Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

martedì 8 novembre 2022

Mons. Luc Crepy, vescovo di Versailles, e il declino degli Eudisti

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 897 pubblicata da Paix Liturgique il 3 novembre 2022, in cui si racconta, con dovizia di particolari, l’inarrestabile declino della Congregazione di Gesù e Maria, fondata nel 1643 da san Jean Eudes.
Molto diffusi e radicati in Francia ed in Canada (soprattutto francofono), dove sono noti per essersi dedicati alla direzione dei seminari, negli ultimi dieci anni gli Eudisti sono stati travolti – a tutti i livelli – da scandali omosessuali.
Tra i più noti membri della congregazione vi è mons. Lucien Jacques Marie Joseph Crepy, C.I.M., che dal 2012 al 2015 ne è stato Vicario generale e poi nominato Vescovo, ora a Versailles con lo scopo dichiarato di «ripulire la diocesi e porre fine alla morale sospetta».
Ma il comportamento assunto in occasione delle indagini sugli abusi nel Collegio eudista di Saint Jean de Béthune gettano più di un ombra sui suoi legami e rapporti con i membri della Congregazione coinvolti negli scandali omosessuali.

L.V.


Mons. Crepy, vescovo della «tolleranza zero», nominato a Versailles per «ripulire la diocesi» (Golias)? È stato nominato cavaliere della Legione d’Onore lo scorso dicembre per il suo impegno contro gli abusi nella Chiesa, e il suo passato di religioso eudista (Congregazione di Gesù e Maria, fondata da San Giovanni Eudes) gli permette di conoscere bene i casi che danno la nausea e di cui si vorrebbe non vedere più.

Un sacerdote eudista sospeso a Orleans, un altro preso di mira a Versailles

Il 14 agosto, dopo la messa a Saint-Marceau, a Orléans, è arrivato l’annuncio improvviso: il sacerdote Laurent de Villeroché, eudista e docente di teologia dogmatica all’Istituto cattolico di Parigi e al seminario interdiocesano di Orléans, non sarebbe tornato «perché è stata presentata una denuncia contro di lui». Questo annuncio è stato uno shock, nonostante il torpore estivo.

La République du Centre, che ha riportato i fatti il 1º settembre, ha indicato il motivo della sospensione: una denuncia da parte di un quarantenne di Versailles per aggressioni sessuali quando l’abbé de Villeroché era cappellano del prestigioso stabilimento versiliese di Saint-Jean d’Hulst alla fine degli anni ’90. Il 19 agosto 2020 i tribunali hanno chiuso il caso, che è andato in prescrizione, ma la procedura canonica ha seguito il suo corso – un’indagine è stata infine avviata nell’estate del 2022.

Sono state richieste misure cautelari in alto loco – da qui questi annunci orali – mentre il sacerdote in questione, che è anche un collaboratore della CEF – fa parte del consiglio nazionale per la liturgia sacramentale – doveva celebrare un matrimonio e quattro battesimi nei prossimi giorni. Padre Laurent de Villeroché, presente «da quattro anni nella parrocchia», «nega vigorosamente i fatti».

Padre Laurent Tournier, eudista che dirige il seminario di Orléans, ha dichiarato alla stampa locale: «È normale cercare la verità. Ci chiediamo di quale atto stiamo parlando. Dobbiamo essere pazienti e attendere le conclusioni dell’indagine».

Ma il 4 settembre la Riposte Catholique è tornata sulla vicenda, mentre il provinciale Pierre-Yves Pecqueux ha pubblicato un comunicato sull’argomento per gli eudisti:

«Il reverendo padre Pierre-Yves Pecqueux, provinciale degli Eudisti di Francia, ha quindi rilasciato la seguente dichiarazione in cui ammette implicitamente le mancanze dei suoi predecessori nel gestire gli abusi sessuali di un religioso della sua congregazione».

Nella sua dichiarazione, Pierre-Yves Pecqueux precisa: «Ho anche preso in considerazione un precedente evento verificatosi nella casa di Saint-Jean Eudes [a Parigi] nel 2012, per il quale sono stati presi provvedimenti».


Quali misure? «Nel 2012, l’allora Provinciale si accontentò di trasferire l’abusatore, senza alcuna misura preventiva», osserva Riposte Catholique. Infatti, è stato sollevato dalla direzione dell’ostello parigino per «eccesso di lavoro», come indicato in un messaggio sul sito web della provincia eudista d’Africa, datato 9 marzo 2012:

«Nell’ultima circolare della Provincia di Francia, il Provinciale di Francia ci informa che: constatando il suo stato di sovraccarico di lavoro, anche dopo quindici giorni di riposo, ritengo impossibile che padre Laurent de Villeroché possa svolgere contemporaneamente le sue responsabilità e la preparazione della sua tesi […] ho chiesto a padre Laurent de Villeroché di dimettersi dal suo incarico di direttore della casa di Saint-Jean-Eudes. Questo entra in vigore oggi. Padre de Villeroché è nominato fino al 31 agosto 2012 membro della comunità del Beato Ancel [a Versailles]. D’ora in poi, la sua missione è quella di portare a termine la presentazione della sua tesi di dottorato in teologia e di cedere il suo incarico di economo provinciale, assumendo al contempo le sue funzioni presso l’Istituto Cattolico di Parigi».

Secondo le nostre informazioni, questo caso del 2012 presenta analogie con il caso Santier, in cui gli atti criminali con gli adulti sono stati compiuti anche nel contesto della guida spirituale. Notiamo che il trasferimento del 2012 non gli vieta nemmeno di svolgere l’accompagnamento spirituale.

Come ricorda Riposte Catholique, «il RP Pierre-Yves Pecqueux è segretario generale aggiunto della Conferenza dei religiosi di Francia (CORREF), presieduta da suor Véronique Margron, e in questa posizione dovrebbe partecipare attivamente alla lotta contro gli abusi sessuali commessi dai religiosi in Francia.

L’ex provinciale è diventato rettore del seminario maggiore di Orléans e membro dell’unità permanente della CEF per la lotta alla pedofilia, presieduta da mons. Luc Crepy, ex superiore dei Padri Eudisti, recentemente nominato cavaliere della Legione d’Onore per il suo impegno nella lotta agli abusi nella Chiesa». Laurent Tournier era quindi meno ignorante di quanto sosteneva di fronte alla stampa locale…

In seguito alla scoperta di questa vicenda, Laurent Tournier sarebbe stato rimosso dalla commissione permanente della CEF per la lotta alla pedofilia – dove era stato assunto nel 2016, quando mons. Crepy è diventato responsabile della lotta agli abusi sessuali all’interno della CEF – e il nuovo responsabile, a cui mons. Crepy ha ceduto il suo incarico quest’estate, è l’ausiliare parigino mons. Verny.

Nel 2019, un ex allievo di Laurent de Villeroché presso il collegio eudista di Saint Jean de Béthune [Saint-Jean d’Hulst, d’ora in poi, in seguito alla fusione con un istituto vicino] ha dichiarato di essere stato violentato dal suo cappellano.

Da allora, rivela una fonte vicina al caso, «altre testimonianze raccolte dai genitori degli alunni hanno riportato gli stessi fatti riguardanti Laurent de la Villeroché: voyeurismo, esibizionismo, sollecitazioni sessuali nel contesto della guida spirituale.

Insegnanti e genitori degli studenti di Saint-Jean-Hulst hanno chiesto a Luc Crepy, vescovo di Versailles, e a Pierre-Yves Pecqueux, attuale provinciale degli Eudisti, di comunicare i fatti al collegio e agli ex studenti del collegio, in modo che altre potenziali vittime potessero parlare e, soprattutto, uscire da un possibile trauma.

Su pressione della Commissione per il riconoscimento e il risarcimento (CRR), Pecqueux ha finito per emettere un comunicato piuttosto criptico, ma Crepy si è opposto, sostenendo che le vittime non avevano sporto denuncia. Ha persino convocato una riunione della direzione della scuola e ha chiesto esplicitamente che il caso non lasciasse il suo ufficio.

Era previsto che un membro della CRR si recasse allo stabilimento, ma Luc Crepy si è opposto, affermando di essere il vescovo e che quindi spettava a lui gestire la comunicazione di questa vicenda nella sua diocesi».

È stato infatti a Saint-Jean de Béthune che Luc Crepy ha compiuto gli studi secondari – è stato intervistato dall’Associazione Alunni l’8 marzo 2016, un anno dopo la sua nomina a Le Puy.

Una cosa tira l’altra, nota la nostra fonte, «si sono persi quasi tre anni, e alla fine l’indagine canonica è iniziata davvero solo quest’estate – ci si chiede chi gli abbia fatto perdere così tanto tempo, visto che secondo la comunicazione ufficiale la segnalazione alla Congregazione della Fede è stata fatta già nel 2019 e la denuncia dell’ex studente al tribunale penale». E ha esclamato: «per fortuna che mons. Crepy era allora responsabile della CEF per la lotta alla pedofilia, altrimenti che cosa sarebbe!».

Luc Crepy, Eudista

Dotato, come notava il media ponziano Zoomdici il 7 febbraio 2021, alla vigilia della sua partenza per la sede di Versailles, di una «incrollabile fedeltà agli Eudisti, il suo ordine d’origine», Luc Crepy, nato a Lille, con un dottorato in biologia vegetale (1976-83), ha studiato a Saint-Jean de Béthune, ed è stato ordinato sacerdote il 21 maggio 1989 a Parigi, per gli Eudisti, con i quali ha fatto la professione religiosa il 10 dicembre 1988.

«A Saint-Jean-de-Béthune, frequentò la cappellania gestita dagli Eudisti, in particolare un giovane e dinamico sacerdote: Michel Dubost. Michel Dubost ha visto nel profilo scientifico di Luc Crepy l’anima di un sacerdote. Studiò biologia vegetale – era un esperto di fagioli – e si chiese se non avrebbe aderito alla Missione di Francia, ma alla fine furono gli eudisti a conquistarlo», osserva Golias nel suo Trombinoscopio (2022).

Dal 1989 al 1995 ha iniziato il suo ministero parrocchiale come parroco del settore pastorale di Brétigny-sur-Orge nella diocesi di Évry-Corbeil-Essonnes.

Dal 1990 al 2011 si è specializzato in teologia morale – ha ottenuto la licenza canonica nel 1990 – e l’ha insegnata all’Institut catholique de Paris.

Dal 2001 al 2007 è stato nominato provinciale di Francia-Africa al servizio dei confratelli eudisti ed è stato presidente della Conferenza dei Superiori Maggiori di Francia.

Si è poi trovato – come ricordato nella nostra lettera 890 – a risolvere l’oscura storia del seminario per anziani di Vienne-Estressin – in particolare il caso Ribes, riemerso all’inizio del 2022, con le sue 70 vittime ancora in vita nelle tre diocesi di Grenoble, Lione – di nuovo – e Saint-Étienne.

«Lo stesso Luc Crepy spiega il processo di chiusura del seminario maggiore di Vienne-Estressin, che ovviamente ha seguito da vicino, in un opuscolo intitolato “Diventare sacerdote quando non si ha la maturità”, pubblicato nel 2007: “Nel 2003, ce n’erano solo sei. Come possiamo mantenere un team di quattro formatori e far quadrare il bilancio? Come si può sostenere una comunità così piccola? Sono state studiate diverse possibilità. Di fronte al pressante desiderio di diversi vescovi e responsabili delle vocazioni di mantenere tale proposta, mons. Dufaux, allora vescovo di Grenoble, chiese ai vescovi fondatori del seminario interdiocesano di Orléans di ospitare il seminario maggiore. Il caso volle che gli Eudisti fossero responsabili di entrambi i seminari… La decisione fu presa. Nel settembre 2003, l’ultimo seminario superiore in Francia ha cambiato indirizzo e ha continuato la sua missione a Orleans. Ha preso il nome di “Communauté Notre-Dame du Chemin” (CNDC), un nome evocativo dell’itinerario proposto… […] Seguendo il seminario maggiore di Vienne, la comunità Notre-Dame du Chemin cerca di offrire, in un anno accademico, i mezzi per permettere ai giovani adulti di verificare la loro capacità di entrare in seminario, anche se non hanno seguito molti studi”.

Tuttavia, il seminario di Vienne si sta muovendo con la sua leggenda nera. Dalla seconda metà degli anni Duemila, il clero di Orléans sapeva, attraverso indiscrezioni, che il seminario di Vienne aveva avuto molti problemi con l’omosessualità e che i seminaristi che non ne erano usciti avevano la fama di non avere una vocazione. Peggio ancora, che alcuni dei suoi insegnanti storici hanno abusato di bambini. Il trasferimento del seminario – con i suoi archivi, a lungo conservati nella soffitta di un edificio diocesano semiabbandonato non lontano dalla cattedrale? – ha liberato anche la diocesi di Grenoble da un passato doloroso che non deve riemergere».

Dal 2005 al 2007 è stato cappellano del carcere di Fleury-Mérogis. Dal 2006 al 2008 è stato Commissario Pontificio per la provincia di Francia e Svizzera delle Figlie del Cuore di Maria.

«Eletto provinciale degli Eudisti per la Francia e l’Europa, Luc Crepy dirige contemporaneamente l’antenato di quello che diventerà la CORREF, lavora con i prigionieri a Fleury-Mérogis e poi riprende il suo incarico di rettore del seminario di Orléans. È un buon soldato che non rifiuta nessuna missione», osserva Golias, che ritiene di essere stato nominato a Versailles per «ripulire la diocesi e porre fine alla morale sospetta (per Roma) del suo predecessore».

Nel 2012 è stato eletto vicario generale della Congregazione di Gesù e Maria a Roma, dove ha lavorato per il riconoscimento di San Giovanni Eudes come dottore della Chiesa. Insegna alla Pontificia Università Gregoriana, presso il Centre Saint-Pierre-Favre, nella formazione dei formatori alla vita sacerdotale e religiosa.

Il 12 febbraio 2015 è stato nominato vescovo di Le Puy-en-Velay da Papa Francesco. Ha ricevuto la consacrazione episcopale il 12 aprile 2015 nella cattedrale di Notre-Dame du Puy, nella Domenica della Divina Misericordia, da Hippolyte Simon, assistito da François Kalist e Michel Dubost. «Durante questo episcopato, ha ereditato la commissione incaricata dalla CEF di monitorare gli abusi. Sa tutto quello che può su ogni tipo di abuso clericale coperto dalla gerarchia; incontra anche le vittime, alcune delle quali – comprensibilmente violente – lo terrorizzano volontariamente. Luc Crepy non ha brillato come presidente di questa commissione, né l’ha sognata di notte… Tuttavia, ha capito subito che la Chiesa in Francia non sarebbe riuscita a uscire da questa situazione con mezze misure. Quando è stato pubblicato il rapporto Sauvé, è stato uno di quelli che ha sostenuto decisioni energiche e simboliche», osserva Golias – ma i genitori degli alunni di Saint-Jean d’Hulst sono stati abbandonati a loro stessi.

Il 6 febbraio 2021 è stato nominato vescovo di Versailles da Papa Francesco. È stato insediato l’11 aprile 2021 nella cattedrale di Saint-Louis de Versailles alla presenza dell’arcivescovo di Parigi, Michel Aupetit. Probabilmente ha beneficiato del sostegno del suo mentore, Michel Dubost, che è diventato, secondo Golias, «uno dei due francesi che ha l’orecchio di Papa [Francesco]», per raggiungere questa prestigiosa sede, a capo della «diocesi più clericale di Francia», come si rammarica Christian Terras, ma anche di una delle più ricche e una delle poche che ha ancora vocazioni: «Eudista emerito di Evry-Corbeil-Essonne e che ha assunto l’amministrazione apostolica di Lione, Caienna e dei Foyer de Charité».

Gli Eudisti, una congregazione in grande declino

A settembre, il quotidiano quebecchese Le Soleil ha dedicato un lungo articolo alla vendita della casa madre degli Eudisti a Quebec City – un edificio storico che sarebbe stato trasformato in abitazioni, con la suddivisione del parco.

«Abbiamo parlato con Normand Martin, l’economo provinciale della congregazione. Non è un sacerdote o un padre. In passato era chiamato “fratello”, ora è chiamato “socio”.

Lo abbiamo incontrato nella nuova casa degli Eudisti a Quebec City; si sono trasferiti in una nuova residenza privata per anziani costruita dietro la chiesa di Très-Saint-Sacrement, nell’Haute-Ville.

Egli stesso è stato educato nelle scuole eudiste di New Brunswick prima di aderire nel 1961. Gli “anni belli”. Avevamo 80 anni. All’epoca, la comunità religiosa si occupava delle parrocchie della North Shore, del Saguenay, del Basso San Lorenzo. E aveva scuole a Gatineau, Halifax, Quebec, Montreal e due nel New Brunswick. Anche uno a Buffalo».

Oggi a Quebec City ce ne sono solo 19, di cui cinque in infermeria, molto anziani. «Oltre agli Eudisti di Quebec City, ne conta 4 a Montreal e 1 a Gatineau. E aggiunge: 5 nel New Brunswick, 10 negli Stati Uniti, 7 nelle Filippine, 1 in Venezuela… In Francia, nel 1994, c’erano ancora 191 eudisti francesi, e nel 2016 ce ne sono 54», mentre il loro numero continua a crescere – leggermente – in Africa.

In Francia, oggi vivono in otto piccole comunità (Caen, Cosne-sur-Loire, Orléans, Parigi, Rennes, Saint-Léonard-de-Noblat, Saint-Malo, Versailles), di cui 10 a Saint-Malo-Paramé, che raggruppa i padri anziani, e 8 a Parigi.

Hanno ancora alcune parrocchie – tra cui Saint-Marceau a Orléans, a sud del centro della città, dove officiava padre Laurent de Villeroché – e un seminario – quello di Orléans, anche se storicamente fanno parte anche dell’équipe didattica del seminario di Rennes – il cui superiore dal 2009, Jean-Yves Amouriaux, specialista di Saint-Jean Eudes, è stato nominato superiore generale degli eudisti nel 2017, ed è stato prorogato nel 2022 per altri cinque anni.

Hanno anche tre scuole sotto la loro supervisione: Saint-Jean d’Hulst, a Versailles, con 3.000 alunni, dove si sono svolti i fatti di cui è accusato padre Laurent de Villeroché, Saint-Martin, nel cuore di Rennes (2.200 alunni su due sedi) e il Bon Sauveur a Le Vésinet (1.600 alunni), dove sono responsabili della cappellania. E un centro spirituale a La Roche du Theil, nella diocesi di Rennes, vicino a Bains-sur-Oust – acquistata dagli Eudisti nel 1842, questa proprietà è diventata un noviziato nel 1854, con la costruzione dell’edificio attuale e della sua cappella, e oggi ospita meditazioni e un centro di convalescenza.

Ciononostante, gli eudisti si ritirarono da molti luoghi – gli eudisti furono responsabili del Collège Saint-Sauveur di Redon fino al 1977 – l’ultimo direttore eudista fu André Lacau, che morì nel 2016 e insegnò al Collège Sainte-Marie di Caen, ha accompagnato i pellegrini al santuario di Douvres-la-Délivrande, nella piana di Caen, fino al 2016, ha avuto una grande comunità nella parrocchia dello Spirito Santo a Parigi fino al 2013, ha avuto una casa di riposo a Plancoët in una ex casa di riposo fino al 2000.

L’eudista Michel Cancouët, morto il 10 dicembre 2013, ha insegnato teologia nel seminario di Caen dal 1978 al 1992 – chiuso dal 2015 – e poi a Rennes e Vannes fino al 2006, intervenendo anche come formatore alla scuola della fede di Coutances, di cui il vescovo Santier era allora direttore.

Il 15 gennaio 2018, ICI Radio Canada ha pubblicato un articolo su una denuncia presentata da un ex studente del collegio eudista di Bathurst, che allora si chiamava Université du Sacré-Cœur, e dalla diocesi di Bathurst, New Brunswick, per fatti risalenti al 1953, per i quali sono stati accusati PP Roy e Methot.

Non ci sono state notizie successive su questo caso. Tuttavia, in Canada non c’è prescrizione per gli abusi sessuali, come in Francia, e le diocesi possono essere ritenute responsabili per le accuse contro una comunità religiosa. La diocesi di Bathurst ha risarcito più di 80 vittime di abusi nel 2015 – 5,5 milioni di dollari canadesi, in vari casi, e 1,5 milioni di dollari ad altre vittime che si sono rivolte al tribunale, prima di rivoltarsi contro il suo assicuratore e lottare per recuperare parte del denaro nel 2019, con l’assicuratore Aviva che si è rifiutato di pagare sulla base del fatto che la diocesi ha protetto gli abusatori per decenni.

Orléans, l’ultimo seminario eudista francese

Abbiamo visto sopra che Laurent Tournier, rettore del seminario maggiore di Orléans, ha dichiarato alla stampa locale di non essere a conoscenza dei fatti di cui è accusato Laurent de Villeroché, anche se lui stesso lo aveva trasferito da Parigi a Versailles in seguito a un precedente del 2012, quando era provinciale degli Eudisti. Eudista dal 29 novembre 1997, è stato ordinato sacerdote il 1º giugno 1998 e ha ricoperto il ruolo di provinciale eudista di Francia dal 2010 al 2016 – chiudendo tre delle dieci comunità eudiste in Francia nel 2012.

Luc Crepy ha diretto lo stesso seminario interdiocesano di Orléans dal 1995 al 2001 e dal 2007 al 2012.

In mezzo, troviamo un terzo uomo – vicino a Luc Crepy: Pierre-Yves Pecqueux – che è stato superiore del seminario di Orléans nel 2005, e di nuovo nel 2013 – in questa veste, fa parte di una delegazione della CEF che è partita dal 3 al 14 luglio per l’Africa centrale, elencata da La Croix.

Attualmente è superiore della Provincia Eudista di Francia, dal 2020. Dal 2019 è segretario generale aggiunto della Conferenza dei religiosi e delle religiose di Francia (CORREF), una delle cui missioni è… lottare contro gli abusi sessuali da parte del clero – i risarcimenti per le vittime sono tuttavia esaminati e decisi dalla CRR.

Nato a Boulogne sur Mer il 21 aprile 1948 e ordinato sacerdote della Congregazione Eudista il 15 maggio 1977, laureato in teologia, è stato Direttore del Servizio Nazionale per la Missione Universale della Chiesa e Direttore Nazionale delle Pontificie Opere Missionarie dal 2007 al 2012 – dopo essere stato avvicinato nel 2007 per diventare Vescovo Ausiliare a Poitiers, è stato in precedenza Superiore del Seminario di Orleans e Bangui e Direttore della Delegazione Cattolica per la Cooperazione e della Cappellania Generale dei Francesi all’Estero. Nel 2013 è stato nominato per tre anni vice segretario del CEF.

È stato anche molto impegnato con gli Scout di Francia e poi con gli Scout e le Guide di Francia per 30 anni (cappellano nazionale, amministratore, ecc.). Padre Pierre-Yves Pecqueux è stato direttore dell’ufficio di coordinamento dello Scoutismo cattolico di Francia per l’Africa e il Madagascar dal 1971 al 1973 (Buliam) ad Abidjan. Il suo master in teologia, conseguito presso l’ICP nel 1994, aveva come tema «scoutismo e sviluppo». Nel 2004 è stato cappellano nazionale degli Scout e delle Guide di Francia. Nel novembre 2013, il Consiglio di amministrazione degli Scouts et Guides de France ha nominato membri onorari degli Scouts et Guides de France alcune persone coinvolte nel movimento, tra cui Pierre-Yves Pecqueux.

Nel 2005, mentre Pierre-Yves Pecqueux era superiore del seminario di Orléans, arrivò un’istruzione da Roma che escludeva dall’ordinazione sacerdotale i candidati con tendenze omosessuali. Il testo afferma che coloro che «praticano l’omosessualità, hanno tendenze omosessuali profondamente radicate e sostengono la cosiddetta cultura gay» non possono essere ordinati sacerdoti.

La Vie ha poi scritto un articolo molto critico, fingendo di non capire la decisione romana: «Era quindi possibile, fino ad ora, che un uomo di orientamento omosessuale diventasse sacerdote, dal momento che si impegnava a una rigorosa castità. In questo caso, la sua situazione non è diversa da quella di un sacerdote eterosessuale, che deve rimanere casto. D’ora in poi, un seminarista con tendenze omosessuali, anche se ritiene di poterle controllare, non potrà essere ordinato».

La Vie fornisce il contesto: «Perché il Vaticano colpisce così duramente? Negli ultimi anni, una serie di scandali ha scosso l’istituzione. In Polonia e dall’altra parte dell’Atlantico, alcuni vescovi hanno dovuto dimettersi dopo che sono state rivelate le loro relazioni con uomini. Negli Stati Uniti, un’ispezione dei seminari è stata avviata dalle lamentele dei vescovi, secondo i quali una sottocultura gay stava prendendo il sopravvento in molti centri di formazione, scoraggiando presumibilmente gli eterosessuali dall’entrare negli ordini. In Austria, nel 2004, il seminario di Sankt Pölten […] è stato chiuso, dopo le rivelazioni sui rapporti tra il superiore e i suoi seminaristi».

Anche Pierre-Yves Pecqueux, all’epoca superiore del seminario di Orléans, era molto critico nei confronti dell’iniziativa romana. Una posizione condivisa da padre Pierre-Yves Pecqueux, superiore del seminario interdiocesano di Orléans: «Escludere automaticamente un candidato perché si viene a sapere che è omosessuale sarebbe una sanzione. Non ho mai dovuto dire a un candidato che dovrebbe rinunciare perché è gay. D’altra parte, ricordo un ragazzo che, dopo l’invito a essere chiari, ha preferito fermarsi». Questo professionista è piuttosto arrabbiato: «Questo testo getta sospetti sulle nostre istituzioni. In Francia non esiste una sottocultura gay nei seminari. Queste nuove misure non contribuiranno a colmarle. I seminaristi che si preoccupano dell’omosessualità si ritrovano all’improvviso ad essere individuati».

Durante l’inchiesta scritta in preparazione alla nomina di mons. Luc Crepy a vescovo di Le Puy-en-Velay, l’allora Nunzio Apostolico Luigi Ventura, secondo le nostre informazioni, chiese a uno dei suoi contatti: «È vero che il RP Luc Crepy, eudista, ha favorito l’ordinazione sacerdotale di seminaristi omosessuali quando era rettore del seminario interdiocesano di Orléans?».

Un caso in particolare solleva delle domande. Quella di Matthieu Jasseron, nato a Clamart nel 1984, ex impiegato notarile ordinato nel 2019 per la diocesi di Sens-Auxerre, la prima ordinazione in otto anni in questa diocesi in grande declino, che poi afferma «di aver voluto dare un senso alla sua vita». Formatosi presso il seminario di Orléans, è entrato nel 2013 e ha celebrato la sua ammissione al 4º anno nel 2017 sul blog del seminario. Nominato parroco di Joigny-Migennes, è noto per il suo attivismo sul social network TikTok, frequentato soprattutto da adolescenti.

Nel luglio 2021, ha dichiarato senza mezzi termini che «in nessuna parte della Bibbia o del catechismo della Chiesa cattolica, cioè dell’intera tradizione, è scritto che essere omosessuali o praticare l’omosessualità è un peccato». Il video ha suscitato uno scandalo, tanto che la sua diocesi e la CEF si sono occupate della questione – con molta delicatezza.

Da allora, ha affermato che il diavolo non esiste (luglio 2022), ha sostenuto la benedizione delle coppie omosessuali in Belgio, ha mostrato una suora sconveniente in uno dei suoi video (sempre nel luglio 2022) e molte altre provocazioni – il suo account ha superato il milione di abbonati nel maggio 2022. Quante conversioni? Tanto che un sito di risposta cattolica è stato creato da fedeli arrabbiati per ricordare loro la posizione della Chiesa sugli argomenti che egli (s)affronta: perematthieu.com.

La diocesi di Sens ha rinunciato a sanzionarlo. La diocesi di Sens-Auxerre, che è così a corto di sacerdoti che il suo vescovo è stato costretto ad assumere una parrocchia nella regione dell’Auxerrois dopo il pensionamento all’età di 80 anni del suo titolare, che è stato molto attivo nel silurare l’istituzione della FSSP a Pontigny.

1 commento:

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione