lunedì 30 settembre 2019

San Pietro: un monumento dedicato ai “migranti”


Il papa ieri 29 settembre, al termine della Messa celebrata sul sagrato della basilica San Pietro ha inaugurato un monumento dedicato ai migranti: una scultura di bronzo raffigurante un’imbarcazione su cui si erigono figure.


 Come scrive Radio Spada su questa scelta davvero inopportuna e al limite della decenza, si potrebbe commentare sull’immanentismo rahneriano, sull’umaniesmo distorto, sul modernismo e su molto altro.
Ma anche noi, al par loro, ci tacciamo. Per evitare parole che poco si confarebbero ad un blog cattolico che, pur a gran fatica, non vuole mancar di rispetto al Vicario di Cristo.

Roberto




16 commenti:

  1. non metuens verbum30 settembre 2019 16:09

    (Genesi, 9) Se Noè si ubriacò, fu scusabilissimo data la novità dello sconosciuto vino. I suoi figli Sem e Yafet lo rispettarono anche ubriaco e nudo, camminando all'indietro per portargli una coperta senza guardarlo, mentre Cam lo derideva senza rispetto. Davanti alle manifestazioni del nostro Padre Santo, anche noi vorremmo stare voltati dall'altra parte e metterci una rispettosa pezza… ma per Noè ciò avvenne una tantum, per noi avviene tantae tantum.

    RispondiElimina
  2. Il migrante è una figura ossessiva che perseguita il vicario Bergoglio. Il monumento ne è la prova lampante. Il Vangelo non c'entra niente.

    RispondiElimina
  3. Bergoglio sghignazza felice di fronte a quel barcone, sua ennesima trovata carnevalesca, del quale dovrebbe mettersi al timone e dirigersi verso il suo paese invece di continuare a danneggiare l'Italia e la Chiesa con quelle che non sono che ideologie del gesuitismo peggiore.

    RispondiElimina
  4. Il monumento al migrante voluto da Bergoglio è pura idolatria. La chiesa di Bergoglio ha deciso di deificare la figura di uomini che, emigrando illegalmente, violano i confini e le leggi di Stati sovrani. La chiesa di Bergoglio ha messo i migranti al di sopra della legge.

    RispondiElimina
  5. La prima volta nella storia di secoli che in Piazza San Pietro vi è un simbolo senza alcuna religione!

    RispondiElimina
  6. Ma perché il Papa sghignazza davanti ad una scultura che in teoria dovrebbe rappresentare una tragedia?

    RispondiElimina
  7. Operazioni eterodirette. Bergoglio riceve gli ordini. È a disposizione. È un individuo privo di una sua solida struttura culturale, morale ecc. Questo è alla base il motivo per cui Benedetto ha dovuto lasciare: non avrebbe potuto fare quello che fa Bergoglio, perché persona troppo colta, troppo aristocratica. Bergoglio è pronto a tutto, non ha scrupoli: è fazioso e distrugge i suoi nemici. È il più grande pericolo: ha già danneggiato gravemente il mondo e il nostro Paese con il suo appoggio a immigrazione clandestina, omosessualismo rampante, disgregazione e distruzione di ordini religiosi belli e vitali ecc

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello il commento delle 08:41. La cosa ridicola è che oggi la chiesa di Roma non è neanche un potere forte, ma aspira a diventarlo, per ora è soltanto una servetta che chiede disperatamente di partecipare al banchetto.

      Elimina
    2. "Una servetta"? Può darsi. Ma c'è il rovescio della medaglia: le lobby sodomito-pedofile fatte di ecclesiastici (vedi i James Martin ricevuti con tutti gli onori da Bergoglio e i Paglia ammiratori dei Pannella) sono una realtà di effettivo potere che non è servo di nessuno ed anzi asserve a sé l'andazzo generale.

      Elimina
    3. Prussico, intendevo dire che oggi, in prevalenza, i poteri forti non sono diretti da persone vicine alla Chiesa, anzi. La Chiesa ha un nucleo dottrinale che mal si concilia con le idee di fondo di centri di potere quali il Gruppo Bilderberg, ad esempio. Il Vaticano cerca di partecipare al banchetto ma è visto con diffidenza. Il Vaticano è una lobby di serie B, esclusa per ora dalla anglosfera (dove dominano protestanti e massoni) e dall'oriente (per motivi storici); rimane una entità basata teologicamente sul "sacrificio", non sul benessere, le linee di fondo della Chiesa Cattolica sono antinomiche rispetto a quelle giudaiche o protestanti, che sfociano nell'ideologia "liberal", tutta imperniata sulla felicità in questo mondo.

      Elimina
    4. La Chiesa cattolica è stato l'obbiettivo principale dei congiurati, della cospirazione (vedi L'Istruzione Permanente dell'Alta Vendita che risale agli inizi del XIX secolo. Se la Chiesa non fosse divenuta un agente della cospirazione anticristica addirittura anche attraverso il suo vertice, nulla avrebbero potuto ottenere questi demoni che oggi dominano il mondo. Noi abbiamo perso il baluardo, la protezione della Chiesa. Apparentemente, in questo senso siamo perduti. Dobbiamo però essere convinti che la Chiesa non ha realmente ceduto a Satana. Nel visibile però essa oggi, per il momento, opera a favore del male, per lo meno attraverso l'opera e la parola dei suoi vertici.

      Elimina
  8. Bergoglio ha invitato l'omosessualista "Padre" Martin lgbt in Vaticano....credo che adesso il quadro è completo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..... e l'hanno pure intervistato a TV2000.. che ormai è diventata inguardabile...

      Elimina
    2. TV 2000: teologicamente e politicamente corretta. Come Avvenire (quale?).

      Elimina
  9. il fato che si compie2 ottobre 2019 14:20

    E' bello pensare che il "pontificato" bergogliano sia agli sgoccioli. Il fondo sarà toccato col sinodo amazzonico.
    Certo, però, che come dice il proverbio, "il peggio non è mai morto"! Con tutti i cardinali pro meticciato e pro lgbt che Bergoglio ha eletto e piazzato nei punti nevralgici, c'è da tremare per chi sarà il successore.

    RispondiElimina
  10. Postate il video di quando scoprono questo obrobrio....due gatti applaudono e tutti zitti attoniti e in silenzio....le facce scure dei cardinali e quella entusiasta di Bergoglio...

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.