Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

venerdì 10 settembre 2021

LETTERA AI CATTOLICI DI TUTTO IL MONDO #traditionisCustodes

Chi di voi, se suo figlio gli chiede del pane, gli darà una pietra? (Mt 7, 9)



    Cari fratelli e sorelle in Cristo,

è  con grande tristezza che abbiamo appreso della decisione di Papa Francesco di abrogare le principali disposizioni del Motu Proprio Summorum Pontificum promulgato da Papa Benedetto XVI il 7 luglio 2007. Dopo decenni di divisioni e litigi, quel Motu Proprio è stato per tutti i fedeli cattolici un'opera di pace e riconciliazione.

Roma viola la parola data da Papa Benedetto XVI, con brutalità e intransigenza, ben lungi dall'accoglienza fraterna di cui tanto si parla.

La volontà espressa nel Motu Proprio Traditionis Custodes del 16 luglio 2021 è quella di far scomparire dalla Chiesa la celebrazione della Messa di San Pio V. Questa decisione ci provoca profonda costernazione. Come comprendere questa rottura con il Messale tradizionale, realizzazione “venerabile e antica” della “legge della fede”, che ha santificato tanti popoli, tanti missionari e ha contribuito a fare tanti santi? Che male fanno i fedeli che semplicemente desiderano pregare come hanno fatto per secoli i loro genitori e i loro avi? Come ignorare che la Messa tridentina oggi converte moltissime anime, attira assemblee giovani e ferventi, suscita tantissime vocazioni, ha dato origine a seminari, comunità religiose, monasteri, e che è la spina dorsale di innumerevoli scuole, opere giovanili, catechesi, ritiri spirituali, pellegrinaggi?

Molti di voi, fratelli cattolici, sacerdoti, vescovi, avete condiviso con noi la vostra incomprensione e il vostro profondo dolore: grazie per le vostre numerose testimonianze di sostegno.

Promuovere la pace della Chiesa per costruire l'unità nella carità, ma anche portare i cattolici a riconnettersi con un'eredità che è loro propria, facendo scoprire al maggior numero possibile di persone le ricchezze della tradizione liturgica, tesoro della Chiesa, tali sono stati gli obiettivi perseguiti da Summorum Pontificum. Il Papa emerito Benedetto XVI vede ora la sua opera di riconciliazione rovinata durante la sua vita.

In un'epoca di materialismo e lacerata dalle divisioni sociali e culturali, la pace liturgica ci appare come una necessità assoluta per preservare la fede e la vita spirituale dei cattolici in un mondo che muore di sete. La drastica restrizione dell'autorizzazione a celebrare la messa nella sua forma tradizionale riaccende la diffidenza, il dubbio, l'incomprensione, e preannuncia il ritorno di una disputa litugica che è straziante per il popolo cristiano.

Qui lo affermiamo solennemente, davanti a Dio e agli uomini: non permetteremo a nessuno di privare i fedeli di questo tesoro, che è anzitutto un tesoro della Chiesa. Non rimarremo inattivi di fronte al soffocamento spirituale delle vocazioni nei seminari tradizionali, ora preparato dal Motu proprio Traditionis Custodes. Non priveremo i nostri figli di questo mezzo privilegiato di trasmissione della fede che è la fedeltà alla liturgia tradizionale.

Chiediamo dunque a Papa Francesco, quali figli al loro padre, di revocare la sua decisione e di voler abrogare Traditionis Custodes, ripristinando in tale modo la piena libertà di celebrare la Messa tridentina, per la gloria di Dio e il bene dei fedeli. Del pane anziché delle pietre.


L’8 settembre 2021, nella festa della Natività della Beata Vergine Maria.






Président AGRIF

Bernard

Antony

Forumcatholique

Xavier

Arnaud

Président Academia Christiana

Victor

Aubert

ND de Kabylie

Moh-Christophe

Bilek

Président Fondation de Service politique

François

Billot de Lochner

DG de SOS Chrétiens d'Orient

Benjamin

Blanchard

Journaliste et écrivain

Anne

Brassié

Historien d'art

Jacques

Charles-Gaffiot

Professeur agrégé de philosophie

Thibaud

Collin

Journaliste

Laurent

Dandrieu

Journaliste - Directeur de Blog

Yves

Daoudal

Journaliste et essayiste

Michel

De Jaeghere

Haut fonctionnaire Ecrivain

Pierre

de Lauzun

President International Commission of Military History

Massimo

de Leonardis

Ancien pdt du CNR

Roberto

de Mattei

Président de SOS Chrétiens d'Orient

Charles

de Meyer

Président de ND de Chrétienté

Jean

de Tauriers

Editeur de presse

Guillaume

de Thieulloy

Ancien ministre, écrivain

Philippe

de Villiers

Docteur enDroit

Marie-Pauline

Deswarte

Docteur enChimie

Stéphane

Deswarte

Docteur en droit, licencié en droit canonique

Cyrille

Dounot

The European Conservative

Alvino-Mario

Fantini

Professeur des universités

Claude

Goyard

Avocat

Max

Guazzini

Summorum Pontificum Freiburg

Michael

Hageböck

Life Site News

Maike

Hickson

Ecrivain

Robert

Hickson

Ancien pdt de la Diète de Pologne

Marek

Jurek

Ecrivain

Peter

Kwasnieswki

ULB Paris Assas

Philippe

Lauvaux

Journaliste

Anne

Le Pape

Président de Paix Liturgique

Christian

Marquant

The Remnant

Michael

Matt

Renaissance Catholique

Jean-Pierre

Maugendre

Rédacteur en Chef de L'HommeNouveau

Philippe

Maxence

Christianitas

Paweł

Milcarek

Journaliste

Jean-Marie

Molitor

Ecrivain

Martin

Mosebach

Docteur en Droit

Hugues

Petit

Docteur en Droit

Philippe

Pichot-Bravard

Docteur en Droit

Jean-Baptiste

Pierchon

Vice-Président de ND de Chrétienté

Hervé

Rolland

Historien

Reynald

Secher

Journaliste, Historien, Ecrivain

Jean

Sévillia

Ecrivain, compositeur, chercheur

Henri

Sire

Journaliste - Directrice de Blog

Jeanne

Smits

Avocat

Jérôme

Triomphe

 

5 commenti:

  1. "Chiedere a Papa Francesco" è perfettamente inutile, e lo sanno bene. Inoltre la cosiddetta "pacificazione liturgica", una chimera portata avanti dall'ex Papa Benedetto XVI e anche dall'AGRIF, non sarebbe mai potuta avvenire.
    Il 'merito' di Papa Bergoglio è almeno quello di averlo mostrato chiaramente: c'è guerra aperta tra i due Riti, il Vetus ed il novus Ordo, e non potrebbe essere altrimenti, visto che il novus ordo è solo una scopiazzatura del rito anglicano protestante inventato dall'eretico Thomas Cranmer nel XVI secolo.
    Che si mettano il cuore in pace, quelli dell'AGRIF, e accettino questa salutare, anche se dura, 'sveglia' che ha data loro Papa Bergoglio.
    don Andrea Mancinella

    RispondiElimina
  2. P.S.: ovviamente non mi riferivo solo all'AGRIF, ma anche agli altri firmatari di questa lettera.
    don Andrea Mancinella

    RispondiElimina
  3. A me invece la lettera sembra ottima, per il tono e per la sostanza. § E sottoscrivo le parole di Joseph Shaw, qui: http://www.lmschairman.org/2021/09/statement-of-religious-superiors-and.html.

    RispondiElimina
  4. Don Massimo Palombella nominato Maestro di Cappella Del Duomo di Milano!! Vergogna!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.