Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

martedì 11 febbraio 2020

Il Patriarca di Venezia Moraglia desidera tanto una Moschea nella Serenissima Città. Perchè?

Perchè il Patriarca di Venezia sogna di avere una Moschea nella Serenissima Città? 
Nel 2026 quando a Venezia fu profanato il Crocifisso nella chiesa di San Geremia ci meravigliammo assai allorchè il Patriarca dichiarò semplicemente che"gesti del genere rendono più difficile percorrere comuni strade di convivenza" dimenticando di usare "le parole specifiche per condannare quel gesto blasfemo: "profanazione" , "sacrilegio" o "dissacrazione" che inquadrano chiaramente, nella terminologia della comunità dei credenti, quanto è stato perpetrato contro il Crocifisso" (MiL QUI )
I "cattivoni" malignano che povero Patriarca di Venezia, per ben due volte escluso dalla
 porpora, pur reggendo sede da sempre cardinalizia  dunque "messo in castigo", cercherebbe di recuperare un minimo di benevolenza cercando di farsi amici gli attuali reggenti degli equilibri vaticani che pare siano sensibili solo di due cose: il proseguo senza sosta degli sbarchi organizzati dei cosiddetti migranti irregolari e la definitiva affermazione dell'Islam in Italia e in Europa.
Il Patriarca Moraglia ha mai letto il Corano? O ha mai sfogliato una storia delle religioni alla voce Islam? O ha consultato un'enciclopedia seria alla voce Maometto? 
Quando si fanno certe affermazioni non sono lecite l'ignoranza e la disinformazione. 
Assai più lucido e seriamente preoccupato per l'immediato futuro della nostra Nazione è invece il politologo americano Edward Luttwak che, recentemente intervistato sul Giorno, si è scagliato contro il governo italiano e anche contro il Pontefice che "non si rende di collaborare al suicidio dell'Europa cristiana". 
Secondo Luttwak: "L'Europa rischia l'islamizzazione e il Papa non lo capisce" (Cfr. Il Giornale QUI)
Ancora una volta la Divina Provvidenza suscita  nei laici e nel laicato un sano istinto di autosopravvienza e di autodifesa per salvare quel che rimane della civiltà cristiana e dei suoi valori messi in serio pericolo dalla miope superficialità ( non aggiungiamo altro) di una parte del Clero cattolico. 
AC


Venezia e quei vescovi che fanno il tifo per la moschea  
di Stefano Fontana  

Anche il patriarca di Venezia si accoda a molti altri vescovi italiani, da Firenze a Cremona e auspica presto una moschea nella sua città. Leggerezza? Ingenuità? Ignoranza? Strumentalità? Profetismo improvvisato? Si tratta di relativismo religioso e va respinto per molti motivi. Ecco quali. 

Accade spesso che dalle diocesi e da singoli vescovi arrivino buoni auspici per la costruzione di moschee nelle nostre città. Nei giorni scorsi è stata la volta del Patriarca di Venezia, Francesco Moraglia, che a seguito della sua visita al Centro islamico di preghiera di Marghera, ha detto che i tempi sono maturi per una moschea anche a Venezia. La mente di quanti hanno letto la notizia sarà forse andata al cardinale Betori, vescovo di Firenze, che ha venduto un terreno di proprietà diocesana nel comune di Sesto Fiorentino per la costruzione di una moschea. Anche il vescovo di Pisa, mons. Benotto, nel marzo dell’anno scorso, aveva chiesto alla giunta comunale un impegno per costruire una moschea. Nel recente passato ci avevano pensato i vescovi di Crema e tanti altri. Sembra che si sia aperta una gara.

Molti non capiscono queste prese di posizione e, se motivazioni ci sono, non le condividono. La Chiesa cattolica può essere interessata alla buona convivenza (da precisarsi) con le comunità islamiche, ma perché dovrebbe investire, in tutti i sensi, per la costruzione di moschee e favorire l’espansione di altre religioni?

La cosa potrebbe avere un senso se nelle altre religioni ci fosse qualche possibilità di salvezza cristiana. Così, però, non è. Il buono eventualmente presente in forma frammentaria nelle altre religioni dipende dagli spezzoni di legge naturale presenti in esse, ma nessun fondatore di religioni, compreso Maometto, può essere considerato un precursore di Cristo o un profeta. Dal punto di vista della legge naturale, siccome tutti siamo uomini con la presenza nella nostra coscienza delle leggi auree di questa legge non scritta, c’è del buono anche nelle altre religioni. Ma dal punto di vista strettamente religioso, la religio vera è una sola, e quindi essa sola è salvifica. Gli stessi elementi della legge naturale sono presenti nelle altre religioni, spesso sono da esse soffocati e stravolti, spesso sono come sepolti e non possono essere pienamente vissuti nemmeno essi al di fuori della religio vera

Dopo la dichiarazione di Abu Dhabi molti pensano che Dio abbia voluto anche le altre religioni e quindi che anche in esse si potrebbe incontrarlo nella sua auto-comunicazione. Questo ha forse prodotto un nuovo clima che spinge qualche vescovo a premere per avere la moschea. 
Forse il principio liberale della libertà di religione a poco a poco ha convinto molti che l’obiettivo principale del cristianesimo sia appunto di costruire una società multi-religiosa. Ma in ambedue i casi bisogna rinunciare a delle verità importanti della religione cattolica, prima da tutti che solo Gesù Cristo è il Signore e che solo in Lui c’è salvezza.

Del resto si potrebbe anche chiedere ai vescovi che vogliono la moschea: dove vi fermerete nel chiedere luoghi di culto o di preghiera per le altre religioni? 
Perché fermarsi a chiedere solo la moschea per gli islamici? 
E gli altri? 
C’è un criterio per valutare religione e religione? 
Oppure è lecito chiedere la costruzione di luoghi di culto per ogni religione? 
Anche quelle di nuova generazione? 
Anche quelle usa e getta che si acquistano al supermercato delle religioni? 
Se non c’è un criterio, allora la richiesta è indifferente alla verità delle religioni e le mette tutte sullo stesso piano.

Questo si chiama però relativismo religioso, che i vescovi-richiedenti-moschea senz’altro escludono. 
Dato che i musulmani sono ormai di numero consistente, i tempi sono maturi per la moschea. 
E' forse dunque quantitativo l’unico criterio? 
Ma allora, se domani gli adepti di una qualsiasi setta religiosa aumentassero di numero, bisognerebbe che da parte cattolica si chiedesse anche per loro un luogo di culto? Questo relativismo quantitativo è uguale a quello qualitativo.

C’è poi un altro aspetto che stupisce nella richiesta di moschee da parte di vescovi. Forse si ritiene che la moschea sia solamente un luogo di preghiera, ossia un luogo religioso. Tutti gli studiosi dell’islam però ci dicono che le cose stanno diversamente. 
La moschea è sì luogo di preghiera, ma anche di solidarietà, di educazione e istruzione, di mantenimento e consolidamento della Umma, la comunità islamica … la moschea è un fatto territoriale, è occupazione di un territorio, essa appartiene alla “terra dell’islam”, ossia alla terra ove vige la legge islamica, ha quindi un significato anche politico e giuridico: la Carta di Medina stabilita da Maometto dice che “i musulmani sono una Umma unica, con l’esclusione di tutti gli altri”
Al di fuori della “terra dell’islam” c’è la “terra dell’infedeltà” e conquistarla è un dovere collettivo. 
Il filosofo Remi Brague diceva: pensiamo di importare una religione, invece importiamo una civiltà.

Da questo ultimo punto di vista, la richiesta di costruzione di moschee da parte di vescovi italiani si presta anche alla critica da parte dei principi della Dottrina sociale della Chiesa: la moschea è un luogo nel quale molti di quei principi sono annullati. Leggerezza? Ingenuità? Ignoranza? Strumentalità? Profetismo improvvisato?

Fonte: La Nuova Bussola Quotidiana QUI

Immagine: Il fotomontaggio realizzato di due anni fa dal sanguinoso gruppo terroristico dell'Isis: il vessillo dello stato islamico  issato virtualmente sulla cupola della Basilica della Madonna della Salute a Venezia. QUI

10 commenti:

  1. Che l'islam sia tra noi è innegabile e, credo, sia questione di tempo, che a breve moschee saranno edificate ovunque: impedirlo non ne bloccherà la diffusione. Che ci pensino i vescovi suona strano. Non mi stupirei se cedessero le chiese sempre più abbandonate dai fedeli e pericolanti. Dai pastori, e dal pastore, vorrei parole di sprone e di conferma della fede ma, sarete con me, è ormai fantascienza anzi, con la nuova religione sincretista, ci troveremo tutti in un unico edificio cosmico.

    RispondiElimina
  2. Moraglia è uno dei tanti, tantissimi che hanno smarrito la cattolica fede. Tutto il resto viene di conseguenza.

    RispondiElimina
  3. Come perché? Perché non è cattolico, né lui, né i suoi capi. Non l'avete ancora chiara la cosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mons Moraglia è un vescovo che non merita questi giudizi poco caritatevoli

      Elimina
    2. Moraglia? Quello che ha calpestato la Fede degli Apostoli al "funerale laico" della vittima veneziana dell'attentato al Bataclan? Ma per favore! Il modernismo non è cattolicesimo e i suoi papaveri non sono cattolici.

      Elimina
    3. Meritano di peggio questi mercanti nel tempio di Dio!

      Elimina
  4. Perché? Girate a Mestre alle 8 del Mattino in Via Piave o in Via Cappuccina e capirete che i musulmani sono già la maggioranza
    Paradossalmente avere una moschea permetterebbe di censirli e controllarli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro gsimy, i suoi commenti hanno molto del candore della colomba e niente della prudenza del serpente.

      Elimina
    2. Oppure è prudente come una colomba e candido come un serpente.

      Elimina
  5. Un colpo traditore al cuore di Venezia che è nata e ha operato per impedire l'invasione stabile mussulmana come tutti i superbi monumenti della città proclamano: la fede cattolica gelosamente difesa.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.