lunedì 18 febbraio 2019

Phil Lawer sull'affaire McCarrick



Vi proponiamo la traduzione di un eccellente pezzo di Phil Lawer (QUI l'originale).
L

Il Laicato cattolico oltraggiato forzato all'azione su McCarrick.

Ma è solo il primo passo.

di Phil Lawler (16 Feb 2019)

Il National Catholic Register Report sulla riduzione allo stato laicale di McCarrick di Edward Pentin, è eccellente: completo, bilanciato e accurato. Suggerisco fortemente di leggere l'intero pezzo.

Lo avete fatto ? Bene. Ora permettetemi di richiedere la vostra attenzione soprattutto su pochi importanti passaggi che potreste aver trascurato:

In una lettera aperta rilasciata lo scorso mese,
l'Arcivescovo Viganò ha chiesto a McCarrick di
pentirsi pubblicamente in modo da “portare una 
significativa misura terapeutica a una Chiesa gravemente 
ferita e sofferente.”

Certamente McCarrick deve pentirsi dato che è stato colpevole di tanti gravi peccati. I peccatori devono pentirsi: non esiste un insegnamento più fondamentale per la Cristianità.

Ma quale altro importante leader della Chiesa, a parte l'Arcivescovo Viganò, ha chiesto che McCarrick si penta pubblicamente ?


Perchè noi sentiamo così tanto dai nostri prelati di regole e politiche, di un “impegno per la salvaguardia” e un “processo di guarigione” e così poco di peccato e pentimento ?

Alcuni Cattolici coraggiosi lamentano che i mass media hanno esagerato la gravità dei problemi di abusi sessuali entro il clero cattolico, sorvolando simili storie di abusi da parte di insegnanti della scuola pubblica, allenatori e ora da parte Battisti del Sud.

E senz'altro vero che la copertura mediatica degli abusi da parte dei chierici è stata sproporzionata, ma i Cattolici devoti devono capire la ragione per il continuo Focus sulla nostra Chiesa. 

I preti cattolici non sono come gli altri uomini: la loro ordinazione li pone a parte.

Noi Cattolici sappiamo – e i giornalisti dei mass media intuiscono – che lo scandalo degli abusi entro la Chiesa comporta la contaminazione del Sacro.

Per cui la corretta risposta non è una nuova serie di procedure burocratiche, ma una richiesta di pentimento e riforma.

Il meeting è dovuto per la pubblica rabbia
per il caso McCarrick,...

Qui Pentin si riferisce al “summit” di Roma della prossima settimana, a cui i presidenti delle Conferenze Episcopali di tutto il mondo discuteranno di come rispondere nella maniera giusta alla crisi degli abusi sessuali.

Sono dell'opinione che difficilmente il meeting produrrà significative riforme. 

Ma se Pentin ha ragione - e io credo di si – questo meeting potrebbe anche non tenersi, causando uno enorme scandalo nel laicato cattolico.

Infatti l'azione disciplinare contro McCarrick sarebbe stata evitata se il Vaticano non avesse percepito che un simile comportamento avrebbe causato l'indignazione dei Cattolici fedeli. Come posso esserne sicuro? Semplicemente perchè il Vaticano era consapevole del perverso comportamento di McCarrick sin dai primi anni del 2000 e il processo disciplinare canonico è stato aperto solo dopo che lo scandalo è finito sulle prime pagine dei giornali.

Anche prima della sua richiesta di pentimento pubblico per McCarrick, l'Arcivescovo Viganò denunciava che Papa Francesco proteggeva e addirittura promuoveva i prelati ora in disgrazia.

Pentin ci ricorda: 

Il Santo Padre non ha risposto alle accuse,
e il Vaticano deve ancora rilasciare i risultati
dell'investigazione nei propri archivi promessa
per il caso McCarrick.

Con ogni probabilità il Vaticano non rilascerà mai un report completo sullo scandalo McCarrick, a meno di non esservi costretto da una continua protesta pubblica.

Tristemente, esistono ampie evidenze che Papa Francesco continuerà a proteggere i suoi amici ed alleati nella Gerarchia, denunciando i critici come Farisei.

Il prestigioso nuovo incarico dato al Cardinale Kevin Farrell, un protetto di McCarrick – annunciato il giorno dopo in cui fu negato l'appello canonico di McCarrick – è particolarmente significativo.

Se rabbiose proteste dal laicato forzarono finalmente il Vaticano ad agire sul caso McCarrick, forse – solo forse – un continuo sentito coro di indignazione costringerà il Vaticano ad adottare ulteriori azioni per eliminare la ancor più diffusa corruzione messa in luce da questo scandalo.

Teniamolo a mente se questo “summit” della settimana non produrrà sostanziali risultati.

Noi, laici leali, abbiamo un ruolo da giocare nella riforma della nostra Chiesa.

Se i nostri vescovi hanno mancato ai loro obblighi di guida e di governo, noi abbiamo come nostro preciso dovere di rimproverarli.

Si, sto parlando di una chiamata al pentimento.

(ringraziamo per la traduzione l'Amico LV)