Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

giovedì 6 maggio 2021

Card. Müller: c’è arroganza nella Chiesa Tedesca. Un Sinodo non decide la fede.

"La paura, quando si ha fede in Cristo, è sconveniente e disonorante. Non bisogna avere nessun complesso di inferiorità nei confronti del pensiero moderno, che è già cadavere"
( Card. Giuseppe Siri )


Una bella intervista tradotta e pubblicata da Tosatti.
Luigi


29 Aprile 2021 

[...]

Il cardinale Gerhard Müller in un’intervista a kath.net: “Tipicamente tedesca è l’arroganza di certi vescovi e teologi nella loro pretesa di essere l’avanguardia per il resto arretrato della Chiesa universale”.

Di Lothar C. Rilinger

Vaticano-Bonn (kath.net) “L’opinione della maggioranza dei vescovi e dei funzionari laici tedeschi che l’evento privato della ‘via sinodale’, che non è previsto né dal dogma né dal diritto canonico, può anche prendere decisioni che si allontanano dalla fede cattolica, non ha alcun fondamento nella comprensione cattolica della Chiesa e si rafforza solo sull’apparenza del potere mediatico e sull’entità delle risorse finanziarie.” Questo è ciò che il prefetto emerito della Congregazione per la Dottrina della Fede, Gerhard Ludwig Cardinale Müller, mette in evidenza nell’intervista di kath.net (parte 1) intorno ai temi del Kirchentag Ecumenico e del Cammino Sinodale. Egli nomina anche esplicitamente “l’atmosfera anticristiana causata dalle campagne mediatiche, in cui i fedeli vengono diffamati in modo piuttosto inimmaginabile e fatuamente monotono come fondamentalisti o arci-conservatori o messi a tacere” come “la forma odierna di persecuzione qui in ‘Occidente'”.

Il Congresso Ecumenico della Chiesa a Francoforte sul Meno nel maggio 2021 sta proiettando la sua ombra. In questo incontro della Chiesa cattolica romana con le chiese e le comunità ecclesiali della Riforma, il cammino dell’ecumenismo deve essere ulteriormente perseguito per raggiungere un avvicinamento delle varie confessioni. In preparazione a questo incontro, sono state fatte proposte da rappresentanti e sostenitori della cosiddetta Via Sinodale su come un ulteriore avvicinamento della Chiesa Cattolica Romana con le Chiese e Comunità ecclesiali della Riforma potrebbe essere raggiunto. Ma questo riavvicinamento può avvenire solo se entrambe le parti si avvicinano, solo allora si può raggiungere un’intesa. Perciò entrambe le parti dovrebbero dire addio alle loro massime richieste – alle richieste fondamentali che sono considerate costitutive per le rispettive denominazioni. Su alcuni aspetti di questo avvicinamento vogliamo conversare con il cardinale Gerhard Ludwig Müller, ex prefetto della Congregazione per la dottrina della fede e professore emerito di dogmatica e storia del dogma all’Università Ludwig Maximilian di Monaco, alla quale è ancora legato come professore onorario, per far luce sul background teologico e filosofico. La seconda parte della conversazione sarà pubblicata nei prossimi giorni.


Lothar C. Rilinger: Il Congresso Ecumenico della Chiesa mette il Movimento Ecumenico al centro della discussione. Le differenze tra la Chiesa Cattolica Romana e le chiese e comunità ecclesiali della Riforma sono serie. Per superarle, le chiese locali tedesche stanno cercando di dare un nuovo impulso al movimento ecumenico. L’ecumenismo può essere portato avanti dalle chiese locali o l’avvicinamento delle diverse chiese cristiane risulta essere un compito del Vaticano, per assumere un approccio uniforme come Chiesa mondiale, dopo tutto i risultati dovrebbero applicarsi a tutte le chiese locali?

Cardinale Gerhard Ludwig Müller: C’è solo una Chiesa Cattolica, che – secondo una formulazione del Vaticano II nel decreto Lumen Gentium, art. 23 – consiste “nelle e delle chiese locali”. In Germania ci sono 27 chiese locali, cioè diocesi o vescovadi, ciascuna guidata da un vescovo.

La Conferenza Episcopale non è al di sopra dei vescovi. E certamente non è il capo della conferenza, attualmente il vescovo Bätzing di Limburg, il capo dei vescovi o – nella sciocca formulazione di ZdF e ARD – il “più alto cattolico in Germania”. Non ha nessuna competenza magisteriale che vada anche solo un millimetro oltre l’autorità di insegnamento di ogni suo confratello episcopale, che viene da Cristo. Certamente non è lui – anche come portavoce della maggioranza dei vescovi – un contrappeso a “Roma”, rendendo caricaturale il rapporto tra papa e vescovi in un gioco indegno per il potere nella chiesa.

Assolutamente anti-cattolica è l’opinione che ci sia una chiesa tedesca il cui principio di unità sarebbe la Nazione. Una pretesa di leadership con cui il mondo ha avuto le peggiori esperienze.

Ma tipicamente tedesca è l’arroganza e la prepotenza di certi vescovi e teologi nella loro pretesa di essere l’avanguardia per il resto arretrato della chiesa mondiale.

I principi dell’ecumenismo cattolico sono enunciati molto chiaramente nel decreto sull’ecumenismo del Vaticano II. La misura della convergenza dei cristiani separati nel credo, nella liturgia e nella concezione della natura e della forma della Chiesa è la verità della rivelazione, non solo un senso emotivo di appartenenza, e la conveniente convenienza del cristianesimo per una religione civile, senza la quale una società secolarista senza riferimento alla trascendenza non funziona bene. La chiesa non deve essere rilevante per questo sistema, ma per la salvezza eterna di ogni essere umano e la loro chiamata alla libertà e alla gloria dei figli di Dio (Rm 8,21).


Rilinger: Il Papa e quindi anche le Congregazioni hanno il compito di formulare una dottrina unitaria per soddisfare il principio della Chiesa universale?

Card. Müller: L’episcopato cattolico universale con il Papa come principio della sua unità – per cui il Papa è sostenuto dalle Congregazioni romane – è molto importante per la conservazione della verità della fede e per l’unità della Chiesa. Essi sono solo ministri della Parola di Dio e del Vangelo di Cristo, che è pienamente comunicato nella Sacra Scrittura e nella Tradizione Apostolica. D’altra parte, non sono i destinatari e i mediatori di una nuova rivelazione.

Al di là di Cristo non c’è una nuova rivelazione perché lui è la Parola di Dio fatta carne – la via, la verità e la vita di Dio per noi nella sua persona.

Vescovi pseudo-progressisti o funzionari laici coccolati dal pubblico liberale non hanno alcuna autorità per presentare le loro opinioni personali o collettive come una fede della Chiesa fondata sulla rivelazione. Né hanno alcuna autorità per costringere i loro presunti subordinati a queste opinioni o per inculcarle come proprie convinzioni attraverso l’inquadramento.

A tutti i molti vescovi che sono caduti nel donatismo o nell’arianesimo, ma sono stati promossi dallo stato, i fedeli cattolici hanno coraggiosamente resistito indicando la Sacra Scrittura e il Credo della Chiesa. La forma odierna di persecuzione qui in “Occidente” consiste nell’atmosfera anticristiana attraverso le campagne mediatiche in cui i fedeli vengono diffamati in modo piuttosto inimmaginabile e fatuamente monotono come fondamentalisti o arci-conservatori o messi a tacere.


Rilinger: All’interno della Chiesa c’è la critica che i laici non sono coinvolti abbastanza nei processi decisionali e di leadership. Sarebbe possibile che il principio della democrazia prenda piede nella Chiesa cattolica romana, in modo da applicare il principio della maggioranza?

Cardinale Müller: I laici sono pienamente coinvolti nella vita della Chiesa attraverso la professione di fede, il battesimo e una vita di sequela di Cristo. La Chiesa non è composta da classi, ma tutti partecipano a tutta la vita della Chiesa secondo la loro vocazione e il loro incarico nel contesto della martyria/testimonianza, leiturgia e diakonia. Dietro la lamentela ipocrita e tatticamente astuta, formulata addirittura come accusa di “non essere coinvolti nei processi decisionali”, non c’è la volontà di fare sacrifici o di assumersi sofferenze e persecuzioni anche solo per confessare Cristo, ma la pretesa di rimodellare la Chiesa secondo le proprie idee e di mettersi in posizione per i propri vantaggi.

Ma se già i vescovi e il papa, come successori degli apostoli, non devono decidere sulla fede e sulla dottrina morale, ma sono solo chiamati all’obbedienza esemplare alla Parola di Dio, allora nemmeno i funzionari laici assetati di potere possono decidere sulla rivelazione. Le decisioni dei Concili Ecumenici non contengono ingiunzioni su ciò che i laici devono credere, ma dicono solo udibilmente a tutti ciò che è contenuto nella Rivelazione e come gli eretici si sono allontanati dalla verità della Rivelazione e gli scismatici si sono allontanati dall’unità della Chiesa. Lasciamo per una volta la questione della loro buona volontà soggettiva. Ma è chiaro che chi vuole essere cattolico oggi non può imporre le sue opinioni come in un processo parlamentare e con la maggioranza di un corpo imporre un credo diverso a tutta la Chiesa o una costituzione fatta da sé.

L’opinione della maggioranza dei vescovi e dei funzionari laici tedeschi, che l’evento privato della “via sinodale”, che non è previsto né dal dogma né dal diritto canonico, può anche prendere decisioni che deviano dalla fede cattolica, non ha alcun fondamento nella comprensione cattolica della Chiesa e si rafforza solo all’apparire del potere mediatico e nell’entità dei mezzi finanziari.

Nessun cattolico può essere obbligato a fare qualcosa dalle decisioni della “via sinodale”, e nessuno dovrebbe quindi allontanarsi dalla Chiesa per la delusione, ma “combattere la buona battaglia con fede e buona coscienza” (1Tim 2, 18s), in modo da non smarrire la via della fede (1Tim 6, 20).

Rilinger: Sarebbe possibile stabilire dottrine di fede con decisioni a maggioranza?

Card. Müller: Questa domanda si risponde da sola. Tuttavia, è necessario segnalare qui l’abuso del buon nome della democrazia. La democrazia nel senso della nostra costituzione, che si basa sui diritti umani elementari, è un consenso che tiene insieme tutti i gruppi in Germania. Ma se la Chiesa è il popolo eletto da Dio, allora deve essere chiaro a tutti che la posta in gioco non è l’adozione di buone costituzioni statali o il rifiuto di quelle cattive, ma la salvezza eterna dell’uomo, di cui ci si appropria attraverso la Parola di Dio e i mezzi sacramentali della grazia.

Nello stato democratico, si tratta della giusta regolamentazione dei rapporti dei cittadini tra di loro. Nella Chiesa, invece, si tratta del nostro rapporto con Dio, e quindi anche con il prossimo, nell’amore che lega i singoli cristiani come membri dell’intero corpo di Cristo (cfr. Col 3,14).

Per la comunione dei credenti Cristo stesso ha chiamato gli apostoli nello Spirito Santo. Il loro ministero è continuato per sempre dai loro successori nell’episcopato, che sono assistiti dai presbiteri, cioè i sacerdoti, come si legge nella traduzione tedesca, e dai diaconi.


Rilinger: Sarebbe concepibile che, sulla base di decisioni a maggioranza, anche i laici possano decidere sulle dottrine di fede nel quadro di un sinodo?

Card. Müller: Questo non è possibile nemmeno per i vescovi in un concilio. La fede non è la somma incrociata di opinioni umane sulle cose divine, ma l’intuizione, ispirata dallo Spirito Santo, della verità rivelata della Trinità di Dio, della creazione e dell’alleanza, dell’incarnazione del Figlio di Dio, del significato salvifico della croce e della risurrezione di Cristo, dell’efficacia salvifica del battesimo, dell’eucaristia, e di tutto ciò che possiamo trovare nella conoscenza della fede della Chiesa.

Come ho detto, i concili infallibili o le decisioni ex cathedra dei papi non hanno aggiunto nulla alla rivelazione che ha la sua insuperabile pienezza in Cristo, ma hanno solo detto ciò che è contenuto in essa.

L’impudente presunzione di trasformare singole dottrine della fede nel loro opposto sotto il pretesto di un apparente evoluzione del dogma, teso a renderlo più facilmente digeribile all’uomo moderno, è da respingere per quello che è: una falsificazione del Vangelo di Cristo. “Verrà il tempo in cui gli uomini non sopporteranno la sana dottrina, ma cercheranno dei maestri secondo le loro passioni, per solleticare i loro orecchi; dalla verità distoglieranno i loro orecchi e si volgeranno alle favole”. (2 Tim 4:3f).


Rilinger: Nel contesto della cosiddetta via sinodale, si chiedono riforme che sembrano un’avvicinamento alle costituzioni delle chiese e delle comunità ecclesiali della Riforma. A quali condizioni la Chiesa può essere riformata?

Cardinale Müller: Il termine “Riforma” designa la volontà di riformare o rinnovare la Chiesa di Cristo in contrasto con la sua secolarizzazione, che fu deplorata da tutte le parti nel tardo Medioevo. Ma l’effetto opposto si è verificato involontariamente, cioè la frattura del cristianesimo occidentale. Stiamo parlando di congregazioni che si sono separate dalla Chiesa cattolica e si vedono come chiese denominazionali separate. Parliamo anche delle chiese o comunità ecclesiali emerse dalla Riforma come chiese di tipo protestante.

Il Vaticano II parla dalla prospettiva cattolica “dei nostri fratelli e sorelle”. È vero, queste sono confessionalmente e liturgicamente separate dai cattolici. Ma siamo sulla strada comune verso il ripristino della piena e visibile unità istituzionale. L’unità nella confessione e nella vita di culto è un aspetto importante nel rinnovamento della Chiesa in Cristo, il Figlio di Dio, suo Padre. Attraverso di essa il mondo può sapere che il Figlio è inviato per la salvezza del mondo e che quindi l’unità dei suoi discepoli è segno ed espressione dell’amorevole unità e comunione delle tre persone divine, cioè la Trinità. In questo la gloria di Dio si fa conoscere al mondo. (cfr. Gv 17,23).

Il concetto di riforma della Chiesa deve quindi essere definito teologicamente come il rinnovamento dei fedeli in Cristo, il Capo del Corpo di cui siamo membri come singoli battezzati. Oggi si applica alla Chiesa in forma secolarizzata, così come dagli anni ’60 si parla di riformare la pedagogia, l’università, l’economia, lo stato sociale e così via. Senza ulteriori indugi possiamo anche parlare in senso tecnico di una riforma dell’amministrazione della chiesa, della formazione dei teologi, ecc.

Ma la chiesa come casa e popolo di Dio, come quella del Padre, come il corpo di Cristo, come il gregge il cui buon pastore è Gesù stesso, come il tempio dello Spirito Santo, come il sacerdozio regale che proclama e comunica la salvezza di Dio al mondo, come il sacramento onnicomprensivo della salvezza del mondo in Gesù Cristo – questa Chiesa non può diventare oggetto della nostra volontà di riforma. Questa sarebbe la presunzione umana di migliorare le opere di Dio e renderle adatte al futuro, così come si loderebbe Adam Opel come fondatore dell’azienda in una riunione aziendale, ma naturalmente si offrirebbe al cliente di oggi non il suo vecchio modello ma il modello high-tech più avanzato.

Non abbiamo bisogno di ingegneri ecclesiastici, costruttori di modelli, visionari del futuro e burocrati della pianificazione o, per dirla biblicamente: pastori che si nutrono di se stessi e si allontanano quando viene richiesta la confessione della verità di Dio, quando vengono derisi o quando vengono messi da parte come infimi – come fece Pilato.

Essendo la figura più importante nella storia della salvezza dopo Cristo, non c’è bisogno di modernizzare sua madre Maria nel linguaggio informatico. Era, è e rimane attuale per ogni credente la parola che disse ai servi alle nozze di Cana e che vale ancora oggi: “Fate quello che vi dirà” (Gv 2,5). (Gv 2,5). Dobbiamo riempire le giare d’acqua, testimoniare il Vangelo con parole e azioni, e mettere tutta la nostra fiducia in Cristo che può trasformare in vino della sua grazia divina.

La chiesa diventa rilevante e attraente per il mondo non attraverso le nostre povere proposte di riforma, ma quando la gente riconosce la fede dei suoi discepoli in Gesù, che “ha rivelato la sua gloria” nei suoi miracoli, segni e atti di potenza, e tutto riassunto nella croce e nella resurrezione (Giovanni 2:11).

Rilinger: Grazie mille!


Lothar C. Rilinger è un avvocato in pensione e specialista in diritto del lavoro, e un ex membro aggiunto della Corte di Stato della Bassa Sassonia. È anche autore del libro VRBS AETERNA. Vol.3