Post in evidenza

La Messa proteiforme: a modest proposal. Risposta e proposta al Prof. Grillo

Il Prof. Grillo ha voluto gentilmente confrontarsi (v. qui ) con il nostro commento critico alla sua intervista (in cui, lo ricordiamo, el...

lunedì 19 luglio 2010

Il card. Danneels sotto torchio

Il cardinale Danneels ha, a giusta ragione, veementemente protestato per la fuga di notizie sulle indagini che lo concernono (seppure al momento non sia ancora formalmente indagato, a quanto pare). E' evidente che la stampa, con l'appoggio di qualche infiltrato tra gli inquirenti, ha fatto di tutto per colpirne la reputazione, per desiderio di colpire la Chiesa, al punto di diffondere la notizia del rinvenimento di materiale pedopornografico nel computer dell'Eminenza. In realtà, si trattava di un'unica immagine, scaricata automaticamente nella cache del computer navigando su un sito giornalistico.

Continuano comunque a trapelare notizie sullo svolgimento del drammatico interrogatorio durato dal mattino alla sera presso la Procura di Bruxelles (cfr. Golias). Il cardinale si sarebbe mostrato molto poco collaborativo e sulla difensiva.

L'escussione ha avuto momenti quasi drammatici, poiché mons. Danneels ha rifiutato la proposta di una pausa per il pranzo, quasi per protesta contro il trattamento che gli veniva inflitto; in conseguenza, ha poi avuto un malore, conseguenza probabilmente del diabete, tanto da richiedere l'intervento di un medico legale, il dott. Marc-Antoine Sepulchre (bel cognome per un medico!). L'interrogatorio è così ripreso.

Nella sostanza, il cardinale sarebbe accusato per 50 casi di altrettante vittime di abusi sessuali, nei quali non sarebbe intervenuto in alcun modo. Anzi, alle vittime che protestavano egli regalava un libro dal titolo: Imparare il perdono. Quasi un comportamento canzonatorio.

A mons. Danneels sono anche state chieste spiegazioni per tre parole trovate all'interno dell'agenda di un vescovo: “dossiers pedofili segreti".

La parte più drammatica dell'interrogatorio è stata quella del confronto col Prof. Adriaenssens, presidente di una commissione ecclesiale costituita per far luce su queste vicende e convocato inopinatamente nel pomeriggio stesso. Adriaenssens, che pure fu nominato anche da Danneels, non risparmia più, dopo il coinvolgimento in giustizia, le critiche al cardinale, che accusa di insabbiamento. Affermazioni pesanti e circostanziate, proveniendo da un uomo che ha lavorato sulla questione all'interno della curia. I due uomini, all'uscita, non si sono stretti la mano.

Ancor più severa la signora Halsberghe, che era stata presidentessa della commissione ecclesiastica sulla pedofilia che aveva preceduto quella di Adriaenssens.

25 commenti:

  1. "Imparare il perdono"? Davvero un degno frutto dello spirito del Concilio Vaticano II che ci aiuta a fondarci un'opinione circa l'effettiva qualità dell'albero da cui rampolla ...

    RispondiElimina
  2. La famosa "medicina della misericordia"...

    RispondiElimina
  3. è chiaro che non si può entrare nel merito dei fatti essendo i medesimi ancora in una fase indiziaria e nulla più.

    Resta sempre però in ogni situazione dello stesso genere che sta venendo alla luce il comportamento di fondo improntato appunto alla "medicina della misericordia".
    Più che di medicina si tratta di virus. e pure pericoloso!

    RispondiElimina
  4. Gentilmente qualcuno può riferire di casi di presunta pedofilia occorsi, ad esempio, nella FSSPX? oppure al ICRSS? ma non sarà che questi "volemosebene" sotto sotto, ma anche sopra sopra, siano dei gran pezzi di satanasso?!

    RispondiElimina
  5. insabbiamenti... connivenze... bene bene, la vera natura dei vaticanosecondisti praticanti sta pian pian piano emergendo.
    Peccato sia toccato al "braccio secolare" -seppur del tutto involontariamente- scoperchiare il vaso di Pandora che contiene il vero, autentico scandalo che sta alla base di tutti gli altri: quello del clero che ha perduto la fede! Allora ecco: comportamenti moralmente ripugnanti, connivenze & insabbiamenti non sono che emanazioni di anime pressoché dannate.

    Dio abbia pietà di loro. Ma senza esagerare... 

    RispondiElimina
  6. FSSPX: due casi registrati (consultare in proposito il sito www.virgomaria.org) e prontamente allontanati.
    ICRSS: per quello che mi hanno detto sono severissimi, non fatevi incantare da pizzi & merletti, pare che in materia "VI° comandamento" non vengano tollerati comportamenti anche solo dubbi.

    Se pensiamo che negli anni '70 e '80 il seminario (modernista) di Baltimora (U.S.A.) era notoriamente chiamato la "casa rosa".... nessuno è intervenuto, finché proprio Baltimora fu una delle prime diocesi dove esplosero i noti scandali. Giusto per dar ragione al noto detto brianzolo: "prima fan scapà ul purcel, pò saren su ul stabiel" (Prima fanno scappare il maiale poi chiudono il porcile)

    RispondiElimina
  7. <span>FSSPX: due casi registrati (consultare in proposito il sito <span>www.virgomaria.org</span>) e prontamente allontanati. 
    ICRSS: per quello che mi hanno detto sono severissimi, non fatevi incantare da pizzi & merletti, pare che in materia "VI° comandamento" non vengano tollerati comportamenti anche solo dubbi. 
     
    Se pensiamo che negli anni '70 e '80 il seminario (modernista) di Baltimora (U.S.A.) era comunemente chiamato la "casa rosa".... nessuno è intervenuto, finché proprio Baltimora fu una delle prime diocesi dove esplosero i noti scandali. Giusto per dar ragione al famoso detto brianzolo: "prima fan scapà ul purcel, pò saren su ul stabiel" (Prima fanno scappare il maiale poi chiudono il porcile)</span>

    RispondiElimina
  8. <span>Imparare il perdono.</span>

    questa perversa presa in giro fa il paio con quella che nei casi criminosi della società civile è ben nota con la dicitura: "Nessuno tocchi Caino!" = compassione e comprensione massima per i criminali: per le vittime (Abele) nessuna pietà nè giustizia !
    La negazione della Giustizia Divina e la caricatura (ghignante) della sua Misericordia....
    ovvero, tra poco:
    In nome del Concilio tutto è permesso perchè tutto è (già) perdonato, prima che venga commesso !

    RispondiElimina
  9. <span><span>Imparare il perdono.</span> 
     
    questa perversa presa in giro fa il paio con quella che nei casi criminosi della società civile è ben nota con la dicitura: "Nessuno tocchi Caino!" = compassione e comprensione massima per i criminali: per le vittime (Abele) nessuna pietà nè giustizia ! 
    La negazione della Giustizia Divina e la caricatura (ghignante) della sua Misericordia.... 
    ovvero, tra poco: 
    In nome del Concilio tutto è permesso perchè tutto è già perdonato, prima che venga commesso !</span>

    RispondiElimina
  10. Penso che il Sovrano Pontefice, dovrebbe nuovamente far fare retrofront alla chiesa, riproponendo il giuramento antimodernista e colpire con la scomunica tutti coloro che si macchiano del crimine della pedofilia.Vigilare e assicurarsi a chi viene conferita la dignità cardinalizia e l'ordine dell'episcopale e fidarsi poco della sua segreteria di stato sono un covo di vipere.

    RispondiElimina
  11. ci si fa solo del male dicendo queste cose: semplicemente non succederanno mai. ci pensavo proprio stanotte (mi riesce difficile dormire con sto' caldo)... serve un grande Pontefici, uno di quelli che poi vengono additati dai posteri davvero GRANDE. Penso ad un nuovo Gregorio VII, immenso, che con mano ferma riformo completamente la Chiesa salvandola dal braccio secolare che pretendeva sempre di più e salvandola pure da se stessa, una chiesa persa in scandali e compromessi... le novità del 2010? non ne vedo. vedo una Chiesa che è fonte di imbarazzo per i suoi fedeli... e ciò è semplicemente terribile. Serve un nuovo pastore signori! Benedetto XVI è troppo diplomatico, qui devono iniziare a volare le bastonante... se non ci si salva più.

    RispondiElimina
  12. Suvvia.. il VI comandamento riguarda una materia un po' più generale che la pederastia.. altrimenti, sarebbe il peccato (obiettivamente) meno confessato tra i dieci.. Invece, ahimè.. segna la top one dei peccati confessati.. Nel film di Fellini, Amarcord, è storico il sacerdote che dice al penitente coatto: "E tu, ti tocchi? ..Lo sai che San Luigi piange quando ti tocchi?"...

    http://www.youtube.com/v/aCBlEE-kx7c" type="application/x-shockwave-flash" width="170" height="140

    ..spero per i ragazzi dell'ICRSS che non siano così stalinisti in materia di debolezze saltuarie e personalissime..

    RispondiElimina
  13. <span>Suvvia.. il VI comandamento riguarda una materia un po' più generale che la pederastia.. altrimenti, sarebbe il peccato (obiettivamente) meno confessato tra i dieci.. Invece, ahimè.. segna la top one dei peccati confessati.. Nel film di Fellini, Amarcord, è storico il sacerdote che dice al penitente coatto: "E tu, ti tocchi? ..Lo sai che San Luigi piange quando ti tocchi?"... </span>

    RispondiElimina
  14. Quello che suscita scandalo ed è di grave danno alla Chiesa non è il peccato contro il VI comandamento che, come dici, segna la top one  (è il peccato per eccellenza della fragilità umana e, come tale, più esposto alla misericordia divina ) ma una sua sottospecie particolarmente ripugnante che riguarda la sessualità con minorenni aggravata dalla posizione  e dal ruolo di chi, essendo consacrato, è (dovrebbe essere) guida ed esempio  e abusa della fiducia in lui riposta.

    RispondiElimina
  15. Non vedo perché accanirsi contro Danneels in questo momento di difficoltà nel quale si trova. Se egli ha sottovolatutato o cercato di insabbiare i casi di pedofilia nel clero della sua diocesi, allora si è comportato come un po' tutti i vescovi del mondo che si sono trovati di fronte a casi simili. Anzi, sinceramente, mi sembra difficile pensare che ad un ordinario non sia mai capitato di avere almeno  un caso di pedofilia tra il proprio clero.

    RispondiElimina
  16. Gregorio VII non era il... fante di bastoni in vena di anatemi, ma un monaco di grande spirito di preghiera, un diplomatico esperto, un abilissimo "cercatore" di collaboratori all'altezza (tra cui S. Anselmo da Baggio). Oltretutto la volta che ha provato a fare la voce grossa con l'imperatore nonstante le coreografia nella neve a Canossa gli andò parecchio male se fu costretto all'esilio.

    RispondiElimina
  17. Caro Teofilo, in questi casi non è cattolico fare paragoni con altri, ben altri devono essere gli incitamenti, è probabile anche che il Signore stesso abbia permesso quanto è accaduto per altri motivi a noi  sconosciuti.... la tentazione e fin anche una BEATITUDINE
    <span>"Lo visiti alla prima luce, ma tosto lo metti alla prova" (Gb 7,18)</span>
    <span>«E' necessario che gli scandali avvengano .», dice il Vangelo (<span>mentre fulmina gli scandalizzatori</span>).</span>
    <span>"Beato l'uomo che poteva trasgredire e non ha trasgredito, che poteva fare il male e non lo fece" (Sir 31,10). </span>
    La piaga della pedofilia non è un problema della Chiesa di oggi o del mondo moderno.... e gli insabbiamenti, seppur in buona fede o per proteggere maggiormente  la vittima, la Chiesa li faceva REPRIMENDO IL PECCATO MA ANCHE  PECCATORE spesso rinchiudendolo nei Monasteri, lontano anche dalle folle che, quando li scoprivano, li volevano lapidare....Oggi ci sono i MEDIA che mettono l'amplificatore...
    <span>Gli scandali all'interno della Chiesa sono nati con la Chiesa, come grano e gramigna, come servi giusti e servi infingardi, come senapi rigogliosi e fichi sterili.... I Vangeli non nascondono l'uomo all'uomo, anzi, preannunciano un cammino tortuoso e difficile, per nulla agevolato dall'appartenere alla Chiesa.</span>
    <span>San Paolo sapendo che la sua ora era giunta scrive: HO COMBATTUTO LA BUONA BATTAGLIA, HO CONSERVATO LA FEDE....Il Vangelo tratta la tentazione come una beatitudine:"Beato l'uomo che sostiene la tentazione, poiché una volta collaudato riceverà la corona della vita che Dio promise a quanti lo amano" (Giacomo 1,12). </span>
    <span>S.Giovanni Crisostomo, arrivò ad affermare che il demonio (certamente suo malgrado) </span><span>è il "santificatore delle anime".
    <span></span></span>
    <span><span></span></span>

    <span></span>
    <span><span><span>Prima di tutto nelle virtù teologali: fede, speranza e carità....ma da dopo il Concilio non si insegnano più....
    </span></span></span><span><span>Poi ci tenta nei nostri punti deboli, che sono le grandi passioni: il piacere, la ricchezza, il successo (ossia il potere)....Gesù stesso ci assicura che mai saremo tentati sopra le nostre forze.... Ma attenzione, ci dice anche che le nostre forze non bastano. "Vigilate e pregate per non cadere in tentazione".... è assai evidente che abbiamo abbassato la guardia!</span></span>


    Ma quanto sta accadendo in Belgio è un accanimento senza precedenti, sono i modi che sono scorretti, la situazione è affrontata con malizia e pregiudizio...certo, probabilmente il cardinale se l'è cercata, poteva collaborare quando poteva farlo, poteva ricorrere ALLA PREGHIERA DI TUTTA LA COMUNITA', PROCESSIONI, PENITENZE E DIGIUNI...MORTIFICAZIONE AUTENTICA, UMILTA' VERSO LE VETTIME... è qui l'errore più grande che ha fatto ed hanno perduto la loro battaglia, e il Belgio ha perduto la fede... i Vescovi non riflettono più credibilità e le vittime non hanno trovato conforto!

    Prendiamo il Santo Rosario, lunedì 26 è la Festa dei Genitori della Beata Vergine Maria, affidiamo loro vittime e carnefici e tutta la Chiesa in Belgio perchè resusciti al più presto!

    RispondiElimina
  18. Concordo con il riproporre il giuramente antimodernista di san Pio X ABUSIVAMENTE eliminato senza alcuna spiegazione Pontificale...
    ma non concordo a definire "covo di vipere" la Segreteria di Stato....i collaboratori se li è scelti il Pontefice, si rilegga la Lettera che il Papa ha scritto al card. Bertone per i suoi 50 anni di sacerdozio...
    Benedetto XVI non mi pare affatto un diplomatico, segue semplicemente la linea del Concilio...e nonostante tutto per fare sta facendo ed anche molto visti i suoi 83 Lustri.... se con sincerità si vuole attribuire ad un Pontificato una sorta di abbandono nel governo della Chiesa quando si poteva fare molto di più appena scoppiarono questi scandali negli anni 80/90, bisogna con onestà parlare del mal-governo di Giovanni Paolo II.... in quel caso si, la Segreteria di Stato agiva per conto proprio...tutti i Dicasteri e le Congregazioni non agivano neppure più collegialmente, ma ognuno con una sua personale autorità...
    Troppo semplice cercare ora un Pontefice GUERRIERO....talmente semplice che non abbiamo più guerrieri ma solo PACIFISTI...
    Ma questa è la Chiesa...oggi....e con queste poche forse insufficienti, disse a ben ragione Benedetto XVI appena eletto, andiamo avanti! Ognuno faccia la sua parte, insieme sgraniamo quanti più Rosari possiamo!
    ;)

    RispondiElimina
  19. Gentilissima Caterina, è vero, fare paragoni non è bello. La mia domanda, tuttavia, voleva essere sinceramente per appurare i fatti: comunque, ne deriva che un approccio più tradizionalista alla cattolicità ha i suoi frutti. La medicina della misericordi, poi, si giustifica solo ce chi l'amministra è piuttosto severo, altrimenti si scade nell'anarchia. Tutto qui. Aggiungo che condivido il magistrale riassunto del governo della barca di Pietro sotto Giovanni Paolo II (per sfortuna le cose peggioraroo ancor di più durante l'ultima parte del pontificato, quella del travaglio della malattia).

    RispondiElimina
  20. 83 <span>lustri</span>? accidenti Caterina, non sapevo che B16 fosse così longevo! 415 anni.... Dio ce lo conservi per altrettanti comunque!
    ;)

    RispondiElimina
  21. Questo senza ombra di dubbio... ho tenuto infatti a non sminuire affatto il suo intervento ma, a mio parere, a collocarlo in un modo più vasto ossia a quanto avrebbe potuto fare all'epoca il cardinale e che non fece...ma sottolineando anche la perversa manipolazione dei fatti atti proprio a denigrare la Chiesa, a colpirla sperando che affondi... in tal caso non serve neppure fare paragoni... la zappa sui piedi se la son data da soli... ;)
    L'uomo di oggi NON cerca giustizia ma il giustizialismo....non vuole la morale, ma fa il moralista... e questo perchè i Vescovi hanno smesso di operare BENE, pretendendo per se stessi e usando scorrettamente la medicina della misericordia....

    Quando vedo un cardinale ridotto in questo assedio, provo davvero com-passione!
    Auguro al Cardinale Danneels di riscoprire il valore dell'UMILTA'  per comprendere il grave danno del cedimento alle tentazioni di quanti erano sotto la sua responsabilità di pastore...pastore per trent'anni....ebbè!
    Ezechiele cap. 3 lo spiega chiaramente di come si perisce se non si ammoniscono i peccatori!
    In una in tervista a quest'ultimo Natale gli hanno chiesto per la sua pensione:
    <span>Cosa farà, dopo?

          DANNEELS: Spero di riuscire a fare quello che non ho avuto il tempo di fare negli ultimi anni di episcopato. Per esempio, la preghiera, ché quando sei vescovo è davvero un combattimento quotidiano riuscire a trovare il tempo per pregare. Poi vorrei riprendere a studiare un po’ la Bibbia. Con un’esegesi non troppo scientifica, ma piuttosto spirituale.</span>

    **********************

    mi auguro che sia sono una metafora e che non sia vero che per trent'anni questo cardinale NON abbia trovato il tempo di...pregare!
    Io sapevo che bisognava combattere contro i difetti e le tentazioni PREGANDO... e non per cercare il tempo di pregare senza trovarlo...ma se ciò fosse vero, gli auguriamo di cuore di recuperare questo tempo prezioso perduto!

    RispondiElimina
  22. <span>Ai lettori della Diocesi di Assisi interessati all'applicazione del motu proprio Summorum Pontificum. 
    Ho qualche novità che potrebbe interessarvi. Potete scrivere alla Redazione del nostro blog (redazione@messainlatino.it), la quale gentilmente provvederà a mettervi in contatto con me. 
     
     
    Per Assisi</span>

    RispondiElimina
  23. Ho intenzione di visitare Assisi tra Natale e Capodanno. Che s. Francesco interceda per voi!

    RispondiElimina
  24. Per l'amico bedwere. Grazie mille! Che il Santo interceda anche per le tue intenzioni!
    Ti invito a chiedere alla Redazione di Messainlatino di metterti in contatto con me: potremo accordarci per conoscerci personalmente quando verrai in Umbria!

    Per Assisi

    RispondiElimina
  25. :-D ahahahahah  grazie per la correzione!!! il caldo colpisce il mio unico neurone attivo!!!
    :-D

    RispondiElimina