giovedì 19 dicembre 2019

L’ennesima blasfemia di Papa Bergoglio

Che fissa!!!! Sì quella degli immigrati è per Bergoglio una patetica fissa.
Dopo l’altare fatto con un barcone, dopo il pastorale dei legni dei relitti, dopo gli immigrati nel presepe di piazza San Pietro, ecco un’altra scelta blasfema: l’installazione di una croce di vetro resina all’ingresso del Palazzo Apostolico con un giubbino di salvataggio di un “migrante” trovato in mare...
Notizia del TG1 ore 13:30 oggi 19.12.2020
Roberto



17 commenti:

  1. Gli stanno facendo premura, ormai sta finendo il suo mandato e non ha eseguito tutto il compito affidatogli.
    Non mi pare però di averlo sentito sollecitare la ricostruzione delle zone terremotate, ma quelli sono italiani, possono aspettare.

    RispondiElimina
  2. Questa è l'ennesima schifezza in vetro che ha ricevuto in regalo, dopo la falce e martello e varia robaccia...

    RispondiElimina
  3. Cosa volete ? Siamo assistendo alle trovate senza freno psichico di un delirante che soffre di allucinazioni riprodotte nei suoi maniacali discorsi e iconografie bizzarre e confuse al limite della blasfemia, magari preparategli da solerti infiltrati nella Chiesa cattolica i quali conoscono bene le sue tendenze socio-religiose di stampo gesuitico-martiniano e sudamericano. Personalità del genere sono un evento statistico come altre patologie. La tragedia è recitata da coloro che lo hanno eletto ben conoscendo i suoi precedenti fin da quando era giovane chierico e da coloro che si sono forse ingenuamente accodati. Le sue manifestazioni sono fuori controllo, come quelle dei rivoluzionari giunti all'apice del potere e forse non si accorge che sono controproducenti con credibilità sempre più scarsa. La Chiesa non può essere danneggiata oltre nell'abulia e miscredenza di una gerarchia che si adegua a intenzioni contrarie al Vangelo che non è quello strumentalizzato dalla demagogia socio-politica.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Alphiton, invece di rompere le scatole su questo blog che ti fa travasare la bile, perché non te ne vai a quel paesello dove cantano "Bella ciao"? Qui se c'è uno sbroccato sei proprio te che vedi giustizia e santità dove c'è soltanto l'orrore della blasfemia e dell'apostasia. Vai... vai... vai a quale paesello.

      Elimina
    2. Toglimi una curiosita: stai con Cristo o con L'anticristo?

      Elimina
  5. Il vangelo secondo Bergoglio consta di una sola parola: migranti. In neuropsichiatria è noto un disturbo neurologico che si caratterizza per difficoltà relazionali e interessi ripetitivi e ristretti. Confondere questo con un rifiorire della fede è una dozzinale castroneria.

    RispondiElimina
  6. Alphiton, scusa ma la tua ignoranza è immensa. Studia il C.C.C. e togli il prosciutto dagli occhi e dopo Natale ne riparliamo ok??

    RispondiElimina
  7. Visto il tono che anonimo usa (18.18) quanto dice di Bergoglio può essere ritorto tranquillamente su di lui. Come direbbe qualcuno "hai perso la trebisonda". Uno come Bergoglio vi fa sbroccare perché smantella le vostre categorie che col Vangelo non hanno niente a che fare. La decostruzione che sta operando Papa Francesco è opera giusta e santa perché riporta la fede ai suoi nuclei fondanti, sfrondandola di tutto quel castello di sovrastrutture che gli era stato costruito intorno e che impediva di vedere la luce irradiata dal vangelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La luce del vangelo o le luci delle tenebre?
      Hai bevuto troppo vin santo?

      Elimina
    2. Ben detto !! La decostruzione che Bergoglio sta operando apertamente porta alla negazione di una dottrina sempre più lontana dai suoi "nuclei fondanti" che la Chiesa ha sempre conservato nei secoli. Il fatto stesso che critica aspramente tutto quello che la Chiesa ha compiuto su mandato del suo Fondatore e non cita mai i Padri della Chiesa, i Santi e i grandi Papi, come schifato della tradizione, ritenuta sovrastruttura, lo dimostra chiaramente, riecheggiando Martini il quale accusava la Chiesa di essere rimasta indietro di due secoli, cioè non aveva accolto il pensiero laicista e anticristiano dell'Illuminismo che ha perseguitato ferocemente la Chiesa i cui martiri 21.51 dovrebbe interrogare e che ora ha fatto entrare nella Chiesa con tutti gli onori.

      Elimina
    3. Come Cristo stesso aveva avvertito, il Suo Vangelo sarebbe stato utilizzato da falsi profeti per mascherare la sovversione e per attentare al suo vero significato e fine. Satana à abilissimo , nel deserto, a citare le scritture per i suoi fini. Gli esempi nella storia sono tantissimi: uno dei più ampi e recenti è quello del marksismo e, quindi, dei comunisti, che proclamavano essere loro e non la Chiesa i veri attuatori del Vangelo. Ora non lo dicono più perché sostituiti da tantissimi preti, dalla Testa in giù , seguaci delle ideologie sudamericane, mutuate da quelle teutoniche tanto care a Bergoglio.

      Elimina
  8. non mdtuens verbum20 dicembre 2019 06:40

    Ma le sovrintendenze alle Belle Arti, non potrebbero difenderci un po' ?

    RispondiElimina
  9. poveraccio, sono colpi di coda, ormai è a fine mandato, preghiamo per lui

    RispondiElimina
  10. Prendere in giro il crocifisso! Che Papa.... Non c'è limite al peggio! La finestra di Overton insegna!

    RispondiElimina
  11. Lo squallore vaticanosecondista non ha limiti.

    RispondiElimina
  12. Complimenti ai criticanti di Bergoglio.La figura del Papa per voi integralisti è intoccabile fino a quando fa e dice ciò che vi è più comodo.Altrimenti si può anche soprassedere e insinuare che soffra di disturbi psichiatrici Beh d'altronde anche Gesù pare avesse questa fama per molti suoi contemporanei... è tutto dire

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.