Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

mercoledì 17 marzo 2021

I santi Re cattolici #10 sant’Edoardo II (18 marzo)

Continuiamo la memoria dei santi Re cattolici commemorati nel Martirologio Romano: sant’Edoardo (962 circa - 979).

18 marzo.
In Inghiltérra sant’Edoárdo Re, il quale, ucciso con inganno dalla matrigna, rifulse per molti miracoli. (Martirologio Romano ed. 1955)
Presso la cittadina di Wareham in Inghilterra, sant’Edoardo, che, re degli Angli, fu ucciso ancora giovane con malvagio inganno dai sicari della sua matrigna. (Martirologio Romano ed. 2004)

L.V.

Occorre innanzitutto specificare, per raccapezzarsi nella folta schiera di santità sorta presso le corti reali inglesi, che il santo in questione è il re Sant’Edoardo II il Martire, zio del quasi omonimo re Sant’Edoardo III il Confessore, festeggiato invece il 5 gennaio.
Edoardo II, dunque, era figlio del re Sant’Edgaro il Pacifico e della sua prima consorte Etelfleda, che morì non molti anni dopo la sua nascita, avvenuta all’incirca nel 962. Ricevette il battesimo dal celebre San Dunstano, titolare della sede arcivescovile di Canterbury e primo ministro reale.


Alla morte di Edgaro, il malcontento di alcuni cavalieri portò al tentativo di incoronazione del piccolo Etelredo, nato dal secondo matrimonio con Elfrida. Questa possibilità si scontrò però con l’opposizione del santo vescovo, che preferì incoronare egli stesso Edoardo II quale nuovo sovrano l’8 luglio 975. Anche se appena ragazzo, il nuovo re possedeva indubbiamente un temperamento vile ed un’innata inclinazione alla violenza, fattore che non poteva non renderlo ostile agli altri. L’opposizione nei suoi confronti continuò a crescere, nonostante fosse costantemente seguito nell’opera di governo da Dunstano. Alfero di Mercia decise di intraprendere il saccheggio e la distruzione dei monasteri presenti nel regno, vanificando così in un battibaleno tutta la preziosa opera che il vescovo aveva realizzato ed Edoardo II aveva sostenuto in vario modo. Ma questa fu solamente una delle tante reazioni alla fitta politica di alleanza e reciproco sostegno instauratasi fra la monarchia e la Chiesa inglesi. Il monachesimo, sempre più emergente ed attivo nella vita di corte, avrebbe potuto compromettere inoltre il potere dei cavalieri.


Il biografo Osvaldo di Worcester narra che fu allora tramato un complotto finalizzato all’uccisione del re, dopo neppure quattro anni dalla sua ascesa al trono. Tutte le cronache sono concordi nel sostenere la tesi dell’assassinio di Edoardo II, ma Guglielmo di Malmesbury e lo stesso Osvaldo si spingono oltre, attribuendo l’iniziativa ai sostenitori di Etelredo ed in particolare a sua madre Elfrida. Constatando però anche l’ostilità provata da Alfero di Mercia, si può supporre che la cospirazione nei confronti del giovane sovrano ebbe sicuramente basi assai ampie.
In ogni caso il tragico evento si consumò presso il castello di Corfe-Gap nel Dorset, residenza di Etelredo ed Elfrida, ove Edoardo fu convocato dal fratellastro in seguito ad una battuta di caccia. Giuntovi dunque a cavallo, privo di scorta, la matrigna ordinò di coglierlo di sorpresa con una pugnalata. Spronato con urgenza il cavallo, un piede di Edoardo scivolò dalla staffa ed egli, caduto di sella, rimase ancorato solo più con un piede all’animale, che lo trascinò per un lungo tragitto. La morte, ormai inevitabile, lo raggiunse così il 18 marzo 979. Ufficialmente nessuno fu mai incolpato dell’accaduto, ma una leggenda vuole che la malvagia matrigna sia poi entrata nel monastero di Wherewell in segno di espiazione per la sua grande colpa di mandante dell’omicidio.


La vicenda Sant’Edoardo II è paragonabile a quella di altri santi re anglosassoni, come San Chenelmo ed Santi Etelberto e Sigeberto II dell’Est-Anglia. Come avvenuto anche per molti martiri del XX secolo, il concetto di martirio è stato dunque esteso a casi di morte violenta a causa della giustizia, «per testimonium caritatis heroicis». Tuttavia il culto nei confronti del re Edoardo II non fu dettato solo dall’essere stato ucciso ingiustamente adempiendo il proprio dovere, ma anche dal divulgarsi di molti racconti di miracoli verificatisi sulla sua tomba a Shaftesbury, ove le sue reliquie erano state traslate. Il santo sovrano martire è ancora festeggiato in particolar modo nella diocesi di Plymouth. Oltre che con gli attributi tipici di un re e di un martire, Edoardo viene raffigurato anche con il pugnale, oggetto protagonista del suo martirio. La presenza di molte icone orientali del santo e dovuta dalla presenza di alcune sue reliquie nella chiesa ortodossa di Brookwood, nel Surrey. Proprio perché vissuto prima del grande scisma, anche parecchie Chiese orientali lo annoverano nei loro calendari.

Autore: Fabio Arduino

2 commenti:

  1. Sicuramente sarà stata la matrigna. Le matrigne sono terribili!!! Povero re santo

    RispondiElimina
  2. Continuo a cercare testi sui Re santi ma non trovo nulla. Beati voi della redazione che avete le fonti e materiale sull'argomento, forse eruditi sacerdoti? Se fosse così, grazie a questi sacerdoti. Sono tanto felice nel leggere questa rubrica

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.