Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

martedì 22 marzo 2022

BREAKING NEWS: in anteprima il probabile testo della Consacrazione della Russia al Cuore Immacolato di Maria

Per quanto ci risulta, questo dovrebbe essere il testo (molto probabilmente quello definitivo in inglese) dell'Atto di Consacrazione della Russia e dell'Ucrainia al Cuore Immacolato di Maria, che sarà pregato dal Papa nella Basilica di S. Pietro (e da tutti i vescovi del mondo) il giorno 25 marzo 2022 alle 18.30 circa, al termine della Celebrazione della Penitenza delle 17:00 (si veda L'Osservatore Romano sotto). 
Qui il testo in italiano, tradotto da ACI stampa 
Oremus!
 AGGIORNAMENTO: ora c’è anche la lettera in italiano: qui sotto (e ancora sotto il testo dell'Atto di consacrazione). 

  
sotto, il testo in inglese:



Qui di seguito il testo dell'Atto di Consacrazione:




 


3 commenti:

  1. In inglese? Non vale niente. Che senso ha fare una consacrazione a Maria adoperando la lingua di cui oggidì si serve abitualmente il principe di questo mondo, suo arcinemico? La Chiesa dev'essere alternativa al mondo in tutto, anche nella lingua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto! Io imporrei l’aramaico come unica lingua permessa in chiesa.

      Elimina
  2. Ammesso e non concesso che il pontefice utilizzi la lingua inglese (il che mi pare improbabile), faccio notare che se è la lingua "che serve abitualmente il principe di questo mondo", il latino era la lingua di Pilato, Nerone e Diocleziano. Come ha scritto Guareschi, che certo non era un modernista, Dio non è così ignorante da capire solo il latino.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione