Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

domenica 17 maggio 2020

Silvia Romano, Vallini e il tralcio che viene bruciato


Giovanni 15,1-6

1 «Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo. 2 Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo toglie e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. 3 Voi siete già mondi, per la parola che vi ho annunziato. 4 Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può far frutto da se stesso se non rimane nella vite, così anche voi se non rimanete in me. 5 Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. 6 Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e si secca, e poi lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano." 

Ancora Langone scrive cose dure ma intelligenti sulla vicenda del rapimento e della'apostasia della povera Sivia Romano.
Non si giudica la ragazza, ma forse si deve giudicare chi parla di "figlia" (vero Eminenza Card. Vallini?) mentre per oltre dieci anni non ha mai detto "Asia Bibi", quella gran "rompiscatole" che sottomettendosi avrebbe evitato tante grane.
Forse si devono giudicare  le associazioni ecclesiali che hanno dimenticato S. Luca 12,51: "Pensate che io sia venuto a portare la pace sulla terra? No, vi dico, ma la divisione".
Forse si deve giudicare chi finge di non sapere che la suddetta Asia Bibi ha dimostrato con i fatti che un'altra risposta all'islam non è un vago e irraggiungibile ideale, ma è possibile.
Gv 7,24: "Non giudicate secondo le apparenze, ma giudicate con giusto giudizio!".
Speriamo di sbagliare.
Luigi


La Sindrome di Somalia, fresca variante della vecchia Sindrome di Stoccolma, non ha colpito solo la nota volontaria milanese. Ha colpito anche la Chiesa


Ha colpito anche la Chiesa o, meglio, quel grosso pezzo di Chiesa che non crede più a Cristo come unica via per la salvezza. Insomma, la Chiesa relativista secondo la quale tutte le fedi, purché sinceramente vissute, vanno grosso modo bene, ed è la Chiesa che piace a coloro che chiamo cattolici ipocredenti, oltre che a innumerevoli atei, agnostici, spiritualisti, deisti, panteisti, lettori di Gianni Vattimo, follower di padre Spadaro... A leggere il sito di Famiglia Cristiana (aggettivo abbastanza usurpato) Silvia Romano è una specie di eroina, una futura santa ecumenica, mentre le onlus sono anticamere del paradiso e la liberazione dell'ostaggio un'impresa buona e giusta su cui non bisogna permettersi di sollevare dubbi. Marco Lombardi, docente della Cattolica (a proposito di aggettivi usurpati...), si spinge a dire che «ogni italiano deve essere riportato a casa, senza remore a pagare un riscatto». E pazienza per i cristiani africani a cui sono destinate le pallottole comprate con i soldi gentilmente versati dal contribuente italiano ad Al Qaida. Le firme della rivista fondata nel 1931 dal beato Alberione, lui per nulla relativista bensì tutto cattolico (starà rivoltandosi nella tomba), al massimo arrivano a concedere che la conversione potrebbe essere forzata, opportunistica, finalizzata a salvarsi la vita. Ma compiono peccato di omissione perché tralasciano, anche loro per opportunismo, il passaggio successivo: una religione che si fa largo con la violenza non può essere una buona religione e di sicuro è lontanissima dal cristianesimo che insegna a porgere l'altra guancia.

I sintomi più gravi vengono accusati dal povero parroco del Casoretto, il quartiere milanese in cui Silvia Romano risiede e dove ha frequentato l'oratorio. Devastato dalla Sindrome somala, don Enrico Parazzoli dice che la conversione della ex parrocchiana merita «grande rispetto». Ma come, non si sospetta che sia stata strappata con la violenza? Dobbiamo forse grande rispetto ai facili risultati della forza bruta? Pare di sì. «Dovrà dire lei - insiste il parroco - se l'islam è la risposta corretta per la sua esistenza». Forse non se n'è accorto, ma così dicendo don Enrico ha dato le sue dimissioni da prete: ai sacerdoti è affidata la missione apostolica, chi smette di evangelizzare e comincia a benedire l'altrui coranizzare non è più credibile e dovrebbe cambiare mestiere, magari impiegandosi in una di quelle magnifiche, islamofile onlus.

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.