Post in evidenza

La Messa proteiforme: a modest proposal. Risposta e proposta al Prof. Grillo

Il Prof. Grillo ha voluto gentilmente confrontarsi (v. qui ) con il nostro commento critico alla sua intervista (in cui, lo ricordiamo, el...

venerdì 21 luglio 2023

Bambini a Messa: considerazioni pratiche


Vi proponiamo – in nostra traduzione – questo interessante articolo di Joseph Shaw, presidente della Latin Mass Society of England and Wales e presidente di Una Voce Internationalpubblicato sul sito OnePeterFive l’11 luglio.
In esso l’autore si sofferma su alcune riflessioni ed indicazioni pratiche per i genitori cattolici, soprattutto per la Santa Messa tradizionale: partendo dall’apprezzamento della contemplazione quale forma speciale di partecipazione che la Messa tradizionale ci offre, è  possibile poi coltivarne lo sviluppo nei figli.

L.V.


Nel mio articolo su Catholic Answers ho cercato di difendere l’idea che i bambini debbano assistere alla liturgia, contro l’affermazione, che ho sentito spesso, secondo cui i bambini non dovrebbero essere portati a Messa «finché non si comportano bene». Questo precetto di solito è impossibile da seguire per i genitori che desiderano partecipare alla Santa Messa tradizionale, poiché non hanno una scelta di Sante Messe a cui partecipare una alla volta mentre l’altro si occupa dei bambini a casa. Più fondamentalmente, senza un’esperienza precoce e coerente della liturgia i bambini si trasformerebbero da piccoli incontrollabili ad adolescenti annoiati che fissano i loro smartphone, senza passare attraverso una fase intermedia di sedersi tranquillamente e prestare attenzione alla Messa.

Ho invece sostenuto che i bambini di tutte le età fanno parte dei destinatari della liturgia, intesa in modo tradizionale, perché essa non ci colpisce solo razionalmente, attraverso la presentazione di una serie di proposizioni. La liturgia ci nutre spiritualmente perché ci porta a Dio, nella preghiera della Chiesa, alla quale possiamo unirci. Non si tratta di capire i testi – anche se naturalmente i testi sono edificanti e devono aiutarci a elevare il cuore a Dio – ma di pregare in modo contemplativo e di ricevere le benedizioni offerte dalla liturgia. Anche i bambini piccoli possono unirsi all’azione della Santa Messa, in modi che non potrebbero articolare, quando intravedono la dignità di un’attività chiaramente non diretta a qualcosa di meramente umano.

Rimane da chiedersi come i genitori e gli altri possano aiutare i bambini a intravedere questo aspetto e come possiamo farli stare in chiesa, magari per più di un’ora, con il minimo disturbo per i loro genitori e per gli altri fedeli.

Molti genitori esperti ne sapranno molto più di me, ma offro alcune riflessioni a coloro che non hanno questa esperienza e che potrebbero non avere modelli di riferimento nelle loro congregazioni. Inoltre, sembra che gli atteggiamenti siano un po’ diversi nel Novus Ordo Missae rispetto alla Santa Messa tradizionale. Ho sentito dire più volte, da persone che hanno visto entrambe, che i bambini sono più educati nella Santa Messa tradizionale, nonostante il fatto che spesso siano più numerosi, e che la Santa Messa tradizionale sembra fare poche concessioni ai bambini. Il passaggio alla Santa Messa tradizionale, quindi, può richiedere l’adozione di nuove strategie per la gestione dei bambini, per un’esperienza liturgica e un insieme di aspettative diverse.

Una concezione moderna di ciò che rende l’intrattenimento adatto ai bambini si concentra sul tentativo di mantenere l’attenzione dei bambini e di impedire che si annoino con novità, espedienti e musica che si suppone piaccia ai bambini. Quando questo approccio viene applicato alla liturgia nel Novus Ordo Missae sembra avere un’efficacia limitata, e spesso i bambini vengono portati in una stanza separata per gran parte della Messa per una «liturgia dei bambini», e/o confinati in una «stanza del pianto» dove possono fare rumore senza disturbare la congregazione principale.

Tutto questo è abbastanza estraneo alla Santa Messa tradizionale, dove i bambini ricevono l’esempio della preghiera silenziosa e contemplativa, dalla liturgia stessa. Anche se c’è musica, la musica liturgica tradizionale della Chiesa, il canto gregoriano, non è concepita per suscitare emozioni (cosa che gli inni protestanti mirano a fare e che i moderni inni cattolici spesso imitano), ma per aiutare la contemplazione. La nostra gestione dei bambini durante la Santa Messa tradizionale, quindi, dovrebbe mirare a incoraggiarli a sviluppare uno stato d’animo contemplativo. Questo non significa pretendere che mantengano un atteggiamento di attenzione consapevole per lunghi periodi, cosa che sarebbe impossibile per i bambini e non facile per gli adulti.

Quello che descriverò non è assolutamente una soluzione rapida per i bambini difficili. L’educazione dei bambini richiede tempo; dobbiamo essere disposti, per molti anni, a continuare a rafforzare le condizioni di contesto favorevoli, a ribadire il messaggio e a intervenire quando necessario. Questo vale per l’instaurazione di qualsiasi tipo di buona abitudine nei bambini, che si tratti di educazione a tavola o di disponibilità a fare i compiti. Nel frattempo bisogna accettare sia il fatto che il disturbo agli altri, sia la propria partecipazione orante alla liturgia, possono essere inferiori a ciò che vorremmo, ma noi genitori lo sopportiamo come parte dell’esercizio della nostra vocazione di genitori. L’educazione morale paziente e persistente dei nostri figli è un dovere del nostro stato di vita, che è il nostro stesso cammino verso la santità.

Un tempo e un luogo speciali

La formazione liturgica dei bambini inizia, a mio avviso, con la promozione del senso, anche nei neonati, che la chiesa è un luogo speciale e la liturgia un tempo speciale. Non si tratta di spiegare nulla a parole, cosa ovviamente impossibile con i bambini pre-verbali, ma di aiutarli a cogliere l’atmosfera, alla quale i bambini piccoli sono spesso molto sensibili. Le chiese sono luoghi diversi dagli altri, e i paramenti, il latino e il canto gregoriano sono molto diversi dagli abiti, dal linguaggio e dalla musica della vita ordinaria. Se i genitori e i bambini più grandi cambiano il loro comportamento quando entrano in chiesa, i bambini piccoli se ne accorgeranno, e questo è un aspetto su cui possiamo fare leva.

Portare i bambini fuori

I bambini molto piccoli – neonati e bambini piccoli – sono in grado di fare molto rumore, ma in genere lo fanno per qualche motivo: ad esempio perché sono a disagio, affamati o stanchi. Se stanno facendo rumore, può essere possibile calmarli lì per lì, ma molto spesso bisogna portarli fuori: non solo per il bene degli altri, ma anche per soddisfare le loro esigenze. Ho scoperto che con i bambini piccoli, portarli all’aria aperta a volte può risolvere il problema di per sé, così come farli camminare su e giù in una zona tranquilla della chiesa. A volte è possibile riportarli al proprio banco, dopo pochi minuti; in altre occasioni bisogna avere pazienza. Stare fuori dalla chiesa con un bambino piccolo è, dopo tutto, un modo per servire Dio, e i canonisti mi dicono che si è «moralmente presenti» alla Messa per quanto riguarda l’obbligo di partecipare.

Dare ai bambini più grandi qualcosa da fare

Anche i bambini più grandi, dai 4 ai 7 anni, devono potersi muovere ed è possibile che abbiano le loro cose da fare. È una buona idea avere in chiesa oggetti da guardare e con cui giocare che piacciono a loro, ma che non sono utilizzati altrove, per sottolineare la natura speciale del luogo. Sono disponibili, ad esempio, libri per bambini sulla Messa. A volte ho infilato in un portachiavi una collezione di immagini sacre tratte da vecchie cartoline di Natale, che i bambini piccoli possono guardare. È anche possibile trovare immagini sacre da colorare per i più piccoli. Non è necessario escludere i giocattoli ordinari, ma è bene considerare come funzioneranno in chiesa. Tutto ciò che è duro (legno, metallo, plastica) può fare un gran rumore su un pavimento o un banco duro in una chiesa silenziosa; i giocattoli morbidi sono più facili da gestire. La cosa più semplice potrebbe essere quella di avere un sacchetto di oggetti appropriati che si portano sempre in chiesa e che si possono prendere quando si esce per la Messa: cose che piacciono ai bambini e che diventano speciali per la chiesa.

Tranquilli

Un altro modo per incoraggiare la risposta dei bambini all’atmosfera della liturgia è quello di incoraggiarli a sussurrare, non a parlare o a gridare, a non sbattere gli oggetti, a non correre su e giù per la navata, e così via. Questo è coerente con il permettere loro di giocare in fondo alla chiesa, o in una navata laterale, o altro: si tratta di abituarli all’idea che possono fare quelle cose, ma solo in modo silenzioso. Questo è anche il periodo cruciale in cui possiamo iniziare a far notare loro alcuni aspetti della liturgia, incoraggiandoli a inginocchiarsi per la consacrazione e così via.

La liturgia della casa

Ci sono anche cose che possiamo fare, o non fare, a casa, che aiutano il modo in cui i bambini si impegnano nella liturgia. Innanzitutto, vorrei menzionare di sfuggita il problema degli schermi. Vent’anni fa si sottolineavano gli effetti negativi della televisione sulla capacità di concentrazione e di gioco immaginativo dei bambini. Oggi le cose sono molto peggiorate, con gli smartphone, i videogiochi e i social media. Non è questa la sede per una lunga discussione, ma l’effetto di queste cose, soprattutto sui bambini piccoli, può andare molto in profondità, fino a influenzare la loro capacità di comportarsi anche quando i dispositivi sono stati messi via.

Più positivamente, la Messa non dovrebbe essere l’unico momento in cui i nostri figli incontrano persone che cercano di pregare. Proprio come la disciplina della scuola o dei pasti in famiglia può aiutare i bambini ad abituarsi all’idea che non possono sempre fare esattamente quello che vogliono, così le preghiere in famiglia dovrebbero introdurli all’idea che i bambini più grandi e gli adulti stanno facendo qualcosa di serio e diretto a Dio. Come nel caso della Messa, nei primi anni possono viverla come un momento insolito in cui devono stare il più possibile in silenzio; in seguito possono iniziare a partecipare come gli altri. È molto più facile immaginare che i bambini piccoli si comportino bene durante dieci minuti di preghiera in famiglia piuttosto che durante un’ora o 90 minuti di Messa, ma se questo avviene ogni giorno, sarà una potente preparazione e un richiamo alla preghiera pubblica della Chiesa.

La catechesi

Non appena i bambini iniziano a capire il catechismo, si può iniziare a insegnare loro le preghiere più familiari, gli articoli fondamentali della fede, la Messa e a prepararli a ricevere la Prima Comunione e la Cresima. Spesso i cattolici si aspettano che la parrocchia faccia questo per loro, ma la responsabilità finale è dei genitori, per i quali esistono molte risorse eccellenti. Anche se la vostra parrocchia organizza dei corsi per bambini, i genitori possono trarre molti benefici dallo svolgimento del catechismo, compreso il catechismo liturgico, a casa, oltre che dai corsi di gruppo. Non mi vergogno di dire che la mia comprensione della Messa e dei fondamenti della fede è cresciuta lavorando con i miei figli su libri pensati per i più piccoli; sicuramente al quarto figlio ero in grado di recitare a memoria tutti i sette doni dello Spirito Santo e il simbolismo del manipolo e della stola: cose che nessuno si era mai preso la briga di insegnarmi quando ero bambino.

Servire la Messa

Non posso trascurare di menzionare l’utilità dei ragazzi che servono la Messa. In genere i ragazzi hanno più difficoltà delle ragazze a stare seduti durante la Messa, ma servire può avere un effetto trasformativo sul loro comportamento, oltre a portarli a una comprensione più intima della liturgia. Non è questo lo scopo del servizio all’altare, ma è un effetto collaterale molto felice.

Incoraggiare i ragazzi di tutte le età a servire è una cosa che i sacerdoti possono fare per aiutare i genitori nei loro obblighi. Un’altra cosa che alcune chiese che conosco fanno è quella di avere libri e giochi per bambini in un posto accessibile in fondo alla chiesa, in modo che i bambini piccoli possano guardarli e giocarci. In questo modo non solo si dà loro qualcosa da fare, ma il pastore può assicurarsi che siano appropriati. Inoltre, trasmette un messaggio forte: i bambini piccoli sono attesi e benvenuti.

Portare i bambini a Messa può sembrare un rischio e vorrei che i genitori cattolici lo vedessero più come una semplice cosa da fare. Le strategie e le abilità utili per gestirli sono cose che i genitori sviluppano gradualmente e riguardano molti aspetti che non ho menzionato qui, alcuni dei quali sarebbero difficili da esprimere a parole. Il primo passo è apprezzare la forma speciale di partecipazione che la Messa tradizionale ci offre: la contemplazione. Una volta che ci siamo abituati a questa forma di partecipazione, possiamo coltivarne lo sviluppo nei nostri figli.

Nessun commento:

Posta un commento