Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

giovedì 9 dicembre 2021

Nuovo e-book gratuito: una nuova Storia della Chiesa

«[l'apostolato] non consiste soltanto nella testimonianza della vita; il vero apostolo cerca le occasioni per annunziare Cristo con la parola sia ai non credenti per condurli alla fede, sia ai fedeli per istruirli, confermarli ed indurli ad una vita più fervente; "poiché l'amore di Cristo ci sospinge" (2 Cor 5,14) e nel cuore di tutti devono echeggiare le parole dell'Apostolo: "Guai a me se non annunciassi il Vangelo" (1 Cor 9,16)» 
(Apostolicam actuositatem).

Riceviamo e pubblichiamo.
Luigi

Il nuovo e-book e' scaricabile, gratuitamente dal sito dei libri: http://www.totustuus.cloud/

Storia della Chiesa
di Alberto Torresani

La presente edizione è stata donata dall’autore ai lettori di totustuus.it nell’ottobre del 2021.
Ricordiamo che il prof. Torresani aveva già donato un “Corso di storia” per licei presente nelle https://www.paginecattoliche.it/?s=torresani.
La presente “Storia della Chiesa” è diversamente strutturata e ampliata rispetto a quella pubblicata dalle edizioni di Ares.
Le fonti utilizzate non seguono un criterio devozionale o apologetico, ma scientifico.
Così, lo sguardo sulle epoche differisce da quello, ad esempio, della monumentale Storia della Chiesa del Cardinale Hergenrother (in questo stesso sito: https://www.totustuus.cloud/prodotto/card-hergenrother-storia-universale-della-chiesa-8-voll/ ).

Nel complesso, si tratta di un utile strumento per il laicato di età adulta, più abituato a riflettere per fare poi opera di apostolato e missionaria.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione