Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

lunedì 26 settembre 2022

NOSTRE INFORMAZIONI di mons. Eleuterio Favella: il Rescritto «Magna italorum»

Per tramite del suo segretario diacono Ambrogio Fidato e per via diplomatica attraverso il Cancelliere Don Pietro Zecchini, abbiamo ricevuto la seguente informazione ex Aedibus da S.E.R. Mons. Eleuterio Favella, per grazia di Dio e della Sede Apostolica Arcivescovo di Synossi in partibus, Assistente al Sacro Soglio e Giudice Ordinario della Curia Romana e suo Distretto, nonché Abate Commendatario di Santa Cecilia in Urbe.
La comunicazione segue alla notizia della mancata conferma in Parlamento della dott. Emma Bonino, attivista abortista che nel febbraio 2016 Papa Francesco definì «grande dell’Italia di oggi».
Grati a Sua Eccellenza Reverendissima per il rinnovato privilegio della sua considerazione nel volerci segnalare alcuni documenti che altrimenti passerebbero inosservati o non verrebbero evidenziati come dovrebbero ed inginocchiati al bacio dell’anello, ci professiamo imperituramente suoi servitori umilissimi et figli devoti in Cristo, e imploriamo la sua augusta benedizione.

L.V.

NOSTRE INFORMAZIONI

La Prefettura della Casa Pontificia ha reso noto, con comunicazione diramata questo pomeriggio dalla Sala Stampa della S. Sede, che il S. Padre, appresa della mancata elezione dell’On.le Emma Bonino al Parlamento italiano, ha vergato di suo pugno il Rescr. «Magna italorum» con cui ha assegnato alla predetta sig.ra Bonino la Rosa d’Oro, per gli altissimi meriti cristiani annoverati in tanti anni di impegno politico, sociale ed istituzionale soprattutto in favore della maternità e della difesa della vita nascente, nominandone latore S.E.R. mons. Vincenzo Paglia, presidente della Pont. Acc. per la Morte, che la consegnerà alla destinataria presso il Santuario della Mater Bonini Consilii in Roma, alla Via di Torre Argentina n. 76, il 29 corrente, festa di S. Michele arcangelo.

3 commenti:

  1. La grande italiana .....adesso avrà tanto tempo libero, da riempire in qualche modo.Spero ci sia nella Chiesa qualcuno che si preoccupi della salvezza della sua anima.La signora è in età avanzata e di salute cagionevole.Perché non provare un salvataggio in extremis ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento, quindi è costruttivo e “di spessore”?

      Elimina
  2. Mah,quando il potere li ha inebriati e' molto difficile che si facciano da parte, restano sempre lì che vagolano quatti quatti nell'aia. Mi par di avere letto,in illo tempore, che la Pivetti aveva lì, sul monte degli dei, il suo studio, e chissa' quanti altri ce lo avranno. Senza contare i varii senatori e senatorelli in modo da restar lì fino alla tomba. Mi risulta che solo Cincinnato si sia fatto da parte, tornando ad arare i suoi campi.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione