Post in evidenza

La Messa proteiforme: a modest proposal. Risposta e proposta al Prof. Grillo

Il Prof. Grillo ha voluto gentilmente confrontarsi (v. qui ) con il nostro commento critico alla sua intervista (in cui, lo ricordiamo, el...

lunedì 26 luglio 2010

L'arcivescovo caccia i tradizionalisti e fa venire i maomettani


Islamici in Inghilterra


Spero ricorderete il contenuto di questo nostro post nel quale riferivamo che l'Istituto del Buon Pastore, comunità tradizionalista di diritto pontificio, cerca un luogo dove installare il proprio seminario, che conta svariate decine di allievi, visto che la sede attuale non li contiene più tutti.

I vescovi di Francia, cui è stato richiesto di potersi impiantare nella loro diocesi, nella migliore delle ipotesi hanno rifiutato. Nella peggiore, nemmeno una risposta.

A Besançon un vecchio edificio adibito a seminario e scuola cattolica è rimasto vuoto e sono stati gli stessi ex allievi a darsi da fare per mantenergli un carattere cattolico; hanno quindi cercato uno dei (pochi) istituti cattolici ancora in espansione, che ovviamente è di tipo tradizionale ed è appunto il Buon Pastore. Ma il progetto ha trovato il veto immediato dell'arcivescovo di Besançon mons. Lacrampe, che è arrivato a promettere solennemente, davanti al suo clero riunito per la Messa crismale, che avrebbe fatto qualunque cosa per impedire l'installazione nella sua diocesi di una comunità tradizionale. Ed è stato di parola: ha veramente fatto di tutto: ha, nemmeno figurativamente, venduto l'animaccia nera al Demonio.

Sfruttando il proprio ruolo istituzionale di presidente di diritto della fondazione che gestiva la vecchia scuola, ha imposto di affittare l'edificio per nientemeno che 18 anni ad una fondazione con sede a Ginevra, denominata "Uomini di parola", fondata dallo sceicco Khaled Bentounes e volta a promuovere il riavvicinamento tra imam e rabbini; attuale direttore di quella fondazione ginevrina è tra l'altro una persona che già in passato aveva fatto bancarotta.

Orbene, l'aggiornamento che vi diamo è che il disegno dell'arcivescovo apostata ha avuto piena attuazione, nonostante il disappunto dei vecchi studenti: in questi stessi giorni oltre 200 scout maomettani occupano l'edificio. In luogo del canto gregoriano e del Santo Sacrificio della Messa, che sarebbero potuti tornare tra le mura dell'ex seminario ora trasformato in madrassa, vi risuonano il richiamo del muezzìn e gli aspri sibili delle cantilene arabe. L'Islam in Europa soppianta il Cattolicesimo, con la piena avvertenza ed il deliberato consenso di vescovi come questo.
Enrico

164 commenti:

  1. Giusto!
    Ma perché non cedere pure le nostre abbazie ai buddisti?
    E magari i monasteri di clausura ai taoisti?
    Se si dovesse aprire la tomba di san Pio V, troveremo il santo Papa rivoltato!
    E perché allora non facciamo tacere per sempre le nostre campane a mezzogiorno? Esse ricordano, infatti, la vittoria dei Cristiani a Lepanto, ed è disdicevole in un clima di "dialogo" con i musulmani!
    E cancelliamo pure il Giudizio Universale di Michelangelo: non sta bene che questi abbia messo Maometto all'inferno. O no?
    ECCELLENTISSIMI VESCOVI: Voi siete stati consacrati come Pastori per proteggere il gregge dai lupi e non per scendere a patti (o in dialogoi) con questi!

    RispondiElimina
  2. La S. Sede risolverà immediatamente il caso. Lacrampe sarà insignito della porpora e un imam prenderà il posto del vescovo.

    RispondiElimina
  3. La Bibbia è piena di precedenti. Il Signore dà più volte il suo Popolo prediletto in mano ai nemici (invasioni, massacri, esilii) affinché esso si converta. Lo stesso sta accadendo a noi oggi con l'Islam. Se riscopriremo le nostre radici cristiane, sopravviveremo, altrimenti in Europa il Cristianesimo sparirà e continuerà in Africa, India, Sudamerica.

    RispondiElimina
  4. Secondo me i vescovi francesi devono smetterla di celebrare messa col vino al metanolo, che poi i risultati si vedono.

    RispondiElimina
  5. La Chiesa sta prendendo una brutta piega, ma é colpa nostra. Anche io negli anni '70 guardavo con curiosità la nuova messa con i giovani che partecipavano suonando le loro chitarre e animando le funzioni: nuovi canti, nuove manifestazioni, nuove iniziative. Poi la moda é passata ed i giovani hanno scelto altre vie. Io ho seguitato a frequentare con minore convinzione e piano piano vedevo che il profano aveva sopravvento sul sacro; non mi piacevano più le passerelle dei lettori che andavano sull'altare per leggere ammonizioni, letture, salmo responsoriale, preghiere dei fedeli ed altre che l'inventiva del parroco aveva escogitato. Ho quindi iniziato a frequentare la Messa presso un Santuario dove alle 7 del mattino, l'officiante era aiutato da un unico adulto che  provvedeva a servir Messa e alle varie letture. Andava già meglio, c'era più concentrazione e maggiore sacralità. Poi, l'anno scorso, tramite questo sito, sono venuto a conoscenza che presso la Basilica di Santa Croce veniva celebrata la Santa Messa Tridentina. Dall'otto agosto dell'anno scorso sono mancato due volte. Che bellezza i silenzi, la compostezza dei partecipanti, la concentrazione spirituale che si riesce a raggiunge! La Chiesa é molto bella, sembra una bomboniera, e favorisce la partecipazione. Se aggiungiamo "il secolo" (somma delle età dei quattro cantori e dell'organista che eseguono esclusivamente canti gregoriani) tutto é perfetto. Quando poi leggo articoli come l'attuale mi risveglio bruscamente chiedendomi quale é la realtà: quella che vivo io o quella che leggo sulla stampa?

    RispondiElimina
  6. Veramente una cosa analoga con l'Istituto del Buon Pastore è accaduta anche in Italia ... la fedele e cattolicissima Italia ...
    Veramente una cosa analoga, con i Francescani dell'Immacolata, è accaduta anche nelle Marche ... le fedeli e cattolicissime Marche, ad opera del "solito" Metropolita ...
    Veramente una discriminazione "in sacris" ( nei confronti di un ragazzino r<span>eo </span>di avere scelto, come seminario, l'IBP ) sta accadendo anche in una Diocesi delle Marche, le fedeli e cattolicissime Marche.
    " Mi ami tu" ?
    Nostro Signore si rivolge direttamente a tutti i Vescovi, successori degli Apostoli, che stanno contrastando, prelati vaticani annuenti, l'evangelizzazione delle terre che gli sono state affidate.

    RispondiElimina
  7. ma tutto questo fa parte naturalmente integrante del mitico dialogo ecumenico  con i diversamente credenti, in nome dell'unico Dio, come le giornate di Assisi hanno visualmente insegnato ?

    RispondiElimina
  8. e  che è successo ai FI nelle Marche?

    RispondiElimina
  9. Purtroppo c'è del vero in quel che dici "ma" ... Purtroppo quelle giornate hanno impressionato per la loro visibilità più di tutta la produzione magisteriale buona e tradizionale che contemporaneamente veniva prodotta.
    Signore, Vi prego, mai più un'altra Assisi.

    RispondiElimina
  10. L'istituto del Buon Pastore, anzichè lagnarsi e accettare la sconfitta, dovrebbe appellarsi a Roma. Sono sicuro che una soluzione al loro problema verrebbe trovata. Bisogna imparare a perseverare, senza limitarsi a fare le vittime o a mettere la coda tra le gambe: aiutati, che il Ciel ti aiuta!
    Comunque, vedremo presto se il nuovo prefetto dei Vescovi comincerà a nominare episcopi degni e, soprattutto, cattolici.

    RispondiElimina
  11. la mezza luna è sempre stata una falce, che ha TAGLIATO  rami secchi della cristianità, un tempo floridi, ma poi divenuti sterili. Ognuno di noi cerchi, almeno per se stesso, di non essere un ramo secco.

    RispondiElimina
  12. e dove li trova, i candidati cattolici?

    RispondiElimina
  13. Comunque, va bene dare l'esempio e portare pazienza, però adesso, almeno in questi casi, l'Autorità una tiratina alle orecchie di questi "vescovi" gliela vuole dare? E la difesa del popolo cristiano chi la esercita??? Io sto davvero cercando di esercitare la pazienza, ma possibile che la figlia prediletta della Chiesa non possa contare sulla difesa di quel minimo - e si tratta davvero di entità di poco conto - di fede che è rimasto? Gesta Dei per Francos? Mi sembra quasi una bestemmia ...

    RispondiElimina
  14. Interessa anche a me. Sono un FI e non so niente...

    RispondiElimina
  15. Non credo che il BP si lagni e basta. Avrà fatto i suoi passi. Che o non han sortito alcun effetto o non sono stati presi in considerazione. Può darsi che più in là...

    RispondiElimina
  16. Non vorrei fare della facile ironia però nella dichirazione conciliare Nostra Aetate, nel capitolo dedicato all'islam, si legge:

    3. La Chiesa guarda anche con stima i musulmani che adorano l'unico Dio, vivente e sussistente, misericordioso e onnipotente, creatore del cielo e della terra, che ha parlato agli uomini. Essi cercano di sottomettersi con tutto il cuore ai decreti di Dio anche nascosti, come vi si è sottomesso anche Abramo, a cui la fede islamica volentieri si riferisce. Benché essi non riconoscano Gesù come Dio, lo venerano tuttavia come profeta; onorano la sua madre vergine, Maria, e talvolta pure la invocano con devozione. Inoltre attendono il giorno del giudizio, quando Dio retribuirà tutti gli uomini risuscitati. Così pure hanno in stima la vita morale e rendono culto a Dio, soprattutto con la preghiera, le elemosine e il digiuno.
    Se, nel corso dei secoli, non pochi dissensi e inimicizie sono sorte tra cristiani e musulmani, il sacro Concilio esorta tutti a dimenticare il passato e a esercitare sinceramente la mutua comprensione, nonché a difendere e promuovere insieme per tutti gli uomini la giustizia sociale, i valori morali, la pace e la libertà.

    A me sembra, che ciò, sia nella perfetta "Ermeneutica della continuità" tanto evocata da molti...
    Quindi, perchè prendersela con il Vescovo? Esso applica, al meglio la tanto invocata ermeneutica.

    RispondiElimina
  17. La fregatura sta nel fatto che quando si accettano compromessi con i lupi poi si finisce per essere sbranati, mica sono tolleranti i lupi con i tradizionalisti, ti dicono: se accetti il CVII poi entri in comunione con noi e tutto ti sarà facile, poi invece nulla di più difficile, perchè poi ti negano chiese, seminari, ti negano tutto, perchè ora che i lupi hanno assorbito nel loro recinto gli agnelli, o i buoni pastori, fanno ciò che hanno sempre desiderato fare,:SBRANARLI. Ecco perchè spesso si teme che anche la FSSPX ceda all'inganno. Non si sapeva ormai da tempo che i lupi si travestono da agnelli? Non era sotto gli occhi di tutti che il loro parlare è equivoco, ingannevole? Non vediamo tutti come essi favoriscono l'errore a discapito della Verità? Sono ecumenici e tolleranti solo con i non cattolici e con i poco cattolici, ma intollerantissimi con i cattolici, che insistono a chiamare tradizionalisti. Bisogna vigilare, non siamo in tempi normali dove ci si può fidare, perchè la parola data non ha valore per i lupi.

    RispondiElimina
  18. Vedremo cosa farà il Papa.

    RispondiElimina
  19. Non ricordo dove, ma da qualche parte lessi di una profezia islamica che immaginava roma asservita definitivamente al Profeta. E mi sa che c'aveva ragione...Il silenzio della Santa Sede risuona sempre di più, è assordante, e il Vaticano sembra Pilato che se ne lava le mani. Siamo all'inizio della Passione: ci manca ancora tanto da patire!

    RispondiElimina
  20. Pssione si, ma anche la resurrezione ci aspetta! :)

    RispondiElimina
  21. Dobbiamo comunque notare che ciò che accade ha spesso dell'incredibile.
    Siamo difronte a personaggi ormai fuori de facto dalla Chiesa Cattolica (anche se, come in questo caso, in continuità con Nostra Aetate) in odore di eresia.
    La cosa che più mi spaventa è, che siamo così avvezzi agli scandali, ai malaffari, alle eresie che non ci scandalizziamo più...qui ci sarebbe da scendere in piazza in Vaticano e protestare veementemente per chiedere l'immediata rimozione di questi Vescovi che con i loro comportamenti danno scandalo ai fedeli e con le loro dottrine mandaro molte anime all'inferno.
    Noi possiamo far molto con il Santo Rosario quotidiano, ricordiamoci però anche del Sacro Cuore di Gesù, fonte infinita di Grazie, con la coroncina a Lui dedicata.

    RispondiElimina
  22. <span>qui ci sarebbe da scendere in piazza in Vaticano e protestare veementemente per chiedere l'immediata rimozione di questi Vescovi che con i loro comportamenti danno scandalo ai fedeli e con le loro dottrine mandaro molte anime all'inferno</span>

    Perché non passare dalle parole ai fatti?
    Propongo uno SCIOPERO DELLA FAME (serio, non quelli a cappuccini e brioches) A OLTRANZA in Piazza S.Pietro o, se impossibie, in altra località su territorio italiano.
    Se ben organizzato, avrebbe anche un notevole impatto mediatico.
    Non occorrono migliaia di persone. Bastano poche decine, ma determinate. Io sono disponibile da questo momento.

    RispondiElimina
  23. In verità Roma continua a nominare vescovi simili a questo, basti pensare alle recentissime nomine di Namur e Bruges. Se a Roma sta bene così, noi di che ci lamentiamo?

    RispondiElimina
  24. Due osservazioni a questa citazione della Nostra Aetate:

    1. Come i musulmani adorano l'unico Dio? Da quando in qua è lo stesso nostro Dio?
    2. "Essi cercano di sottomettersi ai decreti di Dio anche nascosti" Se sono nascosti come possono sottomettervisi?

    In questo caso vedo "qualche" difficoltà ad interpretare nella continuità della Tradizione le parole del Concilio

    RispondiElimina
  25. Caro Don Gianluigi, sembra invece che il vescovo adotti molto bene quelle parole con i suoi operati.

    RispondiElimina
  26. Il problema è drammatico e generalizzato nella vecchia Europa. Le chiese più belle. Quelle che testimonianio le radici cristiane vengono chiuse, sconsacrate e vendute. E ciò diventa accelerato se si sente dire che qualcuno potrebbe utilizzarle secondo liturgia e sacralità proprie. Lasciamo al Giudizio i religiosi che operano in questo senso. A volte viene in mente che sia necessaria una fondazione privata intenazionale capace di acquisire, per conservarne sacralità e uso, le Chiese che le diocesi lasciano andare in malora e svendono. E' sognare? Mi sa di sì. Ma non vedo altra strada con la gente di  curia che si ritrova attualmente la Chiesa cattolica. 

    RispondiElimina
  27. pensate un po: il vescovo in questione è staco consacrato tale all'età di 41 anni!

    Il contratto d'affitto lo ha fatto per 18 anni?

    Anche arrogante, visto che lui fra 6 anni dovrà sloggiare!

    RispondiElimina
  28. 1) Dimmi tu cosa c'è di sbagliato in questo testo della Nostra Aetate ed in contraddizione con l'insegnamento cattolico romano
    2)Spiegami meglio cosa c'entri l'ermeneutica della continuità con quel che ha fatto questo vescovo rinnegato: non basta dire belle parole che suonano bene, ma bisogna ancora essere capaci di dimostrare quel che si afferma con documenti ed analisi
    3) "Ermeneutica della continuità tanto evocata da molti": già dal Santo Padre stesso!  Eppoi ci si dice cattolici romani...

    RispondiElimina
  29. non possiamo che essere alla frutta!

    RispondiElimina
  30. Bhe l'attuale pontefice farebbe bene secondo me a smettere di tollerare queste apostasie

    RispondiElimina
  31. quell'ermeneutica il santo Padre l'ha proclamata, ma non l'ha ancora sancita con affermazioni veritative

    "Tutto va ben Madama la marchesa" va bene per chi è cieco o per colui a cui fa comodo non voler vedere

    RispondiElimina
  32. Non mi sembra che il cattolicesimo sia messo tanto meglio in quelle zone, purtroppo...

    RispondiElimina
  33. Il Simon de Cyrene convintissimo che le 3 religioni adorino lo stesso Dio fa finta di ignorare piccoli particolari che non starò qui a ripetere visto che già a suo tempo glieli illustrai sul blog del tornielli.
    D'altronde non c'è peggior sordo...

    SdC a me non interessa farle capire o spiegarle certe cose, visto che la sua non è ignoranza invincibile ma vincibilissima quindi, dei suoi pensieri e delle sue convinzioni risponderà al Padreterno (soprattutto quando dovrà spiegargli il perchè Musulmani e Cristiani adorano lo stesso Dio, infangando così la Divinità di NSGC e l'Augustissima Trinità)

    RispondiElimina
  34. Il Simon de Cyrene convintissimo che le 3 religioni adorino lo stesso Dio fa finta di ignorare piccoli particolari che non starò qui a ripetere visto che già a suo tempo glieli illustrai sul blog del tornielli.
    D'altronde non c'è peggior sordo...

    SdC a me non interessa farle capire o spiegarle certe cose, visto che la sua non è ignoranza invincibile ma vincibilissima quindi, dei suoi pensieri e delle sue convinzioni risponderà al Padreterno (soprattutto quando dovrà spiegargli il perchè Musulmani e Cristiani adorano lo stesso Dio, infangando così la Divinità di NSGC e l'Augustissima Trinità)

    RispondiElimina
  35. Di conseguenza il conto sarà molto salato!

    RispondiElimina
  36. Essendo alla frutta siamo quindi vicini al conto che, suppongo, sarà molto salato!

    RispondiElimina
  37. Se non erro l'istituto del Buon Pastore è nato sotto gli auspici dell'allora cardinale Ratzinger, contento di levare operai alla vigna del Signore, ma di stampo lefebvriano. Se oggi vengono permesse certe cose vuol dire che il papa non vuole o non può fare niente per non urtare i vescovi francesi che di cattolico ormai non hanno più niente. Ma Lui stesso e le rispettive congregazioni vaticane , tollerando certe prese di posizine, ottengono una cosa soltanto:l'allontanamento dalla religione e dalla fede di tante anime  che non sone forti per contrastare questi assalti sincretisti ed ecumenici  spinti sino  all'apostasia.i. Dove metteve Dante i traditori?

    RispondiElimina
  38. Proprio così ;se questi sono i frutti del para-concilio,si dimostri con i fatti,una buona volta, che il Concilio è un'altra cosa !

    RispondiElimina
  39. La San Pietro (dopo la scissione dalla Fsspx seguendo le sirene incantatrici di Roma interessata solo ad assorbirla e a ridurla al silenzio) ed altre realtà nacquero esclusivamente per "cercare" di levare fedeli alla Fsspx (obiettivo fallito).
    Oltre a qualche Messa in Latino non possono fare nient'altro...mi dispiace ma la realtà è questa, esse sono sempre l'ultima ruota del carro (non in senso dispregiativo) e come si evince dal post vengono sempre messe alla gogna (anche se spero che Roma faccia qualcosa).
    Purtroppo, come già scrissi: una Messa non fa primavera.

    RispondiElimina
  40. Delle Marche non so nulla..
    Ma del Molise, Diocesi di Campobasso-Bojano..il Santuario dell'Addolorata a Castelpetroso.. che vicenda surreale e tristissima.

    RispondiElimina
  41. E che sta succedendo mai al seminarista dell'IBP?.. Nicola, credo si chiami.. se mi potesse dire qualcosa, Le sarei grato.

    RispondiElimina
  42. Mi sa proprio che dovrò aspettare il Padreterno prima di ricevere una risposta circostanziata da te, in effetti.
    :-D

    RispondiElimina
  43. In un'altra circostanza, lo sceicco Al-Qaradhawi ha detto: "L'Hadith dice che la città di Costantinopoli, la città di Heracles, sarà conquistata per prima. Noi abbiamo conquistato Costantinopoli e rimane la seconda parte della profezia, la conquista di Romiyya. La conquista di Romiyya significa che l'Islam tornerà in Europa. In uno dei miei precedenti programmi, ho affermato che penso che questa conquista non avverrà ad opera della spada o di eserciti, ma della predicazione e dell'ideologia. L'Europa vedrà che essa soffre di cultura materialistica e cercherà un'alternativa, una via d'uscita, una scialuppa di salvataggio. Non troverà nessun bagnino ma il messaggio dell'Islam, il messaggio del muezzin, che le dà la religione ma non le negherà questo mondo, la porta in Cielo ma non la strappa dalla Terra. Se Allah vuole, l'Islam tornerà in Europa e gli europei si convertiranno all'Islam. Poi essi stessi saranno in grado di diffondere l'Islam nel mondo, più di noi antichi musulmani. Questo è nelle capacità di Allah".

    Da: http://junaimi.splinder.com/post/8117721/Sheikh+Yousef+Al-Qaradhawi+e+a


    E qui una cosa un po' più recente:
    http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=21&sez=120&id=34040&print=preview

    RispondiElimina
  44. <span>Che testo orrendo, osceno.  
    "Scurdammose 'o passato".. C'è tutta la finezza teologica di Apicella.  
    Che ingnuità masochistica.. "guardate, in fondo, son brava gente pure loro: prega tanto, ha una grande devozione, digiuna, fa penitenza e va in pellegrinaggio, vede Gesù come un profeta..e vuol bene alla Madonna!"..  
    Praticamente, è fatta! Ma allora.. tarallucci, vino e vai col lissio.  
    Hai ragione, Christus Spes Mea.. Che male c'è se, con un edificio vuoto, lo si da a gente tanto pia e devota.. ANZI: darlo ai maomettani, è un grande gesto per il dialogo tra i popoli e la pace nel mondo.. darlo ai medievalisti, avrebbe significato fare passi indietro, avrebbe significato valutar la nostra verità come l'unica vera e praticabile.. invece, guarda un po' che bravi ragazzi, ferventi e aperti al mondo che abbiamo qua oggi! (le ragazze no: quelle vanno bardate da cavalle con tendoni coprenti, e magari pure infubulate.)</span>

    RispondiElimina
  45. La San Pietro si muove piano ma va lontano ( e non solo con le Messe).

    RispondiElimina
  46. *ingnuità= ingenuità

    RispondiElimina
  47. ..chiederà se Gli passano il sale.

    RispondiElimina
  48. Ecco Cajetan apparir si vede e da bravo protestante si mette a giudicare il Magistero Autentico della Chiesa per il quale ogni vero cattolico romano deve ossequio. (<span>Can. 752 - Non proprio un assenso di fede, ma un religioso ossequio dell'intelletto e della volontà deve essere prestato alla dottrina, che sia il Sommo Pontefice sia il Collegio dei Vescovi enunciano circa la fede e i costumi, esercitando il magistero autentico, anche se non intendono proclamarla con atto definitivo; i fedeli perciò procurino di evitare quello che con essa non concorda.)</span>

    <span><span>ossequio</span> [os-sè-quio] s.m. (pl. -qui)
    <p>1 Profondo rispetto verso persone, istituzioni, valori: manifestare il proprio o.; nel l. burocr., obbedienza, conformità: in o. al regolamento
    </p></span>

    RispondiElimina
  49. Ma sai che potrei far la sana pazzia di seguirti..

    RispondiElimina
  50. Io non sono un bravo protestante. Io sono un NO GLOBAL della Tradizione... e se mi vieni vicino, anche un black block.
    Magistero Autentico??..Ma per carità. Se fosse così, consideraTEVI scismatici. E' in terribile contrasto con gli insegnamenti di tutti i Papi precedenti.
    L'unico modo sacro e autentico di intendere quelle assurdità, è interpretandole come fece il Beato Marco D'Aviano, canonizzato da Giovanni Paolo II. Ecco, quella è ermeneutica della continuità. Li si caccino con l'aiuto di Dio e delle forze armate. Virgo fidelis, ora pro nobis.

    RispondiElimina
  51. speriamo. E' se va lontano, anche se molto piano, è solo grazie alle Messe!

    RispondiElimina
  52. Confermo, impossibile, discutere con chi è convinto di possedere la verità infusa, Simon sa tutto e lo sa megiio degli altri, sa anche ciò che è giusto e ciò che non lo è per delle realtà che pretende non conoscere, sa quali sono le buone fonti e quelle  cattive, gli fornisci quello che vuole sapere ma siccome non quadra con la sua verità  ignora e passa oltre, è tempo perso, speso inutilmente, dialogare con un sordo, per di più  arrogante e maleducat, non è molto interessante, meglio lasciar perdere.  

    RispondiElimina
  53. Non perder tempo Cajétan con le predicuzze di Simon!  ;)
    Sai da Tornielli, dove Simon è un habitué, ti danno facilmente del  criptoprotestante, protestante tout court,criptosedevacantista, eretico e via dicendo.
    Basta sorridere e passar oltre !

    RispondiElimina
  54. Beh potevi dirlo subito che non sei cattolico: mi sarei risparmiato la battitura sulla tastiera per ricordarti cose basilari!


    Il difficile su questo blog è distinguere chi è davvero cattolico cioè chi segue il Magistero autentico come la Chiesa Stessa lo ha definito e chi si appella ad altre credenze come te ma che si autodefinisce cattolico creando confusione.

    RispondiElimina
  55. <span>Prendiamo esempio proprio dalla Fraternità San Pio X, che ha inaugurato, qualche tempo fa, la "crociata del Rosario". Uniamo le nostre forze, noi cattolici convinti, e, corona in mano, invochiamo la Augusta Regina delle Vittorie! E Lei, che non permise la sconfitta dei suoi figli a Lepanto, darà ragione a coloro che la acclamano Soccoritrice negli attuali pericoli. "Non dormirà né prenderà sonno il Custode di Israele".</span>

    RispondiElimina
  56. Prepriamo il terreno all'Islam, apriamo anche le nostre chiese, accogliamoli in nome della tolleranza e del (dialogo......)
    Bene!
    Fra qualche anno l'Europa se ne pentirà AMARAMENTE!!!!!!!!

    RispondiElimina
  57. Una risata li seppellirà (speriamo solo quella)

    RispondiElimina
  58. Lo spero col cuore.

    RispondiElimina
  59. Prepariamoci a sentir ragliare i muezzin dai nostri campanili e il primo che si lamenta gli sbatto in faccia Nostra Aetate...

    RispondiElimina
  60. Li hanno cacciati dal Santuario, per non aver accettato le nuove "indicazioni pastorali" del Vescovo.. puoi immaginarti perchè. Comunque qui vedi pure le foto del Santuario "prima e dopo".. nonchè dettagliate notizie sull'accaduto.
    http://www.unavox.it/ArtDiversi/div026.htm

    RispondiElimina
  61. Sono contento che anche questo sito inizi a chiamare certe persone col loro nome: assatanati ed apostati. 

    RispondiElimina
  62. Fra qualche anno ci sarà l'Eurabia, e nessuno avrà motivo di pentirsene, giacchè LORO e la loro divinità falsa e bugiarda saranno maggioranza.
    Già oggi occupano stabili che FURONO cattolici, in altro luogo, pregano in ex Chiese cattolche (il Parroco avrà creduto di dover applicare la Nostra Aetate..)..altri dei tempi?

    RispondiElimina
  63. <span>Ma ovvio. E' un turista americano che insegna a bere il caffè al Principe de Curtis. ...Io, modestamente, lo nacqui.</span>

    RispondiElimina
  64. Beh, in questo caso credo che sia assurdo prendersela con gli islamici.
    Da un lato i musulmani vengono portati in europa dai banchieri mondialisti per i loro loschi fini, dall'altro gli apostati excattolici, i cristiani 'modernisti' (sempre ben addentellati con le elites mondialiste, i chierici dell'arcobaleno) fanno sponda a questo giochetto. L'obiettivo è la cancellazione del Cattolicesimo, e gli Islamici sono solo un mezzo. Finito il 'lavoro con laChiesa di Roma, toccherà a loro...
    Gioverebbe notare come, per i media, questi diventano 'buoni' e con loro bisogna 'dialogare' quando entrano in territorio europeo, mentre l'islamofobia regna sovrana quando si tratta di fare campagne anti-turche, anti-iraniane enti-alquaeda etcetc...

    Il problema è che almeno gli Islamici hanno una religione, un riferimento al 'divino' inteso in senso 'verticale', mentre il cattolicesimo 'adulto' è al massimo un 'sentimento', anzi, un sentimentalismo 'orizzontale', come tale decadente, effimero e destinato all'estinzione.

    RispondiElimina
  65. Nobis quoque peccatoribus26 luglio 2010 alle ore 15:34

    Proprio in questi giorni ho letto un libro che riporta conversazioni del Presidente emerito della Repubblica Italiana Francesco Cossiga. Un paragrafo è intitolato "I Vescovi amano il potere, il nostro prossimo Dio sarà Allah" (pag. 208, a cura di Andrea Cangini, Aliberti editore).

    Trovandoci in tema di Repubblica, riporto un brano della lettera indirizzata da Giuseppe Mazzini a Pio IX nel settembre 1847 (si era in epoca di aperture e riforme e la Beata Vergine si apprestava ad apparire a La Salette):
    "Vi dirò che qualunque sia il destino delle attuali credenze, Voi potete porvene a capo (...) Vi chiamo dopo tanti secoli di dubbio e di corruttela ad essere apostolo dell'Eterno Vero (...) siate credente. Aborrite dall'essere re, politico, unomo di stato (..) Annunciate un'Era: dichiarate che l'Umanità è sacra e figlia di Dio, cha quanti violano i suoi diritti al progresso, all'associazione sono sulla via dell'errore (...) Unificate l'Italia....".

    Una settimana dopo Mazzini scriveva al Lamberti "Mando la lettera al Papa, ch'è nulla; l'ho scritta come se scrivessi a te; pur sarebbe abbastanza per turbargli la testa, se testa avesse".

    FdS

    RispondiElimina
  66. Io lo sciopero della fame lo farei fare a certi vescovi ultrapagati dal Vaticano, forse con un po' di astinenza certi grilli per la testa scomparirebbero. Chissà!
    Christus spes mea condivido pienamente quello che hai detto sulle vere intenzioni che avevano in vaticano, quando hanno tratto la trappola a quelli del Buon Pastore, ma anche a tanti altri tradizionalisti fregati in curva con la sirena del :"rientrate all'ovile, obbedite e vi abbracceremo! oltre a darvi lo stipendio" Ora questi istituti sono costantemente ricattabili: " accettate il CVII, dite messa nuova protestante", ma di grandi privilegi se ne vedono pochi, anzi se è possibile gli negano chiese o seminari. Fidarsi dei lupi, brutta cosa! Farlo magari per uno stipendio, ancora peggio (ci sono sacerdoti che non lasciano i compromessi, perchè hanno paura di fare la fame, cioè credono poco alla Divina Provvidenza). Speriamo che la FSSPX si tappi le orecchie e non badi al canto delle sirene, canto ingannevole. Hanno imparato bene i nemici della Chiesa infiltratisi negli alti ranghi: non bisogna perseguitare e fare così dei martiri, ma bisogna fingere di essere misericordiosi, per poi tagliare le ali e chiudere i becchi dei poveretti che ci cascano. Catene dorate! Non mi pare che i sacerdoti della FSSPX siano mai morti di fame nonostante non percepiscano la stipendio vaticano e mi pare che amino il papato e la Chiesa più di tanti "obbedientissimi". Oltretutto mi pare di notare in loro tanta serenità e libertà, cose che solitamente vengono da Dio. Vi siete fidati ed ora vi lamentate, non sapevate con chi avevate a che fare? Forse potete ancora tornare indietro e lasciare i compromessi e lo stipendio a chi non cerca il bene delle anime.

    RispondiElimina
  67. A scusa non erano quelli del Buon Pastore che dicevi, ma quelli della S.Pietro, ma alla fine sono tutti caduti nella stessa trappola!

    RispondiElimina
  68. Caro Cajétan AG, sei stato l'unico a commentare il mio invito a passare dalle parole ai fatti, cosa questa che, chi come me non è più da tempo nell'età dello sviluppo, sa quanto sia difficile, e di ciò ti ringrazio.
    Ho lanciato quell'idea perché non vedo altre vie percorribili, stante l'attuale situazione, per testimoniare (con i fatti) il dissenso di chi è fedele alla millenaria tradizione della Chiesa sia riguardo alle variazioni apportate dal V II, sia ai conseguenti comportamenti degli attuali (la tentazione di qualificarli in certo modo è forte, ma resisto) successori degli apostoli e ai danni gravissimi che, le une e gli altri, hanno apportato e continuano ad apportare a centinaia di milioni di anime.
    Di quali altri mezzi possiamo disporre (a parte, naturalmente, la preghiera) oltre a "suppliche" che però dovrebbero essere accolte proprio da chi ha causato lo sfacio o ne è stato compartecipe e che comunque, finora, non hanno prodotto alcun risultato utile?

    RispondiElimina
  69. "Oportet quod scandala adverniant....."
    Questi fatti parlano chiaro, certi Vescovi francesi sono purtoppo amici di un certo Giuda che vendette Gesù per 30 denari. Non si deve e non si può assolutasmente obbedire a Vescovi del genere. La Santa Sede faccia qualcosa almeno un comunicato dell'inneffabile Padre lombardi (ricordate giorni fa si affrettò a dire che il Papa non celebra neppure privatamente la S. Messa di San Pio V).......
    Non so sinceramente cosa abbiano in testa questi Vescovi francesi, forse la segatura, le bollicine di schampagne. E questi sarebbero i frutti meravigliosi del Concilio???? Puah!
    Vergine Santa di Fatima prega per noi, ci rifugiamo nel tuo Cuore Immacolato e Addolorato, Tu che avevi previsto tutto questo e ci avevi avvisato......
    Padre perdona loro perchè non sanno quello che fanno
    don bernardo
    Tutta la mia solidarietà orante all'Istituto del buon Pastore: tenete duro!

    RispondiElimina
  70. Più che tenere duro è meglio uscire dalla trappola! ;)

    RispondiElimina
  71. Cara Annarita comprendo la tua sofferenza che è anche la mia, tuttavia penso che per la causa della Tradizione ci serva sia che lavora più dall'esterno, la Fraternità di San Pio X che stimo e ammiro tantissimo, e anche chi lavora più dall'interno, i vari istituti Ecclesia Dei.
    Penso umilmente che se i Sacerdoti del Buon Pastore ritornassero nella Fraternità di San Pio X fornirebbero un albi a questi loschi figuri modernisti che direbbero: "Che vi avevamo detto? non si può andare daccordo con i tradizionalisti".
    Annarita rispetto ad ogni modo le tue posizioni che hanno tanta fondatezza, comunque rifugiamoci nella preghiera e anche in forme di protesta che il Signore ci suggerirà, già il fatto di parlarne su questo blog che è letto anche in Vaticano è qualcosa......
    Ti saluto con stima e affetto in Cristo.
    don bernardo

    RispondiElimina
  72. Le moschee in Francia spuntano dappertutto con i loro minareti, sempre più  grandi, delle vere cittadelle musulmane  con le loro scuole coraniche,  e non manca mai il vescovo del luogo per partecipare in prima fila all`inaugurazione. 
    Il vescovo di Strasburgo ha, l`anno scorso, rifiutato l`arrivo della comunità benedettina del Barroux, ma ha proclamato che c`era  bisogno di una moschea, che era una priorità...

    RispondiElimina
  73. <p>Scusami se rispondo io. Ma qui c'è un problema, poiché con linguaggio ambiguo tipico di alcuni documenti del CVII, si intende che l'Islam adori lo stesso nostro Dio, mentre il magistero cattolico ha sempre insegnato che i Musulmani sono infedeli, perché rifiutando Gesù Dio, credono in una falsa religione, con tutto il rispetto per le persone che vi aderiscono.
    </p><p> 
    </p><p>Il fatto che si dichiarino discendenti di Abramo non vuol dire niente, come afferma S.Giovanni Battista: «...non crediate di poter dire fra voi: Abbiamo Abramo per padre. Vi dico che Dio può far sorgere figli di Abramo da queste pietre.» [Mt.3,9] Si è discendenza di Abramo per la fede e non per il sangue.
    </p>

    RispondiElimina
  74. Grazie don Gianluigi! Sono i Sacerdoti come Te che ci tengono legati al Vaticano II, NONOSTANTE il linguaggio ambiguo del Vaticano II.
    Sursum Corda!

    RispondiElimina
  75. <span>

    Matrimonio-islamo-cristiano
    Con letture di testi del Corano nella chiesa<span> . </span>
    <span></span>L'abbé Lelièvre ha dichiarato: "È una ricchezza di potere "se ressourcer" rigenerarsi nello scambio delle nostre proprie ricchezze spirituali con la Bibbia e il Corano".  
     Mais que la mariée était belle!  
     http://www.perepiscopus.org/article-mariage-islamo-chretien-le-coran-lu-a-l-eglise-54387431.html  
    </span>

    RispondiElimina
  76. Certo, al solo pensiero di vestire i "panni del Pannella", mi viene la scabbia.. Però.. però!

    Sì, hai ragione.. nemmeno la supplica di un Maestro indiscusso come il Mons. Prof. Gherardini, redatta in calce ad un corposo saggio che ha avuto una diffusione straordinaria ed inattesa, ha sortito un qualche effetto.
    Poi immaginati cosa succederebbe se ogni volta che qualcuno reclama qualcosa, andasse a morire di fame e di sete sotto le finestre dei Sacri Palazzi.. se cominciassero a farlo pure "Noi siamo chiesa", il Papa verrebbe raffigurato dai media mondiali come un insensibile spietato, che lascia morire i cristiani che vogliono solo più comprensione, più carità e più aperture.. BLEAH.. son passato dalla scabbia al colera fulminante.

    Che fare?.. Io dico (come il Chiarissimo Pastorelli) che il Buon Pastore ha i suoi buoni Santi in Paradiso.. e buoni fanti in Curia.

    Resta l'amaro per la decisione autolesionista dell'usurpatore di Cattedra. Ma a quello là, ci penserà il buon Dio.. Il suo punto di forza è che là non c'è nessuno come i parrocchiani di Thiberville, altrimenti l'avrebbero già scornato da un pezzo.
    Come disse Mons. Williamson: "What can you do?.. You can love him, you can pray for him.. nothing else." Della serie, puoi volergli solo bene, puoi pregare per lui, e basta...

    RispondiElimina
  77. Che porcheria...sicuramente incontrerà l'esultanza di SdC visto che così vedrà realizzare il suo sogno eretico di Cattolici e musulmani che adorano lo stesso Dio.

    RispondiElimina
  78. Don Bernardo, anch'io ero dell'avviso che era bene che ci fossero dei soldati in avamposto o per meglio dire"dentro". Ma poi si vede che fine fanno, accettano i compromessi, altrimenti vengono ributtati fuori e in qualche modo sono zittiti, isolati, se possibile eliminati in diversi modi. Si sono già visti in passato gruppi che sono rientrati nel falso ovile e poi piano piano talmente isolati e ostacolati da finire per diventare modernisti pure loro e lasciare la S.Messa per quella (poco santa) nuova. Cominciano con il dirti: "si sei libero di dire la S.Messa tridentina, si puoi in qualche modo contestare il CVII, ma concedici almeno in questa occasione la tua obbedienza e di, una messa moderna, poi una ogni tanto, poi da ogni tanto sempre più spesso, poi non si trova più il tempo per inserire una S.Messa Tridentina e il colpaccio è fatto. Sai quanti buoni sacerdoti ho visto partire con tanto entusiasmo, imparare la S.Messa (dopo il Motu proprio), iniziarla a dire, poi piano piano gli hanno reso la vita tanto impossibile da farli avvilire ed infine ora per obbedienza fanno esattamente come tutti gli altri dicono esclusivamente la messa nuova e sono terrorizzati da quei fedeli amanti della tradizione, che gli chiedono il perchè di tale dietrofront, tanto da schivarli, per paura che il sacerdote della chiesa vicina o il vescovo li inquisiscano per tradizionalismo improprio, e gli diano dei disobbedienti. Ricatti morali, se ne vedono ogni giorno. Non so che fine faranno la S.Pietro o il Buon Pastore, ma certo hanno le mani molto più legate ora che sono entrati in "comunione". Ma è lecito dico io, è moralmente e dottrinalmente lecito essere in comunione con l'errore, anche se solo ideologicamente, ma non di fatto? Non si da scandalo alle anime, che possono pensare: se anche i "tradizionalisti" (io dico cattolici, ma per intenderci...) accettano le novità uscite dal CVII e sono in comunione con quella Roma che da 45 anni devasta la Fede, con pratiche e dottrine non cattoliche, forse queste dottrine sono cosa buona, dunque perchè non adeguarci?" Se anche chi ama Gesù e la S.Chiesa in qualche modo, fa intendere che si può amare Gesù anche essendo in comunione con un'altro credo e un'altra chiesa, beh, a mio parere si mina ulteriormente la Fede e si contribuisce a far perdere le anime. Non basta una buona Messa (anche se efficaccissima), non basta una buona dottrina, bisogna anche essere coerenti, non tradire la Verità che sappiamo essere Gesù accettando una menzogna. Non credo ai compromessi, solitamente portano più vantaggio al nemico che al proprio esercito. Bisogna essere un tutt'uno con la Verità, e non si può essere nella Verità essendo anche in comunione con la menzogna. Io credo che questo il buon Dio voglia, eroismo.

    RispondiElimina
  79. Beh, Luisa, speriamo che tale vescovo prima di essere sgozzato come altri (ricordiamo mons.Padovese) abbia il tempo di redimersi!

    RispondiElimina
  80. Non è ASSOLUTAMENTE lo stesso Dio!!! "Non esiste un Dio sanguinario...." diceva Giovanni Paolo II.
    Allontaniamo i lupi dal gregge, prima che sia troppo tardi!!!

    RispondiElimina
  81. Senza andare troppo lontano a Cagliari il seminario diocesano (o regionale, tanto non si capisce più nulla) fa concorrenza alla Cepu. Altro che incentivare e supportare le vocazioni per avere nuovi sacerdoti! Per chi volesse rendersene conto vada alla sezione notizie di radiokalaritana.it.  
    Il Signore chiederà conto delle anime che si è cercato di salvare o dei profitti della diocesi? 

    RispondiElimina
  82. D'accordo quasi su tutto.. ma la Messa nuova non è "protestante" tout court; almeno non completamente. Probabilmente avrebbero voluto, ma non ce l'hanno fatta.. se non altro perchè svariate comunità protestanti usano una versione in vernacolo della Messa Tridentina.. la liturgia è molto simile, ma mancano la Fede e l'Alter Christus... e la loro messata, pur coram Deo, con organo e balaustre, è INVALIDA.

    La nuova.. ha oscurato pesantemente il Sacrificio, in favore dell'Assemblea. E' vero ed è evidente..
    In ogni caso, basta andare a vedere come i Francescani dell'Immacolata celebrano la Messa Novus Ordo.. io l'ho vista, e sembra tutta un'altra cosa rispetto a quella in parrocchia, pur da sempre ben celebrata, senza schitarrume e laicame sguinzagliato in ogni dove.
    Celebrata coram Deo, Canone romano... parole della consacrazione scandite piano, con tono sofferto e pesante, piegati sull'Altare.. elevazione lentissima dell'Ostia, campanelli.. silenzio, devozione... il Sacerdote s'è voltato con solennità verso di noi e ci ha donato la Pace del Signore, ma non ci ha invitato a smanarci tutti, rivolgendosi subito all'Altare e recitando "Agnus Dei, qui tollis....."..

    Ovvio, la Messa di sempre è e resta LA MESSA. Ma <span>anche</span> quella baby ha in sè i tratti minimi indispensabili per potersi considerare a tutti gli effetti cattolica, tenendo sempre in considerazione le critiche di Bacci e Ottaviani, e NONOSTANTE le forze centrifughe moderniste dei vari Monsignori AttilaRedeiBarbari.

    RispondiElimina
  83. E' già troppo tardi, mi sa che ci tocca il martirio!

    RispondiElimina
  84. Ottima risposta don gianluigi. Allora come la mettiamo con San paolo negli atti degli apostoli capitolo 17?


    "22 <span>Allora Paolo, stando in piedi in mezzo all'Areopago, disse: Ateniesi, io vi trovo in ogni cosa fin troppo religiosi.</span>
    23 <span>Poiché, passando in rassegna e osservando gli oggetti del vostro culto, ho trovato anche un altare sul quale era scritto: AL DIO SCONOSCIUTO. Quello dunque che voi adorate senza conoscerlo, io ve lo annunzio."</span>


    Credevano gli Ateniesi in una falsa religione? Sì
    Era il Dio Sconosciuto altro che il solo ed unico Dio? No, sennò, Paolo non avrebbe potuto annunciarLo.


    Mutatis mutandis applichi San Paolo ai musulmani e vedrà che Nostra Aetate dice cose TRADIZIONALISSIME.

    RispondiElimina
  85. Benissimo: e non solo: è opportuno che non la servano solo la S.PioX e gli Ecclesia dei, ma che vi sia una vera e propria epidemia tridentina nelle Diocesi, nelle Congregazioni, negli Ordini.. se si continua a lasciarla a pochi affezionati, non arriveremo mai ad avere dieci, cento, mille Thiberville!

    Annarita: scusa, ma secondo te i Francescani dell'Immacolata sono in trappola?.. O Mons. Oliveri, Schneider, Ranjit, Scola, Caffarra, Rabitti, Negri.. tutte marionette? O essi stessi burattinai?

    E i nostri reverendi don Bernardo (Areki) e don Gianluigi?

    RispondiElimina
  86. Te lucis ante terminum26 luglio 2010 alle ore 17:31

    Indubbiamente il Vaticano II presenta alcuni documenti e alcuni passi un po' ambigui e che possono aver aperto la strada a quel ridicolo "spirito del concilio" tanto caro a Melloni e ai modernisti, tuttavia trovo davvero impossibile da parte di questo vescovo giustificare il suo atteggiamente appellandosi alla "Nostra Aetate": per quanto un po' ambigua non mi sembra vi sia scritto di non dare spazio ai cattolici (perché quelli dei BP questo sono) per darlo ai musulmani. Qui c'è un'azione sconsiderata e più che censurabile da parte di questo vescovo, ed è indiscutibile che andrebbe richiamato all'ordine.
    D'altra parte all'islam questo cedimento non par vero, la citazione di Quaradawi è purtroppo veritiera e ben diffusa nel mondo islamico. Per chi ha parlato di islamofobia nei confronti di Turchia, Iran ecc... be' non devo ricordare come stanno i cristiani in quei paesi vero?? Basta conoscere qualche missionario che opera da quelle parti o basta leggersi qualche giornale o libri privo di paraocchi  (anche 2 giorni fa in Pakistan, altre uccisioni) per capire che lì stanno i martiri del 2000 a cui qualche pensiero in più andrebbe rivolto da parte di tutti (il Papa è uno dei pochi a farlo). Tra il rispettare gli islamici che è una cosa assolutamente giusta (anche se loro, nei rispettivi paesi, si guardano bene dal farlo) e svendergli le nostre chiese ed i nostri istituti c'è una bella differenza, ma forse a qualcuno va bene tutto purché  sia qualcosa di diverso dalla nostra storia e dalla nostra cultura. Forse quello che a un certo pensiero dominante (che evidentemente da 40 anni ha fatto breccia pure tra alcuni vescovi) non piace della Messa Tradizionale è proprio il fatto che ricordi la straordiaria ricchezza spirituale della Chiesa che loro, da materialisti, vogliono annullare per sempre, anche a costo di disubbidire al nostro Papa e alla stessa Sacrosantum Concilium

    RispondiElimina
  87. Te lucis ante terminum26 luglio 2010 alle ore 17:32

    Sul matrimonio islamo-cristiano stendiamo un velo pietoso...

    RispondiElimina
  88. Non so perchè, ma spero per lei che il cattolico sia LUI. Fosse lei la cattolica e lui il maomettano.. ragazza mia, ti sei tirata addosso la maledizione peggiore che si possa augurare ad un disgraziato.

    RispondiElimina
  89. Subire il martirio per i capricci di questi imbecilli europarlamentari e presunti preti?
    Forse non sanno a cosa vanno incontro....
    Queste sono invasioni legali.  Prima arrivavano in Europa con battaglie che noi tutti conosciamo, adesso entrano con tanto di porte aperte e onori, inchinandoci a loro sempre nel nome dell'accoglienza.
    Quanto siamo fessi !!!!!!!

    RispondiElimina
  90. La cattolica è la sposa. 

    RispondiElimina
  91. La cattolica è la sposa, se vai su perepiscopus c`è il link al giornale che ne parla, e così vedrai come la sposa era bella e il sacerdote tutto contento!

    RispondiElimina
  92. <span>Avrei preferito una risposta di don gianluigi, che dicendosi "don", deve essere cattolico, lui.  
     
     
    Riprendo il tuo discorsetto che è molto bello all'inizio:  
    "<span>Se stai convertendo Irlandesi, mostri loro il trifoglio per spiegare la Trinità; se stai scrivendo un'opera enciclopedica che racchiuda un pensiero valido sempre, che dia base e struttura alla philosophia perennis, citerai a profusione scrittori profani, come fece l'Aquinate.  </span>  
    <span>   
    Se vuoi convincere un montagnino svizzero, che in ottant'anni non ha mai lasciato la sua valle e le sue vette, della bellezza di una donna, non gli parlerai delle meraviglie della barriera corallina australiana MA del rossore vesperale che infuoca le vette, della rinascita primaverile della vita dopo un rigido inverno.  "</span>  
     
    Se vuoi convincere un musulmano gli dici che "<span>che adorano l'unico Dio, vivente e sussistente, misericordioso e onnipotente, creatore del cielo e della terra, che ha parlato agli uomini. Essi cercano di sottomettersi con tutto il cuore ai decreti di Dio anche nascosti, come vi si è sottomesso anche Abramo, a cui la fede islamica volentieri si riferisce. Benché essi non riconoscano Gesù come Dio, lo venerano tuttavia come profeta; onorano la sua madre vergine, Maria, e talvolta pure la invocano con devozione. Inoltre attendono il giorno del giudizio, quando Dio retribuirà tutti gli uomini risuscitati. Così pure hanno in stima la vita morale e rendono culto a Dio, soprattutto con la preghiera, le elemosine e il digiuno.  "</span>  
     
    Ecco tutto!</span>

    RispondiElimina
  93. <span><span><span><span><span>Se stai convertendo tribù celtiche in quella che sarebbe divenuta l'odierna Irlanda, mostri loro il trifoglio per spiegare la Trinità(non certo per indicare come il dio trifoglio sia lo stesso Dio P,F,SS ); se stai scrivendo un'opera enciclopedica che squaderni esaurientemente la razionalità della Fede e che dia base e struttura alla philosophia perennis che sorge dal Logos, citerai a profusione scrittori profani, come fece l'Aquinate. Se vuoi convincere un montagnino svizzero, che in ottant'anni non ha mai lasciato la sua valle e le sue vette, della bellezza di una donna, non gli parlerai delle meraviglie della barriera corallina australiana MA del rossore vesperale che infuoca le vette, della rinascita primaverile della vita dopo un rigido inverno.          
             
    San Paolo, che lanciava anatemi a destra e a manca, e scongiurava incessantemente i primi cristiani di non scostarsi nemmeno minimamente dalla Fede di cui Egli era testimone e Nunzio, <span>USA</span> come espediente ciò che i greci possono comrpendere, trova un idioma comune per poter annunciare il Verbo.          
    Ma a San Paolo era chiaro di conoscer solo il Cristo, e il Cristo Crocifisso.. non andava mica lì a spacciar fumo su "un dio sconosciuto fra tanti".. Non è andato a cantare "son tutte belle le fedi del mondo", ma A CONVERTIRE, alla Fede del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo.          
    Il catechismo insegna come poi nel cuore di tutti gli uomini Iddio abbia nascosto un senso religioso, che non è altro che il seme della propria presenza: QUEL SENSO RELIGIOSO, vago e sconosciuto, LA CHIESA E' CHIAMATA AD EVANGLIZZARE. Non si potrebbe infatti parlare agli uomini di cose che essi non posson comprendere per natura, come ad esempio, non si annuncia Dio agli animali, nemmeno a quelli dall'intelligenza più sviluppata.          
             
    Stravolgere San Paolo, rendendolo un miscredente sincretista e panreligioso.. è un'operazione miserevole. Ma te la perdoniamo perchè in fondo sei simpatico!...          
    Se ci fosse qualche milione di persone a credere nel villaggio dei puffi e a venerare con ardore Grande Puffo, sapresti dar ragione della validità di quella fede, vedendo in Grande Puffo nient'altro che "un altro nome" sotto cui si cela l'unico, grande "dio".</span></span></span></span></span>

    RispondiElimina
  94. ...e se uno pensa a tutti i sacrifici e le preghiere -col  Rosario allora richiesto espressamente dalla Madonna- rivolte a Dio per vincere la battaglia di Lepanto, dovrà per forza chiedersi: 
            Ma che razza di Chiesa Cattolica è questa, e quale CONTINUITA' LA LEGA AL SENSUS FIDEI DI 
    quell'epoca  ? ?
    :(

    RispondiElimina
  95. Caro cattomusulmano, se gli dici così, che adorano un dio "vero" loro continueranno ad adorarlo. Ma "nessuno va al Padre, se non per Me", Gv 14,6.
    Ecco tutto.
    Parola a don Gianluigi.

    RispondiElimina
  96. Lo dissi la prima volta che seppi di questa notizia e lo ripeto: ABBATTETE QUEL CAVOLO DI EDIFICIO!!!

    RispondiElimina
  97. "<span>se gli dici così, che adorano un dio "vero" loro continueranno ad adorarlo"  :  Uomo di poca fede!</span>

    RispondiElimina
  98. E tu, uomo di molte fedi.

    non ho visto un tripudio di conversioni.. al massimo, una volgare accozzaglia ammassarsi di fronte alla Cattedrale Ambrosiana, non certo venerando il profeta Gesù e Sua Madre.

    A meno che lo Spirito santo non ti renda strumento di un'ulteriore Alleanza, vale sempre quello che ha detto il Cristo: non si va al Padre se non per mezzo di Lui.
    Quindi, i maomettani vadano pure dove vogliono, con il benestare candido e compiaciuto della Nostra Aetate. Ma non ci si illuda che Dio possa aver donato più rivelazioni di sè..

    RispondiElimina
  99. Intendiamoci.. è chiaro che un matrimonio misto in Chiesa sia possibile in virtù del "principio paolino".. ecc ecc..
    Certo invece non è possibile leggere testi coranici durante la celebrazione.. e poi, la donna dovrebbe far battezzare i bambini, ed educarli cristianamente. Il marito, dovrebbe acconsentire o, al massimo, non opporvisi.

    Credo però che nessuno li abbia informati di quello.. Hanno semplicemente fatto incontrare in un talamo sincretista, Gesù e Beliar.

    RispondiElimina
  100. Invece di conversioni di musulmani al cattolicesimo ce ne sono, eccome, e mica uno qui uno lî ogni tanto ma centinaia vedi anche migliaia asseconda delle geografie che consideri! Solo non sono pubblicizzate perchè come forse tu non sai, questi fratelli rischiano la vita.
    E se non ce ne sono di più, non è di certo a causa di Nostra Aetate, anzi, ma a causa della gente di poca fede che sta sempre e solo a criticare invece di uscire ed andare fuori ad evangelizzare.

    RispondiElimina
  101. <span>a proposito del linguaggio variamente-interpretabile di documenti del CVII come quello citato sopra, che fa molto comodo a certa parte della Chiesa (maggioritaria ? ahimè, non so.....certamente in grado di trascinarsi appresso gran folla di ignari!....)  :
    purtroppo, caro don Gianluigi, (e lo dico con gran pena a tutti gli speranzosi nella possibilità di   
                RENDERE  CHIARO E LIMPIDO CIO' CHE E' tuttora torbido ed equivoco, e malamente interpretato....),<span> 


    l'accadimento orripilante odierno, che non è il primo nè sarà l'ultimo della serie, è l'ennesima dimostrazione di come alla prova concreta dei fatti, l'AMBIGUITA' di certi documenti conciliari si sia rivelata PERNICIOSO UTILISSIMO MEZZO per scardinare verità fondamentali della nostra Fede, fungendo proprio come grimaldello per rapinare un Deposito Aureo fino ad allora GELOSAMENTE  CHIUSO E BEN CUSTODITO,
            a   prova    di   ladri :
    ed è inutile farsi illusioni sulla loro innocuità !
    Io personalmente non ho mai creduto alla buonafede di chi ha deciso di mantenere formulazioni ambigue (e si potrebbe risalire a precise responsabilità, accennate qui talora da alcuni blogger forniti di vasta cultura storica riguardo allo svolgimento dei lavori conciliari....): ritengo che l'AMBIGUITA' NON SIA MAI COSA BUONA, essendo sempre al servizio della menzogna,
    esattamente come se uno aprisse la PORTA DI CASA PER FAR ENTRARE I LADRI: essere ambigui nel parlare significa voler favorire la possibilità di dire menzogne, ma EVENTUALMENTE , IN SEGUITO poter dire:  
          " IO non ne ho colpa, perchè NON HO FATTO quell'affermazione ! "     
    E pertanto ritengo che l'ambiguita'  NON E' AFFATTO LINGUAGGIO CHE POSSA PIACERE ALLO SPIRITO SANTO, E NON E' MAI VOLUTO DA LUI, come certi fans vaticansecondisti (ancor oggi) vorrebbero farci credere!  
       E' giunta dunque l'ora di chiedersi: A CHI, A VANTAGGIO  <span>e al servizio di chi </span>è stata posta DI FATTO questa nefasta
    ambiguità di documenti e dichiarazioni su questioni fondamentali della Fede Cattolica  ?  
    :(  
    </span></span>

    RispondiElimina
  102. Caro SdC, il riferimento al discorso di S.Paolo all'areopago non calza nel caso dei Musulmani, poiché  essi non si possono paragonare agli Ateniesi che tra i tanti dei ne adoravano anche uno ignoto e S.Paolo annunciò loro proprio Lui, come l'unico vero Dio, mentre disprezzò tutti gli altri loro idoli: «Ad Atene, nell'attesa dei due [Sila e Timoteo], Paolo sentiva uno sdegno profondo all'osservare che la città era piena di idoli [At.17,16] Al contrario per i Musulmani dio non è sconosciuto ma si è rivelato, ne indicano perciò 99 nomi o definizioni che ne fanno per loro l'unico vero dio, invece essendo falsa questa rivelazione esso è un idolo che determina una via di salvezza estranea a Cristo, tant'è vero che indica Maometto come il profeta della piena rivelazione. Non possiamo creare fraintendimenti in questo. Non solo non possiamo dire che l'Islam è una via di salvezza per i Musulmani, ma nemmeno possiamo lasciarlo intendere, pena l'unicità di Cristo Salvatore. Possiamo valorizzare le pratiche devozionali musulmane, ma per conquistare a Cristo quei fratelli, non certo per far credere loro di essere nel giusto seguendo il loro idolo.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     

    RispondiElimina
  103. <span>e se c'è questa bella differenza, PERCHE' il Papa non dà segno di voler usare ALMENO la stessa TOLLERANZA ZERO,  che ha promesso di usare contro la pedofilia, VISTO CHE SI TRATTA DI QUESTIONI BEN PIU' GRAVI, ad avviso di tutti coloro che abbiano ancora il senso comune della Fede Cattolica  ?  
     
    come può il Papa tollerare segnali di apostasia così eclatanti, che sono fonte di SCANDALO INAUDITO PER TUTTO L'ORBE CATTOLICO, indotto a pensare davvero che la nostra Religione non solo sia pari alle altre, MA ADDIRITTURA DEBBA INCHINARSI  al  più forte che avanza all'orizzonte con aria arrogante,  
    e mettersi in ginocchio, falsificando il proprio Credo e rinnegandolo, e regalando sempre più occasioni e vantaggi ai  cosiddetti "diversi", magari spacciando  come al solito per "cristiana accoglienza" un gesto che appare solo vilissima rinuncia all'essere e professarsi cristiani  ?  
    ....e temo, per giunta, facendo credere alla gran massa dei fedeli<span>, che questa sia la volontà di Dio ?  </span>
    (visto che forse il 98% degli  osservatori del fattaccio semi-praticanti non sa più definire esattamente la propria identità cattolica, questi "ministri di Dio"..... cominciano a "ridefinirla" !  :(   ....)</span>

    RispondiElimina
  104. Per conquisrae l'Europa l'islam non ha bisogno di guerre. Vi è l'invasione "pacifica" fatta di mogli e di figli, tanti, tanti figli che , considerata la denatalità irrecuperabile di noi europei, fra pochi anni la popolazione islamica sopravanzerà quella occidentale ( dico occidentale perchè di cristiano e cattolico è rimasto ben poco e solo nominalmente). A quel punto vedremo la metamorfosi degli islamici "buoni", "moderati" e le bandiere di Allah sventoleranno sui campanili divenuti minareti.

    RispondiElimina
  105. Caro don gianluigi tu scrivi: "<span>Possiamo valorizzare le pratiche devozionali musulmane, ma per conquistare a Cristo quei fratelli, non certo per far credere loro di essere nel giusto seguendo il loro idolo. " Concordo cont te e sottoscrivo anche perchè è esattamente quel che dice  la Nostra Aetate:</span>

    "<span>La Chiesa cattolica ... considera con sincero rispetto quei modi di agire e di vivere, quei precetti e quelle dottrine che ... tuttavia non raramente riflettono un raggio di quella verità che illumina tutti gli uomini.</span>
    <p>Tuttavia essa annuncia, ed è tenuta ad annunciare, il Cristo che è « via, verità e vita » (Gv 14,6), in cui gli uomini devono trovare la pienezza della vita religiosa e in cui Dio ha riconciliato con se stesso tutte le cose (4).
    </p><p>Essa perciò esorta i suoi figli affinché,... sempre rendendo testimonianza alla fede e alla vita cristiana, riconoscano, conservino e facciano progredire i valori spirituali, morali e socio-culturali che si trovano in essi."
    </p><p> 
    </p><p>raggio di verità presso i musulmani? "...<span> adorano l'unico Dio, vivente e sussistente, misericordioso e onnipotente, creatore del cielo e della terra, che ha parlato agli uomini. Essi cercano di sottomettersi con tutto il cuore ai decreti di Dio anche nascosti, come vi si è sottomesso anche Abramo, a cui la fede islamica volentieri si riferisce"</span>
    </p><p> 
    </p><p>Hanno tutta la verità che salva? No e la Chiesa Cattolica " annuncia, ed è tenuta ad annunciare, il Cristo ".
    </p><p>Non vedo dove sia scritto in Nostra aetate che bisogna lasciare i musulmani nel loro errore.</p>

    RispondiElimina
  106. <span><span>... e questa la sapevate ? ci chiedevamo spesso:</span>  </span>

    "E' giusto ammettere la Turchia in Europa?
    A prima vista si sarebbe tentati di rispondere di sì, ma il problema non è così semplice come può sembrare.

    Infatti, l’ex-primo ministro turco Erbakan, disse in un’intervista: “Lei pensa che noi turchi musulmani veniamo qui per lavoro e per raccogliere le briciole del vostro denaro.
    No, veniamo per assumere il controllo del vostro Paese e per mettervi radici ed in seguito costruire ciò che riteniamo appropriato e tutto questo con il vostro consenso e secondo le vostre leggi”......

    RispondiElimina
  107. Cara Annarita, ti ringrazio per il tuo prezioso contributo che ti assicuro mi fa riflettere perchè sono certo che le testimonianze che porti sono vere e convincenti. Se tutto quello che pensi viene da Dio (come spero) certamente si avvererà.
    Umanamente parlando vedo difficile una sconfessione pubblica del Vaticano II, per fortuna esso si è presentato come un concilio non dogmatico e può essere interpretato alla luce della tradizione.
    Resto propenso a ritenere che non solo dovrebbero aumentare gli Istituti Ecclesia Dei, ma anche nelle normali parrocchie portare avanti la liturgia tridentina come faccio nelle mie due piccole parrocchie dove una volta a settimana riesco a celebrare la Santa Messa di sempre e anche quelle Messe secondo il messale di Paolo VI le celebro coram Deo, a volte anche con canti gregoriani e anche il canone in latino..... penso che se altri sacerdoti facessero lo stesso alla fine difronte alla marea tradizionale questi quattro quaqquaraquà modernisti se la farebbero sotto. Dunque combattiamo con il rosario in mano e anche con un pò di coraggio. Se il vescovo mi toglie da parroco è una sconfitta per lui, chi gliele regge due parrocchie in una valle dove gli altri preti sono quasi tutti settantacinquenni? .....
    Annarita prega anche per me

    RispondiElimina
  108. ..grazie a Dio, tu per primo resti seduto davanti al computer invece di uscire ad "evangelizzare", altrimenti avremmo le suore col burca e le macellerie islamiche al posto der sòr Ettore.
    Anche da qui, si vede la visione distorta e malsana che hai della Fede cattolica. Uno non esce a evangelizzare così per sfizio o insania: ma per vocazione. Io quella vocazione non l'ho. Lo facessero i religiosi, i sacerdoti e i Vescovi, gente che non solo si suppone abbia solide basi teologiche, ma viva pure costantemente la Parola di Dio nella preghiera costante, nella carità fervente, nella negazione di sè. Poi certo, ti si presenta Mons. Nourrichard, e ti passa la voglia.
    Io, dal canto mio, faccio la mia parte, non ti preoccupare. Non come maestro, ma come semplice, inutile testimone. E non conoscendo chi sono e cosa faccio, faresti bene a tacere su cosa faccia o non faccia io.... di certo non porto la croce al collo e la mezza luna tatuata sulle chiappe :-D :-D
    Che non sia causa di quei testi del concilio, lo dici tu. La Storia ti da torto.. sui dati di conversionie vocazioni prima e dopo il concilio, francamente, c'è ben poco da discutere..

    RispondiElimina
  109. <span>

    <span>ed ancora.... esamina il problema <span><span><span><span><span>il prof. Roberto de Mattei </span></span></span></span></span></span>
    <span><span><span><span><span><span>"nel suo ultimo libro, di recente uscita, “</span>La</span><span>Turchia</span><span><span> </span></span><span><span>in</span></span><span><span> </span></span><span>Europa</span><span>, beneficio o catastrofe?<span>”, edito da Sugarco, dove afferma che " L’Egira o “migrazione” –sull’esempio della prima migrazione di Maometto dalla Mecca a Medina- è, infatti, nell’Islam una forma di Jihad, per impiantare l’Islam universale.</span></span></span></span></span></span>
    <span><span><span><span><span><span> Vural Öger, europarlamentare tedesco di origine turca, affermò nel 2004: “Ciò che Solimano ha iniziato con l’assedio di Vienna nel 1683, noi lo porteremo a termine con i nostri abitanti, col potere dei nostri uomini e donne”. ... </span></span></span></span></span></span>
    <span><span><span><span><span><span>Ed ancora, nel 1989, nel corso di una visita alla città tedesca di Arnham, Erbakan dichiarò apertamente: “Gli europei sono malati. Daremo loro le medicine. <span>Tutta l’</span></span></span><span><span>Europa</span></span><span><span><span> </span></span></span><span><span><span>diventa islamica. Conquisteremo Roma”.</span></span></span><span><span><span> </span></span></span></span></span>  </span></span>
    letto su http://www.oratoriodonbosco.com/default.asp?act=blogUser&id=227&msg=803
    ....pare proprio un'avanzata....senza colpo ferire !  
    :(
    </span>

    RispondiElimina
  110. <span>Ecco tutto!  <span> :) :-D :)  Simon dixit!  </span></span>
    Il tutto è molto relativo perchè è solo il pensiero simoniano,dunque limitato, fallibile, opinabile...ma lui sembra non saperlo!


    <span><span>    </span></span>

    RispondiElimina
  111. E poi mi ricordo il Simon in crociata antimusulmana da Tornielli...

    RispondiElimina
  112. Hahahaha:) mi stupisco che Mons. Pozzo non l'abbia ancora convocato come consultore della Santa Sede nei colloqui dottrinali con la San Pio X!!..
    Praticamente, sarebbe fatta: arriva lui, e domattina siamo tutti insieme a cappuccino e brioches, Ravasi e Fellay!..
    Scriviamo alla Congregazione per la Dottrina della Fede.. perchè dilungarsi tanto quando c'è SdC!

    RispondiElimina
  113. <span>Confermo quanto detto circa un centinaio di post sopra e aggiungo che Islam e Cristianesimo non potranno mai incontrarsi, a meno che tutti gli Islamici si convertano al Cristianesimo (o viceversa...), però a livello locale i credenti Cristiani e Islamici possono incontrarsi e dialogare ed è anche quanto prescrive il Vangelo: <span>se stai andando con il tuo avversario in tribunale, fa' presto a metterti d'accordo con lui, perché può consegnarti alle guardie (Mt 5,20)</span></span>

    RispondiElimina
  114. Insisto, ma siamo NOI che siamo malati, in natura i vuoti si riempiono, e se noi abbiamo adottato, perchè più 'moderno', un modello di famiglia (dov'è rimasta) di stampo anglosassone( malthusiano e denatalista), se noi non facciamo figli perchè preferiamo andare alla SPA...

    RispondiElimina
  115. Caro confratello don Gianluigi non farti tanti problemi, se per caso la Nostra aetate (semplice dichiarazione) non fosse conforme alla Tradizione, ogni buon cattolico deve stare con la Tradizione e lasciar perdere la Nostra aetate, considerandola per quello che è una pia esortazione nemmeno tanto riuscita. Amen

    RispondiElimina
  116. Il Cireneo è evidentemente dissociato...
    Incredibili questi modernisti, in una pagina c'è tutto uno scritto pienamente cattolico e nell'altra pagina ci sono tutte eresie.

    RispondiElimina
  117. arte della falsificazione26 luglio 2010 alle ore 21:59

    vede, Christus:
    piuttosto quella capacità irriducibile e pervicace dell'artista della menzogna qui presente è l'abilità di MISTIFICARE,
    esattamente come la evidenziò s. Pio X  quando descrisse l'abile ARTE FALSIFICATRICE DEI MODERNISTI. che egli descrisse come termiti:
    <span>" I modernisti, tuttavia, sono assai più furbi. (di Lutero): Essi si adoperano per rimanere nella Chiesa, mentre cercano di portarLa in linea con le loro idee eretiche, fatte passare sotto banco a guisa di nozioni Cattoliche apparentemente corrette.</span>

    <span>
    <p>"....nella Pascendi,  dice Pio X:
    </p><p>queste termiti ecclesiastiche “stanno cercando, con arti tutte nuove e piene di sottigliezza, di distruggere l’energia vitale della Chiesa e, se possono, di rovesciare completamente lo stesso regno di Cristo”. La loro tecnica principale, disse San Pio, è di affermare, apparentemente, una verità Cattolica in un certo momento, solo per gettare su di essa in un secondo tempo, delle ambiguità o deliberate omissioni:
    </p><p>“Per questo nei loro libri troverete delle cose che potrebbero benissimo essere pronunciate da un Cattolico, ma nella pagina successiva troverete altre cose che potrebbero essere state dettate da un razionalista.
    </p><p>Quando costoro scrivono la storia, non fanno alcun riferimento alla divinità di Cristo, ma quando sono sul pulpito la professano chiaramente; inoltre, quando scrivono di storia non porgono alcun omaggio ai Padre ed ai Concili, ma quando catechizzano le persone, li citano rispettosamente.”
    </p><p>La tecnica fondamentale dei modernisti è di fingere omaggio alle verità Cattoliche, mentre ne minano completamente il significato alle fondamenta. La falsa sembianza di ortodossia è ciò che li rende così pericolosi per la Fede.
    </p></span>

    RispondiElimina
  118. arte della falsificazione26 luglio 2010 alle ore 22:14

    ....e i bravi mistificatori modernisti, come Simon, fingono genuino stupore quando qualcuno indichi le loro eresie, si stupiscono come di accuse immeritate, sembrano cascare dalle nuvole....
    <span>
    <p>"San Pio X osservo come i modernisti, che esprimono lealtà al Magistero, “esprimono stupore”quando vengono accusati di essere nemici della Fede. Ciò non di meno, costoro sono “i più pericolosi tra tutti i nemici della Chiesa. Perché come abbiamo detto, essi mettono in opera i propri piani per la Sua rovina non dal di fuori, ma dall’interno; così, il pericolo si presenta quasi nelle vene stesse e nel cuore della Chiesa, e le ferite che essi Le causano sono tanto più gravi, quanto più grande è la loro intima conoscenza di Essa.”
    </p><p>La chiave di comprensione, quindi, della grande avanzata del neo-modernismo, nel periodo post conciliare, è data dal fatto che esso viene portato avanti da persone che vivono nelle vene e nel cuore stesso della Chiesa, e che si atteggiano ad esempi di pura ortodossia, anche se stanno svuotando l’ortodossia del suo contenuto oggettivo.
    </p><p>Un modernista, come spiega Papa San Pio X, ha solo una dottrina fondamentale, ed è in realtà piuttosto stupida e contraddittoria, ovvero che non esiste una verità assoluta, ad eccezione del “dogma” che non esiste un verità assoluta. Pertanto, essi non ritengono che i dogma Cattolici siano veri sempre, ovunque ed in tutti i sensi. Come risultato, essi devono attaccare i veri dogma Cattolici e minare la confidenza negli insegnanti Cattolici ortodossi, in modo tale da rendere ogni Cattolico un modernista par loro. San Pio X descrisse con giusto sdegno quanto questi fraudolenti teologi si elogino a vicenda per le loro novità, mentre al tempo stesso condannano i difensori dell’ortodossia che osano opporsi alle loro “scoperte”: “Fate che uno di loro apra la sua bocca e gli altri lo applaudiranno in coro, proclamando che la scienza ha fatto un altro passo in avanti; fate che un esterno suggerisca solamente il desiderio di esaminare la nuova scoperta con i propri occhi, ed essi gli saranno addosso in un attimo; se la negherete – sarete un ignorante; abbracciatela e difendetela – non ci saranno lodi troppo calorose per voi”.
    </p><p>Come ha spiegato San Pio X, i modernisti possono riuscire ad erodere la dottrina Cattolica solo nella misura in cui sono in grado di mascherarsi di legittimità e rispettabilità ecclesiastica, persuadendo in tal modo i fedeli che le loro opinioni sono quelle della Chiesa, e devono essere seguite. E’ questo il motivo che spinse San Pio a chiedere che il Giuramento Contro il Modernismo venisse pronunciato da tutti i sacerdoti ed i teologi Cattolici, e ad epurare ed espellere i modernisti da qualsiasi posizione d’autorità all’interno della Chiesa.
    </p><p>Dopo il Vaticano II, tuttavia, il Giuramento Contro il Modernismo venne abbandonato da Paolo VI, insieme a qualsiasi tentativo sistematico di eliminare i modernisti da posizioni d’autorità. Abbiamo visto i risultati di questo aspetto di “apertura verso il mondo”.
    </p><p>(Christopher A. Ferrara su
    <span><span>http://www.fatima.org/it/essentials/opposed/frfoxassaultp1.asp)</span></span>
    </p></span>

    RispondiElimina
  119. Infatti è come se la vecchia Europa tra aborti, manipolazioni genetiche, eutanasia e via discorrendo si stia rendendo conto di non avere più nulla da dire, di essere votata di per sé a una cultura di morte e per questo evita di fare figli (che oltre tutto sono un costo e impediscono di fare le ferie...) che sono un inno alla vita.

    RispondiElimina
  120. Vedo dalle reazioni tante emozioni e reazioni personali, ma nessuna analisi sul fondo in merito.  :-D


    Disturba tanto vedere che Nostra Aetate approfondisce e non contraddice?


    Se sì , studiate bene il Magistero Autentico di questi ultimi anni, ma anche la stupenda analisi di Mons Pozzo su l'altro thread ;-)

    RispondiElimina
  121. "adflictus" (come l'Ecclesia Dei)26 luglio 2010 alle ore 23:39

    Hai ragione Dante, Roma cosa fa ?
    L'Ecclesia Dei cosa fa ? Forse dirà al Buon Pastore di emigrare in Arabia (lì sono più aperti di Mons. Lacrampe)

    Gli istituti tradizionali sono odiati e nessuno li difende...

    RispondiElimina
  122. Anche la poligamia, il permesso di aver delle concubine fan parte dei decreti nascosti di Dio?

    RispondiElimina
  123. "adflictus" (come l'Ecclesia Dei)26 luglio 2010 alle ore 23:41

    Propongo l'istituzione di una commissione "adflicta" che trovi delle locali per i tradizionlisti...islamici! 

    RispondiElimina
  124. "adflictus" (come l'Ecclesia Dei)26 luglio 2010 alle ore 23:49

    Appellatevi all' "Adflicta" e sarete consolati, anch'io consiglio al Buon Pastore di appellarsi, gli daranno subito ragione e Mons. Pozzo comprerà un lecca-lecca e un gelato al pistacchio a tutti i seminaristi. Ma cosa può fare di altro il povero Pozzo?

    LA SITUAZIONE E' INGESTIBILE, l'ho visto anche la settimana scorsa nella mia diocesi. Non si muove paglia e l'Ecclesia Dei è impotente vista la prepotenza dell'Arcivescovo. Accontentiamoci del gelato al pistacchio per ora, per i provvedimenti seri...campa cavallo!

    RispondiElimina
  125. E dopo il giudizio, sesso continuo con le urì. Chissà alle donne cosa si offrirà. Cosa ci sia di stimabile in una religione che promette questo aldilà così spirituale, non so.

    RispondiElimina
  126. Usando "Motu proprio" la famosa frase di Monsignor Colombo da Priverno (Nino Manfredi) dico che... "qui non finisce perché arrivano gli islamici: qui arrivano gli islamici proprio perché è finita!!!"... La Chiesa senza Gesú sta morendo... Il pericolo mortale è la mancanza del Gesú vero nella predicazione e nel vissuto della Chiesa; del Gesú che ha parlato alla mente, al cuore degli uomini... L'unica, vera urgenza è quella di rimettere al centro della nostra vita personale ed ecclesiale il Signore Gesú!!! Tutto qui!!!

    RispondiElimina
  127. "adflictus" (come l'Ecclesia Dei)26 luglio 2010 alle ore 23:59

    Sono "adflictus", perchè in quel che dici c'è una grande verità e cioé che si ha l'impressione che l'Ecclesia Dei non difenda i suoi.

    Gli fa fare un'accordo anche buono come al Buon Pastore, ma poi li crocifigge nella pratica! Che Vergogna!

    Qualcuno dice che maltrattano gli istituti Ecclesia Dei perchè in realta vogliono scoraggiare la San Pio X, sarà vero?

    RispondiElimina
  128. "adflictus" (come l'Ecclesia Dei)27 luglio 2010 alle ore 00:00

    Faccia in modo che la Tradizione possa vivere. Non ho la ricetta pronta, ma così non va.

    RispondiElimina
  129. "adflictus" (come l'Ecclesia Dei)27 luglio 2010 alle ore 00:07

    ORGANIZZIAMOCI !

    Non scendiamo in piazza, ma chiediamo pubblicamente una soluzione almeno del problema della Tradizione. Scusate, ma Roma non può spararci un Motu Proprio e poi....preferire gli islamici a quelli che applicano il Motu Proprio. E' schizofrenico!

    RispondiElimina
  130. "adflictus" (come l'Ecclesia Dei)27 luglio 2010 alle ore 00:10

    Allora Roma si organizzi perchè i tradizionalisti non siano sottomessi alle pazzie vescovili

    RispondiElimina
  131. Ma nessuno si ricorda che S.Francesco, per i moderni il primo Hippy, andò a predicare il Vangelo ai Maomettani?

    RispondiElimina
  132. <span>CAJETAN, ma se t'accoppano andrai all'inferno perché non hai seguito il magistero autentico che rispetta e stima la visione ultraterrena islamica voluta,a quanto pare, dal nostro stesso Dio. Dunque, se ti devi proprio sacrificare, allora diventa musulmano e almeno godrai in eterno come in terra non ti sarà mai dato. Pensa a come invecchian le mogli.</span>

    RispondiElimina
  133. "adflictus" (come l'Ecclesia Dei)27 luglio 2010 alle ore 00:23

    Insomma se ho capito bene meglio la San Pio X che essere sottomessi al'Ecclesia Dei. Se si dovesse valutare il lato pratico sarei quasi d'accordo.

    Sono proprio "Adflictus", il Papa vuole regolarizzare la situazione, tanta gente di buon volontà accetta e l' "Ecclesia Dei Adflicta" che fa? Si affligge....e compra un gelato al pistacchio ai seminaristi che lascia senza casa!!! Ma per l'Islam c'è posto! 

    RispondiElimina
  134. La maggior parte di noi ritiene che le false religioni son opera dell'uomo, allontanatosi dalla vera e unica Rivelazione sotto l'influsso del demonio. Gli dei degli uomini sono demoni e gli Apostoli abbattevano gli idoli e innalzavan la Croce.

    E ancora la maggior parte di noi reputa che di fede (cattolica) e costumi (secondo la legge di Dio valida per tutti gli uomini) la Nostra Aetate non si occupa proprio.
    Mi sa che, non essendo noi cattolici, potrai risparmiarti ulteriore fatica di battitura sulla tastiera.

    RispondiElimina
  135. arte della falsificazione27 luglio 2010 alle ore 06:05

    <span><span>chi si appella ad altre credenze come te ma che si autodefinisce cattolico creando confusione.</span> 
    eehh  ? 
    ahahahahahahah.....  :-D   :-D   :-D   :-D   :-D   :-D   :-D   
    il bue che dice cornuto all'asino !    
    ecco il culmine dell'arte del FALSARIO: DICHIARARE CHE GLI ALTRI SONO I FALSARI, I SEGUACI INTEGRALI DELLA VERITA' E DI CRISTO, NON LUI ! 
    .....arte diabolica, ben insegnata ed appresa da tanti oggi nella Chiesa, attraverso una propagazione capillare, instancabile, da 45 anni,  mostrando la realtà concreta, durissima, feroce, che oggi viviamo, di quell'avviso della Madonna, dato un secolo fa ai pastorelli di Fatima: "L'apostasia inizierà dai vertici"  !</span>

    RispondiElimina
  136. Simon che, chiuso e rinchiuso nel suo bunker del quale sembra aver gettato le chiavi, non si rende conto di essere preda delle sue emozioni , visibili anche ad un occhio non esperto, che accusa gli altri di reazioni personali...perchè le sue reazioni che cosa sono ? Sono forse rivestite del sigillo dell`ìnfallibilità?  

    RispondiElimina
  137. caro adflictus,
    tutta la Chiesa, dal Concilio in poi è (costretta ad essere) schizofrenica, cioè dissociata, avendo rinunciato a seguire in modo unanime e coerente il principio di Verità e di non-contraddizione: Essa ha perso l'aggancio solidissimo che prima aveva con Cristo-Verità, si presenta altalenante tra Verità ed errore, vacillante, tesa a cercare una fantomatica (e dannosissima) "VIA-DI-MEZZO" tra Vero e falso, e rimane così incastrata nella famigerata <span>trappola hegeliana, </span>in cui mise i piedi proprio attraverso il Concilio !
    la sua rovina consiste proprio nell CONCILIARE L'INCONCILIABILE,
    il non voler tornare con serietà e definitivamente al SI' SI' NO NO :
      e tutto il CORPO  MISTICO  ne soffre atrocemente, percorrendo un Calvario che lo porterà alla Crocifissione, seguendo i passi del Suo Divino Capo, come annunciato dalle Scritture (la Grande Tribolazione) e confermato dal Papa stesso a Fatima il 12 maggio scorso.

    RispondiElimina
  138. <span>
    <p>ecco come da anni la Chiesa Cattolica si china premurosa verso i bisogni di preghiera dei diversamente-credenti, che devono essere rispettati ed aiutati molto prima e molto più dei cattolici, anzi A PREFERENZA E A DANNO DEI VERI CATTOLICI:
    </p><p>"La Chiesa, nei giorni scorsi, era tornata a parlare di luoghi di culto per i musulmani, dicendosi favorevole al rispetto della religione altrui, anche attraverso il rispetto della dimensione visibile dei luoghi di culto.
    </p><p>Anche il Cardinale di Milano, Dionigi Tettamanzi ha detto la sua,  e l'ha fatto durante il tradizionale Discorso alla città pronunciato nella basilica di Sant’Ambrogio davanti a tutte le autorità.
    </p><p>«Abbiamo bisogno di luoghi di preghiera in tutti i quartieri della città - aveva detto il capo della Chiesa ambrosiana - Ne hanno un bisogno ancora più urgente le persone che appartengono a religioni diverse da quella cristiana, in particolare l’Islam».
    </p><p>(notizia pubblicata il 6 dicembre 2008 da don Paolo Padrini)
    </p><p>-----------------
    </p><p>Questo oggi è il modo in cui la Chiesa interpreta la funzione del BUON SAMARITANO ?
    </p><p> :(
    </p></span>

    RispondiElimina
  139. sullo stesso sito si può leggere la seguente notizia, del 25 maggio 2010:

    Preghiera islamica del Venerdì sul sito Rai del Vaticano

    <span>"La notizia non dovrebbe fare tanto rumore, anche se le difficoltà di dialogo - soprattutto nella società civile - si fanno sempre sentire (e forse più che non nell'ambiente religioso comune ed ufficiale).</span>
    <span>E' giusto però segnalare questa iniziativa che procede sicuramente su una via tanto indispensabile quanto positiva, quale </span><span>quella del dialogo tra religioni differenti.</span>
    <span><span>Da oggi, - riferisce il SIR - per la prima volta sul sito web Rai Vaticano/Rai Religioni (www.raivaticano.rai.it ), nella sezione “Agenda delle religioni”, viene pubblicata la preghiera islamica del venerdì.</span></span>
    <p><span>Nella Moschea di Roma, la più grande d’Europa, sono state riprese tutte le fasi del rito:</span> arrivo dei fedeli, abluzioni, appello, predica dell’Imam, traduzione della predica in italiano, seguito della predica da parte dell’Imam e preghiera finale. Nella predica l’Imam Ahmed Sakka ha commentato il verso 19 della Sura 4 del Corano, che parla di come trattare le donne con gentilezza ed equità. Al termine del filmato c’è una breve intervista all’ambasciatore Scialoja, della Lega Musulmana Mondiale.
    </p><p>In “Agenda delle religioni” viene anche pubblicata una cerimonia greco-ortodossa, nella quale vengono celebrati i Santi Cirillo e Metodio.
    </p><p>Nel mese di giugno, si legge in una nota di Rai Vaticano, verrà seguita una cerimonia anglicana."
    </p><p>http://passineldeserto.blogosfere.it/2010/05/preghiera-islamica-del-venerdi-sul-sito-rai-del-vaticano.html
    </p><p>-------------------------------
    </p><p> :(
    </p>

    RispondiElimina
  140. Però, diciamo la verità: visto che si dà la comunione nelle mani, come sarebbe bello impore le abluzioni ai fedeli cattolici! Tornerebbero tutti, per non doversi lavar mani e piedi, a riceverla in bocca.

    RispondiElimina
  141. <span>Posso pregare anch'io per te, anche se non la penso come te?</span>

    RispondiElimina
  142. "adflictus" (come l'Ecclesia Dei)27 luglio 2010 alle ore 10:24

    <span>GIUSTISSIMO ! 
     
    Allora cominciamo a chiedere che si faccia chiarezza. 
     
    BASTA CON LE VIE DI MEZZO! CI DICANO SE VOGLIONO CHE TUTTI VADANO ALLA SAN PIO X 
     
    O SE VOGLIONO FARE QUALCOSA, LA MISURA E' COLMA ! 
     
    Qui si gioca a non dire quel che si vuol fare e di fatto fedeli, preti, istituti restano fregati da chi dice di volerli difendere. Secondo me preferiscono che prosperi una San Pio X in situazione irregolare e senza accordi canonici, piuttosto che un nucleo tradizionale riconosciuto e operante con i mezzi dovuti.
     
    Di questo passo finiscono far preferire alla gente la SITUAZIONE IRREGOLARE DELLA SAN PIO X. 
     
    Che sia una volontà dell'ala sinistra per allontanare gli accordi e rendere impotenti quelli che hanno fatto l'accordo? Ci perdono tutti e soprattutto la Chiesa!</span>

    RispondiElimina
  143. <span><span>Approfondisce talmente che sbuca fuori dall'altra parte.    
    Cajétan ha perfettamente ragione. Perchè Allah si, e Grande Puffo no? Se vi fosse gente a credere in Grande Puffo, sarebbe quodammodo valido come raffigurazione divina?    
    Pastorelli indica come siano inconciliabili le promesse di un Allah con l'Alleanza, Antica e Nuova. Che maometto se lo sia pure inventato misericordioso e eterno, non è indice di ispirazione divina: è che, venendo egli da una famiglia cristiana, una certa qual infarinatura di come fosse il Dio VERO non gli era del tutto sconosciuta. Ha preso qualcosa, buttato tutto il resto e scritto di suo pugno del nuovo.    
    Che dire dei mormoni, la sedicente chiesa dei Santi degli ultimi giorni?.. Loro aggiungono alle Sacre Scritture (tradotte secondo uno spirito tutto loro) un altro libro, quello di Mormon, dicendo esser stato rivelato da un angelo. Ci sono amenità inenarrabili in quel libro.. eppure, i mormoni sono svariati milioni di persone. Cosa facciamo? Prendiamo anche noi il libro di Mormon in considerazione?    
    <span>Don Gianluigi rinforza il concetto citando S.Giovanni Battista: «...non crediate di poter dire fra voi: Abbiamo Abramo per padre. Vi dico che Dio può far sorgere figli di Abramo da queste pietre.» [Mt.3,9] Si è discendenza di Abramo per la fede e non per il sangue.</span>    
       
    Ambiguità.    
    Ciò che è ambiguo non è inequivoco perchè non è univoco.    
    Ambiguo indica la possibilità di leggere un testo, cogliendo significati diversi, ugualmente e perfettamente obbedienti alla lettera del testo benchè contraddittori.    
    Un trazionalista si potrà appellare a quel testo della Nostra Aetate dicendo: "è scritto così.. significa questo", dandone un'interpretazione ortodossa, vedendola semplicemente come una stretta di mano ai maomettani utile a parlar loro per convertirli (come gistamente fa SdC); un modernista si potrà appellare a quel testo dicendo: "è scritto così.. significa questo!" dandone l'applicazione pratica del vescovo che offre un ex collegio cattolico agli scout musulmani.    
    Sono entrambe perfettamente valide secondo la lettera del testo. Vi si dice: adorano l'unico Dio, vivente e sussistente, misericordioso e onnipotente...<span>esercitiamo sinceramente la mutua comprensione, difendiamo e promuoviamo insieme per tutti gli uomini la giustizia sociale, i valori morali, la pace e la libertà. </span><span>Cosa questo significhi concretamente, ogni Vescovo, ogni sacerdote, ogni movimento, sta dicendo la sua, con buona pace di Pietro. Ma anche questa, è Collegialità.    
    </span>    
    Il Vescovo è perfettamente in sintonia con questo enunciato, così come suggerivano Christus Spes Mea e Mic. Al massimo si potrà riprovare il fatto del rifiuto della concessione dello stabile al Buon Pastore come inopportuno.. ma solo nascondendosi di fronte al fatto che tal rifiuto sia FORTEMENTE IDEOLOGICO e si giochi PROPRIO sull'interpretazione di cento altri passaggi come questi. Chi li legge comprendendone le aperture e i nuovi destini della Chiesa ispirati dallo Spirito, chi invece vuole leggerli (opera assai difficoltosa) in continuità con gli isegnamenti di Pio XII, di PioIX, di Gregorio XVI.. e del Concilio di Trento.    
    I testi in sè, non aiutano.    
    E ormai, non lo si dice solo su questo blog, ma lo affermano pure importanti teologi come Gherardini, Cavalcoli, Mons. Negri, ecc..    
       
    Qui l'unico a non fare nessun tipo di analisi di fondo ma a sforzarsi fino [...]

    RispondiElimina
  144. Non sapevo che in Francia ci sono vescovi musulmani!  =-O  Nessuno ci venga a dire che stiamo vivendo una primavera nella Chiesa! Non voglio sentir parlare di primavere che non esistono!

    RispondiElimina
  145. CaJetan, secondo me in trappola ci sono coloro che legati ad una falsa obbedienza, preferisono obbedire alle direttive di vescovi modernisti piuttosto che onorare Dio in una Messa onorevole, che per quanti salti mortali si facciano non è certo la messa nuova, dove la gente perde il senso della sacralità e del sacrificio e rischia di perdere la fede nella presenza reale di Gesù. Quelli che per essere in comunione e dentro a non si sa quale chiesa (per me una chiesa scismatica) disobbediscono a Dio piuttosto che a superiori ormai di fatto fuori dal Magistero Universale della Santa Chiesa cattolica, apostolica, romana. Forse quella che vediamo depredare le anime, distruggere i tabernacoli e gli altari, offendere Gesù sacramento, introdurre nuove dottrine non cattoliche è la Chiesa di Roma? Io ho dei dubbi! Perciò chi a più paura di disobbedire a uomini iniqui, piuttosto che a Dio a mio parere cade in trappola, perchè poi sti lupi mica lo lasciano libero di fare il bene, anzi lo intrappolano alle catene dell'"obbedienza" e piano piano lo obbligano ad accettare anche l'errore. Non è così? Mah! *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  146. Non si può servire l'errore, mai! Certo si può sbagliare, ma servire l'errore consapevolmente è peccato. La messa nuova, voluta da un gruppo di protestanti assieme al massone Bugnini, può in qualche modo essere cosa buona e lecita? Per me no, anche se si dice con le più pie intenzioni, nel suo interno ci sono i germi dell'errore, perchè viene demolito il sacrificio e allestita esclusivamente la mensa. Poi quelle tavole....quei canti.....quel andare da Gesù senza nessun segno di umiltà di adorazione.....SIG! :(

    RispondiElimina
  147. Aderisco in toto all'eccellente intevento di NON POSSUMUS. In modo lucido e puntuale, come io non sarei mai stato capace di fare, ha sintetizzato, approfondendo acutamente, tutto quanto da noi qui (e altrove) scritto o magari appena abbozzato.
    E' tutta la Nostra Aetate che andrebbe rivista o lasciata andare al suo destino. O almeno andrebbe interpretata in modo definitivo da Chi di competenza onde cassar  legittimi dubbi: ma è difficile, ai miei poveri occhi, che si possa  incanalar nell'alveo della Magistero tradizionale.
    Cosa significa che i musulmani adorano l'unico Dio sussistente ecc.? Unico per chi? Unico per loro senz'altro, son monoteisti. Ma è quello di Maometto il nostro unico Dio che professiamo nel Credo? S. Giovanni scrive; chi ha il Figlio ha il Padre, chi non ha il Figlio non ha neppure il Padre. E' parola del Signore che non ha bisogno di approfondimenti ed esegesi raffinate. Indiscutibile. Dunque, non abbiamo lo stesso Padre. Quel Dio unico della Nostra aetate è tale per gl'islamici, ma non è il nostro.

    RispondiElimina
  148. Lo sciopero della fame non è strada percorribile: danneggia la salute e questo è contro un preciso Comandamento: non ammazzare. Amenoché non si voglia far la dieta per perder i chili in sovrappiù. Io, almeno 4 o 5 li ho, ma li riprenderei subito.

    La nostra arma prima epiù valida è la preghiera, poi le pressioni sul Papa, sui vescovi, sui sacerdoti, e la nostra povera e limitata azione di servi inutili nell'ambito delle nostre conoscenze.

    RispondiElimina
  149. Purché non sia la famosa mela.

    RispondiElimina
  150. Non farà in tempo a pentirsi

    RispondiElimina
  151. Te lucis ante terminum27 luglio 2010 alle ore 17:01

    Da una parte un'islam aggressivo e sempre più forte, dall'altra la religione europea del nulla (degli aborti, divorzi, manipolazioni genetiche, come ha ricordato Isidoro) alla quale stanno dando una mano pure certi vescovi e certi preti (vedi le zone grigie martiniane): l'unica cosa che non mi toglie la speranza è la frase del nostro Maestro e Salvatore "portae inferi non praevalebunt", non è un caso il fatto che lo Spirito Santo abbia indicato questo Papa, è l'unico che può fare qualcosa!

    RispondiElimina
  152. <span>Ricordo che alcuni anni fa Mons. Fellay, nel corso di un'intervista a 30Giorni,  a domanda rispondeva che la Fraternità non chiedeva a Roma di riconoscer d'aver sbagliato, perché questo avrebbe causato maggior smarrimento tra i fedeli. Chiedeva segni tangibili in una direzione nuova. Insomma poche parole e molti fatti concreti.</span>

    RispondiElimina
  153. <span><span>
    <p><span>Evitiamo il religiously correct ... evitiamo di dare credito a concetti errati e stravaganti e sulle visioni di un signore davvero discutibile e poco affidabile come Maometto... che dal punto di vista storico e religioso era davvero molto, ma molto poco credibile e che si é anche arrogato il titolo di rivelatore, relegando anzi "degradando" Cristo al ruolo di profeta...</span>
    <span>Non fermiamoci poi "solo" alla "Nostra Aetate" leggiamo anche la “Dominus Iesus”... che è una Dichiarazione della Congregazione per la Dottrina della Fede, e cioè un documento magisteriale "vincolante" per tutti i cattolici... </span>
    <span>La Dominus Iesus ci ricorda che non v’è paragone possibile fra la Verità insegnata dal Figlio di Dio Incarnato e gli "spezzoni" di verità disseminati qua e là nelle varie credenze presenti nel mondo... </span>
    <span>Qui viene ribadita la piú elementare delle verità cattoliche: Gesú Cristo, nostro Signore e Salvatore nostro,  è  <span>“la” via, “la” verità e “la” vita; senza di Lui non v’è salvezza!!!</span> </span>
    <span>Senza questa elementare e semplicissima premessa non si potrebbe neanche parlare di Cristianesimo; Una verità che ogni cattolico dovrebbe aver succhiato col latte della madre!!!</span>
    </p></span></span>

    RispondiElimina
  154. Ma la Dominus Iesus, ch'è Magistero obbligante in quanto ribadisce la dottrina tradizionale della Chiesa (si veda in merito la dichiarazione alla stampa di mons. Bertone, allora segretario della CdF che ben approfondisce i gradi del Magistero, assegnando ai documenti della sua Congregazione, come da sempre, un valore di Magistero pontificio) è o no in contraddizione con la Nostra aetate? Come dunque conciliar due magisteri contrapposti? Quale continuità tra la Nostra aetate, che ha solo valore - o disvalore - pastorale e la dichiarazione Dominus Iesus che ha forte valore dottrinale? E della Dominus Iesus chi si ricorda più?

    RispondiElimina
  155. e ricordiamo come la Dominus Iesus fu boicottata in tante parrocchie  (come riferito da Caterina ed altri, in altri blog) dove, alla richiesta di divulgarlo, i parroci dicevano sempre:
    "Lascia perdere: quello è un documento "che divide"!...": qui si tratta di autentica paura della VERITA' che può dividere come<span> spada </span>chi sta davvero con il Signore e chi no !
    (e guarda caso, ricorda stranamente lo stesso comportamento di certi parroci tenuto riguardo al Motu Proprio e alla richiesta di Messa antica: l'accusa di voler "dividere" !....) *DONT_KNOW*
    ...ma pare inutile stare ogni momento a sottolineare le patenti contraddizioni di tanti documenti e pronunciamenti della Chiesa docente dal Concilio ad oggi, che continuano a confondere e scoraggiare i fedeli, i quali non sanno più a QUALI PAROLE dare ascolto e prestar fede e obbedienza dottrinale: ogni giorno, sempre più vediamo che aumentano i ciechi e i sordi volontari, prima tra il clero e poi, di conseguenza, tra tanti laici, da quei pastori ciechi condotti a cecità, e che però, come tanti ignoranti, con presunzione vogliono insegnar a tutti le nuove verità scaturite dalla "tradizione vivente" !
    è dura, eh...voler far vedere a chi ha deciso di negare ogni evidenza....
    e ci sovvengono le parole di Gesù rivolte a quei Farisei: 
    <span>"Se voi foste ciechi, non avreste<span> </span></span><span>alcun peccato; ma siccome dite: 'Noi vediamo',  il vostro peccato rimane".</span>

    RispondiElimina
  156. Anche io faccio  i complimenti a non possumus per il magnifico intervento

    RispondiElimina
  157. <span>Mercoledì 28 Luglio 2010 07:14 </span>
    Pietrangelo Buttafuoco: Islam e Cristianesimo sono due raggi della stessa luce <img></img> <span>

    In occasione dell’anniversario della nascita dell’Imam Mahdi (che Iddio ne affretti la ricomparsa), colui che con la sua apparizione riempirà la terra di giustizia, e con grande piacere parliamo con Pietrangelo Buttafuoco, scrittore e giornalista italiano.
    Nel suo libro "<span>L'ultima del diavolo</span>" racconta la storia della principessa Narciso colei che avrà l'onore di portare in grembo dare alla luce e crescere il Salvatore Promesso (aj). Lei inserisce la storia di una principessa romana che sarà poi la madre del 12esimo Imam (aj) all'interno di un romanzo del tutto cristiano, una storia completamente veritiera, presa e confermata dai documenti storici islamico sciiti. Quali sembianze ha trovato e trova tra l'essenza della profezia del nobile Cristo e la filosofia dell'attesa dell'Imam Mahdi (aj), l’Imam del Tempo.

    Io ritengo che tra le due grandi religioni ovvero sia l'Islam e il Cristianesimo si possa adoperare quella metafora ovvero sono due raggi della stessa luce e la prova stessa è data dal fatto che attraverso i documenti come Lei ha già detto prima e attraverso quella che molto più modestamente potrebbe essere stata la mia attività di scrittura ma anche attraverso quello che è stato il lavoro di un grandissimo rappresentante della ricerca scientifica filosofica quali fu <span>Henry Corbin</span>, noi sappiamo che nella figura di Narciso si intrecciano non solo i due raggi della stessa luce ma anche quella che è la storia del sangue che lega i nostri popoli. Quindi l'identità persiana, greco-romana, quella che unisce l’Oriente e l’Occidente è soprattutto si lega ad un grande messaggio spirituale ovvero una discendenza che deriva direttamente da uno dei compagni di Gesù Cristo (as) ovvero San Pietro nella qui tomba a Roma alberga uno dei culti più antichi che la Comunità Cristiana ha saputo custodire malgrado i tempi attuali portino l'Occidente ad allontanarsi sempre di più dalla propria radice spirituale.

    ...continua....
    </span>

    RispondiElimina
  158. ........continua.........
    <span>

    Nonstante questa grande vicinanza a cui anche Lei ha fatto riferimento vi è una generale o quasi totale ignoranza sulla grande considerazione della religione islamica nei confronti delle due immagini più sacre del mondo cristiano ovvero la vergine Maria (as) e il nobile Gesù Cristo (as). La prego di spiegarci la dinamica di questa diffusa e voluta ignoranza. Come si può superarla?
    Questa ignoranza è dettata purtroppo da un'atteggiamento di malafede che si tende a cercare tutto ciò che divide piuttosto che al contario di tutto ciò che unisce e quest'ignoranza alberga ormai in un modo così diffuso al punto che ogni volta nello spiegare quali sono i fondamenti della religione islamica, così come della religione cristiana, c'è sempre la sorpresa nel vedere come i punti di contatto siano sempre più ampie, sempre più profondi. Soprattutto nelle figure di Cristo (as) e della vergine Maria (as) non si capisce come infatti queste due figure siano fondamentali per l'identità islamica e quello che è più grave però è che le due figure diventano sempre più distanti e lontane purtroppo anche all'interno della Comunità Cristiana tant'è vero che l'identità cristiana si è smarrita nel suo signficato religioso per diventare soltanto un'atteggiamento blandamente culturale o al peggio quasi un servizio di assistenza sociale quasi un'agenzia di assistenza sociale e non invece quella grande religione che ha contrassegnato per più di due mila anni la storia dell'Occidente.
    In quasi tutti testi islamici (sciiti o sunniti) è riportato che l'Imam Mahdi (aj) quando apparirà sarà affiancato dal nobile Cristo. Io lo vedo come un ulteriore richiamo all'unione tra le due grandi religioni. Lei come lo interpreta?
    Concordo totalmente con Lei non solo è un punto di unione tra le due religioni ma c'è un'altro dettaglio e siccome l'inguaggio è rivelatore di un contenuto l'altro dettaglio che vorrei sottolineare è che il Mahdi (aj) combatterà contro colui che è definito come l'anticristo e cioè come la definizione del maligno che lo stesso Occidente ha accettato proprio in contrapposizione alla figura del Gesù (as). Questo è un significato ulteriore che si aggiunge a quel grande lavoro che gli uomini di buona volontà dovrebbero particolarmente adoperarsi per affermare, perché fa capire quanto è intimamente profonda sia la necessità non di fare un'unica cosa ma sicuramente di fare incontrare gli uomini che hanno avuto l'avventura di crescere all'interno dell'Islam gli uni, all'interno della profonda missione cristiana gli altri.
    Quindi un'unico obiettivo divino è un'unico nemico Lei intende?
    Intendo dire che agli uomini ha dato la possibilità di esprimersi ognuno con la propria storia, con la propria essenza, ma tutti profondamente legati al Divino. Noi che abbiamo studiato l'identità greco-romana, l'identità antica persiana, l’identità antica indiana ecc sappiamo che il mondo è stato preparato sempre all'attesa della manifestazione del Divino. Ma noi ci siamo emancipati dalle condizioni bestiali della nostra natura umana. Abbiamo lasciato nella notte dei tempi atteggiamenti criminali e nefasti della natura umana a cominciare dal cannibalismo, dalle pratiche abiette ecc. Di passo in passo ce ne siamo emancipate e così dall'altro lato abbiamo saputo accogliere la preparazione alla manifestazione del Divino attraverso forme che nel passato sono state nobilissime ma che attendono ancora di essere decifrate. Il fatto che i nostri popoli anticamente avessero già l'idea di poter volgere lo sguardo ai cieli è un'atteggiamento che sicuramente ha preparato alla rivelazione e [...]

    RispondiElimina
  159. <span>L’Islam e il nostro “mondo” sono totalmente "Inconpatibili" perché l’Islam è un sistema basato sul Corano che ne stabilisce tutte le regole di vita e di diritto. E’ per questo che l’Islam non si integra nei paesi dove si stabilisce ma costruisce una "società parallela" con le sue regole... il potere è di Allah, non del popolo, e la struttura sociale politica deve riprodurre e perpetuare la forma costituzionale imposta dal Corano. "Non c'è altro Islam che l'Islam. Allah è l'unico Dio e Maometto il suo Inviato": questa professione di fede è uno dei cosiddetti cinque pilastri della religione musulmana, va pronunciata ogni giorno e basta recitarla ad alta voce, in arabo, davanti a testimoni musulmani, per appartenere irreversibilmente all'Islam. </span>
    <span>Una specie di battesimo… In esso è già contenuto tutto il pensiero islamico e da esso deriva anche lo scopo finale dell'Islam in vista del giudizio universale: quando tutto il mondo sarà sottoposto alla sharìa, la legge coranica, allora Gesù… grande profeta ma non divino… e il Mahdi… l´alter ego di Maometto che ne porterà nome e sembianze… prepareranno la manifestazione di Allah e il suo giudizio. Ciò potrà avvenire quando tutto il mondo sarà sottoposto alla sharìa, cioè quando gli infedeli saranno stati eliminati e saranno rimasti solo i membri della Umma… la comunità dei credenti nell'Islam… e i Dimmi… cristiani ed ebrei; "Gente del Libro", sottomessi al Corano e tributari dell'obolo obbligatorio alla moschea.... Chiunque voglia commettere una violenza è perfettamente "giustificato" dal Corano a farlo. Numerosi passaggi nel Corano esortano i Musulmani a uccidere gli infedeli… cioè chiunque non è Musulmano... Leggi le Sura 2:190-193, 2:216, 4:76, 5:32-36, 8:12-14, 8:39, 8, 8:65, 9:5, 9:14, 9:23-29, 9:38-41, 9:123, 47:4, 47:35, 61:4, e 66:9. </span><span>
    </span><span>Ogni buon musulmano è chiamato ad impegnarsi per creare queste condizioni e questo "impegno sulla via del Corano" si definisce Jihad, che quindi non significa affatto "guerra santa" come dicono molti "islamologi improvvisati", ma ha un valore assai più elevato, giacché lo scopo della islamizzazione finale dell'umanità può essere perseguito anche senza combattere cruentemente.</span>
    <span>Nel frattempo ogni atto, anche cruento, finalizzato a incutere timore e rispetto, a ottenere privilegi e concessioni, va incoraggiato; chi si immola sulla "via del Corano" è uno shadid, una specie di martire che accede direttamente al paradiso islamico, e se nel farlo uccide molti infedeli la sua gloria sarà maggiore. Maometto stesso ha posto le fondamenta per la violenza mediante le sue opere e i suoi comandi, che si trovano negli hadith. L’11% delle pagine degli hadith di Bukhari fanno riferimento alla jihad.Ai Musulmani viene insegnato che chi combatte e muore in una jihad riceve il perdono di tutto il male commesso, e viene ricompensato con una vita lussuriosa in paradiso… leggi le Sura 3:157-158, 3:169-171, 3:194-195, 4:74, 4:94-97, 22:58-59, 52:17-23, 56:10-38. Inoltre si veda Bukhari 4:63, 72, 80, 85, 137, 175, 216, 266...</span>
    <span>Il fantomatico "Islam moderato", di cui si riempiono la bocca i nostri <span>politici incompetenti</span>, non esiste!!! Non è ammesso come concetto. Chi si propone come "moderato" è solo un combattente che usa lo strumento della politica in luogo di quello della guerra, ma spesso sotto la maschera di sorrisi e di doppie verità è più fanatico degli shahid, impropriamente definiti kamikaze. Questi finti moderati dicono: "il vero Islam vuole la pace per rispettare la parola del Profeta". Noi, allocchi che ragioniamo da cristiani [...]

    RispondiElimina
  160. <p><span>@ </span><span>DANTE PASTORELLI... Chiedo Venia!!! Per la tardiva risposta … a me semplice peccatore <span> </span>la Dominus Iesus basta ed avanza… La (DI n. 4) dice... “il perenne annuncio missionario della Chiesa viene oggi messo in pericolo da teorie di tipo relativistico, che intendono giustificare il pluralismo religioso, non solo de facto ma anche de iure (o di principio)”… Visto che la risurrezione di Cristo non è un “optional” per i soli cristiani… ergo <span>Extra Ecclesiam nulla salus!!! </span><span> </span></span><span>G<span>esù Cristo è l’unico salvatore del mondo, e fuori dalla Chiesa non c’è salvezza…</span> Allora <span>essere cattolico significa innanzitutto riscoprire la centralità della Chiesa, madre e maestra… con la consapevolezza che la “Cattolica” non è una, per quanto rispettabile, associazione di cristiani. Ma è istituzione divina, sposa di Cristo, realtà misteriosa voluta dal Figlio di Dio ma fatta</span> <span>di uomini.</span>I nostri “fratelli musulmani”… Come il Papa gli ha chiamati a Cipro.. <span> </span>sono proprio nostri fratelli in virtù del "Sacrificio Redentivo" di Cristo. Ne sono certo che tutti i musulmani in buona fede si salveranno. Non si salvano però in virtù del Corano e di Maometto. Si salvano grazie a Gesù Cristo, Figlio di Dio e Dio Egli stesso.</span><span>
    </span><span>Mi auguro che anch'essi, un giorno, abbracciando il Crocifisso, che oggi guardano con raccapriccio, facciano la stessa professione di fede dell'apostolo Tommaso: “Mio Signore e mio Dio!!!”</span>
    </p>

    RispondiElimina
  161. ¡Excelente! A pesar de contener muchas palabras lo
    he estudiado de un tirón y he bajado a la zona de comentarios directamente para agradecerte esta entrada,
    impresionante ! Felicidades

    RispondiElimina
  162. Un perfecto texto y muy aconsejable. Saludos

    RispondiElimina