Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

mercoledì 29 settembre 2021

Christian Marquant. Intervista sulla situazione del cattolicesimo in Francia per illuminare il Nunzio #traditioniscustodes

Pubblichiamo un'interessante intervista all'amico Christian Marquant, da parte di Paix Liturgique, sulle ultime tragiche vicende interne alla Chiesa.
Luigi

Paix liturgique: Caro Christian, si ha l'impressione che i pastori della Chiesa non comprendano la realtà del mondo tradizionale, soprattutto in Francia.

Christian Marquant: In effetti. Mi sembra che le turbolenze e le decisioni attuali siano basate sull'ignoranza, almeno su una grande ignoranza inconsapevole, o forse talvolta cosciente, della storia e della realtà del mondo tradizionale in Francia. Almeno in massima parte, perché alcuni vescovi si sono sforzati, e alcuni oggi cominciano a fare lo sforzo pastorale per capire.

Paix liturgique: cosa intendi con questo?

Christian Marquant: 60 anni fa, la Francia poteva dirsi un Paese cattolico. L'80% dei bambini francesi è stato battezzato e la grande maggioranza ha frequentato il catechismo fino alla comunione solenne, dove ha acquisito gli elementi fondamentali della vita religiosa. A quel tempo rare erano le unioni che non si celebravano in chiesa (che poi non impedivano i divorzi), e ancor più rari erano i defunti che non passavano nella casa di Dio per un'ultima visita. Questi erano i famosi quattro passaggi obbligatori in chiesa: battesimo, comunione, matrimonio, sepoltura.

Paix liturgique: Ma non durò...

Christian Marquant: Proprio perché è sorto il Concilio e il suo famoso "spirito" che, in meno di 10 anni, ha messo sottosopra l'intero mondo cattolico francese senza che la stragrande maggioranza dei fedeli lo comprendesse e vi aderisse… Guillaume Cuchet, in Come il nostro mondo ha cessato di essere cristiano (Seuil, 2018), che ha appena pubblicato un altro libro, Le catholicisme a-il encore de futur en France? (Seuil, 2021), colloca il grande cambiamento nel 1965, alla fine del Vaticano II e all'inizio dell'attuazione della sua riforma liturgica: fu in questo momento che le chiese cominciarono a svuotarsi e che un'intera generazione di figli di i cattolici praticanti hanno smesso di praticare. Certo, i fautori della novità non usavano, a dir poco, una grande pedagogia. Molto elitario, disprezzavano questo piccolo popolo che non capiva nulla di riforme, che voleva statue nelle chiese, che era riluttante alla "messa protestante" davanti al pubblico, che soffriva di prediche politicizzate o piene di nuove dottrine, eccetera. E quindi la gente se ne andò in punta di piedi. Oppure, sbattendo forte la porta per recarsi nei luoghi dove si celebrava ancora la messa in latino e dove si insegnava il catechismo cattolico.


Paix liturgique: Ma i chierici riformatori avevano certamente una spiegazione da dare a questo fenomeno di disincanto?

Christian Marquant: L' hanno spiegato a modo loro: è stato un naturale cambiamento sociologico, un'evoluzione inevitabile della società che era fondamentalmente molto religiosa nonostante tutto. O ancora, sostenevano che le riforme non erano state sufficientemente spiegate, mentre passavano il loro tempo a farlo inesauribilmente. In effetti, hanno negato fin dall'inizio l'evidente fallimento pastorale. In breve, stavano giocando allo struzzo

Paix liturgique: Ma non avrebbero potuto prendere la misura di questa frattura?

Christian Marquant: Ovviamente e hanno avuto molte opportunità. Questo ti sembrerà remoto, ma per chiarire il mio punto dobbiamo tornare all'inizio degli anni '70 del secolo scorso, quando apparve l'arcivescovo Lefebvre e fu organizzata la Fraternità Saint-Pie-X, vale a dire all'epoca dove si sviluppò una contestazione del Concilio e della Riforma Liturgica. Abbiamo visto insorgere l'Abbé de Nantes, che tra i primissimi ha cominciato a polemizzare contro queste novità liturgiche e dottrinali, e anche Jean Madiran con la sua rivista Itinerari . Il movimento di resistenza più importante mi sembra sia stato una grande protesta ecclesiastica che si è manifestata nel 1967 con la pubblicazione da parte di padre Coache del Vademecum dei fedeli cattolici , sostenuto da diverse centinaia di sacerdoti.

Paix liturgique: chi erano?

Christian Marquant: Si rifiutavano di morire, e rappresentavano i tanti sacerdoti e religiosi (e anche religiosi), che obbedivano loro con la morte nell'anima. I loro superiori volevano far sparire i "disubbidienti", come oggi vogliamo far sparire coloro che celebrano la messa tradizionale.

Paix liturgique: farli sparire?

Christian Marquant: Sì, questi sacerdoti sono stati sottoposti a pressioni, divieti e persecuzioni di ogni genere, soprattutto quando, parroci, hanno continuato a celebrare, predicare e catechizzare cattolicamente.

Paix liturgique: i laici li hanno sostenuti?

Christian Marquant: Sì, partecipando alle loro messe. Andando a cerimonie emblematiche come quelle del Corpus Domini nella parrocchia di Montjavoult, di padre Louis Coache. Si formano gruppi e associazioni, come L'alliance Saint-Michel di Bernard Prud'homme. E poi c'erano questi gruppi scout europei parigini (mi ricordo quelli della 3a Parigi o della 1a Port-Marly). Ma quello che hanno fatto è stato per il brio e l'onore. Alcuni sacerdoti li sostennero, nonostante le persecuzioni, come il valoroso abate Gilles Dubosc.

Paix liturgique: La situazione era quindi nera per tutto il clero.

Christian Marquant: Quando ti viene fatto il lavaggio del cervello ogni giorno e vivi nel terrore psicologico dell'intera Istituzione, anche se sei convinto della vittoria, la consideri piuttosto da un punto di vista escatologico. Poiché i sacerdoti resistenti furono perseguitati e i seminari furono trasformati in un istituto di riciclaggio verso lo spirito del Concilio in termini umani, non c'erano soluzioni e il futuro del sacerdozio cattolico non era assicurato.

Paix liturgique: Eppure...

Christian Marquant: … questo è stato l'arrivo sul palco dell'Arcivescovo Marcel Lefebvre, sollecitato da alcuni giovani seminaristi del Seminario francese di Roma, diretto dai P. Spiritani, di cui era superiore generale prima di essere “tolto ” dal suo capitolo, gli ha chiesto di attuare una soluzione alternativa. Nacque così la fraternità San Pio X, che doveva iniziare la salvezza del sacerdozio cattolico (il vescovo de Castro Mayer agiva allo stesso modo in Brasile, nella sua diocesi di Campos).

Paix liturgique: è stato facile?

Christian Marquant: Niente affatto! La creazione della Fraternité Saint-Pie-X e del suo seminario a Friburgo poi a Ecône divenne oggetto di accesi dibattiti, in particolare a Roma e all'interno della Chiesa di Francia. Tutte le forze conciliari, movimenti, stampa, parrocchie, vescovi, congregazioni, cominciarono a sparare proiettili rossi su quelli che chiamavano fondamentalisti,fascisti, fondamentalisti, scismatici, ecc. E nonostante tutto, l'arcivescovo Lefebvre è riuscito a dare ai primi sacerdoti che ha ordinato una “coperta”: vescovi amici li hanno incardinati nella loro diocesi.
Il culmine - o quasi... - si raggiunse nel 1974, quando, come ricorda la Lettera Liturgica di Paix 816, fu avviata una visita canonica al seminario di Ecône, con l'evidente scopo di uccidere il seminario.

Paix liturgique: uno scenario che potrebbe ripresentarsi oggi contro i seminari di Ecclesia Dei...

Christian Marquant: Esatto. Fu allora che l'arcivescovo Lefebvre, anticipando le sanzioni, pubblicò una famosa dichiarazione il 21 novembre 1974: questa fede, nella Roma eterna, maestra di saggezza e verità. D'altra parte, rifiutiamo e ci siamo sempre rifiutati di seguire la Roma di tendenza neomodernista e neoprotestante che si è manifestata chiaramente nel Concilio Vaticano II e dopo il Concilio in tutte le riforme che ne sono derivate. "

Paix liturgique: e allora?

Christian Marquant: Come previsto, sono cadute le sanzioni a seguito della visita canonica: Roma ha dichiarato lo scioglimento della FSSPX e la chiusura del seminario, il fondo del problema era la scelta esclusiva della messa tradizionale e le critiche del Concilio Vaticano II.

Paix liturgique: cosa è probabile che accada di nuovo oggi.

Christian Marquant: Assolutamente. Monsignor Lefebvre lo ignorò e il 29 giugno 1976 ordinò ancora sacerdoti. Gli fu servita la suspensione a divinis (divieto di celebrare). Nell'estate del 1976 iniziò un grande fermento; compresa la messa che ha celebrato a Lille davanti a un folto pubblico.
Ed ora, nel mezzo di questa calda estate del 1976, nel mezzo del tumulto di quello che allora si chiamava “l'affare Lefebvre”, Le Progrès , quotidiano lionese, fece realizzare a Sofres un sondaggio per misurare lo stato d'animo dei cattolici dell'epoca presi alla gola da quello che veniva loro presentato come un immenso scandalo: l'ordinazione senza mandato di sacerdoti da parte di monsignor Lefebvre.

Paix liturgique: E quali sono stati i risultati di questo sondaggio?

Christian Marquant: Questo sondaggio di Sofres ha fornito informazioni che per qualsiasi istituzione diversa dalla Chiesa di Francia avrebbe suscitato profonde domande:

- Il 51% dei cattolici francesi praticanti ha riscontrato che dopo il Concilio la Chiesa si era spinta troppo oltre nelle sue riforme.

- Il 46% afferma che i nuovi orientamenti si discostano sensibilmente dalla fede cattolica.

- Il 35% di questi stessi cattolici praticanti ha approvato l'arcivescovo Lefebvre nella sua decisione di far sopravvivere il sacerdozio cattolico.

(Per maggiori dettagli vedere le nostre lettere 697 , 698 , 699 )

Paix liturgique: è poco credibile...

Christian Marquant: Questa indagine ha rivelato l'ampiezza del divario esistente tra i fedeli francesi e le autorità episcopali che avevano attuato con la mannaia le decisioni dello "Spirito del Concilio" e che non si erano accorti che quelle decisioni erano state prese.
Eppure... Il vertiginoso calo della pratica è passato dal 50% a meno del 10% in 25 anni, e oggi a meno del 2% (almeno prima del nuovo danno causato dalla "crisi sanitaria"), il calo altrettanto importanti delle entrate nei seminari, e non dimentichiamolo la concomitante caduta del contributodel culto (cioè della partecipazione dei cattolici a spese della chiesa) avrebbe dovuto allertarli
Altri sondaggi altrettanto significativi lo hanno poi confermato. Nel 2001, poi nel 2006 e infine nel 2008, Paix Liturgique ha commissionato tre sondaggi nazionali per conoscere la posizione dei cattolici francesi rispetto alla liturgia tradizionale.
A questi sondaggi sono seguiti, tra il 2009 e il 2020, altri 20 sondaggi effettuati tra fedeli diocesani o aree pastorali che ci hanno rivelato che sostanzialmente lo stato d'animo dei cattolici francesi era rimasto stabile.

Paix liturgique: Ma questi sondaggi potrebbero essere rimasti troppo discreti.

Christian Marquant: Sono sempre stati inviati ai vescovi e alla Conferenza episcopale francese, nonché alla Commissione Ecclesia Dei a Roma. Sono stati regolarmente citati e utilizzati nelle nostre argomentazioni per 20 anni. Ma non sono mai stati citati dai giornali cattolici ufficiali. Un vescovo non ci ha mai chiesto di loro.

Paix liturgique: Eppure...

Christian Marquant: … eppure questi 23 sondaggi hanno fornito importanti informazioni sul cattolicesimo in Francia. Indicavano innanzitutto che i francesi non si consideravano più cattolici in una proporzione media del 65%, che potrebbe scendere a meno del 35% come nella diocesi di Seine-Saint-Denis (la media oggi sarebbe d' poco più di 50 %).
Ma non è tutto. Per quanto riguarda la questione liturgica, questi sondaggi ci hanno fornito tre informazioni eccezionali:
- La prima è che circa un terzo - 33% dei cattolici praticanti andrebbe volentieri alla messa tradizionale ogni settimana o almeno ogni mese se fosse celebrata nelle proprie parrocchie.
- La seconda è che quasi il 60% dei cattolici francesi trova NORMALE che entrambe le forme del rito vengano celebrate NELLE PROPRIE PARROCCHIE.
- Infine, solo il 10-15% dei fedeli si oppone a una celebrazione tradizionale nelle proprie parrocchie e afferma che non vi parteciperebbe mai
Infatti, tra 30 e 45 anni dopo l'indagine Lyon Progress , le posizioni dei cattolici francesi non sono cambiate radicalmente.

Paix liturgique: riassumendo.

Christian Marquant: Sì, riassumiamo. In parole povere, per un periodo di oltre 50 anni (dalla fine del concilio nel 1965 al 2020, data della nostra ultima rilevazione) una base di almeno il 30% dei cattolici ha continuato a desiderare di vivere la propria fede al ritmo della liturgia tradizionale.
Successivamente, quasi il 50% dei cattolici erano e sono fedeli seguaci benevoli di quello che definirei "un cattolicesimo dell'accoglienza", accettando di lasciare che il precedente 30% viva la propria fede secondo la tradizione.
Infine, solo dal 10% al 15% dei cattolici è sostenitore dell'esclusione delle parrocchie e delle istituzioni cattoliche legate alla tradizione.

Paix liturgique: Per me il più interessante è il tuo ultimo numero: i contrari sono pochissimi.

Christian Marquant: Sì, ma governano. Hanno il Consiglio per loro. Ciò significa che in Francia dal 10% al 15% dei cattolici impongono il proprio punto di vista settario ai vescovi ea tutto il popolo cattolico.

Paix liturgique: hai qualche prova della tua convinzione?

Christian Marquant: restiamo ai tempi attuali: quando dopo 15 anni di richiesta il vescovo di Saintes ha finalmente accettato di concedere una messa ai fedeli di Royan, mentre il parroco, un haitiano de Paix ha acconsentito, è il consiglio parrocchiale - nominato dall'ex parroco, conciliare iper intransigente - che in toto vi si oppone. Ho vissuto personalmente questa situazione nella mia parrocchia come supplicante.
I vescovi non vogliono riconoscere il reale. Ne ho avuto esperienza personale nel 1991 durante un incontro con Mons. Moutel, allora Vescovo di Nevers incaricato delle questioni liturgiche all'interno della Conferenza Episcopale di Francia.

Paix liturgique: E cosa ha fatto?

Christian Marquant: Un semplice calcolo. C'erano poi in Francia circa 200 cappelle dove si celebrava la liturgia tradizionale. Quindi, poiché ha stimato che in media riunissero circa 300 persone, ha concluso che eravamo solo 60.000 fedeli attaccati alla liturgia tradizionale in Francia.


Paix liturgique: si è sbagliato?

Christian Marquant: Sì, perché la maggior parte dei fedeli attaccati alla liturgia tradizionale non sono tutti eroi e si accontentano - come gli altri, del resto - di seguire ciò che accade nelle loro parrocchie. Tuttavia, se questi non offrono loro la possibilità di vivere la loro fede secondo le liturgie tradizionali, si accontentano di brontolare e aspettare giorni migliori, il che significa che oggigiorno la maggior parte dei cattolici che desiderano farlo non hanno accesso ad essa . Del resto, la maggior parte dei sacerdoti con cui parliamo lo sa e non vuole “provare un esperimento di questo tipo” per paura di vedere i fatti sconvolgerli.

Paix liturgique: Ma è ancora così oggi?

Christian Marquant: Ma certo, e lo stesso nunzio di recente ha usato questo argomento: anche se oggi in Francia ci sono circa 450 chiese e cappelle dove si celebra la liturgia tradizionale la domenica (tra cui quella della Fraternité Saint-Pie-X e la Resistenza ), questo è niente in confronto alle 4.200 parrocchie francesi. Solo che un certo numero di parrocchie chiudono ogni settimana e la stragrande maggioranza sono gusci quasi vuoti.

Paix liturgique: Quindi secondo lei l'offerta tridentina è insufficiente?

Christian Marquant: È strabiliante. Faccio un esempio dell'animazione iniziata in Francia nel 2007, al momento della pubblicazione del motu Proprio Summorum Pontificum: a nostra conoscenza, più di 700 gruppi hanno potuto identificarsi con tendenze forti: ad esempio a Parigi, i gruppi sono stati formata in quasi tutte le parrocchie. Tuttavia, come ben sapete, poche delle sue richieste hanno ricevuto un'accoglienza favorevole o semplicemente caritatevole. Oserei addirittura dire che la maggior parte di queste richieste sono state respinte sul nascere: ricordo una richiesta su Issy-les-Moulineaux espressa nell'agosto 2007 da dieci famiglie che hanno ricevuto il 20 settembre una risposta del sacerdote che affermava che la richiesta è non basta e non darebbe seguito... Uno scherzo o un atteggiamento offensivo, comunque illuminante, sulla serietà che la maggior parte dei pastori prendeva alle richieste del proprio gregge.

Paix liturgique: Quindi per te le richieste non sono state seriamente accolte o ascoltate?

Christian Marquant: Negli anni successivi si sono succedute un centinaio di richieste. Ma la stragrande maggioranza fu respinta, spesso in maniera dilatativa, e non arrivò a nulla.

Paix liturgique: un centinaio, non sta già bene?

Christian Marquant: Sì, ma soprattutto bisogna ricordare che nella maggior parte dei casi la messa veniva concessa solo durante la settimana. Ricordo una messa celebrata il sabato mattina, alle 8, a ND de Clichy - o una messa ogni lunedì, alle 11, come a Saint Clotilde a Parigi, o anche la domenica, ma in orari sconosciuti (a ND du Travail, a alle 18 dove sono venute 50 persone, mentre la richiesta era stata fatta sulla parrocchia di Saint-Pierre de Montrouge, in una cappella annessa, alle 12, dove sono venute un centinaio di fedeli).

Paix liturgique: Nel complesso, come vedi le cose?

Christian Marquant: Nel momento in cui questo motu proprio Traditionis custodes pretende di uccidere la messa tradizionale, affermo:
- Che il potenziale dei fedeli che potrebbero partecipare è ancora altrettanto importante. I nostri pastori onesti o disonesti devono capire che almeno un terzo dei cattolici è attaccato alla liturgia tradizionale e non solo poche decine di migliaia.
- Che è vero che, a parte qualche caso marginale o isolato, la volontà dei vescovi di Francia è quella di evitare di riaccendere una guerra liturgica. Ma provano soluzioni capre e cavoli, per mostrare a Roma e ai loro chierici conciliari che obbediscono, mentre cercano di placare i fedeli delle messe tradizionali.
- E che, dove i fedeli si faranno togliere la Messa, non solo faranno un gran rumore, ma semplicemente creeranno - come negli anni '70 - i propri luoghi di culto. Meno che mai i fedeli sono disposti a morire.

Paix liturgique: come andrà a finire?

Christian Marquant: I vescovi non hanno i mezzi per intraprendere una nuova guerra liturgica. E poi, questo pontificato, che pretendeva di riaccendere questa guerra, potrebbe finire più velocemente di quanto pensiamo. È, in ogni caso, una sorta di canto del cigno del Concilio e della sua liturgia. Tutti, compresi quelli che si professano ferventi conciliaristi e ferventi bugniniani, sanno che il cattolicesimo occidentale sta morendo, e che soppravviverà domani solo nelle poche forze vive che rimangono, in particolare quella dei cattolici tradizionali.
Penso quindi che non solo bisognerà tornare molto presto alla situazione del Summorum Pontificum, ma anche che bisognerà negoziare o imporre una situazione di vera libertà della Messa tridentina.