Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

martedì 2 febbraio 2021

Papa Francesco, il Concilio e la Chiesa #2 Finalmente!

Domenica abbiamo pubblicato un post in cui – con spirito filiale – abbiamo posto due precisazioni sull’affermazione del Santo Padre Francesco in occasione del discorso ai partecipanti all’incontro promosso dall’Ufficio catechistico nazionale della Conferenza episcopale italiana: «O tu stai con la Chiesa e pertanto segui il Concilio, e se tu non segui il Concilio o tu l’interpreti a modo tuo, come vuoi tu, tu non stai con la Chiesa».
Nella seconda condizione per dichiararci d’accordo con questa affermazione, indicavamo: «che il riferimento al ventunesimo Concilio ecumenico sia ai documenti (quattro costituzioni, nove decreti e tre dichiarazioni… questi sconosciuti…) – rettamente interpretati alla luce della Sacra Scrittura, della Tradizione perenne e del Magistero immutabile – e non allo “spirito”».
Su questa stessa linea si pone l’avv. Giovanni Formicola della Comunità Opzione Benedetto, il quale, nelle riflessioni che vi riportiamo, propone, con indubitabile chiarezza, qualche esempio sulla corretta interpretazione del Concilio (Vaticano II).

L.V.


Papa Francesco, parlando ai partecipanti all’incontro promosso dall’Ufficio catechistico nazionale della CEI, sabato 30 gennaio 2021, ha detto: «O tu stai con la Chiesa e pertanto segui il Concilio, e se tu non segui il Concilio o tu l’interpreti a modo tuo, come vuoi tu, tu non stai con la Chiesa».
Finalmente!, allora, si potrà dire che non sta con la Chiesa (ne è fuori?), perché non segue il Concilio [Vaticano II] o lo interpreta a modo suo, per esempio:

- chi intenda proscrivere e comunque contrasti l’uso del latino nella sacra liturgia e nell’uso comune di chierici e fedeli:
«36. L’uso della lingua latina, salvo diritti particolari, sia conservato nei riti latini. […] 54. […] Si abbia cura però che i fedeli sappiano recitare e cantare insieme, anche in lingua latina, le parti dell’ordinario della messa che spettano ad essi. […] 101. Secondo la secolare tradizione del rito latino, per i chierici sia conservata nell’ufficio divino la lingua latina» (costituzione sulla sacra liturgia Sacrosanctum Concilium);

- chi pensi che, magari all’esito d’un certo discernimento, adulterio e divorzio possano avere un legittimo spazio, ovvero essere tollerati con conseguenze sull’accesso ai sacramenti dei vivi, nella vita cristiana, che viene ridotta sul punto a un mero ideale astratto, ma di fatto impraticabile:
«49. L’amore coniugale […] Questo amore è espresso e sviluppato in maniera tutta particolare dall’esercizio degli atti che sono propri del matrimonio. Ne consegue che gli atti coi quali i coniugi si uniscono in casta intimità sono onesti e degni; compiuti in modo veramente umano, favoriscono la mutua donazione che essi significano ed arricchiscono vicendevolmente nella gioia e nella gratitudine gli sposi stessi. Quest’amore, ratificato da un impegno mutuo e soprattutto consacrato da un sacramento di Cristo, resta indissolubilmente fedele nella prospera e cattiva sorte, sul piano del corpo e dello spirito; di conseguenza esclude ogni adulterio e ogni divorzio […] 51. Accordo dell’amore coniugale col rispetto della vita […] La Chiesa ricorda […] che non può esserci vera contraddizione tra le leggi divine, che reggono la trasmissione della vita, e quelle che favoriscono l’autentico amore coniugale» (costituzione pastorale sulla Chiesa nel mondo contemporaneo Gaudium et spes);

- chi neghi la dottrina della guerra giusta (su quella santa, torneremo) e professi un pacifismo senza se e senza ma, abrogando in ogni caso il diritto alla guerra (ius ad bellum) e il diritto di guerra (ius in bello), e condanni la professione militare, teorizzando il dovere dell’obiezione di coscienza:
«79. Il dovere di mitigare linumanità della guerra […] La guerra non è purtroppo estirpata dalla umana condizione. E fintantoché esisterà il pericolo della guerra e non ci sarà un’autorità internazionale competente, munita di forze efficaci, una volta esaurite tutte le possibilità di un pacifico accomodamento, non si potrà negare ai governi il diritto di una legittima difesa. I capi di Stato e coloro che condividono la responsabilità della cosa pubblica hanno dunque il dovere di tutelare la salvezza dei popoli che sono stati loro affidati, trattando con grave senso di responsabilità cose di così grande importanza. Ma una cosa è servirsi delle armi per difendere i giusti diritti dei popoli, ed altra cosa voler imporre il proprio dominio su altre nazioni. La potenza delle armi non rende legittimo ogni suo uso militare o politico. Né per il fatto che una guerra è ormai disgraziatamente scoppiata, diventa per questo lecita ogni cosa tra le parti in conflitto.
Coloro poi che al servizio della patria esercitano la loro professione nelle file dell’esercito, si considerino anch’essi come servitori della sicurezza e della libertà dei loro popoli; se rettamente adempiono il loro dovere, concorrono anch’essi veramente alla stabilità della pace» (costituzione pastorale sulla Chiesa nel mondo contemporaneo Gaudium et Spes);

- chi condanni come proselitismo la missione di conversione (cfr. la lettera enciclica Redemptoris missio, n. 46) e dichiari di non amarla (la conversione), trascurando che solo in Cristo e nella Chiesa è ordinariamente la salvezza:
«7. La ragione dell’attività missionaria discende dalla volontà di Dio, il quale “vuole che tutti gli uomini siano salvi e giungano alla conoscenza della verità. Vi è infatti un solo Dio, ed un solo mediatore tra Dio e gli uomini, Gesù Cristo, uomo anche lui, che ha dato se stesso in riscatto per tutti” (1 Tm 2,4-6), “e non esiste in nessun altro salvezza” (At 4,12). È dunque necessario che tutti si convertano al Cristo conosciuto attraverso la predicazione della Chiesa, ed a lui e alla Chiesa, suo corpo, siano incorporati attraverso il battesimo. Cristo stesso infatti, “ribadendo espressamente la necessità della fede e del battesimo (cfr. Mc 16,16; Gv 3,5), ha confermato simultaneamente la necessità della Chiesa, nella quale gli uomini entrano, per così dire, attraverso la porta del battesimo. Per questo non possono salvarsi quegli uomini i quali, pur sapendo che la Chiesa cattolica è stata stabilita da Dio per mezzo di Gesù Cristo come istituzione necessaria, tuttavia rifiutano o di entrare o di rimanere in essa”. Benché quindi Dio, attraverso vie che lui solo conosce, possa portare gli uomini che senza loro colpa ignorano il Vangelo a quella fede “senza la quale è impossibile piacergli”, è tuttavia compito imprescindibile della Chiesa, ed insieme suo sacrosanto diritto, diffondere il Vangelo; di conseguenza l’attività missionaria conserva in pieno – oggi come sempre – la sua validità e necessità.
Grazie ad essa il corpo mistico di Cristo raccoglie e dirige ininterrottamente le sue forze per promuovere il proprio sviluppo. A svolgere questa attività le membra della Chiesa sono sollecitate da quella carità con cui amano Dio e con cui desiderano condividere con tutti gli uomini i beni spirituali della vita presente e della vita futura.
Grazie a questa attività missionaria, infine, Dio è pienamente glorificato, nel senso che gli uomini accolgono in forma consapevole e completa la sua opera salvatrice, che egli ha compiuto nel Cristo. Sempre grazie ad essa si realizza il piano di Dio, a cui Cristo in spirito di obbedienza e di amore si consacrò per la gloria del Padre che l’aveva mandato che tutto il genere umano costituisca un solo popolo di Dio, si riunisca nell’unico corpo di Cristo, sia edificato in un solo tempio dello Spirito Santo» (decreto sull’attività missionaria della Chiesa Ad Gentes).

Solo per fare qualch’esempio.

Giovanni Formicola

15 commenti:

  1. Non Metuens Verbum3 febbraio 2021 06:09

    Presupposto di codesto articolo è la logica antiquata esercitata da tomisti passatisti, che pretendono di usare la ragione e di rispettare la non contraddizione. Oggi "in tempi più leggiadri e men feroci", la non contraddizione si chiama rigidità, la ragione si chiama dogmatismo, e la pancia unico centro vitale si chiama cuore.

    RispondiElimina
  2. Tronisti passatist? Neanche l'ombra!

    RispondiElimina
  3. Quello che il papa ha detto è molto chiaro, sia in ralazione al messaggio in sè, sia per quanto concerne i destinatari. Non capisco come voi vi pemettiate di aggiungere "precisazioni" e "condizioni"... forse è ora che la finiate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Papa affermando: «O tu stai con la Chiesa e pertanto segui il Concilio, e se tu non segui il Concilio o tu l’interpreti a modo tuo, come vuoi tu, tu non stai con la Chiesa» parrebbe presupporre l'esistenza di una interpretazione del Concilio, che a me sfugge. Non vedo infatti, tra i teologi e nella Chiesa, un'unica interpretazione dei documenti conciliari. La conferma viene dal Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, tale Card. Ratzinger, che nel 1988 affermò: “questo particolare Concilio [Vaticano II] non ha definito alcun dogma, e ha deliberatamente scelto di rimanere a un livello modesto, come un concilio puramente pastorale”, aggiungendo: “però molti lo considerano quasi un super dogma, che priva di significato tutti gli altri concili”.
      A me pare che in questo contesto, di "molto chiaro" ci sia ben poco. Forse è ora che si faccia chiarezza.

      Elimina
    2. Grazie per la rosicata.

      Elimina
    3. forse conviene che frequenti altri blog, questo non fa per te, ti fa male, come direbbe Bergoglio

      Elimina
  4. Ormai non ci sarà più spazio per la tradizione. Un solo nuovo rito con padre e madre nostra in ossequio alla terra che.noi.umani.continuiamo a devastare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie al Cielo, ci sono realtà che diffondono la vera Tradizione in ossequio a ciò che la Chiesa ha sempre fatto ed insegnato. Per gli intultisti/motupropristi sta arrivando il momento di decidere in quale delle due scarpe vogliono tenere il piede.

      Elimina
  5. E per quelli che vanno al novus ordo?

    RispondiElimina
  6. I tradizionalisti dicono che quelli che vanno alla messa di Paolo VI vanno all'inferno.

    RispondiElimina
  7. fratello o sorella, non giudicare, all'inferno è facile andarci anche se si va alla messa tridentina.

    RispondiElimina
  8. Quanta irritazione mi assale nel vedere tanti "Anonimi", o con pseudonimi, che commentano. Perchè non si ha il coraggio di esporsi con il proprio nome e cognome? Siete dei pavidi!

    RispondiElimina
  9. Da quale pulpito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Anonimo 11 febbraio 2021 15:33 Vedi che hai capito perfettamente il senso del mio intervento. Di quale pulpito stai parlando? Io mi firmo con nome e cognone. Qual è il tuo?

      Elimina
  10. Del pulpito che si cuoce nell'acqua sua stessa

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.