Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

mercoledì 26 gennaio 2022

Preghiera (ecologista) all'italiana

Non di rado la commedia all'italiana ha fotografato, insieme ai vizi e virtù del bel Paese, anche certe derive in seno alla Chiesa. Alla fine del film L'ingorgo di Luigi Comencini (1979), un prete chiamato ad assistere un moribondo improvvisa una preghiera che sembra riassumere tante parole d'ordine del clero odierno. QUI il link diretto alla scena.


Salvaci o Signore,
salvaci dalla plastica
salvaci dalle scorie radioattive
salvaci dalla politica di potere
salvaci dalle multinazionali
salvaci dalla ragione di stato
salvaci dalle parate, dalle uniformi e dalle marce militari
salvaci dal disprezzo per il più debole
salvaci dal mito dell'efficienza e della produttività
salvaci dai falsi moralismi
salvaci dalle menzogne della propaganda.
Rispettate la natura, amate la vita
congiungetevi carnalmente nel rispetto del prossimo
fornicare non è peccato soprattutto l'amore. Amen.


(a partire da 1:40:41)


6 commenti:

  1. Ma chi lo vorrebbe un prete simile? E purtroppo ce ne sono..

    RispondiElimina
  2. Fosse oggi quel prete avrebbe detto "dai farmaci delle multinazionali"

    RispondiElimina
  3. Comencini aveva cominciato già nel 70' con "La moglie del prete" a dare una idea della crisi del sacerdozio di quegli anni.

    RispondiElimina
  4. Quindi, pure di far caciara, siete arrivati ad ispirarvi ad oscuri film degli anni '70?

    RispondiElimina
  5. Non posso modificare il commento ma devo correggere un errore che mi è stato fatto notare: il film "La moglie del prete" è di Risi e non di Comencini, ricordavo male, anni che non vedo più questo genere. Quei film certamente erano molto smaliziati ma riportavano anche interessanti riflessioni e uno spaccato lucido oltre i giudizi di quello che si stava preannunciando in tutta la società.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione