un appello aperto a tutte le vittime a farsi avanti, altre 15 persone hanno accusato il sacerdote di aver abusato di loro, con vittime maschili che si sono fatte avanti".
Sulla vicenda QUI Luisella Scrosati sulla Bussola.
QUI i post pubblicati sul caso Rupnik da MiL.
Luigi

Michael Haynes, 18 settembre 2023, Lifesitenews

P. Marko Rupnik è stato dichiarato scomunicato dal Vaticano e in seguito la decisione è stata annullata, ma la Diocesi di Roma ha ritenuto che il processo a suo carico non fosse corretto.
ROMA (LifeSiteNews) - La visita canonica al Centro Aletti, fondato dall'ex gesuita in disgrazia
padre Marko Ivan Rupnik, ha sminuito le accuse mosse al sacerdote e ha concluso che la vita della comunità è "sana", contraddicendo le notizie secondo cui gli abusi seriali di Rupnik sarebbero avvenuti in parte nel centro e le decisioni dei tribunali vaticani. I risultati sollevano dubbi su un'indebita influenza sui procedimenti della visita canonica.
Il 18 settembre la Diocesi di Roma ha pubblicato i risultati della visita canonica in corso presso il Centro Aletti di Roma. Fondato da Rupnik negli anni '90, il centro è stato la base operativa dei suoi progetti artistici internazionali e della comunità di uomini e donne che ha costruito intorno a sé.

Il rapporto della diocesi scagiona ampiamente il personale del Centro Aletti e lo stesso Rupnik, contraddicendo i giudizi indipendenti dei gesuiti e della Congregazione (ora Dicastero) per la Dottrina della Fede, nonché le testimonianze dettagliate delle presunte vittime.

La relazione diocesana e la visita sono state condotte da padre Giacomo Incitti, che è consultore della Congregazione per il Clero, così come Rupnik, che era solito scrivere una riflessione settimanale pubblicata sul sito web della congregazione.

Centro Aletti: centro di abusi o "comunità di vita sana"?

Il Centro Aletti è stato coinvolto nello scandalo in corso, in quanto negli ultimi dieci mesi sono emerse sui media accuse e rivelazioni di abusi seriali di vario tipo commessi da Rupnik.

Ma la diocesi ha dichiarato che "è chiaro che all'interno del Centro Aletti c'è una sana vita comunitaria senza particolari criticità", secondo i risultati della visita iniziata in sordina il 16 gennaio.

Il visitatore pontificio ha "potuto constatare che i membri del Centro Aletti, pur amareggiati dalle accuse ricevute e dalle modalità con cui sono state gestite, hanno scelto di mantenere il silenzio - nonostante la veemenza dei media - per custodire il cuore e non pretendere una qualche irreprensibilità con cui ergersi a giudici degli altri".

Come LifeSiteNews ha ampiamente riportato, Rupnik è stato accusato di aver abusato psicologicamente, spiritualmente e sessualmente di 20 delle 40 religiose della Comunità Loyola in Slovenia, di cui era cofondatore. Le rivelazioni e le accuse sono diventate pubbliche alla fine del 2022. Dopo che, nel dicembre 2022, l'Ordine dei Gesuiti ha lanciato un appello aperto a tutte le vittime a farsi avanti, altre 15 persone hanno accusato il sacerdote di aver abusato di loro, con vittime maschili che si sono fatte avanti.

Rupnik è stato anche scomunicato automaticamente e giudicato colpevole dal tribunale della CDF di aver assolto in confessione una donna con cui aveva avuto rapporti sessuali. In seguito la pena gli è stata revocata - con molte speculazioni sul fatto che Papa Francesco sia intervenuto personalmente per revocare rapidamente la scomunica.
Una delle sue presunte vittime ha descritto dettagliatamente gli abusi che Rupnik ha compiuto su di lei, affermando che tali eventi hanno avuto luogo "anche nella sua stanza al Centro Aletti". Sulle pareti del Centro Aletti Rupnik chiedeva all'ex suora di fare "sesso a tre" con un'altra suora, "perché la sessualità doveva essere secondo lui libera dal possesso, a immagine della Trinità dove, diceva, 'il terzo raccoglieva la relazione tra i due'".

La diocesi difende il "silenzio" del Centro Aletti

Nella sua testimonianza, "Anna" ha accusato la direzione del Centro Aletti di non aver agito contro Rupnik e di aver favorito le sue varie azioni.

In effetti, all'inizio di quest'anno, quando Rupnik sembrò violare le restrizioni impostegli dai gesuiti - di cui all'epoca era membro - i principali collaboratori del suo Centro Aletti si unirono a lui. Concelebrando la Messa nella Basilica di Santa Praessede - in violazione del divieto di svolgere qualsiasi ministero pubblico - hanno partecipato alla Messa anche tre dei principali collaboratori del Centro Aletti. Le tre, tutte ex suore della Comunità di Loyola che hanno seguito Rupnik a Roma dalla Slovenia, sono Maria Campatelli, Michelina Tenace e Manuela Viezzoli.

La Campatelli, direttrice del Centro Aletti dal 2020, ha difeso pubblicamente Rupnik a giugno, scrivendo che Rupnik è stato oggetto di una "campagna mediatica basata su accuse diffamatorie e non provate (che hanno esposto la persona di p. Rupnik e l'intero Centro Aletti a forme di linciaggio)". Campatelli è stato ricevuto in udienza privata da Papa Francesco il 15 settembre, ma non sono stati resi noti i dettagli dell'incontro.

Tuttavia, la Diocesi di Roma ha difeso il Centro, affermando che l'intera saga di Rupnik ha "aiutato le persone che vivono l'esperienza del Centro Aletti a rafforzare la fiducia nel Signore, nella consapevolezza che il dono della vita di Dio diventa spazio anche attraverso la prova".

Il rapporto diocesano, apparentemente ignaro della difesa scritta di Campatelli nei confronti di Rupnik, sosteneva che il personale del centro "ha scelto di mantenere il silenzio - nonostante la veemenza dei media - per custodire il cuore e non pretendere una qualche irreprensibilità con cui ergersi a giudici degli altri".

La colpevolezza di Rupnik è diminuita?

Ma il rapporto diocesano sembrava anche difendere Rupnik dalle accuse mosse contro di lui. Il rapporto afferma che il visitatore pontificio del Centro Aletti ha riscontrato "procedure gravemente anomale" che hanno portato a "dubbi fondati sulla richiesta di scomunica [di Rupnik]".

Con queste parole, la Diocesi di Roma si è quindi schierata contro la CDF, che nel 2020 aveva giudicato "all'unanimità" Rupnik colpevole di aver assolto un complice sessuale, dichiarandosi automaticamente scomunicato. Tale scomunica sarebbe stata revocata da Papa Francesco, che è intervenuto nel giro di "poche ore" per annullare la scomunica.

Per quanto riguarda le accuse separate di abuso, l'Ordine dei gesuiti ha compilato un dossier di 150 pagine sui casi di abuso denunciati, datati dal 1985 al 2018. L'ex superiore di Rupnik, padre Johan Verschueren, ha dichiarato che la credibilità delle accuse contro Rupnik era "molto alta".

Esprimendo dubbi sulle accuse che hanno portato alla scomunica di Rupnik, il cardinale vicario di Roma Angelo De Donatis ha presentato il rapporto alle "autorità competenti".

Rupnik - dopo essere stato espulso dai gesuiti quest'estate - gode di una continua promozione in Vaticano, dato che il Dicastero per la Comunicazione ha deciso di continuare a utilizzare le sue immagini religiose. Ciò è probabilmente dovuto all'ampia influenza di Rupnik in Vaticano, sia a suo nome che attraverso i membri fedeli del suo centro d'arte con sede a Roma che lavorano anche in Vaticano.

Il corrispondente vaticano de Il Messaggero ha descritto il rapporto diocesano come "uno scontro mai visto prima e dalle conseguenze imprevedibili" tra De Donatis, i gesuiti e la CDF nella "gestione del più brutto e imbarazzante caso di abuso sessuale su donne commesso da un sacerdote".

Ma i risultati dell'indagine canonica della Diocesi di Roma devono essere considerati anche alla luce della notevole influenza che Rupnik esercitava in Vaticano e a Roma in generale, ricoprendo vari incarichi curiali e venendo promosso da altri organi curiali anche quando era sottoposto a restrizioni nel suo ministero.

La Diocesi di Roma ha regolarmente messo in evidenza Rupnik e le sue opere d'arte nei suoi video, e ha anche pubblicato video di Rupnik stesso mentre si supponeva che fosse sottoposto a restrizioni. Rupnik ha anche predicato a un ritiro del clero nel maggio dello scorso anno e a un altro ritiro nell'agosto del 2022; entrambi hanno avuto luogo mentre il suo caso era sotto esame da parte della CDF.

In effetti, non si può escludere che l'ampia influenza di Rupnik all'interno della diocesi sia un fattore che ha contribuito al tentativo diocesano di scagionare l'ex gesuita dalle accuse che gli sono state rivolte.

O forse, l'apparente riabilitazione di Rupnik proviene dal Vaticano piuttosto che dalla diocesi di Roma, con De Donatis che ha accennato alla protezione personale di Papa Francesco nei confronti di Rupnik in una dichiarazione del 2022, descritta come "curiale", in cui afferma che "Rupnik è sotto la protezione del Papa".