domenica 29 marzo 2020

Coronavirus, il canto delle suore sul tetto: preghiera e commozione a Roma


Il filmato QUI.
Luigi

Il Messaggero, 18-3-20
ROMA - Da quando il Coronavirus ha sbarrato le porte delle scuole di ogni ordine e grado, le Apostole del Sacro Cuore di Gesù si sono improvvisamente trovate orfane dei 350 ragazzi che ogni giorno riempiono le loro aule. E così, questa mattina, sono salite sul tetto di una delle tre palazzine in via Germano Sommeiller, nel quartiere romano dell'Esquilino, per una preghiera collettiva. Un momento da condividere insieme al quartiere, in giorni in cui i contatti con gli altri sono per tutti limitati al minimo.

A oltre un metro di distanza l'una dall'altra, otto suore si sono disposte in modo ordinato, rivolte alle finestre dei palazzi circostanti e, microfono alla mano, hanno recitato l'Angelus e intonato il canto alla Madonna “Immacolata Vergine Bella”. Poco meno di cinque minuti di preghiera che alla fine hanno strappato l'applauso di chi nel frattempo si era affacciato, con la promessa di replicare ogni giorno alle 12. Un'alternativa spirituale ai flashmob delle 18, quando dai balconi si intonano le canzoni italiane.
«Da giorni cercavamo un modo per stare più vicini alle persone ed oggi ne abbiamo trovato uno efficace», spiega suor Arianna Mazzocchetti, una delle 43 religiose (provenienti da Italia, Brasile, Benin, Albania, Argentina e Usa) che vivono nel complesso e che in tempi normali si dividono tra preghiera, insegnamento ai ragazzi e missione pastorale. Ora che le attività sono ridotte per l'emergenza Covid-19, provano disagio perché si sentono privilegiate. «Qua - continua suor Arianna - non ci manca nulla. Ma aiutare le persone è la nostra vocazione ed è frustrante non poterlo fare». Da qui l'idea, promossa dalla Madre superiora Marinês Tusset e dalla madre generale Miriam Cunha Sobrinha, della preghiera sul tetto. Un'iniziativa che il blitz di Papa Francesco di domenica scorsa in via del Corso non ha fatto che incoraggiare.

«In quanto suore - spiegano - abbiamo la fortuna di avere Gesù in casa, ma non per tutti è così». Oltre a condividere sulla pagina facebook dell'Istituto tutte le celebrazioni religiose officiate nella loro cappella di via Sommeiller, stanno pensando di affiancare all'Angelus anche un rosario per le persone anziane, da recitare sempre sul tetto. La maggior parte del loro tempo lo impiegano pregando per le vittime del Coronavirus oltre che «per tutti coloro che mettono a rischio la vita pur di aiutare il prossimo». Il Covid-19 ha colpito anche una comunità a loro vicina, le Apostole sel Sacro Cuore di Gesù di San Paolo, in provincia di Brescia. Due suore sono risultate positive.

5 commenti:

  1. Non gridano più di aprire i porti? Cosa mai è successo????

    RispondiElimina
  2. ..Se poi nella loro scuola non adottassero libri di testo delle solite case editrici di sinistra e laiciste, sarebbe anche meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, meglio la destra reazionaria fascistoide, revisionista e negazionista di Salvini e Meloni eh? Bravi bravi, continuate cosi...

      Elimina
    2. 18,44 è il solito buonista bergogliano incartapecorito nel Pensiero Unico.

      Elimina
    3. E tu il solito retrogrado, inacidito nei fumi del fanatismo e magari anche privo di una Fede radicata in mezzo alla gente, vero? Ne riparliamo quando entrerai in una Parrocchia, una di quelle dell'estrema periferia e farai volontariato tra le persone più indigenti...... poi vedrai dove te lo sbatteranno il tuo tradizionalismo morto e sepolto da oltre 60 anni, vedrai!

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.