Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

martedì 1 febbraio 2011

Silvi : Santa Messa Solenne di Padre Nuara O.P.







Domenica scorsa, 30 gennaio ci siamo recati in diversi a Silvi, provincia di Teramo, invitati dagli amici del “gruppo stabile” di quella bella e antica Città per assistere alle ore 11,30 alla Santa Messa Solenne, nel rito antico, nella Chiesa Parrocchiale del Santissimo Salvatore.
La Santa Messa, in terzo, è stata officiata dal Reverendo Padre Vincenzo M. Nuara, O.P. della Pontificia Commissione “Ecclesia Dei”, dal Rev.do Can. Don Fabrizio Luzi, vice Parroco della Basilica Cattedrale di San Benedetto del Tronto, Diacono ed dal Rev.do M.° Don Danilo Belotti, Parroco di San Rocco, San Pasquale e San Giuseppe in Torrevecchia Teatina ( Chieti), Suddiacono.
Cerimoniere Francesco ( Franco) Sanfilippo.
Entrando in chiesa sono rimasto colpito dallo stupendo rivestimento di color verde, che si intravvede nelle foto, realizzato appositamente per l’altare e il presbiterio da un anziano sarto della parrocchia.
La chiesa era strapiena di fedeli che hanno devotamente seguito, moltissimi stavano in piedi, il sacro rito tenendo in mano il libretto , bilingue, che conteneva l’ordinarium ed il proprium.
Prima della Messa c’è stata la proclamazione, in lingua italiana, delle letture da parte di un giovane Sacerdote in talare e cotta : tutti erano attenti e composti.
Quel Parroco mi ha poi detto che si era svegliato alle cinque per arrivare in tempo a Silvi …
La Santa Messa ha avuto inizio con il rito dell’Asperges.
L’omelia di Padre Nuara è stata molto bella ed incisiva : ha esortato i fedeli a rimanere fortemente ancorati alla dottrina della Chiesa ed ha invitato tutti di pregare per il Papa, per i Vescovi e per i Sacerdoti.
Quale edificazione spirituale per tutti noi sono state le ispirate parole di Padre Nuara !
Ho notato una particolare attenzione e devozione da parte dei tantissimi fedeli presenti, fra i quali molti giovani.
Il coro parrocchiale, formato soprattutto da ragazze e da bambine, ha cantato tutto l’ordinarium eseguendo la Messa VIII in canto gregoriano.
Il Maestro del coro mi ha detto che avevano fatto molte prove per imparare tutta la Messa gregoriana !
Fra i fedeli erano presenti anche il Sindaco di Silvi con diversi suoi collaboratori che, alla fine del sacro rito, si sono recati in Sagrestia per salutare Padre Nuara ed i Sacerdoti.
Significativa anche la presenza di alcuni giovani Sacerdoti e seminaristi : terminata la Messa, hanno sfogliato il Messale chiedendo alcune spiegazioni liturgiche.
Mi scuso per aver postato un numero maggiore di foto della Messa rispetto a quante sono consigliate dalla Redazione : la fede , la devozione e l'organizzazione di domenica scorsa nella Parrocchia del Santissimo Salvatore possono giustificare l'aumento, una tantum, delle foto pubblicate.
E' anche un modo semplice ma efficare per dire un " grazie" di cuore agli amici di Silvi per questa lezione di “ fede vissuta” nella Liturgia della Chiesa !

Andrea Carradori

11 commenti:

  1. ¿Nuove norme per Ecclesia Dei?

    <span>http://paparatzinger4-blograffaella.blogspot.com/2011/02/nuove-forme-di-vita-consacrata-una-piu.html</span>

    Questo articolo apparso sull'osservatore romano, nel fondo propone che Ecclesia Dei non abbia la facoltà di approvare nuovi Istituti religiosi, ma soltanto per controllare la "ortodossia dottrinale" dei tradizionalisti. L'approvazione sarebbe compito della Congregazione dei religiosi.
    Se così fosse diventerebbe difficile fare nuove fondazioni. 

    RispondiElimina
  2. <span><span>¿Nuove norme per Ecclesia Dei?  
     
    <span>http://paparatzinger4-blograffaella.blogspot.com/2011/02/nuove-forme-di-vita-consacrata-una-piu.html</span>  
     
    Questo articolo apparso sull'osservatore romano, nel fondo propone che Ecclesia Dei non abbia la facoltà di approvare nuovi Istituti religiosi, ma soltanto per controllare la "ortodossia dottrinale" dei tradizionalisti. L'approvazione sarebbe compito della Congregazione dei religiosi.  
    Se così fosse diventerebbe difficile fare nuove fondazioni. </span></span>

    RispondiElimina
  3. Bellissime foto. mi hanno procurato tanta consolazione spirituale. Grazie

    RispondiElimina
  4. Prima della Messa è stata data lettura in lingua volgare dell'epistola e del vangelo...non è stato PROCLAMATO NULLA!
    Perchè dobbiamo sempre scrivere qualche frasetta contentino per i modernisti???

    Il Vangelo è stato proclamato in latino durante la Messa.

    RispondiElimina
  5. Concordo pienamente:casomai l'Epistola e il Vangelo del giorno andrebbero letti,dopo la VERA PROCLAMAZIONE IN CANTO IN LINGUA LATINA,all'inizio dell'omelia.

    RispondiElimina
  6. perchè? sia il vecchio sia il nuovo prefetto mi sembrano ottime persone!

    RispondiElimina
  7. Va bene l'osservazione circa la mia inadatta espressione lessicale.
    Hai ragione !

    RispondiElimina
  8. Tradizione sarebbe un domenicano che celebra in rito romano? Ah già, l'importante è la quantità di messe (e che siano belle da vedere).

    RispondiElimina
  9. Redazione di Messainlatino.it2 febbraio 2011 alle ore 18:35

    per favore niente polemiche!! E cerchiamo di essere sensati!

    RispondiElimina
  10. <span><span>Joao Braz de Aviz,  neo prefetto della Congregazione per i religiosi ha detto: </span></span><span> </span><span></span>

    <span>"la teologia della liberazione “non è solo utile ma anche necessaria’”</span>

    RispondiElimina
  11. Appena la "redazione" avrà senno, cercheremo di essere sensati anche noi.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione