Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

domenica 26 febbraio 2023

Anglicani d’Africa: la "Comunione" anglicana inglese provoca lo scisma accettando le benedizioni omosex

Anche parte degli anglicani si ribellano alla lobby omosessualista.
"“La Chiesa d’Inghilterra si è allontanata dalla Bibbia e il suo messaggio è l’opposto”, ha detto Kaziimba. “Si offrono persino di benedire quel peccato. Questo è sbagliato. Come Chiesa dell’Uganda, non possiamo accettarlo. Dio non può benedire ciò che chiama peccato”".
QUI l'Ansa, tramite Il Sismografo sulla notizia.
QUI la Bussola.
Luigi

Informazione Cattolica, 19-2-23, Angelica La Rosa

STEPHEN SAMUEL KAZIIMBA MUGALU, ARCIVESCOVO ANGLICANO DELL’UGANDA: “NON C’È MODO DI CAMMINARE INSIEME”

Gli “arcivescovi” anglicani in Africa hanno contestato la decisione della Chiesa d’Inghilterra di consentire al clero di benedire le unioni dello stesso sesso, avvertendo che una tale mossa mette in pericolo la Comunione anglicana globale.
I leader della comunione anglicana in Africa non accettano che le unioni omosessuali vengano benedette anche se non viene loro concesso il sacramento del matrimonio.
Gli arcivescovi di Uganda, Kenya e Nigeria, che insieme rappresentano più di 35 milioni di anglicani, hanno pubblicato sui siti web della loro arcidiocesi la loro condanna della decisione della Chiesa d’Inghilterra.
“La Chiesa d’Inghilterra è molto brava a fare affermazioni contraddittorie e ad aspettarsi che tutti credano che entrambe le cose possono essere vere allo stesso tempo. Questo è ciò che hanno fatto con questa decisione”, ha detto l’arcivescovo ugandese Stephen Samuel Kaziimba Mugalu.

Kaziimba ha affermato che nonostante l’insistenza degli anglicani inglesi sul fatto che non stanno cambiando la loro dottrina sul matrimonio, stanno facendo esattamente questo, l’unica differenza significativa è la terminologia del matrimonio rispetto a un servizio di benedizione.

“La Chiesa d’Inghilterra si è allontanata dalla Bibbia e il suo messaggio è l’opposto”, ha detto Kaziimba. “Si offrono persino di benedire quel peccato. Questo è sbagliato. Come Chiesa dell’Uganda, non possiamo accettarlo. Dio non può benedire ciò che chiama peccato”.

Dopo che la Chiesa episcopale negli Stati Uniti ha sostenuto l’insediamento del vescovo Gene Robinson, un omosessuale, come vescovo del New Hampshire, Kaziimba ha detto che la provincia dell’Uganda ha rotto la comunione con gli episcopali americani e da allora ha sostenuto che sia stato quest’ultimo ad andarsene dalla Comunione Anglicana.

“Non stiamo uscendo dalla Comunione anglicana; noi siamo la Comunione anglicana”, ha detto il primate ugandese, riferendosi alla Global Anglican Conference of the Future, nota come GAFCON, e alla Global Southern Fellowship of Anglicans, coalizioni di diocesi anglicane socialmente conservatrici che si sono formate in risposta all’accettazione LGBTQ in altri luoghi nella chiesa.

“Non c’è modo che cammineremo insieme”, ha detto Kaziimba. “Queste sono le province che si sono allontanate, ma preghiamo che si pentano”.

Nella sua dichiarazione, l’arcivescovo Jackson Ole Sapit, primate della Chiesa del Kenya, ha attribuito la mossa alla “sfortunata ascesa del subdolo liberalismo ecclesiastico all’interno della Comunione anglicana” ed ha aggiunto: “Facciamo un’umile supplica a queste chiese: Svegliatevi! Rafforzate quel poco che è rimasto, perché anche ciò che è rimasto è quasi morto”.

Secondo l’arcivescovo della Nigeria, Henry Chukwudum Ndukuba, in una dichiarazione di domenica 12 febbraio, “la storia sta per ripetersi. La Chiesa anglicana si trova sulla soglia di un’altra riforma, che deve spazzare via la leadership empia che attualmente sostiene il peccato, togliendo la vita ai fedeli anglicani in tutto il mondo”.

Il primate ha esortato la diocesi di GAFCON e altri gruppi ortodossi nella comunione a rimanere saldi nella difesa della fede.

La Dottoressa Jennifer Morse, Presidente del Ruth Institute statunitense si è congratulata con le Chiese anglicane d’Africa per essersi opposte alla Chiesa d’Inghilterra sulla sua eresia omosessuale.

La Global South Fellowship of Anglican Churches – che rappresenta chiese in 24 paesi e province, tra cui Nigeria, Kenya, Uganda e Rwanda – ha messo in dubbio l’idoneità di Justin Welby, arcivescovo di Canterbury, a continuare a dirigere la Chiesa a livello internazionale.

La Morse ha ricordato che “c’erano una volta missionari dall’Occidente che venivano in Africa per convertire la popolazione locale al cristianesimo. Ora sono le chiese africane a lavorare per riportare il cristianesimo in Occidente”.

“Il vecchio colonialismo economico ha tentato di dominare le risorse fisiche del continente africano”, ha detto la Morse. “Il nuovo imperialismo ideologico tenta di dominare l’anima dell’Africa. La coraggiosa posizione della Global South Fellowship dimostra che le chiese africane non corrono il rischio di innamorarsi del canto delle sirene della rivoluzione sessuale. Al contrario, stanno lavorando per riconvertire le chiese occidentali”.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione